Vai a  Restauro News

Restauro
news 
27°

help

arretrati unsubscribe powered by
tine.it : Aggiornamenti e servizi per i professionisti del restauro
Normativa

Nuovo Codice dei Beni Culturali

Rettifiche alla normativa tecnica per le costruzioni in zona sismica

Proroga dei termini per la riduzione dell'aliquota IVA per gli interventi di manutenzione su edifici residenziali

Bandi per lavori di importo inferiore o pari a 150.000 €

Coperture: nuove norme UNI

Congressi

ASSISI, 29 – 30 novembre 2003 Sacro Convento di S. Francesco
BRANDI FUORI D’ITALIA.
La ricezione della Teoria e della prassi del restauro di Cesare Brandi all’Estero

November 28, 2003 The Hague, Science Museum MUSEON
Symposium on paper restoration using laser technology

Corsi

February 16-20, 2004 Barcelona
Spanish for art conservators

Web

The Paper Conservator volume 27


Il Consiglio dei ministri approva il nuovo Codice dei beni culturali. Si tratta di una revisione del concetto di “bene culturale” con una consequenziale risistemazione delle leggi in merito.
La novità principale riguarda la decisione su ciò che va considerato “bene culturale”. Non esisterà più un elenco di beni culturali appartenenti a enti pubblici o privati, come previsto in passato e che tuttavia non è mai stato disponibile. I beni di proprietà pubblica o privata che abbiano più di 50 anni e il cui autore sia scomparso saranno provvisoriamente inalienabili finché non ne sia stabilito il valore culturale.
Il Codice introduce, inoltre, una distinzione tra due grandi categorie di beni: inalienabili e di possibile vendita. La prima categoria comprende gli immobili e le aree di interesse archeologico, gli immobili riconosciuti monumenti nazionali, musei, pinacoteche, archivi e biblioteche; per la seconda categoria di beni l’alienazione, decisione del ministero, è autorizzata solo se non comporta un danno alla conservazione dei beni e se è confermata la loro fruizione pubblica.
Prima del via libera definitivo a Palazzo Chigi dovrà essere sottoposto alla Conferenza Stato – Regioni e alle commissioni Cultura di Camera e Senato.

Torna all'inizio


Modifiche ed integrazioni all'ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3274 del 20 marzo 2003, recante «Primi elementi in materia di criteri generali per la classificazione sismica del territorio nazionale e di normative tecniche per le costruzioni in zona sismica».
(Gazzetta ufficiale 10/10/2003 n. 236)
Sulla G.U. n. 236 del 10.10.2003 è stata pubblicata la Ord. P.C.M. 2.10.2003, n. 3316, recante "Modifiche ed integrazioni all'ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3274 del 20 marzo 2003, recante «Primi elementi in materia di criteri generali per la classificazione sismica del territorio nazionale e di normative tecniche per le costruzioni in zona sismica»."
Detta ordinanza contiene ben 122 rettifiche di refusi ed errori contenuti nel testo della Ord. P.C.M. 3274/2003, relativa alle nuove norme per le zone sismiche.
Per scaricare le rettifiche dal sito della gazzetta ufficiale

Torna all'inizio


Sul Supplemento Ordinario n. 157 allegato alla Gazzetta Ufficiale n.229 del 2 ottobre 2003 è stato pubblicato il testo del Decreto Legge 30 settembre 2003, n.269 recante "Disposizioni urgenti per favorire lo sviluppo e per la correzione dei conti pubblici", parte integrante della Manovra Finanziaria 2004.
In particolare, l’Art.24 del provvedimento proroga fino al prossimo 31 dicembre 2003 i termini per l’applicazione dell’aliquota IVA ridotta al 10% per gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria sugli edifici residenziali (di cui all’art. 7 della legge 488/1999 e successive proroghe, da ultimo con l’art. 2 della legge 289/2002).

Torna all'inizio


L’Autorità per la vigilanza sui lavori pubblici ha pubblicato sul proprio sito le tipologie unitarie di bandi di gara per l’affidamento di lavori pubblici. Disponibili anche sulla Gazzetta Ufficiale, n. 143 del 4 settembre 2000 e n. 18 del 28 gennaio 2002.
Gli ultimi aggiornamenti pubblicati riguardano i bandi per lavori di importo inferiore o pari a 150.000 euro. La pubblicazione sul sito è finalizzata a raccogliere eventuali suggerimenti da parte di stazioni appaltanti o associazioni imprenditoriali che possano contribuire ad arricchire di dettagli il modello.
Sul sito dell’Autorità è possibile consultare un modello che illustra diverse opzioni per tutti i tipi di bandi previsti dalla normativa italiana. Tali opzioni sono relative al tipo di procedura (pubblico incanto o licitazione privata), all’oggetto dell’appalto (sola esecuzione o appalto integrato), alla modalità di pagamento dell’appalto (a corpo e a misura, oppure soltanto ad uno di questi), e all’offerta (a prezzi unitari, di ribasso sul prezzo totale dell’appalto, o di ribasso sull’elenco prezzi).

www.autoritalavoripubblici.it

 

Torna all'inizio


E'  prossima alla pubblicazione una nuova edizione aggiornata di quattro norme UNI sulla progettazione e posa in opera di coperture di edifici e parti di esse.
Due tra queste hanno subìto una più ampia revisione:

la UNI 9460 “Coperture discontinue - Istruzioni per la progettazione, l’esecuzione e la manutenzione di coperture realizzate con tegole di laterizio o calcestruzzo”

la UNI 10372 “Coperture discontinue - Istruzioni per la progettazione, l’esecuzione e la manutenzione di coperture realizzate con elementi metallici in lastre”.
I due documenti riprendono in esame le edizioni precedenti, rispettivamente del 1989 e del 1994, aggiornandole in modo sostanziale.
I contenuti di entrambe sono organizzati secondo un unico criterio. Un esame dei requisiti della copertura nel suo insieme precede le istruzioni per la progettazione: l’individuazione delle azioni, la definizione delle caratteristiche delle falde (pendenza, dimensioni massime, sovrapposizione nel caso delle tegole, ecc.). Vengono quindi individuati i possibili schemi funzionali che descrivono la composizione del sistema. Ad essi vengono associate delle soluzioni conformi, con funzione esemplificativa e presentate in maniera tale da non limitare la libertà del progettista o il progresso tecnologico.
Le due norme passano poi in rassegna i materiali e i componenti usati per i vari strati (di tenuta, di supporto, di collegamento e di irrigidimento, di tenuta all’aria, di schermo al vapore, di barriera al vapore, impermeabilizzante e traspirante, di isolamento termico).
Seguono le istruzioni per l’esecuzione. Nella nuova edizione della UNI 9460, una particolare attenzione è stata posta nel fornire indicazioni per il dimensionamento e la realizzazione degli strati di ventilazione e microventilazione sottotegola.
Entrambe le norme riportano istruzioni dettagliate per effettuare i controlli sull’esecuzione e indicazioni per la manutenzione.
Anche la UNI 10636 “Lastre ondulate di fibrocemento per coperture - Istruzioni per l’installazione” è stata revisionata, apportando modifiche che tengono conto del progresso tecnologico e dell’evoluzione della normativa di riferimento. Le novità, rispetto alla versione precedente del 1998, riguardano principalmente gli interassi ammessi tra gli appoggi e la posizione ed il numero dei fissaggi delle lastre. L’organizzazione dei contenuti della norma è simile a quella delle precedenti: analisi dei requisiti dei materiali e dei componenti (principalmente tramite riferimenti alle norme di prodotto specifiche, elaborate in sede europea), criteri di progettazione, istruzioni per l’installazione. La nuova edizione della UNI 10636 include inoltre, tra le prove di laboratorio da effettuare, anche quella di resistenza alla caduta di un corpo molle, descritta dalla UNI 10960.
La UNI 10724 “Coperture - Sistemi di raccolta e smaltimento delle acque meteoriche - Istruzioni per la progettazione e l’esecuzione con elementi discontinui” ha subìto, rispetto all’edizione precedente, modifiche di minore entità, principalmente volte a tenere conto dell’evoluzione normativa. Il documento elenca i tipi di prodotti componenti il sistema disponibili sul mercato e stabilisce i loro requisiti facendo riferimento, dove possibile ed opportuno, alle norme di riferimento esistenti sui canali di gronda, le converse, i pluviali, gli elementi di collegamento (viti, bulloni, chiodi, ecc.). Vengono poi forniti i criteri di dimensionamento dell’impianto in base alle azioni di progetto e alle prestazioni idrauliche richieste. Le istruzioni per l’esecuzione esaminano, fase per fase, dal trasporto e stoccaggio in cantiere dei componenti all’installazione, la realizzazione dell’impianto.
La norma fornisce infine indicazioni per il collaudo del sistema e per la sua manutenzione successiva.
Ognuna delle quattro norme è preceduta da un’ampia sezione dedicata alla terminologia ed illustrata da un gran numero di disegni e fotografie.
UNI, Marco Fossi
Comparto Costruzioni
tel. 02 70024.501, fax 02 70106106:
e-mail:  costruzioni@uni.com 

 

Torna all'inizio


alla pagina http://www.icr.arti.beniculturali.it/Convegni/brandi_estero.htm è disponibile il programma dettagliato del Convegno Internazionale di Studi "Brandi fuori dall'Italia".
Il convegno si terrà ad Assisi il 29 e 30 novembre presso la Sala Papale del Sacro Convento di San Francesco.
Coordinatore del convegno: Giuseppe Basile (I.C.R.)

 

Torna all'inizio


Subject: Symposium on paper restoration using laser technology
Symposium and final presentation of the EU-Project Paper Restoration using Laser Technology
The Hague, Science Museum MUSEON November 28, 2003
The symposium venue is very well located in The Hague (The Netherlands) and just around the corner there is the Golden Tulip Bell Air Hotel. Registration and conference fee shall be announced in our second call.
Aim of the symposium: To provide the end-users, policy makers and other interested parties from the field of conservation of cultural heritage insights and conclusions on the application of laser technology as a novel innovative conservation tool for paper cleaning.
The EU project PaReLa (Paper Restoration using Laser Technology) has as main objective the development of a laser cleaning system suitable for accurate and safe restoration of paper objects. This cooperative research project was co-funded by the European Commission, Community Research under the Fifth Framework programme, Energy - Environment and Sustainable Development, "City of Tomorrow and Cultural Heritage" (CRAFT contract number EVK4CT-2000-30002).
The work was carried out from September 2001 until November 2003 by a consortium consisting of four scientific research institutes and ten Small Medium Enterprises (SME's) like conservation workshops.
Further information for this symposium can be obtained by
Dr. John Havermans     TNO, section Healthy Buildings and Systems Delft, The Netherlands
j.Havermans@bouw.tno.nl
or
Mr. Hans Scholten  Art Innovation Hengelo, The Netherlands

Torna all'inizio


Subject: Workshop on Spanish for conservators
Spanish for art conservators
February 16-20, 2004Barcelona
Price : € 250
Further information: http://www.balaam-art.com/cur001.html
BALAAM
Barcelona, Spain
Fax: +34 93 2123715


Torna all'inizio


Subject: The Paper Conservator
The Institute of Paper Conservation wishes to announce the publication of volume 27 of The Paper Conservator, the annual refereed journal specializing in the preservation and conservation of library, archive and fine art materials on paper.
Volume 27 contains much of interest to conservators with articles on rehousing print collections at The British Museum, preparing archive materials for microfilming/digitization and an investigation into Laponite residues on paper and parchment.

Two case studies are also featured, one on conservation of early playing cards in Malta and another on the use of a new technique to support fragile leather on a book spine. Curators, registrars and conservators involved in exhibitions will be interested in articles arising from the conference 'Part and Parcel of the Job' on travelling exhibitions, courier training and blockbuster loans-in exhibitions. The Shorter Notices section contains a brief report on documentation at the National Archives. Volume 27 also reintroduces a Book Reviews section in which four major publications in conservation and paper
studies are reviewed.
A complete list of contents of The Paper Conservator, volume 27, may be seen at:

 http://www.lib.ox.ac.uk/ipc-chantry/ .

Subscription to The Paper Conservator is by membership of the Institute of Paper Conservation. Membership applications and requests for current and back issues of The Paper Conservator and other IPC publications should be sent to information@ipc.org.uk.
The Institute of Paper Conservation, through its journal, seeks to provide an international forum for the dissemination and exchange of information and research on all aspects of paper conservation.

The Paper Conservator welcomes original contributions to the literature of conservation and proposals may be sent electronically to the Editor jane.eagan@magd.ox.ac.uk.
Institute of Paper Conservation Bridge House, Waterside Upton upon Severn  WR8 0HG
+44 1684 591150 Fax: +44 1684 592380

Torna all'inizio