Benvenuto, Ospite. Novembre 18, 2019, 1:47am Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    DIAGNOSTICA    Diagnostica per il restauro  ›  Scienza e Restauro Moderatori: Adamantio
Utenti presenti
No Members e 1 Ospiti

Scienza e Restauro  (attualmente 4,998 viste) Print
3 Pagine « 1 2 3 » Tutti Raccommanda Thread
magghi
Febbraio 21, 2005, 1:33pm Report to Moderator
restauratrice
Nuovo utente
Posts: 8
Location: marsala palermo
credo che non sia necessario stabilire un limite preciso fra scienza e restauro,questo può cambiare a secondo dei casi;più importante è chiedersi quale formazione deve avere un Tecnico restauratore.Ho avuto la fortuna di avere come docente Paolo Cremonesi un chimico che continua a divulgare "semplici"quantomeno accessibili nozioni chimiche e diagnostiche .Se il restauratore è in grado di fare un minimo ragionamento sul riconoscimento del comportamento di alcuni materiali ecc sarà in grado di valutare la necessita' ,nell'intervento, di competenze scientifiche  specifiche.Troppo spesso ,però l'interlocutore primo del restauratore non è in grado di seguire questi ragionamenti,e considera credibile solo quello che non può essere messo in discussione....é quì sta il problema!!! La conservazione delle opere ci chiede a mio avviso una collaborazione stretta e soprattutto un linguaggio comune.


margherita barraco
Registrato Offline
Replica: 15 - 40
admin
Marzo 4, 2005, 12:06pm Report to Moderator
Architetto
Posts: 731
Location: Palermo
Il mio atteggiamento esclusivamente "storico crtico", inserito provocatoriamente in questa sezione, non ha attizzato l'acceso dibattito che mi aspettavo ...
Cosa deve fare un onesto provocatore per avere successo ?  
Mi accorgo che nel forum si preferisce discutere esclusivamente di problemi tecno-pratici ..
Volete che mi arrendo ?
Soffio ancora sui tizzoni (poco ardenti) ?
O trasferisco il tutto in altra sezione ?




Sergio Tinè
Amministratore del forum

Registrato Offline
Sito Skype Replica: 16 - 40
Rossella Croce
Marzo 4, 2005, 2:58pm Report to Moderator
Consulente Diagnostica e Restauratore d' Arte
Utente anziano
Posts: 537
Location: Venezia
attento... chi semina vento raccoglie tempesta.... (dicono, sob, forse non in questo caso.... )


Rossella Croce
Restauratore di Beni mobili ed Architettonici
Tecnico per la diagnostica dei beni culturali  
Esperto per la Sicurezza nel settore del Restauro

Cooperativa per il Restauro S.c.p.a.- Milano
http://www.cooprestauro.net

MODERATORE SEZIONE CHIMICA E DIAGNOSTICA


Registrato Offline
Sito Replica: 17 - 40
stefano_qi
Marzo 10, 2005, 12:52am Report to Moderator
Restauro e conservazione Beni Culturali
Utente Attivo
Posts: 42
Location: Assisi (Pg)
Perdonate l'intrusione ma ho ricevuto la seguente richiesta da parte di un'amica per una tesi e questo mi sembrava il posto migliore in cui proporla.
Grazie e buon proseguimento, Stefano.

(...omissis) di Narni Sotterranea, vorrei chiederti se potresti
gentilmente suggerirmi qualche testo specifico relativo al microclima negli
ambienti ipogei, alle indagini microclimatiche, alle condizioni
termoigrometriche ottimali per la conservazione dei nostri preziosi
affreschi, quindi in generale una minima bibliografia relativa a questi
argomenti. Mi sarebbero molto utili per il mio lavoro di tesi, che stenta a
partire a causa della mia futura relatrice che mi ha cordialmente
consigliato di affrontare questo lavoro da sola a causa della sua più totale
ignoranza a riguardo...


Stefano Petrignani
Registrato Offline
Replica: 18 - 40
admin
Marzo 10, 2005, 12:39pm Report to Moderator
Architetto
Posts: 731
Location: Palermo
Non so essere più preciso (anche perchè avrò prestato a qualcuno un testo che volevo segnalare   ).
La tua amica può eseguire una ricerca sui segfuenti autori:
Camuffo G. - Accardo G. - Schenal P.

P.S.
Complimenti alla relatrice ...  


Sergio Tinè
Amministratore del forum

Registrato Offline
Sito Skype Replica: 19 - 40
raffaelli
Marzo 10, 2005, 3:07pm Report to Moderator
Responsabile Settore Microclima e Restauro
Utente recente
Posts: 14
Location: VICENZA
Ho avuto l'onore di svolgere la mia tesi di laurea in fisica sul microclima per la conservazione dei beni culturali con il Prof. Camuffo. Ritengo che per questioni legate al microclima sia senz'altro tra le persone più competenti. Aggiungo un altro nome: Adriana Bernardi (una sua collega, tra l'altro)


Roberta Giorio
LAMBDA Scientifica
Registrato Offline
Replica: 20 - 40
stefano_qi
Marzo 11, 2005, 11:30pm Report to Moderator
Restauro e conservazione Beni Culturali
Utente Attivo
Posts: 42
Location: Assisi (Pg)
Molte grazie.
Stefano


Stefano Petrignani
Registrato Offline
Replica: 21 - 40
viria
Marzo 14, 2005, 2:58pm Report to Moderator
diagnostica, restaur dipinti, studentessa chimica
Utente Attivo
Posts: 34
Location: Barletta (BA)
Ciao a tutti!!
Questo dibattito mi sembra molto interessante..sono ancora alle prime armi ma ho appena terminato un corso biennale in collaboratore nel restauro dei dipinti su tela e intanto a luglio ho la tesi in diagnostica del restauro. credo che il restauro sia una scienza in crescita e che sicuramente le nuove generazioni si stiano preparando sciantificamente a tutto questo.. bisogna sostituire quell'empirismo di cui i vecchi restauratori vanno tanto fieri con degli studi adeguati che non si fermino all' esperienza diretta per tentativi ed errori.
Grazie alla tesi sto utilizzando strumentazioni complesse come il SEM e do ragione a jole quando dici che la parte + complessa è l'interpretazione dei dati.Per questo credo che occorra una figura professionale che faccia da tramite tra il restauratore e i laboratori di analisi ma a tutt'oggi la figura del diagnostico credo non esista ancora!!o meglio non è facile da far accettare soprattutto dai restauratori..


Vittoria Rodriquez
Registrato Offline
Windows Live Messenger Replica: 22 - 40
Rossella Croce
Marzo 15, 2005, 8:44pm Report to Moderator
Consulente Diagnostica e Restauratore d' Arte
Utente anziano
Posts: 537
Location: Venezia
Puoi dirci di più di te Vittoria? In che facoltà studi, che corso fai? Ci sono in forum tuoi colleghi sicuramente interessati.


Rossella Croce
Restauratore di Beni mobili ed Architettonici
Tecnico per la diagnostica dei beni culturali  
Esperto per la Sicurezza nel settore del Restauro

Cooperativa per il Restauro S.c.p.a.- Milano
http://www.cooprestauro.net

MODERATORE SEZIONE CHIMICA E DIAGNOSTICA


Registrato Offline
Sito Replica: 23 - 40
viria
Marzo 16, 2005, 10:28am Report to Moderator
diagnostica, restaur dipinti, studentessa chimica
Utente Attivo
Posts: 34
Location: Barletta (BA)
Accolgo il tuo invito Rossella. Sto terminando il D.U. in Diagnostica del restauro della facoltà di Geologia a Bari; attualmente sto svolgendo una tesi in mineralogia e petrografia su dei mosaici paleocristiani;a luglio ho terminato un corso biennale di operatore tecnico per il restauro dei dipinti su tela (En.A.I.P. Barletta)..e ora sono in attesa del terzo anno di specializzazione enel frattempo sto cercando di scrivere la tesi..ma la situazione non è per niente rosea per una futura diagnostica..nè tanto meno per una collaboratrice del restauro..


Vittoria Rodriquez
Registrato Offline
Windows Live Messenger Replica: 24 - 40
angelo ingrasci
Marzo 16, 2005, 1:49pm Report to Moderator
Decoratore/Pittore/Restauratore di dipinti murali
Utente anziano
Posts: 51
Location: Asti
Che cosa sarebbero i restauratori senza la scienza?.( dei mediocri restauratori)..Questa è la mai considerazione..........x quanto riguarda il pensiero del prof .Bonsanti,lascia intendere che Il restauraro nn è arte ma scienza.ecccc. su questa argomentazione.ho trovato  molto interessante il corso in cassetta.Operatore dei beni culturali di nettuno,storia e tecnica del restauro delle opere d'arte,lezione 1 e 2....


angelo ingrasci
Registrato Offline
Sito Replica: 25 - 40
admin
Marzo 16, 2005, 3:56pm Report to Moderator
Architetto
Posts: 731
Location: Palermo
ok, mi arrendo ..
un ultimo commento su scienza e restauro:
il restauro non è mai stato arte e mi auguro che non sia mai solo scienza.
Sarebbe la fine dell'opera d'arte.


Sergio Tinè
Amministratore del forum

Registrato Offline
Sito Skype Replica: 26 - 40
Rossella Croce
Ottobre 24, 2005, 5:01pm Report to Moderator
Consulente Diagnostica e Restauratore d' Arte
Utente anziano
Posts: 537
Location: Venezia
Il restauro non deve essere in alcun modo arte (se non intesa in senso lato, come arte del restauro) sul fatto che non debba essere solo scienza mi trovi daccordo, ma mi auspico di cuore che il restauro volga sempre di più alla scienza per completarsi pienamente


Rossella Croce
Restauratore di Beni mobili ed Architettonici
Tecnico per la diagnostica dei beni culturali  
Esperto per la Sicurezza nel settore del Restauro

Cooperativa per il Restauro S.c.p.a.- Milano
http://www.cooprestauro.net

MODERATORE SEZIONE CHIMICA E DIAGNOSTICA


Registrato Offline
Sito Replica: 27 - 40
Architer
Giugno 11, 2006, 8:32pm Report to Moderator
Architetto-Dottore di ricerca in Conservazione
Utente anziano
Posts: 101
Location: Palermo
Aggiungo del mio anche alla luce di alcune mie recenti esperienze.
In un cantiere di restauro in cui stiamo facendo una tesi, abbiamo notato una pellicola color ocra (che per me poteva essere una traccia di pittura), e che per il restauratore incaricato, ho saputo dal Direttore dei lavori (non ci siamo incontrati), potesse essere l'alterazione di un protettivo dato sull'intonaco. Per me credo che questa diversità di ipotesi possa essere discriminata solamente da un'analisi diagnostica (ossia stabilire se la materia in questione sia organica o meno).
Detto questo, siccome siamo come Università, diciamo ospiti, di un cantiere privato, che non ha sovvenzioni pubbliche e non si può permettere di affrontare i costi di analisi diagnostiche, e siccome hanno già rimosso in più punti questo strato, giudicandolo tale, diventa ormai anche difficile proporgli di potere prendere campionamenti. Li metteremo in difficoltà sulle scelte operative ormai intraprese.
IL dubbio a me rimane. Ossia, se era pittura, cambierebbe una certa idea, ormai assodata di certa definizione barocca degli esterni, totalmente bianca, un po' come l'equivoco di wilckelmann tramandato dalla storia.
In questo, credo, debba esserci la Scienza, rispetto al fiuto artigianale, nell'evitare di sottrarre informazioni alla storia.


Teresa Campisi
Registrato Offline
Replica: 28 - 40
Adamantio
Giugno 11, 2006, 10:21pm Report to Moderator
Dottore in Chimica - Consulente Restauro
Posts: 933
Location: Torino e Aramengo (AT)
Secondo me dobbiamo osservare il restauro dall'esterno ed esaminare la sua evoluzione.
100 anni fa un esercito di artigiani, di antiquari, di robivecchi, di perpetue delle Chiese, ecc... si prendeva cura del nostro grande patrimonio culturale e tuttosommato, pur essendoci stati numerosi danneggiamenti, molto è arrivato ai nostri giorni...
Già anticamente alcuni sporadicissimi chimici o comunque cultori della scienza hanno cominciato a occuparsi di Beni Culturali e tra questi mi piace ricordare nell'immediato dopoguerra Patrito che fu uno degli insegnanti di mio nonno, ma per citarne uno forse più noto potrei dire Pettenkofer che aveva messo a punto l'omonimo metodo.
Hanno messo a punto le applicazioni al restauro di solventi organici, polimeri, tensioattivi, acidi e basi, enzimi (la pepsina, ad esempio, la usava già mio nonno quando Cremonesi doveva ancora nascere! (senza nulla togliere ai numerosi meriti di Cremonesi)) e moltissime altre sostanze e metodologie...

Fu vera gloria?

Sicuramente hanno provocato moltissimi danni al patrimonio culturale, hanno introdotto sostanze tossiche e dannose per le opere, hanno provocato distacchi a scaglie di immense superfici "consolidate", hanno permesso che venisse usato il cemento in modo estensivo e potrei continuare a lungo...

molti danni ma un percorso forse obbligato...

Ora (mi piace pensare) il restauro al pari della medicina sta vivendo un rinascimento che necessariamente affonda le sue radici in questo medioevo... che non lo rinnega ma lo ritiene un adole-scienza.

Progressivamente dalle mani dei nostri padri artigiani le opere sono state consegnate a mani e menti più esperte nelle scienze... prima i capolavori del rinascimento poi tutte le tavole e le tele, gli affreschi, le statue, il patrimonio archeologico e tutto il resto... anche cose più recenti hanno cominciato a rivestire una certa importanza l'800 fino a qualche decennio fa non era per nulla considerato... robaccia... e prima era così anche per il '700... mio padre mi racconta che suo nonno (antiquario e restauratore pure lui) rimaneva sconcertato quando vedeva che restauravano i cupi quadri del '600... per lui non ne valeva la pena... solo il '500 meritava (e solo tra l'altro se di autore noto)...

tutto il resto era considerato quasi pari al nulla... nemmeno restaurato o relegato in tempi più recenti ad artigiani e ragazzi volenterosi magari che davano una mano al Parroco rimettendo (purtroppo) a nuovo le opere della Chiesetta.

Progressivamente invece, più attenzione, razionalizzazione... forse non sempre le pensate sono state giuste... ma dagli errori del passato impariamo lezioni per il futuro...

Gli artigiani sono progressivamente stati scalzati dal restauro delle opere del '600, poi del '700, dell'800 e così via restando ora solo più relegati pressochè al restauro del mobile e di poco altro. Un modo di pensare scientifico, medico, critico si è sempre più affermato imponendosi sulla conservazione del patrimonio culturale nazionale prima pubblico e poi anche privato.

I restauratori hanno vissuto questo travagliato passaggio, che per altro ha attraversato anche le altre professioni. Gli Alchimisti sono diventati Chimici, i Medici sono passati dall'essere degli indovini a quello che sono ora... e il saper fare "la fisica" è passato dall'ambito magico-mistico alla figura ben più caratterizzata e scientifica del Fisico Moderno.

Le professioni "moderne" conservano nel loro DNA un legame con i loro predecessori che va dalla ricerca degli alchimisti, al bisogno di risposte dei mistici, al desiderio di salvare una vita dei medici... e così i restauratori sono depositari nelle loro mani e nelle loro menti di tutto il sapere artigiano... ma i moderni restauratori, quelli che sono usciti dalla protostoria, hanno capito quale è il loro futuro, e questo futuro si basa sulle possenti fondamenta della scienza al pari di quello degli altri professionisti citati...


Marco NICOLA
MODERATORE AREA AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

Conservation Scientist - Diagnosta dei Beni Culturali
Analisi chimiche, chimico-fisiche, petrografiche, biologiche... e ricerche per lo Studio, la Conservazione e il Restauro del Patrimonio Artistico
sito: http://www.adamantionet.com

Registrato Offline
Sito Replica: 29 - 40
3 Pagine « 1 2 3 » Tutti Raccommanda Thread
Print

Forum Restauro e Conservazione    DIAGNOSTICA    Diagnostica per il restauro  ›  Scienza e Restauro

Valutazione del tema
Non esiste attualmente alcuna valutazione
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE