Benvenuto, Ospite. Agosto 24, 2019, 8:53am Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    DIAGNOSTICA    Chimica per il restauro  ›  Solventi e restauro Moderatori: Adamantio
Utenti presenti
No Members e 1 Ospiti

Solventi e restauro  (attualmente 19,956 viste) Print
2 Pagine 1 2 Tutti Raccommanda Thread
Rossella Croce
Febbraio 16, 2005, 12:10am Report to Moderator
Consulente Diagnostica e Restauratore d' Arte
Utente anziano
Posts: 537
Location: Venezia
La discussione  si propone di affrontare le tematiche inerenti il mpondo dei solventi utilizzati nel restauro, in particolare nella pulitura dei manufatti . Per inaugurare una sessione che molto mi sta a cuore, propongo questo argomento
Chi di voi ha sperimentato il Ciclododecano? In quale ambito? Quale è stata la vostra valutazione in merito?


Rossella Croce
Restauratore di Beni mobili ed Architettonici
Tecnico per la diagnostica dei beni culturali  
Esperto per la Sicurezza nel settore del Restauro

Cooperativa per il Restauro S.c.p.a.- Milano
http://www.cooprestauro.net

MODERATORE SEZIONE CHIMICA E DIAGNOSTICA


Registrato Offline
Sito
admin
Febbraio 18, 2005, 12:14pm Report to Moderator
Architetto
Posts: 731
Location: Palermo
Ok, mi sacrifico e lo aggiungo nella minestra. Che sapore ha ?  

In attesa di altri interventi ... spero più seri del mio.. (non tutti si collegano spesso al forum), ti pongo un quesito.

Da qualche anno i solventi chimici dovrebbero essere stati messi al bando in quanto tossici in fase di produzione e/o di applicazione.
Questo per quanto concerne i più diffusi prodotti utilizzati nei cantieri.
Non so cosa succeda all'interno dei laboratori di restauro.
Personalmente, con certi prodotti "ad acqua", nutro delle perplessità. Ma diamo tempo al tempo.
Ritengo tuttavia che, in seguito al divieto, sia andata persa una gran messe di esperienze (pratiche e di laboratorio) che ci avevano portato a conoscere ed apprezzare diversi solventi chimici.

Per quanto concerne il tuo specifico settore sai darmi un contributo ?


Sergio Tinè
Amministratore del forum

Registrato Offline
Sito Skype Replica: 1 - 29
alessandro sidoti
Febbraio 18, 2005, 2:08pm Report to Moderator
restauratore conservatore di libri e manoscritti
Posts: 399
Location: firenze
dai chimici di patologia del libro mi  è giunta voce che il ciclododecano ha avuto pessimi risultati negli invecchiamenti accelerati... non so se è vero però


        
Alessandro Sidoti 
MODERATORE RESTAURO CARTA    
restauratore-conservatore di libri (pubblico)
moderatore di http://restauro-del-libro.blogspot.it/
Registrato Offline
Sito Replica: 2 - 29
Rossella Croce
Febbraio 18, 2005, 6:32pm Report to Moderator
Consulente Diagnostica e Restauratore d' Arte
Utente anziano
Posts: 537
Location: Venezia
mmmm......Sergio....tocchi un "brutto argomento"...e non posso risponderti adesso.... Se hai fede potrebbe essere che a breve ci sia nuovo materiale reperibile sull'argomento  
Per Alessandro....mi confermi pareri gia sentiti, ma al momento discordanti: è chiederti troppo esporre la vostra esperienza qui? Credo che molti potrebbero essere interessati


Rossella Croce
Restauratore di Beni mobili ed Architettonici
Tecnico per la diagnostica dei beni culturali  
Esperto per la Sicurezza nel settore del Restauro

Cooperativa per il Restauro S.c.p.a.- Milano
http://www.cooprestauro.net

MODERATORE SEZIONE CHIMICA E DIAGNOSTICA


Registrato Offline
Sito Replica: 3 - 29
cultural
Marzo 2, 2005, 9:09am Report to Moderator
Restauratore Conservatore
Utente recente
Posts: 10
Location: Ancona
A proposito di sostanze chimiche usate per la pulitura, vorrei un parere su l'uso di tensioattivi detergenti.

Elisabetta Luciani


    ELISABETTA LUCIANI
Registrato Offline
Replica: 4 - 29
admin
Marzo 2, 2005, 9:24am Report to Moderator
Architetto
Posts: 731
Location: Palermo
Non sono solventi .. semplici saponi .. quasi d'uso quotidiano.

In termini più tecnici, i tensioattivi organici sono costituiti da catene di atomi di carbonio con inglobati uno o più gruppi idrofili.
Vengono impiegati con lo scopo di diminuire la tensione superficiale dell'acqua in modo da aumentarne il potere ammorbidente.
L'uso di queste sostanze detergenti deve essere opportunamente vagliato in quanto i tensioattivi sono in grado di sciogliere il gesso ed il carbonato di calcio (che rappresentano i leganti più comuni delle croste), agendo in tal modo anche sulle pietre corrodendole o formando sali solubili.
Tutto ciò limitatamente al restauro dei materiali lapidei ...


Sergio Tinè
Amministratore del forum

Registrato Offline
Sito Skype Replica: 5 - 29
Rossella Croce
Marzo 2, 2005, 11:07am Report to Moderator
Consulente Diagnostica e Restauratore d' Arte
Utente anziano
Posts: 537
Location: Venezia
Non vorrei essere pignola, ma può essere utile specificare che in generale i tensioattivi utili per il settore del restauro si dividono in tre grandi gruppi: ionici, non ionici . Hanno caratteristiche, usi e risultati diversi. Gli ionici si suddividono poi in anionici, cationici ed anfoteri: quelli che più comunemente vengono chiamati  saponi, che descrive sergio , sono in genere gli anionici. Il potere detergente di un tensioattivo dipende dalla sua natura ed in particolare da acuni parametri un pò complessi come l'HLB e la CMC...su cui per ora non mi dilungo. In poche parole a seconda del valore di questi due parametri e/o dalla concentrazione del principio attivo in soluzione il tensioattico cambia funzione passando da semplice tensiattivo a emulsionante, detergente e infine solubilizzante Il caso che cita sergio è suggestivo per  tensioattivi  cationici (esclusi sali quaternari d'ammonio) che sono legg. acidi, portati a CMC tale da essere solubilizzanti. Per usi e caratteristiche il settore è troppo vasto e diversificato: se hai bisogno di notizie su un prodotto in  particolare fammelo sapere e vedrò di aiutarti


Rossella Croce
Restauratore di Beni mobili ed Architettonici
Tecnico per la diagnostica dei beni culturali  
Esperto per la Sicurezza nel settore del Restauro

Cooperativa per il Restauro S.c.p.a.- Milano
http://www.cooprestauro.net

MODERATORE SEZIONE CHIMICA E DIAGNOSTICA


Registrato Offline
Sito Replica: 6 - 29
cultural
Marzo 2, 2005, 3:14pm Report to Moderator
Restauratore Conservatore
Utente recente
Posts: 10
Location: Ancona
Forse non mi sono spiegata bene, conosco bene la differenza tra tensioattivi e solventi, quello che vorrei sapere se e quando  l'uso di un detergente quale ad esempio C 2000. possa sostituire un solvente nella pulitura.
Grazie.


    ELISABETTA LUCIANI
Registrato Offline
Replica: 7 - 29
Rossella Croce
Marzo 2, 2005, 7:56pm Report to Moderator
Consulente Diagnostica e Restauratore d' Arte
Utente anziano
Posts: 537
Location: Venezia
Volentieri, ma...pulitura di che materiale? per la rimozione di cosa? La casistica è troppo ampia, devi restringere il campo....


Rossella Croce
Restauratore di Beni mobili ed Architettonici
Tecnico per la diagnostica dei beni culturali  
Esperto per la Sicurezza nel settore del Restauro

Cooperativa per il Restauro S.c.p.a.- Milano
http://www.cooprestauro.net

MODERATORE SEZIONE CHIMICA E DIAGNOSTICA


Registrato Offline
Sito Replica: 8 - 29
giorgiogarabelli
Marzo 3, 2005, 1:07am Report to Moderator
Restauratore di sculture e opere lignee policrome
Utente recente
Posts: 16
Location: Torino
Mi pare vi sia un po' di generalizzazione in merito ai "prodotti ad acqua" citati da Sergio Tinè, mi piacerebbe un maggiore approfondimento, anche perchè invece io ne sono un fautore,... ma forse dobbiamo dirci di cosa si tratta.


In merito al C 2000   ho dei seri dubbi che si possa indicare come un buon materiale per la pulitura, sempre in relazione a cosa si va a pulire e su che materiale..., ma in definitiva ho riscontrato delle controindicazioni dovute alla reazione di inevitabili residui di prodotto ( puliture di policromie su sculture lignee); ho il sospetto (fondato) che sia fortemente corrosivo avendo un pH molto(!!!) basico. ditemi la vostra opinione, grazie

Giorgio


Giorgio Garabelli
Registrato Offline
Replica: 9 - 29
admin
Marzo 3, 2005, 8:47am Report to Moderator
Architetto
Posts: 731
Location: Palermo
Giorgio,
le mie perplessità non sono dovute alla qualità finale del prodotto con solvente acqua, bensì all'utilizzo stesso dell'acqua in presenza di determinate patologie dove l'uso dell'acqua (anche in fase di pulizia) è da evitare.
Il tutto limitatamente ai materiali lapidei (naturali ed artificiali).

Inoltre, dovendo eseguire delle impregnazioni in profondità con dei protettivi o dei consolidanti (ove ancora si creda a questo genere d'interventi), nel ventennio finale del secolo scorso la ricerca si era affinata privilegiando solventi a bassissimo peso molecolare capaci di veicolare il protettivo/consolidante all'interno del lapideo.

Mi chiedo e vi chiedo: tornando al sovente acqua (molto diffuso per esempio nei siliconati utilizzati nel corso degli anni 80) non si perdono alcune caratteristiche richieste al solvente ?
Ed ancora, il patrimonio di conoscenze e di esperienze, aquisito tramite tutte le ricerche eseguite nel recente passato sulla loro compatibilità, sull'efficacia a breve e lungo termine ecc. ecc., non vanno irrimediabilmente perse ?


Sergio Tinè
Amministratore del forum

Registrato Offline
Sito Skype Replica: 10 - 29
Jole Marcuccio
Marzo 3, 2005, 9:27am Report to Moderator
Restauratrice dipinti, scultura lignea, affreschi
Utente anziano
Posts: 441
Location: Bergamo
scusate, ma il C200 di cui parlate è forse il CONTRAD ?
Se è il CONTRAD, è sicuramente corrosivo ( a volte è l'ultima possibilità, quando proprio le hai provate tutte), e oltre tutto non se ne conosce la composizione, (penso però che contenga EDTA)

Circa le perplessità di Sergio sul solvente acqua limitatamente al settore lapidei, non conosco queste problematiche.

Utilizzo invece regolarmente tensiottivi, solven-gel e tutte le combinazioni di Wolbers nelle puliture di superfici policrome con ottimi risultati.


Jole Marcuccio
Registrato Offline
Replica: 11 - 29
cultural
Marzo 3, 2005, 10:53am Report to Moderator
Restauratore Conservatore
Utente recente
Posts: 10
Location: Ancona
Sono felice che emergano i risultati di tante esperienze!
Vedo che dubbi e divergenze non mancano, ma possiamo approfondire.
Prima di tutto, è vero che il tensioattivo in questione è molto basico, qualcuno sa di come è possibile "neutralizzarlo"?
Grazie a Rossella Croce che ha definito le caratteristiche dei tensioattivi, cosa indispensabile prima ancora di parlarne.
Personalmente sono interessata a raccogliere esperinze sull'uso di C 2000 sia per  i materiali lapidei che per le superfici pittoriche su tela o supporto ligneo. Quali i problemi riscontrati? Quali danni può provocare e quali vantaggi?
Grazie e a presto!


    ELISABETTA LUCIANI
Registrato Offline
Replica: 12 - 29
Rossella Croce
Marzo 5, 2005, 11:14pm Report to Moderator
Consulente Diagnostica e Restauratore d' Arte
Utente anziano
Posts: 537
Location: Venezia
Intanto diciamoci che, in linea teorica, il contrad 2000 è un tensioattivo anionico, ovvero un sapone, con pH 11-12 e che non contiene edta ( a meno che le formulazioni non vengano manomesse da qualche produttore... )Ovviamente il ph va tenuto in prima considerazione per scegliere dove e come usarlo.  Il problema sta nel dosaggio che dovrebbe essere a concentrazioni molto basse 1-2% per essere usato con sicurezza. Non ultimo vista la natura anionica andrebbe usato solo con acqua deionizzata, altra indicazione assai poco eseguita....per evitare reazioni con sali disciolti nell'acqua che possono portare a soluzione di natura non ben nota sul ( e quindi per veiocolazione dentro) al manufatto. Hai voglia poi a lamentar problemi.....personalmente non ne ho mai avuti, usando le dovute precauzioni ne in laboratorio ne sul lapideo. Quando lo utilizzo,  lo uso come consigliato da Jole, in soluzione addensata. Sinceramente non lo userei sui manufatti policromi, ma su lapidei ed intonaci con un pò di criterio può risolvere alcuni problemi, quando altri sistemi non sono attuabili. In tali casi la basicità è infatti il male minore, rispetto ad altri prodotti.Sul legno invece ho notato che è spesso un pò "strong"...anche addensato a bassissime concentrazioni


Rossella Croce
Restauratore di Beni mobili ed Architettonici
Tecnico per la diagnostica dei beni culturali  
Esperto per la Sicurezza nel settore del Restauro

Cooperativa per il Restauro S.c.p.a.- Milano
http://www.cooprestauro.net

MODERATORE SEZIONE CHIMICA E DIAGNOSTICA


Registrato Offline
Sito Replica: 13 - 29
giorgiogarabelli
Marzo 7, 2005, 1:33am Report to Moderator
Restauratore di sculture e opere lignee policrome
Utente recente
Posts: 16
Location: Torino
L'unico modo per neutralizzare il ph del C 2000 o Contrad che dir si voglia potrebbe essere quella di tamponare la soluzione con un sale basico della stessa base. (sembra un gioco di parole ma non lo è). Purtroppo non sappiamo esattamente di cosa sia composto il prodotto e pertanto non mi pare possibile neutralizzarlo; il peggior danno che provoca su superfici policrome è un fortissimo sbiancamento che a volte, e solo a volte , compare nelle zone trattate. Altre volte , se la rimozione del matreiale non è stata fatta perfettamente i residui interagiscono con vernici i protettivi; inoltre ho notato che può provocare effetti di alterazione dell'ivecchiamento delle superfici, modificando il natutrale viraggio cromatico dell'invecchiamento(legni a vista). E' in sostanza un'altra estrema ratio che non andrebbero usate a mio parere... Anche perchè sono fermamente convinto, grazie all'esperienza, che si possono utilizzare altre soluzioni molto semplici, di cui si conosce la composizione, che applicate bene offrono ottimi risultati. Ad esempio le soluzioni tamponate....
giorgio


Giorgio Garabelli
Registrato Offline
Replica: 14 - 29
Gloria Conti
Marzo 12, 2005, 1:41am Report to Moderator
Restauratore - National Archives of Scotland
Utente anziano
Posts: 97
Location: Edinburgh
L'unico contributo che posso dare in merito al Ciclododecano riguarda il "sentito dire": se non erro si dice che non sublimi completamente lasciando residui sul supporto. Non so se sia limitato al caso carta o meno.
Vediamo se trovo del materiale in proposito...


Gloria Conti
Registrato Offline
Sito Replica: 15 - 29
Rossella Croce
Marzo 20, 2005, 9:28pm Report to Moderator
Consulente Diagnostica e Restauratore d' Arte
Utente anziano
Posts: 537
Location: Venezia
Mi confermi una critica ricorrente, anche dal settore dei materiali lapidei mi giunge la stessa informazione. In quell'ambito viene utilizzato prevalentemente  come protettivo temporaneo, per la sua capacità di sublimare a temperatura ambiente. In che ambito lo usate, nel restauro della carta?


Rossella Croce
Restauratore di Beni mobili ed Architettonici
Tecnico per la diagnostica dei beni culturali  
Esperto per la Sicurezza nel settore del Restauro

Cooperativa per il Restauro S.c.p.a.- Milano
http://www.cooprestauro.net

MODERATORE SEZIONE CHIMICA E DIAGNOSTICA


Registrato Offline
Sito Replica: 16 - 29
Gloria Conti
Marzo 21, 2005, 1:33am Report to Moderator
Restauratore - National Archives of Scotland
Utente anziano
Posts: 97
Location: Edinburgh
Se non ho inteso male, credo prorpio che l'uso sia il medesimo.
Sulla carta o la pergamena (mi confermate?) viene utilizzato come schermante per inchiostri, pigmenti o media vari (immagino ci siano delle controindicazioni per media grafici polverosi, ma non mi addentro non conoscendo bene cosa starei per dire ) per operazioni per via umida, in modo da proteggere la zona per la durata del trattamento. La sublimazione poi dovrebbe far sì che tutto torni com'era allo stato precedente all'applicazione...


Gloria Conti
Registrato Offline
Sito Replica: 17 - 29
chiara
Febbraio 19, 2006, 2:35pm Report to Moderator
restauro tele, tavole, dipinti murali
Nuovo utente
Posts: 5
Location: Cantù (como)
Ho utilizzato il ciclododecano spray su una volta dipinta a secco, cinquecentesca prevalentemente  ridipinta.
L'abbiamo utilizzato per proteggere il colore dalla creta che applicavamo sulle crepe per poi consolidare con malta idraulica.
In teoria si sarebbe dovuto eliminare da sè senza lasciare traccia, ma in realtà ha lasciato aloni.
Tra l'altro non permetteva una corretta adesione della creta che si staccava ripetutamente portandosi via il ciclododecano appena spruzzato.

Chiara Arnaboldi



Chiara Casati  
Registrato Offline
Replica: 18 - 29
alessandro sidoti
Marzo 13, 2006, 2:38pm Report to Moderator
restauratore conservatore di libri e manoscritti
Posts: 399
Location: firenze
scusate non avevo fatto caso che il topic sul ciclododecano avesse avuto un seguito (non mi sono fatto inviare le repliche...)
l'uso del ciclododecano è legato alle cosiddette operazioni di fissaggio
e servirebbe a ridurre i rischi di solubilizzazione degli inchiostri in caso di operazioni umide quali lavaggio e deacidificazione
purtroppo non sono riuscito a trovare articoli che riguardassero l'argomento e l'unica cosa che ho visto sono i risultati di test di invecchiamento artificiale fatti  a patologia de libro e mai pubblicati (non lavorando lì non so spiegare perchè non siano stati pubblicati)
l'entità dell'ingiallimento dei supporti mi ha abbondantemente convinto che l'uso del ciclododecano su supporti cartacei è ancora da tenere sotto osservazione (non ho invece idea dei suppporti membranacei per quanto non ne capirei l'utilità, dopotutto nessuno laverebbe una pergamena in ogni caso...)
ciao


        
Alessandro Sidoti 
MODERATORE RESTAURO CARTA    
restauratore-conservatore di libri (pubblico)
moderatore di http://restauro-del-libro.blogspot.it/
Registrato Offline
Sito Replica: 19 - 29
Adamantio
Aprile 28, 2006, 7:48pm Report to Moderator
Dottore in Chimica - Consulente Restauro
Posts: 933
Location: Torino e Aramengo (AT)
Il ciclododecano dopo averlo sciolto in solventi idrocarburici (cicloesano, etere di petrolio) l'ho testato su diverse superfici tra cui materiale ceramico, intonaco, pietra e vetro.
Dopo un mese circa dall'applicazione è ancora presente su tutte le superfici, anche sul vetro che apparentemente sembrerebbe quello più facile da liberarsi.
In pratica è una cera (paraffina) a peso molecolare abbastanza basso. Non escludo che con il tempo possa sublimare completamente... in ogni caso è un processo lungo (soprattutto d'inverno, l'estate forse permetterà la completa sublimazione! Ne riparliamo a settembre).

Per quanto riguarda il contrad 2000 alcuni lo definiscono "soda travestita". Misurando il pH con il mio pHametro l'indicatore si è fermato a 12,30... un pH decisamente elevato. Viene consigliato anche dai produttori di usarlo diluito (anche se spesso i restauratori lo usano puro) ma anche diluendolo di 10 volte si otterebbe comunque un pH ancora al di sopra dell'11  poichè la scala dei pH è logaritmica. Diciamocelo, al di la del potere solubilizzante dei tensioattivi quello che realmente lavora è il pH e basta provare a lavorare con tensioattivi non ionici per scoprire quanto sia intenso il fattore pH.
"Contrad 2000" comunque è un nome commerciale quindi non credo che vi possano essere molte variazioni nella composizione (è come dire Nutella, la Nutella è sempre Nutella) tuttavia sappiamo dall'etichetta e dalla scheda tecnica che contiene tensioattivi anionici e non ionici a cui potrebbero anche essere aggiunti altri additivi minoritari (tra i quali non escluderei a priori l'EDTA). Neutralizzarlo non dovrebbe in teoria essere difficile basta addizionarlo a un buffer a ph neutri qualsiasi. Sotto un certo pH il tensioattivo si protona perdendo la sua caratteristica struttura e la sua efficacia...
attenzione perchè con procedimenti simili vengono introdotti sali solubili quindi soprattutto se si sta parlando di lapideo o di murature potrebbero insorgere dei problemi, risolvibili, se possibile, con un prolungato lavaggio con acqua distillata.  


Marco NICOLA
MODERATORE AREA AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

Conservation Scientist - Diagnosta dei Beni Culturali
Analisi chimiche, chimico-fisiche, petrografiche, biologiche... e ricerche per lo Studio, la Conservazione e il Restauro del Patrimonio Artistico
sito: http://www.adamantionet.com

Registrato Offline
Sito Replica: 20 - 29
Rossella Croce
Novembre 12, 2006, 10:14am Report to Moderator
Consulente Diagnostica e Restauratore d' Arte
Utente anziano
Posts: 537
Location: Venezia
Rispetto all'uso di contrad adeguatamente diluito nella pulitura di superfici lapidee esterne, non ho mai registrato problemi a posteriori di un intervento, ovviamente se usato nella corretta maniera e localizzato ad alcune zone. So invece di colleghi restauratori che ne abusano, soprattutto nella diluizione e ritengo che ciò sia alquando rischioso.
Rispetto alla dose generalmente consigliata nelle schede tecniche, 4-5% ritengo che un 2% sia piu che sufficiente.  Non applicherei il contrad abitualemnte,ma in determinate situazioni può risolvere problemi che richiederebbero utilizzo di prodotti piu aggressivi. Nel caso in cui sia il minor male, credo la scelta possa casere liberamente su esso.

Mi sorge una domanda....c'è ancora qualcuno che pulisce le superfici lapideee con acqua non deionizzata???? Mi sembra assurdo solo pensarlo possibile.


Rossella Croce
Restauratore di Beni mobili ed Architettonici
Tecnico per la diagnostica dei beni culturali  
Esperto per la Sicurezza nel settore del Restauro

Cooperativa per il Restauro S.c.p.a.- Milano
http://www.cooprestauro.net

MODERATORE SEZIONE CHIMICA E DIAGNOSTICA


Registrato Offline
Sito Replica: 21 - 29
eadg
Giugno 27, 2007, 10:18pm Report to Moderator
imprenditore
Utente anziano
Posts: 84
vorrei fare solo alcune considerazioni:

1° il prodotto in questione, lo abbiamo capito tutti, è il CONTRAD 2000, il C2000 è una abbreviazione per specialisti ma preferisco i nomi chiari ed estesi che non generano equivoci.

2° perchè voler neutralizzare questo tensioattivo quando ce ne sono altri che sono già neutri?

3° ... forse è perchè pulisce bene! sicuramente l'idrossido di potassio che contiene una buona mano nella pulitura la da certamente ...

4° esistono in commercio tensioattivi con caratteristiche analoghe ma senza idrossido di potassio e con pH meno basici

5° certamente non contiene EDTA (a meno che le formulazioni non vengano manomesse da qualche produttore [cit. rossella croce]) cosa vuole dire? non capisco.
Il produttore del contrad 2000 è uno solo. Gli altri sono distributori. E che interesse possono avere nel manipolare aggiungendo edta al contrad 2000? se così fosse, cosa che per'altro non è vietata, il prodotto finale non potrebbe assolutamente più chiamarsi contrad 2000 ma prenderebbe un'altro nome.


arch. edoardo rosaz
Registrato Offline
Replica: 22 - 29
Rossella Croce
Luglio 13, 2007, 7:42pm Report to Moderator
Consulente Diagnostica e Restauratore d' Arte
Utente anziano
Posts: 537
Location: Venezia
Semplicemente che non contiene EDTA, ovvero, che non mi risulta che sia in commercio addizionato ad edta sotto nessun  nome commerciale.

Credo che il largo utilizzo del Contrad nel restauro derivi prevalentemente dalla facile reperibilità e basso costo, che lo fa ritenere vantaggioso rispetto ad altre soluzioni chimicamente migliori, ma meno  economiche.

Secondo me, nessun prodotto va demonizzato a priori: visto uno  specifico contesto, il budget a disposizione ed essendo sicuri di  utilizzarlo  adeguatamente, penso esistano casistiche in cui può trovare ancora il suo spazio.



Rossella Croce
Restauratore di Beni mobili ed Architettonici
Tecnico per la diagnostica dei beni culturali  
Esperto per la Sicurezza nel settore del Restauro

Cooperativa per il Restauro S.c.p.a.- Milano
http://www.cooprestauro.net

MODERATORE SEZIONE CHIMICA E DIAGNOSTICA


Registrato Offline
Sito Replica: 23 - 29
eadg
Luglio 13, 2007, 10:39pm Report to Moderator
imprenditore
Utente anziano
Posts: 84
Certamente, demonizzare qualche prodotto in particolare è l'ultimo dei miei pensieri. Al massimo posso demonizzare l'utilizzo che di alcuni prodotti si fa, non il prodotto (che di per se non è nè buono nè cattivo, ha solo delle specifiche caratteristiche che devono essere ben conosciute e valutate in fase d'uso). saluti.


arch. edoardo rosaz
Registrato Offline
Replica: 24 - 29
laguna
Luglio 15, 2007, 2:23pm Report to Moderator
studente - restauratore
Utente Attivo
Posts: 36
ciao a tutti,
in merito al ciclododecano (spray o da solubilizzare) vorrei farvi partecipe delle mie esperienze.
L'ho usato spesso sulle carte per fermare prima dei lavaggi inchiostri PARZIALMENTE sensibili all'acqua. Su inchiostri fortemente sensibili il ciclododecano, per essere efficace,  deve essere applicato in maniera molto penetrante (ossia liquido, ad alta concententrazione e mediante l'apporto di temperatura) cosa che ritarda, ovviamente, la sublimanzione portandola a tempi davvero lunghi (mesi).
la sublimazione  Ã¨ in funzione della temperatura esterna e soprattutto della ventilazione.
A logica io sconsiglierei l'applicazione su supporti altamente porosi o che possano avere un iterazione con i solventi alifati in cui è solubilizzato il ciclododecano.


sara rossotti

Registrato Offline
Replica: 25 - 29
laguna
Luglio 15, 2007, 2:37pm Report to Moderator
studente - restauratore
Utente Attivo
Posts: 36
devo correggermi: non è corretto dire "supporti che interagiscono con i solventi alifatici" in quanto mi risulta che il ciclododecano si solubilizzi in genere in idrocarburi (etere e cicloesano). scusate.


sara rossotti

Registrato Offline
Replica: 26 - 29
cristianap
Febbraio 14, 2010, 11:59am Report to Moderator
restauro affreschi e scuture policrome
Nuovo utente
Posts: 5
Location: FIRENZE
ho usato il ciclododecano spray su mezzo-fresco per isolare prima di operazioni di stuccatura e ho notato che lasciava residui.
mi hanno detto altre restauratrici che in questi casi è opportuno usarlo in forma liquida.


[/face][face=Verdana][color=green][/color]
Cristiana Pari
Registrato Offline
Skype Replica: 27 - 29
domenicopentangelo
Marzo 25, 2010, 8:17pm Report to Moderator
Studente e pittore
Nuovo utente
Posts: 3
Location: Corbara (SA)
Salve a tutti.
Sono studente dell'accademia di belle arti di napoli al corso di pittura.

Vorrei chiedervi della composizione chimica dell'olio di lino chiarificato.

Vi ringrazio anticipatamente.


Domenico
Pentangelo
Registrato Offline
Replica: 28 - 29
Clelia
Giugno 6, 2010, 4:43pm Report to Moderator
Nuovo utente
Posts: 1
salve a tutti, mi inserisco per chiedere consiglio su un'emulsione per la pulitura dello strato pittorico e di uno strato di argento meccato.
pensavo di miscelare il tween20 nella gomma di xantano e miscelare il tutto nel D-limonene.
può funzioanre e soprattutto creare problemi allo strato pittorico?
il supporto è in cuoio.
grazie

Clelia Tirocchi
Registrato Offline
Replica: 29 - 29
2 Pagine 1 2 Tutti Raccommanda Thread
Print

Forum Restauro e Conservazione    DIAGNOSTICA    Chimica per il restauro  ›  Solventi e restauro

Valutazione del tema
Non esiste attualmente alcuna valutazione
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE