Benvenuto, Ospite. Aprile 19, 2019, 11:53am Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    DIAGNOSTICA    Tecniche di restauro innovative  ›  Nanoparticelle e restauro Moderatori: Adamantio
Utenti presenti
No Members e 1 Ospiti

Nanoparticelle e restauro  (attualmente 21,665 viste) Print
2 Pagine 1 2 » Tutti Raccommanda Thread
Rossella Croce
Marzo 29, 2005, 10:48am Report to Moderator
Consulente Diagnostica e Restauratore d' Arte
Utente anziano
Posts: 537
Location: Venezia
Sul numero 5 della rivista Darwin è apparso un articolo sull'uso delle  nanoparticelle nel restauro. L' articolo, redatto da Baglioni, Carretti, Dei , Ferroni, Giorgi tratta le sperimentazioni effettuate per lo più a Firenze sulla Capella Brancacci (ma non solo) di microemulsioniolio-acqua per la pulitura e di nanoparticelle di Ca(OH)2 nel consolidamento. Nanoparticelle di  Mg(OH)2 sono state usate invece per la deacidificazione della carta.  Qualcuno, ha avuto modo di affrontare questo tema o di assistere a queste sperimentazioni e vuole esprimerem un parere?


Rossella Croce
Restauratore di Beni mobili ed Architettonici
Tecnico per la diagnostica dei beni culturali  
Esperto per la Sicurezza nel settore del Restauro

Cooperativa per il Restauro S.c.p.a.- Milano
http://www.cooprestauro.net

MODERATORE SEZIONE CHIMICA E DIAGNOSTICA


Registrato Offline
Sito
alessandro sidoti
Aprile 1, 2005, 1:26pm Report to Moderator
restauratore conservatore di libri e manoscritti
Posts: 399
Location: firenze
stiamo per iniziare a sperimentare le nanoparticelle per la deacidificazione della carta... purtroppo ancora non sono disponibili in commercio... l'unica fonte possibile è l'università di firenze da cui vengono i ricercatori dell'articolo
p.s. c'è un thread nella mia sezione   in cui più che altro mi sembra che ci sia gente interessata ma nessuno che conosca il metodo. purtroppo non ho ancora messo mano sulla dispersione e quindi non l'ho ancora provata.
ti farò sapere
se serve l'articolo... ce l'ho nel gruppo di posta e te lo posso spedire
ciao Ale


        
Alessandro Sidoti 
MODERATORE RESTAURO CARTA    
restauratore-conservatore di libri (pubblico)
moderatore di http://restauro-del-libro.blogspot.it/
Registrato Offline
Sito Replica: 1 - 28
Rossella Croce
Aprile 11, 2005, 8:01pm Report to Moderator
Consulente Diagnostica e Restauratore d' Arte
Utente anziano
Posts: 537
Location: Venezia
Se qualche forumista ha partecipato al convegno sulle nanotecnologie gli sarei grata se volesse scrivere un piccolo abstract in questo forum


Rossella Croce
Restauratore di Beni mobili ed Architettonici
Tecnico per la diagnostica dei beni culturali  
Esperto per la Sicurezza nel settore del Restauro

Cooperativa per il Restauro S.c.p.a.- Milano
http://www.cooprestauro.net

MODERATORE SEZIONE CHIMICA E DIAGNOSTICA


Registrato Offline
Sito Replica: 2 - 28
Umberto Bino
Febbraio 24, 2006, 5:57pm Report to Moderator
Nuovo utente
Posts: 1
Le nanoparticelle stanno iniziando ad avere una certa diffusione ed  a suscitare un certo interesse anche in Italia, soprattutto l'ossido di titanio (TIO2) nanomolecolare e  fotocatalitico che sostenzialmente presenta quattro importanti qualità:  è un potente ossidante (decompone molecole semplici organiche, Nox, Sox, benzene per cui viene usato per combattere il fenomeno dell'inquinamento ambientale urbano, è iperidrofilo (le gocce d'acqua tendono ad appiattirsi formando un velo sulla superficie dove è applicato, rimuovendo le sostanze organiche, (smog), è un potente battericida (evita il formarsi di funghi e muffe)  e decompone la maggior parte di odori organici.
il Giappone è la nazione all'avanguardia in queste tecnologie ed il TIO2 viene applicato già da una decina d'anni sulle facciate esterne (cls, vetri pannelli in alluminio o accciaio) come protettivo autopulente.
La tecnica di applicazione più usata è a spray  con una particolare attrezzatura (essendo l'ossido di titanio, in sospensione in una soluzione liquida).
Recentemente il dipartimento di nanotecnologie dell'Università di Lecce  ha sperimentato l'applicazione del TIO2 col metodo sol-Gel sulla pietra leccese in collaborazione con la Soprintendenza ai monumenti di Lecce.  
Registrato Offline
Replica: 3 - 28
Rossella Croce
Marzo 22, 2006, 9:21pm Report to Moderator
Consulente Diagnostica e Restauratore d' Arte
Utente anziano
Posts: 537
Location: Venezia
E' possibile reperire qualche pubblicazione sulla sperimentazione che cita? può segnalarcela?


Rossella Croce
Restauratore di Beni mobili ed Architettonici
Tecnico per la diagnostica dei beni culturali  
Esperto per la Sicurezza nel settore del Restauro

Cooperativa per il Restauro S.c.p.a.- Milano
http://www.cooprestauro.net

MODERATORE SEZIONE CHIMICA E DIAGNOSTICA


Registrato Offline
Sito Replica: 4 - 28
Studio Restauro
Marzo 29, 2006, 11:34am Report to Moderator
restauratore arredi e strutture lignee
Utente anziano
Posts: 80
Location: torino
Mi introduco per la coincidenza di essere in questo periodo a Firenze a frequentare una scuola di specializzazione in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali; mi occupo da tempo di materiali e metodi per il restauro e sto cercando anch'io letteratura sull'argomento in questione che mi pare di grande interesse.
La "dispersione" in alcool di particelle comprese tra nm e micron determina la possibilità di aumentare la concentrazione di idrossido di calcio, migliorando significativamente le condizioni applicative e l'efficacia del sistema con acqua di calce. In tal modo si ottengono buoni risultati, competitivi con le altre metodologie, utilizzando però lo stesso materiale inorganico presente sul supporto. L'applicazione è a pennello interponendo carta giapponese.
Proverò a recuperare i dettagli e i riferimenti bibliografici.

Alessandro Bazzacco


Riccardo Bulgarelli
Registrato Offline
Sito Replica: 5 - 28
Rossella Croce
Aprile 26, 2006, 9:37pm Report to Moderator
Consulente Diagnostica e Restauratore d' Arte
Utente anziano
Posts: 537
Location: Venezia
Citato da riccardo_bulgarelli
Mi introduco per la coincidenza di essere in questo periodo a Firenze a frequentare una scuola di specializzazione in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali; mi occupo da tempo di materiali e metodi per il restauro e sto cercando anch'io letteratura sull'argomento in questione che mi pare di grande interesse.
La "dispersione" in alcool di particelle comprese tra nm e micron determina la possibilità di aumentare la concentrazione di idrossido di calcio, migliorando significativamente le condizioni applicative e l'efficacia del sistema con acqua di calce. In tal modo si ottengono buoni risultati, competitivi con le altre metodologie, utilizzando però lo stesso materiale inorganico presente sul supporto. L'applicazione è a pennello interponendo carta giapponese.
Proverò a recuperare i dettagli e i riferimenti bibliografici.

Alessandro Bazzacco



Hai avuto modo di osservare direttamente l'applicazione? O la stessa dopo un certo tempo? Hai notato sbiancamenti?


Rossella Croce
Restauratore di Beni mobili ed Architettonici
Tecnico per la diagnostica dei beni culturali  
Esperto per la Sicurezza nel settore del Restauro

Cooperativa per il Restauro S.c.p.a.- Milano
http://www.cooprestauro.net

MODERATORE SEZIONE CHIMICA E DIAGNOSTICA


Registrato Offline
Sito Replica: 6 - 28
Adamantio
Aprile 30, 2006, 1:24am Report to Moderator
Dottore in Chimica - Consulente Restauro
Posts: 933
Location: Torino e Aramengo (AT)
Segnalo, se può essere utile, che a breve ci sarà a Genova un seminario riguardante nanotecnologie e biotecnologie

La Fondazione per le Biotecnologie, in collaborazione con IGIIC, e con il finanziamento del Comitato Nazionale per la Biosicurezza e le Biotecnologie (Presidenza del Consiglio dei Ministri) organizza un ciclo di Seminari sul tema delle Biotecnologie, Biologia e Nanotecnologie applicate alla Conservazione dei Beni Culturali, a cui seguiranno due incontri tecnici con pratica di laboratorio (in data ancora da destinarsi).


I primi due incontri (con lo stesso programma, ripetuto nelle due sedi diverse)averranno:


06 Giugno 2006    GENOVA    presso  ARCHIVIO DI STATO


07 Giugno 2006    ROMA        presso ACCADEMIA NAZIONALE DI SAN LUCA


I prossimi incontri, che avverranno in Autunno, verranno probabilmente svolti a Milano e Firenze;  le date e le sedi sono in fase di definizione e verranno comunicate il prima possibile.

il sito di riferimento è http://www.igiic.org/?p=78 dove ci son informazioni riguardanti iscrizione e programma


Marco NICOLA
MODERATORE AREA AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

Conservation Scientist - Diagnosta dei Beni Culturali
Analisi chimiche, chimico-fisiche, petrografiche, biologiche... e ricerche per lo Studio, la Conservazione e il Restauro del Patrimonio Artistico
sito: http://www.adamantionet.com

Registrato Offline
Sito Replica: 7 - 28
Rossella Croce
Maggio 23, 2006, 5:44pm Report to Moderator
Consulente Diagnostica e Restauratore d' Arte
Utente anziano
Posts: 537
Location: Venezia
Spero di poter partecipare al convegno e di potervi riportare nuove informazioni...al momento la vedo difficile poichè sono molto impegnata. Vi farò sapere


Rossella Croce
Restauratore di Beni mobili ed Architettonici
Tecnico per la diagnostica dei beni culturali  
Esperto per la Sicurezza nel settore del Restauro

Cooperativa per il Restauro S.c.p.a.- Milano
http://www.cooprestauro.net

MODERATORE SEZIONE CHIMICA E DIAGNOSTICA


Registrato Offline
Sito Replica: 8 - 28
rosellina
Ottobre 12, 2006, 3:58pm Report to Moderator
laureanda in restauro pittorico
Nuovo utente
Posts: 1
NO
Registrato Offline
Replica: 9 - 28
Rossella Croce
Ottobre 12, 2006, 4:56pm Report to Moderator
Consulente Diagnostica e Restauratore d' Arte
Utente anziano
Posts: 537
Location: Venezia
Benvenuta Rosellina,
non ho compreso il significato del tuo messaggio. Sei in difficoltà nell'inserimento delle tue repliche?
Contattami pure per qualsiasi chiarimento. Ti ho inviato un messaggio privato con le indicazioni per completare la tua firma e per accedere correttamente al forum


Rossella Croce
Restauratore di Beni mobili ed Architettonici
Tecnico per la diagnostica dei beni culturali  
Esperto per la Sicurezza nel settore del Restauro

Cooperativa per il Restauro S.c.p.a.- Milano
http://www.cooprestauro.net

MODERATORE SEZIONE CHIMICA E DIAGNOSTICA


Registrato Offline
Sito Replica: 10 - 28
Edgardo Pinto Guerra
Dicembre 2, 2006, 4:56pm Report to Moderator
Consulente risanamento murature storiche dal 2003
Posts: 252
Location: Studio consulenza risanamento muri
Che fine hanno fatto le naneparticelle - per l'inserimento di calce?? Prego, notizie, notizie . . .



Edgardo Pinto Guerra. http://www.consultingepg.com
Consulente risanamento
Autore del volume "Risanamento di murature umide umide e degradate"
epg@consultingepg.com
Registrato Offline
Sito Replica: 11 - 28
Rossella Croce
Dicembre 5, 2006, 4:57pm Report to Moderator
Consulente Diagnostica e Restauratore d' Arte
Utente anziano
Posts: 537
Location: Venezia
Non ho ulteriori aggiornamenti al momento, tranne che si sta attualmente discutendo sulla tossicità legata a questi materiali, sia nel settore del restauro che in altri.


Rossella Croce
Restauratore di Beni mobili ed Architettonici
Tecnico per la diagnostica dei beni culturali  
Esperto per la Sicurezza nel settore del Restauro

Cooperativa per il Restauro S.c.p.a.- Milano
http://www.cooprestauro.net

MODERATORE SEZIONE CHIMICA E DIAGNOSTICA


Registrato Offline
Sito Replica: 12 - 28
Jole Marcuccio
Dicembre 8, 2006, 12:46pm Report to Moderator
Restauratrice dipinti, scultura lignea, affreschi
Utente anziano
Posts: 441
Location: Bergamo
interessante.
Se posso chiedere, chi le fornisce a Firenze? cha costo hanno? puoi spiegare meglio l'impacco finale con acqua condizionata con sali di ca? sai se l'efficacia è maggiore dell'acqua di calce con l'aggiunta dell'1% di Urea?


Jole Marcuccio
Registrato Offline
Replica: 13 - 28
mutsymina
Gennaio 17, 2007, 10:49pm Report to Moderator
studentessa universitaria
Nuovo utente
Posts: 6
Location: Firenze
Salve a tutti! Sono nuova del forum
Studio all'Università di Firenze: ho conseguito la laurea triennale in Tecnologia per la Conservazione e il Restauro dei Beni Culturali e adesso ho fatto un passaggio di corso alla LS in Chimica dell'Ambiente e dei Beni Culturali.
Il CSGI (dipartimento di Chimica, università di Firenze, Sesto Fiorentino) svolge ricerche sull'applicazione delle nanoparticelle in vari campi, tra cui la deacidificazione della carta, il consolidamento di steli, quello del legno.
Quindi penso che vi possiate mettere in contatto con loro e approfondire le ricerche!(hanno anche un sito internet http://www.csgi.unifi.it)
Spero di esservi stata utile!



Virginia Mazzini

Registrato
Replica: 14 - 28
2 Pagine 1 2 » Tutti Raccommanda Thread
Print

Forum Restauro e Conservazione    DIAGNOSTICA    Tecniche di restauro innovative  ›  Nanoparticelle e restauro

Valutazione del tema
Non esiste attualmente alcuna valutazione
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE