Benvenuto, Ospite. Settembre 22, 2019, 12:59am Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    RESTAURO ARCHITETTONICO    Architettura  ›  qual'è il miglior consolidante per il cemento? Moderatori: admin
Utenti presenti
No Members e 2 Ospiti

qual'è il miglior consolidante per il cemento?  (attualmente 5,453 viste) Print
2 Pagine 1 2 » Tutti Raccommanda Thread
Simona Cappelli
Marzo 17, 2005, 2:17pm Report to Moderator
Conservatrice opere d´arte, prof. universitá
Utente medio
Posts: 23
Location: Varese-Santo Domingo
Per un grande edificio costruito con cemento a vista:

quale sarebbe il miglior metodo di pulitura?

e quale risulta essere il miglior consolidante idrorepellente da applicare su tutta la superficie?

E' un edificio situato in un paese tropicale, con forti presenze di funghi, alghe e licheni, causati dalla costante temperatura alta e dalla forte presenza di umidità. I tempi di degrado qui sono accellerati al 80 %.

Grazie.
Registrato Offline
admin
Marzo 21, 2005, 10:39pm Report to Moderator
Architetto
Posts: 731
Location: Palermo
Le opere in calcestruzzo di cemento armato non richiedono particolari precauzioni nelle opere di manutenzione.
I consolidanti più idonei (anche se i più cari) sono gli esteri dell'acido silicico.
Per l'idrorepellenza e/o l'impermeabilizzazione (non occorrono prodotti traspiranti) si può usare una vasta gamma di "protettivi" specifici per il cemento armato.

L'edificio ha un interesse storico ?


Sergio Tinè
Amministratore del forum

Registrato Offline
Sito Skype Replica: 1 - 24
Lampone Lorenzo
Aprile 5, 2005, 8:32pm Report to Moderator
Responsabile vendite malte premiscelate
Nuovo utente
Posts: 3
Location: Ragusa
Perchè se ha interesse storico cosa consiglia?

Lampone Lorenzo
Registrato Offline
Replica: 2 - 24
admin
Aprile 5, 2005, 9:01pm Report to Moderator
Architetto
Posts: 731
Location: Palermo
L'edificio storico canalizza, in genere, più risorse.


Sergio Tinè
Amministratore del forum

Registrato Offline
Sito Skype Replica: 3 - 24
Lampone Lorenzo
Aprile 6, 2005, 8:54pm Report to Moderator
Responsabile vendite malte premiscelate
Nuovo utente
Posts: 3
Location: Ragusa
Mi farebbe qualche esempio per favore
Grazie
Registrato Offline
Replica: 4 - 24
admin
Aprile 6, 2005, 9:42pm Report to Moderator
Architetto
Posts: 731
Location: Palermo
In un messaggio precedente parlavo degli esteri dell'acido silicico. Queste sostanze hanno una forte capacità di penetrazione ed occorre utilizzarne una certa quantità (quasi a saturazione); visto il loro costo ed il quantitativo occorrente l'utilizzo su edifici storici giustifica in qualche modo l'investimento.


Sergio Tinè
Amministratore del forum

Registrato Offline
Sito Skype Replica: 5 - 24
Architer
Maggio 11, 2005, 10:51pm Report to Moderator
Architetto-Dottore di ricerca in Conservazione
Utente anziano
Posts: 101
Location: Palermo
Perché naturalmente, Simona, per un edificio di interesse storico, i procedimenti sono conservativi della natura storica dell'opera, e del suo significato per la storia dell'architettura.
Se  é un edificio recente, di non grande qualità architettonica, si passa dalla conservazione, al recupero ed alla sostituzione, o manutenzione dell'edilizia.
Non conviene impiegare, in quel caso materiali, tecniche ed operatori dedicati, ma la semplice manodopera edilizia va più che bene.
togli i copriferri, verifica lo stato dei ferri, spazzolali o sostituiscili dove occora, ripristina i copriferri con malta non troppo porosa ( i biodeteriogeni attecchiscono solo su materiale che prende acqua). Casomai pensa ad un materiale protettivo o ad un rivestimento se l'opera non ha particolari qualità architettoniche.

Teresa Campisi


Teresa Campisi
Registrato Offline
Replica: 6 - 24
francesca.spanu
Giugno 29, 2005, 9:29pm Report to Moderator
Utente ospite
il cemento soffoca la struttura. meglio realizzare un intonaco alla calce in modo da garantirne la traspirabilità
Registrato
E-mail Replica: 7 - 24
arch_pertini
Luglio 23, 2005, 9:47pm Report to Moderator
architetto
Nuovo utente
Posts: 7
Location: Milano
Ho usato gli esteri silicei su cemento , ma non sempre si hanno buoni risultati. Senza fare pubblicità occulta secondo me esistono prodotti adatti all'edilizia storica meno complessi da applicare,   più economici ma  qualità valida. Trovo discreta la linea edilizia storica di una famosa casa per il restauro.


Arch. Maria Pertini
Registrato Offline
Replica: 8 - 24
admin
Luglio 24, 2005, 7:26am Report to Moderator
Architetto
Posts: 731
Location: Palermo
Benvenuta nel forum,
A quale "famiglia" di prodotti ti riferisci ?


Sergio Tinè
Amministratore del forum

Registrato Offline
Sito Skype Replica: 9 - 24
arch_pertini
Luglio 24, 2005, 8:14pm Report to Moderator
architetto
Nuovo utente
Posts: 7
Location: Milano
Piacere di conoscerla, forse mi sono male espressa;  mi riferivo a molti prodotti a base di esteri silicei, ma di "CONCORRENZA" rispetto alla ben nota casa produttrice  usata nel mondo del  restauro, che  mi danno buoni risultati sull'edilizia storica ed incontrano il favore delle maestarnze meno specializzate. Se non è zuppa è pan bagnato...ma far lavorare gli operai in condizioni a loropiù gradevoli a volte ho l'impressione generi migliori risultati rispetto ad utilizzare il prodotto di superiore qualità. In genere i prodotti della cir sono da loro ben graditi, dicono, poichè più semplici e veloci da applicare


Arch. Maria Pertini
Registrato Offline
Replica: 10 - 24
gian1
Settembre 28, 2005, 5:43pm Report to Moderator
architetto e Conservatore
Utente Attivo
Posts: 44
in risposta al quesito di Simona:
E´un edificio situato in un paese tropicale, con forti presenze di funghi, alghe e licheni, causati dalla costante temperatura alta e dalla forte presenza di umiditá. I tempi di degrado qui sono accellerati al 80 %.

le strutture in cemento possono essere trattate con metodologie ben rodate che provengono dalla conservazione, il processo è lo stesso (progettuale).
consolidare il cemento può essere d'aito l'uso della tecnologia del sottovuoto in profondità, in questo caso si arriva a "toccare" i ferri interni, impiego di resine consolidanti con polimero corto o della famiglia degli esteri.
trattare la superficie del cemento: c'è la presenza del biodeteriogeno, questo è un fattore da tener conto, e il solo utilizzo dei un buon prodotto idrofubo non basta.

ho recentemete applicato un prodotto nuovo con caratteristiche completamente opposte ai normali protettivi, la composizione è a base di titanio, e la caratteristica e di avere un fronte "bagnato" cioè contrario ai principi di idrofubizzazione e rilascio di ioni OH. questo comporta: un auto pulitura della superficie e l'allontanamento della presenza del biodeteriogeno. penso che per una superficie come questa, con molti problemi, questa nuova tecnica potrebbe essere applicabile.


Giancarlo Calcagno
Registrato Offline
Replica: 11 - 24
Alessandro Nicola
Maggio 5, 2006, 8:52pm Report to Moderator
Architetto e Restauratore
Utente recente
Posts: 15
il mio suggerimento potrebbe essere ingenuo ma hai provato a vedere cosa usano gli abitanti del luogo per fare manutenzione?
magari una bassa tecnologia, relativamente facile da usare per le maestranze locali dovrebbe essere preferita rispetto a composti tanto sofisticati provati solo in una fascia climatica temperata e che quindi alla lunga non garantirebbero una grande tenuta rispetto al costo.

da alcune esperienze viste in Tibet posso garantire che le maestranze locali ne sanno sempre una più del diavolo


Arch. Alessandro NICOLA

Nicola Restauri s.r.l.
Via Mazzini 8, Aramengo (Asti)
0141909125

Via Santa Giulia 65, Torino (TO)
0118122780

http://www.nicolarestauri.com
Registrato Offline
Replica: 12 - 24
eadg
Luglio 17, 2007, 9:31pm Report to Moderator
imprenditore
Utente anziano
Posts: 84
Mi riferisco a qualche messaggio qui sopra in particolare a quello dell'arch Pertini.
Non sono daccordo che sia favorevole sempre agevolare la manodopera (spesso in edilizia a bassissima o nulla specializzazione) a scapito dell'utilizzo di prodotti corretti.
Ricordo che spesso molte aziende preparado prodotti "a prova di stupido" proprio per quel tipo di manodopera ma le caratteristiche di detti prodotti di solito non sono di alto livello.
Poi non è assolutamente vero che tutti i silicati di etile (di varie aziende) sono uguali, anche a parità di apparenti caratteristiche da scheda, le performance sono diverse.
Per caso fa riferimento alle acril-siliconiche che sono nettamente diverse?
E poi quale sarebbe la famosa casa produttrice di materiali per restauro?
A me risulta che i produttori di materiali per restauro quasi non esistano, ci sono però degli ottimi formulatori e distributori. saluti.


arch. edoardo rosaz
Registrato Offline
Replica: 13 - 24
admin
Luglio 27, 2007, 9:28am Report to Moderator
Architetto
Posts: 731
Location: Palermo
... ed i formulatori diminuiscono la quantità di "residuo secco" ed aggiungono più solvente allo scopo di rendere meno caro e più commerciabile il prodotto ....


Sergio Tinè
Amministratore del forum

Registrato Offline
Sito Skype Replica: 14 - 24
2 Pagine 1 2 » Tutti Raccommanda Thread
Print

Forum Restauro e Conservazione    RESTAURO ARCHITETTONICO    Architettura  ›  qual'è il miglior consolidante per il cemento?

Valutazione del tema
Non esiste attualmente alcuna valutazione
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE