Benvenuto, Ospite. Dicembre 8, 2019, 8:41am Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    RESTAURO DIPINTI    Consolidamento supporto  ›  Restauro dipinto su rame Moderatori: cinnabarin
Utenti presenti
No Members e 2 Ospiti

Restauro dipinto su rame  (attualmente 21,884 viste) Print
2 Pagine « 1 2 Tutti Raccommanda Thread
Micolmz
Gennaio 17, 2009, 10:43am Report to Moderator
Nuovo utente
Posts: 2
Salve, sono una studentessa universitaria ed ho una curiosità.
Quali tipi di indagini non invasive ed invasive posso effettuare su un dipinto su rame per darne una datazione e per verificare se la base è veramente di Rame?
Ed anche che tipo di preparazione veniva effettuata sul rame prima di stendere la pellicola pittorica?
Grazie

Micol Meazzi
Registrato Offline
Replica: 15 - 22
Adamantio
Gennaio 17, 2009, 11:36am Report to Moderator
Dottore in Chimica - Consulente Restauro
Posts: 933
Location: Torino e Aramengo (AT)
Secondo me con una buona indagine non invasiva con XRF portatile potresti dire già moltissimo.

Metallo: verifichi se è rame, oppure ottone oppure cos'è

Pigmenti: puoi avere ottime indicazioni (anche se in alcuni casi non conclusive); in particolare la presenza di zinco o titanio nei bianchi o di altri metalli caratteristici negli altri pigmenti ti può aiutare a datare l'opera e a verificarne l'autenticità (nel caso fosse dubbia).

Altre analisi non invasive consigliate:
-riflettografia falso colore (potenzia l'XRF aiutandoti ad identificare le campiture dei pigmenti)
-raman (ti può aiutare a perfezionare il dato ottenuto con XRF dandoti risultati univocamente correlabili ad uno specifico pigmento).

Per identificare la preparazione del rame credo che sia opportuno operare un'analisi su un microprelievo.
Dovessi farla io sceglierei una pirolisi-gascromatografia/spettrometria di massa (per vedere se ci sono, come probabile, sostanze organiche e poterle identificare in modo dettagliato). Può anche essere utile un FT-IR per vedere eventuali tipologie di cariche inorganiche (gesso, carbonati, ecc...) e per avere una prima identificazione della famiglia di appartenenza delle sostanze organiche (proteine, resine terpeniche, lipidi, ecc...)

Se vuoi approfondire ulteriormente e hai la possibilità di effettuare campioni può anche essere interessante una microstratigrafia magari abbinata a microscopia elettronica. I dati che ottieni possono essere utili soprattutto se dovessi paragonare l'opera con altre di autore noto e di cui puoi disporre di dati simili.


Marco NICOLA
MODERATORE AREA AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

Conservation Scientist - Diagnosta dei Beni Culturali
Analisi chimiche, chimico-fisiche, petrografiche, biologiche... e ricerche per lo Studio, la Conservazione e il Restauro del Patrimonio Artistico
sito: http://www.adamantionet.com

Registrato Offline
Sito Replica: 16 - 22
Micolmz
Gennaio 18, 2009, 6:57pm Report to Moderator
Nuovo utente
Posts: 2
La ringrazio infinitamente mi è stato di grande aiuto. Le auguro una buona settimana.

Micol Meazzi
Registrato Offline
Replica: 17 - 22
fede1988
Gennaio 6, 2010, 2:31pm Report to Moderator
Nuovo utente
Posts: 3
Ciao Jole, io devo dipingere una lastra di rame con colori ad olio... volevo sapere la preparazione adeguata della lastra prima di essere dipinta...
come si usa il fegato di zolfo??
grazie mille attendo la tua risposta...



                                                                       Federico Lombardi
Registrato Offline
Replica: 18 - 22
onagro
Gennaio 14, 2010, 2:56pm Report to Moderator
restauratore
Nuovo utente
Posts: 9
Location: rimini
Anticamente si usava preparare la superficie da dipingere su rame semplicemente usando uno spicchio di aglio.
Oppure fiele di bue.
Oppure latte (bianco) di fico.
Una lastra di rame si vede bene, con un minimo di esperienza, semplicemente guardandola da dietro...
Saluti.
Alberto


alberto suzzi restauri generali rimini
asuzzi@gmail.com
339 1828998
Registrato Offline
Windows Live Messenger Replica: 19 - 22
fede1988
Gennaio 14, 2010, 3:41pm Report to Moderator
Nuovo utente
Posts: 3
Io sapevo che prima andava carteggiata bene ,poi se uno desiderava imbrunirla si usava il fegato di zolfo(solfuro di potassio), successivamente veniva passato l aglio.
Però dici che così il colore rimane attaccato???

                                                     Lombardi Federico
Registrato Offline
Replica: 20 - 22
onagro
Gennaio 15, 2010, 3:52pm Report to Moderator
restauratore
Nuovo utente
Posts: 9
Location: rimini
Non solo i colori restano attaccati, ma l'intera opera (se usi l'aglio) prenderà tutt'un altro sapore...
Ciao.


alberto suzzi restauri generali rimini
asuzzi@gmail.com
339 1828998
Registrato Offline
Windows Live Messenger Replica: 21 - 22
fede1988
Gennaio 15, 2010, 9:49pm Report to Moderator
Nuovo utente
Posts: 3
Grazie mille ...Sei stato proprio di grande aiuto!!!



                                         Lombardi Federico
Registrato Offline
Replica: 22 - 22
2 Pagine « 1 2 Tutti Raccommanda Thread
Print

Forum Restauro e Conservazione    RESTAURO DIPINTI    Consolidamento supporto  ›  Restauro dipinto su rame

Valutazione del tema
Non esiste attualmente alcuna valutazione
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE