Benvenuto, Ospite. Gennaio 17, 2020, 4:41pm Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    ALTRI SETTORI    Restauro ligneo  ›  il bisturi Moderatori: cinnabarin
Utenti presenti
No Members e 2 Ospiti

il bisturi  (attualmente 12,974 viste) Print
2 Pagine « 1 2 Tutti Raccommanda Thread
Jole Marcuccio
Aprile 15, 2005, 7:32am Report to Moderator
Restauratrice dipinti, scultura lignea, affreschi
Utente anziano
Posts: 441
Location: Bergamo
è una semplice rete di ottone molto sottile, pertanto flessibile.

la pelle di pescecane (che può essere anche  di ventresca se il pescecane è protetto) è sempre stata usata in antico, è riportata in tutti i ricettari, ha una grana molto sottile , oggi è stata sostituita da carte abrasive all'alluminio molto sottili che per ovvi motivi una volta non esistevano. Una curiosità veniva usata anche dalle donne per depilare le gambe.


Jole Marcuccio
Registrato Offline
Replica: 15 - 23
oriana
Aprile 15, 2005, 1:24pm Report to Moderator
restauratrice opere lignee,doratura e cornici
Utente Attivo
Posts: 43
Location: imperia
Grazie della spiegazione, anche oggi ho imparato qualcosa di nuovo.




oriana sasso
Registrato Offline
Replica: 16 - 23
Rossella Croce
Aprile 16, 2005, 8:36am Report to Moderator
Consulente Diagnostica e Restauratore d' Arte
Utente anziano
Posts: 537
Location: Venezia
non so dove puoi trovare le telina nella tua regione, puoi provare dai fornitori di reti per giardino e affini o dai fornitori di filtri per...motori!  ce ne sono di mille tipi, con il reticolo dove l'unità della rete può andare da diversi centimetri a frazioni di millimetro, ce ne sono in ferro, ottone o alluminio (sconsiglio vivamente la plastica) Perchè usare diversi materiali? Ne cambia la flessibilità  a seconda dell'uso che ne devi fare . L'apertura della cella ne determina invece la grana. fine o grossa, ovvero asporta di più o di meno. Dalla finezza della tela inoltre dipende la quantità di "righe" che lasci sul supporto" Ottimi tutti gli altri metodi, a mio avviso, a seconda del caso ne scelgo uno per l'altro. per le superfici un pò più ampie e piane uso le biette, di varie misure, al posto dei tappi di sughero, in particolare dnel restauro ligneo.  Anche lil panno di  microfibra dà buoni risultati, bagnata in alcuni casi, se non ...pelosa!


Rossella Croce
Restauratore di Beni mobili ed Architettonici
Tecnico per la diagnostica dei beni culturali  
Esperto per la Sicurezza nel settore del Restauro

Cooperativa per il Restauro S.c.p.a.- Milano
http://www.cooprestauro.net

MODERATORE SEZIONE CHIMICA E DIAGNOSTICA

Registrato Offline
Sito Replica: 17 - 23
oriana
Aprile 16, 2005, 11:36am Report to Moderator
restauratrice opere lignee,doratura e cornici
Utente Attivo
Posts: 43
Location: imperia
Grazie Rossella, lunedì vado a cercare la telina, sono aperta alle novità e mi entusiasmano anche le piccole cose...poi vi farò sapere come è andata!!!!!!
Grazie ancora.
Oriana


oriana sasso
Registrato Offline
Replica: 18 - 23
Studio Restauro
Aprile 20, 2005, 9:01pm Report to Moderator
restauratore arredi e strutture lignee
Utente anziano
Posts: 80
Location: torino
il mio amatissimo maestro, piemontese, consigliava di bruciare la "telina" per rimuovere la verniciatura.
Così facendo la capacità "asportante"  aumentava.
La piegava per adattarla alla forma desiderata e usava "mano leggera".


Riccardo Bulgarelli
Registrato Offline
Sito Replica: 19 - 23
oriana
Aprile 23, 2005, 8:09pm Report to Moderator
restauratrice opere lignee,doratura e cornici
Utente Attivo
Posts: 43
Location: imperia
Non ho ancora avuto modo di usarla, ma presto lo farò!! Grazie


oriana sasso
Registrato Offline
Replica: 20 - 23
luciacelenza
Aprile 27, 2005, 11:51pm Report to Moderator
Restauratore
Utente medio
Posts: 22
Location: Vasto (CH)
Nella mia esperienza scolastica, per la levigatura delle stuccature su supporti lignei non piani, abbiamo fatto ricorso più volte alla telina d'ottone (quindi posso testimoniare un suo uso anche a Venezia); per quanto riguarda i tamponcini di cotone bagnati, devo dire che sono meravigliosi per spargere residui di gesso un po' ovunque (ditemi vi prego che succede anche a veri restauratori e non solo a studentelli); questi aloni residui ce li fanno asportare con la pelle di daino inumidita e ben strizzata. Un altro "esperimento" l'abbiamo fatto su una cornice piuttosto eleborata con diversi intagli: in questo caso, però più per rimuovere delle ridipinture e della vernice ingiallita che per levigare il gesso, abbiamo adoperato delle matite in fibra di vetro (dovrebbero essercene dalla punta di dimensioni diverse).

Grazie per dare spazio anche alle nostre esperienze

Lucia Celenza


Lucia Celenza
Registrato Offline
Replica: 21 - 23
oriana
Maggio 3, 2005, 10:58pm Report to Moderator
restauratrice opere lignee,doratura e cornici
Utente Attivo
Posts: 43
Location: imperia
Per curiosità ho adoperato la spugna wishab sugli aloni di gesso(su una statua lignea),ottima anche per far "brillare " i colori!


oriana sasso
Registrato Offline
Replica: 22 - 23
oriana
Maggio 3, 2005, 11:05pm Report to Moderator
restauratrice opere lignee,doratura e cornici
Utente Attivo
Posts: 43
Location: imperia
La matita in fibra di vetro l'ho adoperata,come dici tu, sulle stuccature e per abradere delle vecchie ridipinture ,  su affresco.



oriana sasso
Registrato Offline
Replica: 23 - 23
2 Pagine « 1 2 Tutti Raccommanda Thread
Print


Valutazione del tema
Non esiste attualmente alcuna valutazione
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE