Restauro News
|Restauro News n. 30
Normativa Congressi Corsi Web Varie


Restauro News - Editoriale

A partire da questo numero Restauro news si rinnova; oltre alla nuova veste grafica, ogni numero prevede l'inserimento di un editoriale di commento sugli eventi più rilevanti.
Gli utenti, inoltre, potranno inviare i loro commenti alle news che verranno pubblicati in un'apposita sezione del sito e potranno anche proporre alla redazione un vero e proprio articolo.
Sotto la barra dei collegamenti verso le diverse sezioni delle news è presente un link al form per l'invio dei commenti.
Per accedere a questo form è necessario richiedere login e password tramite l'apposito form di richiesta.

La news n. 30 dedica 2 sezioni alla nuova normativa sui Beni Culturali: il nuovo Codice e le modifiche alla Merloni.
Il nuovo Codice dei Beni Culturali ha aperto un acceso dibattito sul destino dei beni culturali.
Consultate il sito Pratrimonio sos che dedica un'ampia sezione alle critiche ed ai commenti.
Vi invitiamo ad inviarci le vostre osservazioni in modo da iniziare una discussione aperta, trasparente e costruttiva (come è già avvenuto all'interno del Gruppo Restauro e Conservazione).

Si spera che anche il disegno di legge relativo alla qualità architettonica possa avviare un acceso dibattito sul tema.


Testo delle News

Normativa

Continua dalla New n. 1

Norme specifiche per gli appalti di restauro e scavi archeologici.
E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il decreto che regolamenta la disciplina degli appalti di lavori pubblici concernenti i beni mobili ed immobili e gli interventi sugli elementi architettonici e sulle superfici decorate di beni del patrimonio culturale, sottoposti alle disposizioni di tutela di cui al decreto legislativo 29 ottobre 1999, n. 490, al fine di assicurare l'interesse pubblico alla conservazione e protezione di detti beni ed in considerazione delle loro caratteristiche oggettive.
Le stesse discipline si applicano anche all'esecuzione di scavi archeologici.
La legge prevede che per gli appalti aventi ad oggetto gli allestimenti dei musei, degli archivi e delle biblioteche o di altri luoghi culturali o la manutenzione ed il restauro dei giardini storici, i servizi di installazione e montaggio di attrezzature ed impianti e le forniture di materiali ed elementi, nonche' le forniture degli arredi da collocare nei locali e nelle aree, assumano rilevanza prevalente ai fini dell'oggetto dell'appalto e della qualita' dell'intervento, l'amministrazione aggiudicatrice, previo provvedimento motivato del responsabile unico del procedimento, applica la disciplina, rispettivamente, dei servizi o delle forniture, anche se il valore economico dei lavori di installazione e di adeguamento dell'immobile risulti superiore.
I soggetti esecutori dei lavori appena descritti devono essere in possesso dei requisiti di qualificazione stabiliti dalla legge stessa.
La legge inoltre prevede che negli appalti di opere appena specificate, l'amministrazione aggiudicatrice e' obbligata a specificare, nel bando di gara, i requisiti di qualificazione che i candidati debbono possedere con riferimento all'oggetto complessivo della gara.
Negli appalti misti, nei casi di trattativa privata eseguiti senza pubblicazione di bando, l'amministrazione aggiudicatrice e' tenuta a stabilire preventivamente i requisiti di qualificazione che devono essere garantiti.
Scarica il decreto in formato pdf


Continua dalla New n. 2
Nella seduta del 16.1.2004 il Governo ha approvato il codice dei beni culturali e del paesaggio, che costituisce la prima, storica riforma organica della disciplina della materia (sulla quale non erano stati compiuti significativi interventi fin dal 1939), realizzata in sinergia con le Regioni e che è stata resa possibile dall'ampia delega finalizzata ad una reale e compiuta codificazione, con un'attenzione particolare ai mutamenti sopravvenuti nel settore dopo la riforma del Titolo V della Costituzione e la nuova dislocazione di competenze fra Stato e Regioni.
Principio unificatore dell' operazione di riordino e di riassetto operata dal codice è il riferimento all'articolo 9 della Costituzione: la promozione della cultura e tutela del paesaggio e del patrimonio storico ed artistico della Nazione.
All'interno di tale principio convivono le due specie dei beni culturali ed artistici da una parte e del paesaggio dall'altro, che ricevono entrambe opportuno e distinto riassetto all'interno del Codice.
La tutela del paesaggio, in particolare, diviene un bene da perseguire con uno stretto concorso di interventi statali e regionali.
Scarica l'intero Decreto legislativo recante il Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio ai sensi dell'art. 10 della legge 6 luglio 2002 n. 137 (pdf 512 KB) alla pagina:
http://www.tine.it/NormativaBBCC/Codice_BBCC.pdf


Continua dalla New n. 3
Con la entrata in vigore della Finanziaria 2004, di recente pubblicata su GU, anche la detrazione Irpef del 36% cambia aspetto. Infatti l’aliquota detraibile dall’Irpef, con la finanziaria passa dal 36% al 41% per i lavori di manutenzione restauro e ristrutturazione. In particolare la legge finanziaria all’art. 2, comma 15, stabilisce che la detrazione riguarda le spese sostenute nel 2004 per tutti quegli interventi di cui all’art 1 della legge 449/1997 (aggiornata alle modifiche successive). Se l’aliquota passa dal 36% al 41, il tetto di spesa ammesso passa da 48mila a 60mila euro. I lavori devono essere eseguiti entro il 31 dicembre 2004, e la vendita deve essere rogitata entro il 30 giugno 2005. Il motivo per il quale è stata aumentata l’aliquota della detrazione risiede nella impossibilità di prorogare ulteriormente l’Iva agevolata al 10% sui lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria, infatti l’Iva per i lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria passa al 20% mentre per i lavori di restauro e risanamento conservativo e per la ristrutturazione, purchè siano lavori in appalto, l’aliquota Iva rimane a regime del 10%. Quindi tutti coloro che stavano svolgendo lavori di ristrutturazione non ancora ultimati al 31 dicembre 2003 vedranno raddoppiare l’aliquota Iva (dal 10 al 20%) salvo che non si siano fatti rilasciare la fattura entro tale data. In quest’ultimo caso infatti pur potendo pagare nel 2004, usufruiranno dell’aliquota Iva al 10% e della detrazione Irpef al 41% delle spese. Questo perché, la finanziaria, per la detrazione Irpef prevede che il pagamento avvenga per mezzo di bonifico bancario entro dicembre 2004, mentre per stabilire quale aliquota Iva si applica bisognerà fare riferimento esclusivamente alla data di emissione della fattura, indipendentemente da quando avverrà il pagamento. Per cui, l’aliquota sarà del 10% se la fattura è stata emessa entro il 31 dicembre 2003, e sarà del 20% se è stata emessa oltre tale data. Vediamo adesso nel dettaglio per quali lavori è possibile usufruire di tale agevolazione;
1) In tema di ristrutturazione edilizia i principali interventi ammessi all'agevolazione Irpef del 41% sono quelli relativi alla riorganizzazione interna degli edifici con ampliamento di volumi esistenti, rifacimento dei servizi igienici, mutamento di destinazione d'uso di edifici in conformità con quanto previsto dalle leggi regionali e dalla normativa locale, trasformazione dei locali accessori in residenziali, demolizione e fedele ricostruzione, modifiche degli elementi strutturali con variazione delle quote d'imposta dei solai. In tema invece di manutenzione distinguiamo la ordinaria dalla straordinaria.
2) Nel primo caso cioè manutenzione ordinaria sono agevolate tutte le operazioni di sostituzione di pavimenti, riparazione di impianti, rifacimento di intonaci, sostituzioni di carta da parati, sostituzione di pavimenti esterni, riparazione di balconi e terrazzi, recinzioni.
3) Nella manutenzione straordinaria rientrano invece tutte le sostituzioni di serrande e persiane, installazione di centrali termiche, ascensori, scale di sicurezza, canne fumarie, sostituzione di solai, tramezzi, interventi per il risparmio energetico, realizzazione di opere accessorie e pertinenziali rispetto alla abitazione principale, realizzazione di elementi di sostegno di singole parti.
4) In tema invece di risanamento e restauro conservativo vi rientrano tutte le opere che modificano le unità immobiliari per renderle più funzionali nonché gli interventi di innovazione delle strutture verticali e orizzontali, il rifacimento dell'aspetto storico - architettonico dell'edificio, l'apertura di finestre, la messa a norma della altezza dei solai.
5) Nel caso della eliminazione delle barriere architettoniche sono agevolati tutti gli interventi volti ad adeguare le strutture dell'edificio alle norme che consentono l'utilizzo anche da parte dei disabili per cui rifacimento di ascensori, scale, rampe, citofoni, servizi igienici, portoni e quant'altro.
6) Vi rientrano anche gli interventi volti al contenimento dell'inquinamento acustico , per cui sostituzione di vetri e infissi ecc.
7) Vi sono inoltre gli interventi finalizzati a garantire all'edificio la sicurezza statica e antisismica, quindi vi rientrano tutte le opere volte a rafforzare le strutture nonché tutta la rete di servizi quali fognature, acquedotti e energia elettrica.
8) Poi vi sono gli interventi della messa a norma degli edifici. In questo caso vi rientrano tutti interventi che sono stati imposti per legge entro un determinato termine.
9) Poi vi sono le opere realizzate allo scopo di prevenire gli infortuni domestici quindi vetri antinfortunistica, corrimano alle scale, apparecchi di rilevazione di gas ecc.
10) Sono agevolabili anche tutte le opere finalizzate alla messa in sicurezza delle abitazioni contro furti e rapine quindi apparecchi di allarme, porte blindate, finestre rinforzate, muri, recinzioni, telecamere, fotocamere, catenacci, vetri antisfondamento, tapparelle con sistemi di sicurezza ecc.
11) Infine sono agevolate anche le opere volte alla cablatura degli edifici previste dalla legge 249/1997.


Congressi

Continua dalla New n. 4

BMC 2004 Genova 2-4 dicembre 2004 Il workshop è organizzato grazie al sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali (MiBAC), ed è promosso dall’Istituto Centrale per il Restauro (ICR), dalla Soprintendenza Regionale per i Beni e le Attività Culturali della Liguria, dalla Soprintendenza per il Patrimonio Storico Artistico e Demoetnoantropologico della Liguria, dall’Istituto di Scienze Marine (ISMAR) del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) e dal Settore Musei del Comune di Genova. Aperto a ricercatori, restauratori, tecnici e addetti ai lavori, il workshop si prefigge di costituire un’importante occasione di incontro e confronto a livello europeo sul tema della conservazione dei beni culturali in bronzo esposti all’aperto.
Lingua:
Lingue ufficiali del seminario sono l’Italiano e l’Inglese.
E’ previsto il servizio di traduzione simultanea.
Iscrizione al workshop:
La quota di iscrizione è di 70€ e include i coffee break, il materiale del convegno con il CD dei lavori presentati e l’ingresso ai musei. Le istruzioni per il pagamento saranno inviate con la seconda circolare.
La scheda di iscrizione può essere richiesta alla Segreteria Organizzativa o scaricata dal sito WEB. Il seminario accoglierà un numero limitato di partecipanti. E’ consigliata la registrazione entro il 30 giugno 2004.
Segreteria Organizzativa:
Ilva Trentin CNR-ISMAR-Sezione di Genova
Via De Marini,6 16149 Genova
e-mail: bmc@ge.ismar.cnr.it
Scarica la brochure in formato PDF 387 kb Conservazione dei monumenti in bronzo all'aperto: esperienze a confronto
Genova 2-4 dicembre 2004

Continua dalla New n. 5

ICOM-CC Triennial Meetings
ICOM-CC organize Triennial Meetings to bring together professionals from all over the world who are interested in conservation. The Meeting represents the apex of the triennial activity of the Committee and of its Working Groups.
Recent Triennial Meetings have been held in Copenhagen in 1984, Sydney in 1987, Dresden in 1990, Washington DC in 1993, Edinburgh in 1996 and Lyon in 1999. The last one was in Rio de Janeiro (Brazil) in 2002.
14th Triennial Meeting in The Hague
The 14th Triennial Meeting will be held from 12 - 16 September 2005 in The Hague (The Netherlands). The Theme will be: Our cultural past - Your future! Check our Calendar for more info.
Call for Papers

Abstract Templates

Registration as a Friend of ICOM-CC is possible by contacting the ICOM-CC FUND Secretariat
(secretariat@icom-cc.org ) in Rome.
Registration will become effective after the receipt of the registration fee.
The registration fee is:
Friend of ICOM-CC:  EURO 40.00, respectively EURO 20.00
Student-Friend of ICOM-CC:   EURO 25.00, respectively EURO 10.00


Corsi

Continua dalla New n. 6

Sulla Gazzetta Ufficiale (4ª Serie Speciale - Concorsi) n. 16 del 27,02,2004  è stato pubblicato il Cinquantottesimo concorso pubblico, per esami e titoli, per l'ammissione di diciotto studenti cittadini italiani e stranieri al corso quadriennale nelle Aree «A: dipinti murali, stucchi, dipinti su tela, dipinti su tavola, dipinti su tessuto, dipinti su cuoio e sculture lignee policrome»; «B: metalli,
ceramica, vetro, smalti, oreficeria, avorio, osso, ambra e oggetti di scavo»; «C: mosaico, materiali lapidei naturali e artificiali (sculture, stucchi), superfici e materiali dell'architettura», anno scolastico 2004-2005, della scuola di alta formazione dell'Istituto centrale per il restauro di Roma.   
La Gazzetta Ufficiale che contiene il bando è consultabile on line all'URL:
http://www.gazzettaufficiale.it/ (selezionare il link "concorsi") e comunque il Bando di concorso verrà integralmente pubblicato (incluso lo schema di domanda) e sul sito dell'ICR.
La scadenza  fissata per la consegna delle domande è il 29 marzo 2004.

Continua dalla New n. 7

Course on chemistry for conservators : Chemistry for Paper Conservators
September 7-11, 2004
This chemistry course has been taught  at Yale University and the National Archives of Canada, at Johns Hopkins University in Baltimore in the Society of Archivists, England.
The course is of five days duration divided each topic into two parts: first a teaching session, followed by practical laboratory work to back it up and consolidate.

Day 1
Morning     Introduction    The Molecular view of materials
Afternoon-    Chemistry and materials    Understanding energy, light and environment

Day 2
Morning    Cleaning and organic solvents
Afternoon    Polymers, adhesives and consolidants

Day 3
Morning    Degradation and corrosion
Afternoon    Catalysts and rates of reaction

Day 4
Morning    Molarity, acids and bases
Afternoon    Deacidification and alkaline reserve in paper

Day 5
Skin materials and tannins
Afternoon    Materials testing and analysis    Question session

The teacher: David Dorning book conservator qualified in chemistry
Participants: 15, book and paper conservators
Price: 500 Euro, includes all the materials
Language: English with a Spanish translation for the local
participants
Please complete our enrolment form and mail, e-mail or fax to
Balaam    escoles pies 76 pral 1    Barcelona 08017
info@balaam-art.com
  +34 93 4171347   Fax: +34 93 2123715
Further information:
http://www.balaam-art.com


Web

The Permanence and Care of Color Photographs: Traditional and Digital Color Prints, Color Negatives, Slides, and Motion Pictures
by Henry Wilhelm
with contributing author Carol Brower Originally Published in 1993
Download the entire 758-page book
(79.6 Mb) here for FREE!


Altro

Il Governo, nel Consiglio dei ministri del 27 febbraio 2004, ha approvato definitivamente - su proposta del Ministro per i beni e le attività culturali, Urbani - un disegno di legge quadro che promuove la nascita ed il consolidamento di una cultura della qualità architettonica ed urbanistica, una nozione fino ad oggi sottovalutata nell'ordinamento, e richiama l'attenzione degli operatori ai fini del raggiungimento di standard di progettazione quanto più elevati possibile.
Per consentire un inserimento armonico dell'opera costruita nell'ambiente circostante (il cui valore paesaggistico è stato spesso compromesso da interventi architettonici ed urbanistici non sufficientemente ponderati), il disegno di legge individua principi fondamentali a cui attenersi e strumenti capaci di incrementare la qualità architettonica: concorsi di idee che favoriscano anche l'ingresso di giovani architetti ed iniziative di alta formazione con il coinvolgimento degli Ordini professionali, ma anche valorizzazione dell'arte e dell'architettura contemporanee; rilevante, inoltre, l'introduzione del Piano per la qualità delle costruzioni pubbliche , una previsione triennale che individua le linee di intervento per il conseguimento degli obiettivi definiti dal disegno di legge.

Scarica il testo del disegno di legge


News
1) E' stato pubblicato il D.L. relativo alla disciplina degli appalti di lavori pubblici di restauro (Merloni del restauro) Il decreto riguarda gli interventi sugli elementi architettonici e sulle superfici decorate ...
Continua>>

2) Approvato e pubblicato sulla G.U. il testo del nuovo Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio Nella seduta del 16.1.2004 il Governo ha approvato il codice dei beni culturali e del paesaggio Continua>>

3) Agevolazioni per le ristrutturazioni (Irpef e Iva): l'aliquota detraibile dall'Irpef per la finanziaria 2004 passa dal 36 al 41 percento Continua>>

4) BMC 2004 Genova 2-4 dicembre 2004Conservazione dei monumenti in bronzo all'aperto: esperienze a confronto Continua>>

5) ICOM-CC organize Triennial Meetings to bring together professionals from all over the world who are interested in conservation. The Meeting represents the Continua>>

6) I.C.R. Concorso pubblico, per esami e titoli, per l'ammissione di diciotto studenti cittadini italiani e stranieri al corso quadriennale Continua>>

7) Course on chemistry for conservators : Chemistry for Paper Conservators Barcelona September 7-11, 2004 Continua>>

8) The Permanence and Care of Color Photographs: Traditional and Digital Color Prints, Color Negatives, Slides, and Motion Pictures Continua>>

9) La qualità architettonica: disegno di legge quadro che promuove la nascita ed il consolidamento di una cultura della qualità architettonica Continua>>


© 2004 Sergio Tinè
Elenco delle New | Home Page | Iscrizione | Annulla l'iscrizione