Benvenuto, Ospite. Agosto 24, 2019, 10:14am Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    DIAGNOSTICA    Chimica per il restauro  ›  Beva Moderatori: Adamantio
Utenti presenti
No Members e 2 Ospiti

Beva   (attualmente 35,897 viste) Print
2 Pagine « 1 2 Tutti Raccommanda Thread
Jole Marcuccio
Aprile 13, 2005, 8:44am Report to Moderator
Restauratrice dipinti, scultura lignea, affreschi
Utente anziano
Posts: 441
Location: Bergamo
ciao Rossella,

ho trovato notizie precise sull'EVA !!!!!

ne parla l'ultimo libro del Prato collana i Talenti, titolo : le resine sintetiche usate nel trattamento di opere policrome, a firma di Cremonesi e Borgioli.


Jole Marcuccio
Registrato Offline
Replica: 15 - 22
Rossella Croce
Aprile 13, 2005, 5:18pm Report to Moderator
Consulente Diagnostica e Restauratore d' Arte
Utente anziano
Posts: 537
Location: Venezia
Dunque un mistero svelato? Cosa intendevano i colleghi di Thiene? Avevamo dato supposizioni giuste o sbagliate?


Rossella Croce
Restauratore di Beni mobili ed Architettonici
Tecnico per la diagnostica dei beni culturali  
Esperto per la Sicurezza nel settore del Restauro

Cooperativa per il Restauro S.c.p.a.- Milano
http://www.cooprestauro.net

MODERATORE SEZIONE CHIMICA E DIAGNOSTICA


Registrato Offline
Sito Replica: 16 - 22
Jole Marcuccio
Aprile 13, 2005, 5:59pm Report to Moderator
Restauratrice dipinti, scultura lignea, affreschi
Utente anziano
Posts: 441
Location: Bergamo
parlavano come ho detto dell'EVA Helmitherm 42012 e 42036 prodotti dalla tedesca Helmitin Inc.

si tratta di campioni forniti dal Prof. V.R. Mehra all'Opificio e da questo testati in lavori presentati a Thiene. Quindi ne arguisco che l'EVA non č ancora commercializzata.

Nel libro di cui ho detto prima, sono presentati i risultati dei test per la resistenza a trazione dell'EVA e di altri adesivi, quali la colla di storione e amido, la poliammide e l'akeogard AT 35

In definitiva le nostre supposizioni erano corrette


Jole Marcuccio
Registrato Offline
Replica: 17 - 22
alessandro sidoti
Aprile 23, 2005, 9:21pm Report to Moderator
restauratore conservatore di libri e manoscritti
Posts: 399
Location: firenze
colla di storione ? interessante io ne ho sperimentato come altri colleghi l'uso per i restauri della pergamena con pergamena nuova... č molto tenace in effetti a che temperatura e percentuale la usate ?
ciao


        
Alessandro Sidoti 
MODERATORE RESTAURO CARTA    
restauratore-conservatore di libri (pubblico)
moderatore di http://restauro-del-libro.blogspot.it/
Registrato Offline
Sito Replica: 18 - 22
Rossella Croce
Aprile 24, 2005, 10:21am Report to Moderator
Consulente Diagnostica e Restauratore d' Arte
Utente anziano
Posts: 537
Location: Venezia
L'ho usato molto negli usa. Il range della concentrazione č molto ampio, invece in genere la temperatura non č mai al di sopra del "tiepido" tranne in pochi casi di pittura polimateriche molto alte in spessore, in quel caso un pochino di alcool alla soluzione miscelato con cura e molto lentamente ne aumenta molto la penetrazione. Si prepara a bagnomaria, dopo averlasciato la colla di storione a bagno per una notte in acqua fredda.


Rossella Croce
Restauratore di Beni mobili ed Architettonici
Tecnico per la diagnostica dei beni culturali  
Esperto per la Sicurezza nel settore del Restauro

Cooperativa per il Restauro S.c.p.a.- Milano
http://www.cooprestauro.net

MODERATORE SEZIONE CHIMICA E DIAGNOSTICA


Registrato Offline
Sito Replica: 19 - 22
Jole Marcuccio
Aprile 26, 2005, 1:13pm Report to Moderator
Restauratrice dipinti, scultura lignea, affreschi
Utente anziano
Posts: 441
Location: Bergamo
si le concentrazioni sono le stesse della colla di pesce, dipente dal suo utilizzo e anche la modalitā di preparazione č la stessa.
Per incollaggi tenaci sui tessili la uso al 20%, in questo caso due fibre tessili incollate con una sovrapposizione di 1mm. tengono un carico di circa 500 gr.

Come dice Rossella la temperatura č solitamente bassa. Il termocauterio se usato č sui 40 gradi.


Jole Marcuccio
Registrato Offline
Replica: 20 - 22
Adamantio
Aprile 28, 2006, 8:19pm Report to Moderator
Dottore in Chimica - Consulente Restauro
Posts: 933
Location: Torino e Aramengo (AT)
Mi interesserebbero maggiori dettagli sulla decomposizione del BEVA soprattutto riguardo alla questione dell'inacidimento e della produzione di composti volatili nocivi... mi potreste dare qualche info?

THX


Marco NICOLA
MODERATORE AREA AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

Conservation Scientist - Diagnosta dei Beni Culturali
Analisi chimiche, chimico-fisiche, petrografiche, biologiche... e ricerche per lo Studio, la Conservazione e il Restauro del Patrimonio Artistico
sito: http://www.adamantionet.com

Registrato Offline
Sito Replica: 21 - 22
Rossella Croce
Maggio 23, 2006, 5:40pm Report to Moderator
Consulente Diagnostica e Restauratore d' Arte
Utente anziano
Posts: 537
Location: Venezia
credo tu non sia l'unico interessato a questo argomento...niente di definitivo per ora solo studi in itinere


Rossella Croce
Restauratore di Beni mobili ed Architettonici
Tecnico per la diagnostica dei beni culturali  
Esperto per la Sicurezza nel settore del Restauro

Cooperativa per il Restauro S.c.p.a.- Milano
http://www.cooprestauro.net

MODERATORE SEZIONE CHIMICA E DIAGNOSTICA


Registrato Offline
Sito Replica: 22 - 22
2 Pagine « 1 2 Tutti Raccommanda Thread
Print


Valutazione del tema
Non esiste attualmente alcuna valutazione
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE