Benvenuto, Ospite. Luglio 20, 2019, 7:27pm Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    RESTAURO DIPINTI    Temi in generale  ›  MI PRESENTO Moderatori: cinnabarin
Utenti presenti
No Members e 2 Ospiti

MI PRESENTO  (attualmente 5,883 viste) Print
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
elyre
Aprile 12, 2005, 8:59pm Report to Moderator
Utente ospite
Ciao,
sono Betty da Torino e da circa 6 anni sono restauratrice di dipinti su tela e tavola. Negli ultimi 3 anni ho avuto anche la possibilitā di maturare delle belle esperienze di restauro affreschi soprattutto per quel che riguarda il ritocco.
Ho scoperto per caso questo sito e ne sono felicissima...penso sia un' ottima occasione di scambi e confronti (non ne vedo l'ora).
Sarei felice di essere utile con la mia esperienza e mi farebbe molto piacere ricevere consigli e confrontarmi sulle problematiche che spesso si incontrano nel nostro lavoro.
Un saluto
Betty
Registrato
E-mail
Jole Marcuccio
Aprile 13, 2005, 8:48am Report to Moderator
Restauratrice dipinti, scultura lignea, affreschi
Utente anziano
Posts: 441
Location: Bergamo
ciao betty

lieta di averti tra noi, cosa proponi come argomento di discussione?

Hai letto il messaggio di Angelo sulle disposizioni della regione piemonte sul ritocco, cosa ne pensi?


Jole Marcuccio
Registrato Offline
Replica: 1 - 11
elyre
Aprile 14, 2005, 9:28pm Report to Moderator
Utente ospite
Ciao jolemar,
si, ho letto il messaggio di Angelo e gli ho risposto.
come argomento di discussione vorrei proporre le metodologie di pulitura degli affreschi dai cosė detti "beveroni".
Ho scelto questo tema perchč ho lavorato su degli affreschi molto scuriti da questi "beveroni" e non sono riuscita ad ottenere una pulitura soddisfacente.
Purtroppo per motivi economici non si sono potute fare analisi chimiche e quindi non so la composizione di questa sostanza...so solo che era quasi impossibile da solubilizzare... Sono solo riuscita ad alleggerirla un po'.
Sarei curiosa di conoscere altre esperienze.
Grazie.
Betty
Registrato
E-mail Replica: 2 - 11
raffaelli
Aprile 15, 2005, 7:50am Report to Moderator
Responsabile Settore Microclima e Restauro
Utente recente
Posts: 14
Location: VICENZA
dopo aver portato un esempio di pulitura di un soffitto in legno dipinto tramite il laser, vorrei "stuzzicarvi" suggerendo la stessa tecnologia anche per la pulitura di affreschi. In alcuni casi in cui le tradizionali tecniche con applicazioni a ph controllato non hanno avuto successo, l'utilizzo del laser č stato una valida alternativa. Tra l'altro le analisi di laboratorio hanno confermato l'efficacia della pulitura con il pieno rispetto del substrato.
Vi rimando al solito sito ... http://www.lambdascientifica.com/ita/codice/indexrestauro.php
Ciao
Roberta


Roberta Giorio
LAMBDA Scientifica
Registrato Offline
Replica: 3 - 11
admin
Aprile 15, 2005, 9:02am Report to Moderator
Architetto
Posts: 731
Location: Palermo
1) Marcin e Betty, vi prego d'inserire una firma completa. Grazie
2) ho scoperto una relazione matematica; giorio : Edgardo = laser : sali  

Infine una risposta.
La malta di calce non resiste al gelo perchč č porosa e permeabile.
L'acqua assorbita, sotto forma di liquido o di vapore, in presenza di gelo si trasforma in ghiaccio, aumenta di volume e disgrega la malta.
Possiamo modificare (entro certi limiti) questo comportamento utilizzando, nella realizzazione di una nuova malta di calce, specifici additivi combinati ad un trattamento della superficie esterna con sostanze idrofobizzanti.


Sergio Tinč
Amministratore del forum

Registrato Offline
Sito Skype Replica: 4 - 11
Jole Marcuccio
Aprile 15, 2005, 1:46pm Report to Moderator
Restauratrice dipinti, scultura lignea, affreschi
Utente anziano
Posts: 441
Location: Bergamo
circa la pulitura dai" beveroni", che tra l'altro si trovano anche sui dipinti mobili, penso sia fondamentale conoscerne la composizione  per poter intervenire in maniera efficace.

secondo la mia esperienza, al di lā della possibilitā di poter effettuare analisi mirate, rimane fondamentale la conoscenza della loro composizione che si ricava dalla lettura di testi e ricettari. Ho trovato interessante un libro dell'associazione Secco Suardo, che raccoglie in forma sistematica i materiali usati e descritti dal Secco Suardo e che sono esplicativi di una certa epoca oltre che di un certo modo di fare restauro.





Jole Marcuccio
Registrato Offline
Replica: 5 - 11
elyre
Aprile 15, 2005, 8:09pm Report to Moderator
Utente ospite
Ciao Roberta,
il tuo suggerimento mi ha "intrigato", infatti č da tempo che vorrei approfondire quest' argomento anche dal punto di vista pratico. Tempo fa mi ero informata circa l' esistenza di corsi dove imparare ad utilizzare il laser per la pulitura di opere d' arte, ma non avevo trovato nulla...
Se tu o qualcun altro ha delle informazioni al riguardo... grazie!
Registrato
E-mail Replica: 6 - 11
admin
Aprile 15, 2005, 8:50pm Report to Moderator
Architetto
Posts: 731
Location: Palermo
Sono curioso di conoscere le controindicazioni del Primal nel vostro settore; come modificatore delle malte gode ottima reputazione.


Sergio Tinč
Amministratore del forum

Registrato Offline
Sito Skype Replica: 7 - 11
elyre
Aprile 15, 2005, 9:42pm Report to Moderator
Utente ospite
Ciao admin,
vorrei saper cosa intendi quando dici che il Primal e un buon modificatore di malte.
Inoltre vorrei sapere che tipo di additivi si aggiungono alle malte tradizionali per renderle pių resistenti al gelo ed a quali sostanze idrofobizzanti ti riferisci.
Grazie.
Registrato
E-mail Replica: 8 - 11
admin
Aprile 15, 2005, 10:35pm Report to Moderator
Architetto
Posts: 731
Location: Palermo
Non si risponde ad una domanda con altra domanda  

Primal da solo, probabilmente non dice nulla; occorre aggiungere una sigla.
In passato ho utilizzato l'AC-33 (dispersione acquosa di un polimero acrilico) come additivo di malte di calce da iniezione per la riadesione di strati d'intonaco distaccati.
Credo sia stato utilizzato anche per la riadesione di superfici affrescate.
Dopo avere inettato solo acqua (al fine di evitare la rapida disidratazione della malta) iniettavo (o meglio facevo iniettare) una prima "dose" di primal con funzione di primer; solo in seguito s'iniettava la malta additivata.
Il tutto sembra abbia funzionato.

La seconda domanda meriterebbe un trattato ..
In estrema sintesi, gli additivi per combattere il gelo (o meglio l'eccesso di porositā delle malte) sono quelli genericamente chiamati riduttori d'acqua o meglio fluidificanti.
Una ulteriore possibilitā per confezionare malte meno porose č quella d'utilizzare (entro certi limiti e con molta cautela) un fuso granulometrico degli inerti spinto verso i valori pių bassi (quasi polvere).

Altro mondo č quello delle sostenze idrofobe o idrorepellenti  (formulate con derivati organici del silicio) che agiscono annullando la polaritā latente delle superfici macrocristalline (idrofilia).
L'unico difetto di queste sostanze č la loro naturale reversibilitā in presenza dell'azione disgregatrice dei raggi U.V.

A proposito di supposta reversibilitā degli interventi; in ambito CNR, ICR e ODP non se ne parla pių !


Sergio Tinč
Amministratore del forum

Registrato Offline
Sito Skype Replica: 9 - 11
teoromano
Aprile 16, 2005, 2:46pm Report to Moderator
architetto
Nuovo utente
Posts: 1
Location: milano
Vorrei saper se qualcuno ha esperienze in bonifiche ambientali, i prodotti usati possono danneggiare affeschi sulle pareti oppure i soffitti in legno ?
Chi mi puo' dare informazioni... grazie
teo
Registrato Offline
Replica: 10 - 11
roma
Luglio 22, 2005, 3:09pm Report to Moderator
disegnatore ,illustratore
Nuovo utente
Posts: 2
Location: roma
un caro saluto a tutti.
mi sono appena iscritto su questo sito,dopo averlo visitato in incognito.Mi piace argomentare di fumetto,pittura,  illustrazione ed altro.vorrei entrare in contatto con voi.un saluto. A presto:
ROMA


mario rossi
Registrato Offline
Replica: 11 - 11
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
Print


Valutazione del tema
Non esiste attualmente alcuna valutazione
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE