Benvenuto, Ospite. Ottobre 20, 2019, 3:55am Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    RESTAURO DIPINTI    Consolidamento supporto  ›  supporti per affreschi strappati Moderatori: cinnabarin
Utenti presenti
No Members e 1 Ospiti

supporti per affreschi strappati  (attualmente 9,879 viste) Print
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
Jole Marcuccio
Marzo 17, 2005, 2:03pm Report to Moderator
Restauratrice dipinti, scultura lignea, affreschi
Utente anziano
Posts: 441
Location: Bergamo
Sto cercando notizie sui supporti per strappi di affresco.

Si usano gli stessi supporti sia per affreschi, sia per mosaici?
I pannelli commercializzati oggi, composti da fibra di vetro e struttura interna a nido d'ape  in alluminio, sono validi o presentano delle controindicazioni?
esistono altri tipi di strutture lamellari?
Cos'è la cadorite? viene venduta in fogli dello spessore di 10 mm. qualcuno di voi l'ha usata?

intanto grazie



Jole Marcuccio
Registrato Offline
Acheropita
Marzo 18, 2005, 11:34am Report to Moderator
Restauratrice dipinti ed affreschi
Nuovo utente
Posts: 3
Location: Firenze
ciao Jole,
non conosco la cadorite, ma ho iniziato ad usare l aereolam quindici anni fa come supporto di mosaici strappati,  l'ho utilizzato anche per lastre di marmo sempre rotte in vari pezzi.  ( una lastra in questione è esposta da 10 anni in Piazza Beccaria a Firenze,  ed è sottoposta a grandi escursioni termiche, soprattutto nel periodo estivo, ed essendo una lastra inserita esattamente tra altre tre, ho avuto modo di appurare nel tempo, che il supporto non ha avuto grosse dilatazioni). L'unica cosa è che come colla ho sepre usato delle resine epossidiche che non so quanto possano essere compatibili con gli affreschi....mi informerò sulla cadorite.... a presto


Barbara Bersellini
Registrato Offline
Replica: 1 - 14
Ros
Marzo 19, 2005, 10:56am Report to Moderator
restauro dipinti /cornici /sculture lignee
Utente medio
Posts: 26
Location: Benevento
Ho adoperato la cadorite in due diverse occasioni come strato d’intervento reversibile per la costruzione di nuovi supporti a sandwich per pitture murali staccate ed in frammenti.
Si tratta di fogli di cloruro di polivinile espanso a cellula chiusa (se non ricordo male) costituiti cioè da piccole cellule vuote separate le une dalle altre da pareti continue per questo impermeabili ai gas  e ai liquidi. E’ un materiale abbastanza leggero, impermeabile, ignifugo, molto resistente ai microrganismi e agli agenti atmosferici (come raggi UV e umidità), solubile in acetone o rimovibile meccanicamente. Esistono fogli di diverso spessore (5-10 mm) e colore (verde, beige). Lo trovi al CTS.


Rossella Testa
Registrato Offline
Windows Live Messenger Replica: 2 - 14
cristina.
Marzo 19, 2005, 3:45pm Report to Moderator
restauro tele, tavole, affreschi
Utente medio
Posts: 27
Ciao Jole,
personalmente non ho mai usato la cadorite, ma so che viene  utilizzata, oltre che  come strato d'intervento (tra pittura e supporto), come strato intermedio in supporti a sandwich tra due facce in vetroresina.
Si tratta, come ha detto giustamente Rossela, di cloruro di polivinile espanso a cellule chiuse.
Ho fatto uso, invece,  per affreschi strappati, di supporti a sandwich, costituiti da una struttura intermedia alveolare in alluminio, chiusa da due superfici in fibra di vetro e resina epossidica, con buoni risultati.
In commercio si trovano supporti alveolari con diverse caratteristiche tecniche in rapporto a quelle dell'opera che su di essi andrà collocata.
Ciao, a presto.
M. Cristina


   
M. Cristina Catinari
Registrato Offline
Replica: 3 - 14
Jole Marcuccio
Marzo 19, 2005, 5:06pm Report to Moderator
Restauratrice dipinti, scultura lignea, affreschi
Utente anziano
Posts: 441
Location: Bergamo
grazie per i messaggi,
quindi ricapitolando, i supporti a sandwich o a struttura lamellare sono ottimi e non presentano inconvenienti.

E del backing di tela con caseinato di calcio, cosa ne pensate?


Jole Marcuccio
Registrato Offline
Replica: 4 - 14
cristina.
Marzo 20, 2005, 11:47am Report to Moderator
restauro tele, tavole, affreschi
Utente medio
Posts: 27
Il caseinato di calcio è un ottimo adesivo che ti permette di ricoesionare da retro l'affresco strappato, restituendogli nel contempo certe caratteristiche quali la consistenza, la luminosità e trasparenza, che venendo a mancare la malta di supporto, inevitabilmente perde.
Per gli stessi motivi è consigliabile il suo utilizzo anche per l'applicazione delle tele a tergo dell'opera.
Si puo' ipotizzare l'utilizzo al posto del casesinato di calcio di una resina sintetica, sia per il trattamento di ricoesione dal retro, sia per l'applicazione delle tele di supporto, ma ciò conferirebbe alla pittura un aspetto, per così dire, " gommoso " e poco naturale.
Ciao.
A presto.
M. Cristina


   
M. Cristina Catinari
Registrato Offline
Replica: 5 - 14
Jole Marcuccio
Marzo 21, 2005, 9:26am Report to Moderator
Restauratrice dipinti, scultura lignea, affreschi
Utente anziano
Posts: 441
Location: Bergamo
Grazie, era quello che pensavo circa la resina sintetica in sostituzione del caseinato


Jole Marcuccio
Registrato Offline
Replica: 6 - 14
frava
Marzo 21, 2005, 11:23pm Report to Moderator
restauratrice/insegnante
Nuovo utente
Posts: 7
Location: Arosio
il caseinato di calcio è senz'altro un ottimo materiale ma bisogna stare molto attenti alla sua concentrazione: se è troppo liquido infatti tende a penetrare e a creare indelebili sbiancamenti sulla superficie dipinta. Questo soprattutto se la materia dell'affresco è molto sottile e porosa. Anche senza usare le resine acriliche ho provato ad usare una prima stesura di caseinato d'ammonio per fissare il colore dal retro e solo in un secondo tempo incollare la tela con il caseinato di calcio. Un risultato apprezzabile lo si può avere anche usando una resina acrilica molto diluita con il solo scopo di fissare il colore ma proteggerlo al contempo da possibili passaggi di idrossido di calcio sulla pellicola pittorica.
Altro tema da non sottovalutare è quello dell'uso della tela sul retro del dipinto strappato. Se l'affresco è molto sottile la tela può segnare con la sua trama la superficie pittorica creando effetti deleteri. Ho sperimentato con buoni risultati invece sia la carta giapponese in doppio spessore sia vari tipi di tessuto non tessuto.


vanda franceschetti
Registrato Offline
Replica: 7 - 14
Jole Marcuccio
Marzo 22, 2005, 12:36pm Report to Moderator
Restauratrice dipinti, scultura lignea, affreschi
Utente anziano
Posts: 441
Location: Bergamo
Grazie di tutto,
l'acrilico diluito steso dal retro,penso tu intenda il Primal, può dare un viraggio violaceo alla pittura?
L'aggiunta di vinavil, come leggo a volte nelle relazioni di restauro, al caseinato di calcio, può presentare nel tempo delle alterazioni?

tutte queste domande, sono dovute al fatto che mi ritrovo a restaurare strappi di affresco trasportati su supporto circa 30/40 anni fa e di cui non si possiede documentazione. Il mio campo è il restauro dei dipinti su tela, tavola, metallo anche, il campo del restauro degli affreschi l'ho affrontato più volte,  ma questa è un'altra categoria di dipinto, perchè non è più affresco, ma neppure dipinto a olio o a tempera su supporto, ma è qualcosa di diverso, e mi interessano pertanto le problematiche relative al supporto.
quindi grazie ancora per ogni contributo, magari potreste consigliarmi contributi specifici apparsi in pubblicazioni?


Jole Marcuccio
Registrato Offline
Replica: 8 - 14
frava
Marzo 22, 2005, 6:05pm Report to Moderator
restauratrice/insegnante
Nuovo utente
Posts: 7
Location: Arosio
Ciao Jole,
Si per resina acrilica intendevo Primal. Se diluito correttamente, steso sul retro non dovrebbe far virare il colore, a scanso di equivoci comunque io userei del caseinato d'ammonio.
Il vinavil nel caseinato di Calcio, secondo me, non migliora le caratteristiche del materiale, anzi....


vanda franceschetti
Registrato Offline
Replica: 9 - 14
Jole Marcuccio
Marzo 23, 2005, 9:47am Report to Moderator
Restauratrice dipinti, scultura lignea, affreschi
Utente anziano
Posts: 441
Location: Bergamo
Si, questa del vinavil è una pessima abitudine. Qui a Bergamo in passato è sempre stato aggiunto alla collapasta per le foderature ( le malelingue dicono che viene usato tuttora, ovviamente se ci sono relazioni finali, in queste non se ne fa cenno), e oramai iniziamo a restaurare opere restaurate nella metà del '900 e togliere queste foderature è difficoltoso.

Questa degli strappi di affreschi trasportati su supporto è veramente un argomento interessante, in fondo si tratta di dipinti a calce su tela, montati su supporti piani, quindi si tratta di due supporti diversi che interagiscono con una stesura pittorica.


Jole Marcuccio
Registrato Offline
Replica: 10 - 14
Simona_Sajeva
Aprile 6, 2005, 8:59am Report to Moderator
Utente ospite
Buon giorno, sto cercando informazioni su alcuni tipi di pannelli di supporto per pittura deposta.
In particolare su eventuali differenze pratiche nell'impiego di pannelli con nucleo a nido d'ape oppure in birdwing. Qualcuno ha esperienze pratiche? Grazie in anticipo!
Simona
Registrato
E-mail Replica: 11 - 14
eadg
Giugno 12, 2007, 6:20pm Report to Moderator
imprenditore
Utente anziano
Posts: 84
I pannelli a nido d'ape di alluminio e rivestimento in resina sono costosi e hanno buone caratteristiche, già molto usati nel restauro. I birdwing sono realizzati con un particolare sistema alveolare a coni contrapposti in materiale plastico e rivestiti con un foglio di alluminio primerizzato, i costi sono paragonabili, questi ultimi esistono in più tipi e caratteristiche.


arch. edoardo rosaz
Registrato Offline
Replica: 12 - 14
Berta
Settembre 8, 2008, 11:55am Report to Moderator
collab. restauratore aspirante restauratore :)
Nuovo utente
Posts: 2
Location: Napoli
ciao ragazzi ho bisogno di un consiglio anche io non sò dove trovare i fogli di cadorite, anche perchè il cts non ne vende più....dove posso comprarlo?
...grazie


















Roberta Santi
Registrato Offline
Replica: 13 - 14
Daniela Paladini
Ottobre 22, 2008, 3:32pm Report to Moderator
Studente
Nuovo utente
Posts: 7
Ciao a tutti!
Gentilmente volevo avere qualche informazione sull'aereolam in particolare caratteristiche, impieghi etc. in vista di una tesi sul distacco dei dipinti murali e loro applicazione su nuovi supporti.
Vi chiedo questo dato che insieme alla mia classe abbiamo realizzato un restauro di un dipinto staccato che è stato poi applicato poi su un pannello in aereolam.
Vi ringrazio
Registrato Offline
Replica: 14 - 14
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
Print

Forum Restauro e Conservazione    RESTAURO DIPINTI    Consolidamento supporto  ›  supporti per affreschi strappati

Valutazione del tema
Non esiste attualmente alcuna valutazione
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE