Benvenuto, Ospite. Settembre 16, 2019, 1:01am Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    DIAGNOSTICA    Diagnostica per il restauro  ›  laureandi in diagnostica del restauro:agg. a pag 6 Moderatori: Adamantio
Utenti presenti
No Members e 1 Ospiti

laureandi in diagnostica del restauro:agg. a pag 6  (attualmente 49,722 viste) Print
8 Pagine « 1 2 3 4 5 6 7 8 » Tutti Raccommanda Thread
Rossella Croce
Novembre 11, 2006, 11:11pm Report to Moderator
Consulente Diagnostica e Restauratore d' Arte
Utente anziano
Posts: 537
Location: Venezia
Figurati! Facci sapere cosa hai deciso


Rossella Croce
Restauratore di Beni mobili ed Architettonici
Tecnico per la diagnostica dei beni culturali††
Esperto per la Sicurezza nel settore del Restauro

Cooperativa per il Restauro S.c.p.a.- Milano
http://www.cooprestauro.net

MODERATORE SEZIONE CHIMICA E DIAGNOSTICA


Registrato Offline
Sito Replica: 75 - 111
Ylenia
Novembre 15, 2007, 6:09pm Report to Moderator
Studentessa in scienze applicate ai beni culturali
Utente Attivo
Posts: 31
Location: ROMA
Ciao a tutti... era tanto che non intervenivo nel forum.
Negli ultimi post il mio desiderio era di diventare restauratrice,e di lì i miei interventi e richieste di aiuto.
In seguito alla chiusura delle ammissioni all'ICR ho deciso di iscrivermi alla famosa e discussa classe 41 alla Sapienza, e - AHIME'!- ho capito di non voler essere una restauratrice, ma un "tenico diagnosta"(che dirsi voglia)..
Il punto è:nonostante la grande utilità che apporterebbe una figura simile -ormai l'abbiamo capito-IL DIAGNOSTA NON ESISTE!

Le discussioni sono sempre le stesse:com'√® possibile che lo stesso disegno di legge proposto al senato ( http://www.patrimoniosos.it/rsol.php?op=getlaw&id=844 ) invochi, un p√≤ buttata l√†,  una figura specializata nella diagnostica e progettazione dell'intervento...e nessuno faccia niente per regolamentarla?

Ma lasciamo stare anche questo, che è un problema che avevo messo in conto...come si spiega la totale disorganizzazione degli stessi corsi di laurea???

Ma porca miseria, un corso di studi(accompagnato dalla sua sigla, nella fattispecie 41-L) dovrebbe essere approvato dal ministero prima di entrare in vigore, e analizzato nel suo piano di studi...ditemi voi se è possibile quello che ci hanno detto ieri pomeriggio:
"ora come ora i laureati alla vostra facoltà(41-L + 12/s) non hanno alcuna possibilità di accedere ai concorsi che vi riguardano perchè la 12/s risulta in ambito umanistico, mentre voi fate capo a Scienze Matematiche Fisiche e Naturali.
Per questo vi mancano degli insegnamenti come ad esempio le storie dell'arte, che vi permettano di essere ammessi."

Riassumo io:
se voglio fare la specialistica alla sapienza, poi non posso accedere ai concorsi(P.S.CONCORSI PER COSA???...critici dell'arte...o storici dell'arte in generale(ma non era un'altra facoltà quella!??!));
se scelgo di fare la specialistica in un'altra facoltà, devo recuperare una marea di esami che io non ho fatto.
Le domande sono tre:
1)com'è possibile che la sigla 12/s corrisponda a corsi di laurea effettivamente diversi in facoltà diverse?
2)com'è possibile che il mio corso di laurea sia stato riconosciuto come 41 e 12/s,se la triennale è incompleta e se la specialistica non è utilizzabile????
3)A che serve fare un corso 41 per diventare critici d'arte?!?!!?IO STUDIO CHIMICA FISICA BIOLOGIA APPLICATE AI BENI CULTURALI!!...io voglio lavorare applicando ciò che studio, NON CHIEDO DI ESSERE RICONOSCIUTA COME RESTAURATRICE..NON CHIEDO DI DIVENTARE CRITICO...VORREI SOLTANTO ESSERE QUELLO CHE SONO,UN TECNICO SCIENTIFICO!!!!

Scusate l'irruenza..ma con tutti i problemi del campo,ci mancava solo questa.
Lascio a voi i commenti.
Ylenia.


Ylenia PraticÚ
Registrato Offline
Windows Live Messenger Replica: 76 - 111
claudio marziali
Novembre 15, 2007, 9:12pm Report to Moderator
Utente medio
Posts: 27
prova a leggere questo decreto, sono state istituite le lauree magistrali che andranno a sostituire le LS ossia i corsi di laurea di due anni successivi alla triennale.  tempi di attuazione entro il 2010, non figura nessuna LM in diagnostica

http://www.miur.it/Miur/UserFiles/Dossier/NuoveClassiLaurea/LaureeMagistrali.pdf

per inciso l'unica LM 11 ( specifica per restauro) attivata è Venaria reale.


Claudio Marziali
restauratore arredi e scultura lignea policroma

moderatore sezione Restauro Ligneo
Registrato Offline
Replica: 77 - 111
Ylenia
Novembre 16, 2007, 12:25am Report to Moderator
Studentessa in scienze applicate ai beni culturali
Utente Attivo
Posts: 31
Location: ROMA
Grazie per la risposta....
Cmq il fatto che non ci sia la parola "diagnostica" nella denominazione del corso di laurea non significa che sia una cosa diversa....da quello che leggo l' LM 11 corrisponde esattamente all'odierna 12/s (anche perchè se guardi fra gli sbocchi professionali non figura la dicitura "restauratore").
In ogni caso, perchè dici che l'unica attivata è la venaria reale?
Non dovrebbero essere "trasformate" TUTTE le specialistiche in Lauree Magistrali,secondo questo decreto (compresa la mia)?

Il problema in ogni caso permane...si può costruire un corso di laurea...ma se poi la figura che la facoltà sforna non ha un'identità, mi sembra abbastanza superfluo chiamarla "specialistica" o "magistrale"....il neo-laureato non trova posto.
non credi?


Ylenia PraticÚ
Registrato Offline
Windows Live Messenger Replica: 78 - 111
Florian
Novembre 23, 2007, 7:06pm Report to Moderator
Diagnosta
Utente recente
Posts: 11
Essendo anch'io di questa classe di laurea 41+12/S, sono completamente d'accordo con quanto hai detto. Perch√® illudere gli studenti promettendo un impiego sicuro come "nuova figura" nel campo dei bbcc, che colleghi il restauratore allo scienziato e che abbia competenze interdisciplinari, quando nessuno sembra aver bisogno di noi e non sa neanche della nostra esistenza? e poi soprattutto molti corsi di laurea (compreso il mio) sembra insegnino di tutto un p√≤ senza concentrarsi mai in un solo campo e creare cos√¨ delle figure almeno specifiche di un solo settore... questo porta noi a non sapere bene in che ambito classificarci (chimico, fisico, geologico, biologico?? ), e l'enventuale ditta a non capire bene con chi ha a che fare e che tipo di incarico farci svolgere...  una volta laureati, dove andremo a finire? Anche a me piace il lavoro di "tecnico diagnosta" e mi piacerebbe trovare posto in un'azienda che dispone delle strumentazioni necessarie per le analisi e quindi anche di un organico completo che possa lavorare insieme completandosi a vicenda (restauratore, diagnosta, storico, ingegnere ecc ecc)... sogno forse il paese delle meraviglie, ma √® quello che ci hanno sempre raccontato!  


Florian Raffrenato<br>Laureata in Tecnologie applicate alla Conservazione e al Restauro dei Beni Culturali
Registrato Offline
Replica: 79 - 111
Ylenia
Novembre 23, 2007, 10:25pm Report to Moderator
Studentessa in scienze applicate ai beni culturali
Utente Attivo
Posts: 31
Location: ROMA
Eh si,guarda...e pensare che io in questo casino mi ci sono buttata pure scientemente!!8ero infatti tra i pochi al corrente del nostro nefasto futuro)...anche se devo confessare che in fondo pensavo sempre "al massimo continuo a provare per l'ICR!".
Ora la cosa mi sta pi√Ļ a cuore...
Per questo ne approfitto per dire A TUTTI GLI STUDENTI DELLA 41+12/S, SE VOGLIAMO FARCI RICONOSCERE,SE CI TENIAMO DAVVERO, L'UNICO MODO E' UNIRCI E CERCARE DI FARCI SENTIRE!
Si sta cercando di far firmare a tutti una petizione,per essere finalmente accettati in quella che in fondo non è che una diatriba fra il MIBAC e il MIUR...

A te,florian, posso solo dire di visitare il sito dell'AIEDABC (www.aiedabc.it) e magari se sei interessata ad impegnarti per fare qualcosa,di farmelo sapere...rimbocarsi le maniche in due ci fa sentire meno sperduti. MAL COMUNE MEZZO GAUDIO!


Ylenia PraticÚ
Registrato Offline
Windows Live Messenger Replica: 80 - 111
RobertInn
Novembre 26, 2007, 11:59am Report to Moderator
laureato in tecnologie per i beni culturali
Nuovo utente
Posts: 1
Salve ragazzi, mi presento,
mi chiamo Roberto e mi sono appena laureato in Tecnologie per i beni culturali (classe 41) presso l'università del Salento.
Non ho nulla da eccepire al mio corso di laurea la formazione culturale che mi ha dato e' stata eccezionale. Purtroppo, per cause a me ignote la specialistica 12/s  nn √® mai stata attivata quindi dovrei andare fuori per poterla conseguire. il problema √® che essendo gli esami diversi in ogni facolt√† d'italia mi troverei con un sacco di crediti da dover recuperare. Ora, il punto principale √® che noi come classe 41 nn siamo riconosciuti da nessuno. Ho gi√† letto qualche vostra discussione a riguardo e parlavate appunto di questo. Prima di tutto il problema √® quello di nn sapere nemmeno dove mandare curriculum, poich√® l'ambito lavorativo √® alquanto vago.
Il manifesto di laurea del mio corso dice questo,

Sbocchi occupazionali:
"I laureati potranno svolgere attivit√† professionali presso enti pubblici o privati,  istituzioni specifiche, quali soprintendenze, musei, biblioteche, archivi, strutture di ricerca, nonch√© presso cooperative e aziende operanti nel settore della diagnostica, del restauro, dello scavo, della tutela e del recupero ambientale del bene culturale. Potranno inoltre svolgere attivit√† professionale presso industrie operanti nel settore della produzione di materiali per il restauro e nel campo dell'edilizia monumentale."

Allora,per poter lavorare negli enti pubblici bisognerebbe avere pi√Ļ di un santo in paradiso e forse nemmeno basterebbero, per quanto riguarda le aziende operanti nel restauro architettonico (che √® quello che a me interessa di pi√Ļ) ho mandato qualche curricula ma purtroppo avendo una preparazione interdisciplinare e quindi nn concentrata in un unico campo, al momento del colloquio mi si chiedeva cosa sarei stato in grado di fare, e non avendo alcuna esperienza pratica la mia risposta √® stata "vorrei imparare soprattutto come si gestisce un cantiere di restauro ecc, rimanendo sempre sul vago".

La mia situazione √® questa, per ora mi ritrovo a casa senza far nulla e con prospettive  indeterminate.
Registrato Offline
Replica: 81 - 111
Ylenia
Novembre 26, 2007, 12:14pm Report to Moderator
Studentessa in scienze applicate ai beni culturali
Utente Attivo
Posts: 31
Location: ROMA
Ciao Roberto,
si,la situazione è esattamente questa...se poi aggiungiamo il fatto che, per una nuova normativa, le 12/s che fanno capo a scienze M.F.N non possono accedere neanche ai pochi concorsi che ci sono...
Beh,di questo ne abbiamo già parlato: questo corso di laurea è stato creato senza pensare a cosa avrebbero fatto i laureati, o meglio, la figura di tecnologo/diagnosta che si voleva creare non è stata mai accettata dal Ministero dei Beni Culturali.
Ora le nostre possibilità sono alquanto limitate, come hai potuto sperimentare...il consiglio ch emi sentirei di dare io è di cercare di integrare il tuo curriculum con qualche corso, specialistica, stage....qualsiasi cosa, perchè la classe 41 (sopratutto se non accompagnata dalla specialistica) purtroppo non è un gran biglietto da visita.
In bocca al lupo per tutto...e facci sapere come va a finire!

Ylenia


Ylenia PraticÚ
Registrato Offline
Windows Live Messenger Replica: 82 - 111
Florian
Novembre 26, 2007, 6:43pm Report to Moderator
Diagnosta
Utente recente
Posts: 11
Ciao! Sona andata sul sito dell'AIEDAbc, mi sembra proprio una bella cosa unirsi tra studenti per cercare di farsi sentire! Purtroppo qua da me (sono iscritta a Siracusa) siamo cos√¨ in pochi che √® molto difficile fare qualcosa del genere... poi qua tutti si lamentano ma poi nessuno nella pratica fa niente, la maggior parte di noi pensa a quando finalmente finiremo questa benedetta specialistica per potersene andare al nord, dove si dice si concentrino quelle poche opportunit√† di combinare qualcosa... cmq anch'io mi sento di consigliare la specialistica a chi esce dalla classe 41, perch√® √® sempre un titolo in pi√Ļ che accresce comunque le proprie conoscenze... dopodich√® forse qualche corso di restauro pratico o qualche stage, almeno cos√¨ ai colloqui si pu√≤ dimostrare di saper fare qualcosa! Dai, non perdiamoci d'animo!
Florian


Florian Raffrenato<br>Laureata in Tecnologie applicate alla Conservazione e al Restauro dei Beni Culturali
Registrato Offline
Replica: 83 - 111
Ylenia
Novembre 27, 2007, 3:28pm Report to Moderator
Studentessa in scienze applicate ai beni culturali
Utente Attivo
Posts: 31
Location: ROMA
No,COMINCIAMO A SFATARE QUESTO MITO...non è questione di Nord o di Sud,questa laurea è un problema in tutta Italia...e se i tuoi compagni di corso ancora non l'hanno capito, diglielo tu!!!
E' importante cercare di fare qualcosa,altrimenti perdiamo solo tempo...già questo corso è nato traballante,se non facciamo niente per darci un futuro,non ci cadrà dal cielo...e si può arrivare su su fino a Como,ma non cambierà niente.
Questo è importante saperlo,davvero...
Pensare "intanto faccio,poi si vedrà..." è un bell'azzardo, sopratutto in un ambito così discusso come il nostro.
Mi raccomando,questa è l'unica chance che abbiamo, AVERE LE IDEE CHIARE.


Ylenia PraticÚ
Registrato Offline
Windows Live Messenger Replica: 84 - 111
Florian
Novembre 29, 2007, 10:06pm Report to Moderator
Diagnosta
Utente recente
Posts: 11
Allora, devo precisare una cosa che magari ho dato per scontata: √® vero che la laurea in s√® ha dei problemi che sono comuni a tutte le universit√†, per√≤ poi √® ovvio che di sede in sede le cose cambiano e anche tanto! Ho visto altre universit√†, non solo la mia, e posso assicurarti che noi abbiamo una situazione che sarebbe inconcepibile in molte universit√† del centro-nord (non in tutte ovviamente). Il problema fondamentale √® che l'universit√† da noi latita, nel vero senso della parola, non ci d√† nessun tipo di appoggio e dal primo giorno siamo stati lasciati a noi stessi in tutto, dall'organizzazione delle ore di lezione alle varie incombenze "pratiche" (tutte quelle cose che per intenderci dovrebbe svolgere una segreteria); i nostri prof vengono tutti da Catania e quindi non li vedi mai al di fuori delle lezioni, e oltretutto molti dei pi√Ļ bravi (pensa che anche il professore Matteini √® venuto a farci lezione!) se ne sono andati dopo aver capito che il corso era organizzato male, invece di fare qualcosa per cambiare i programmi o gli insegnamenti... addirittura alla specialistica vengono professori che non sanno neanche il nome della materia che stanno insegnando e non hanno idea del nostro percorso di studi e della nostra preparazione! Per cui finiscono o per ripetere cose gi√† dette da altri mille prima di loro, oppure per saltare a pi√® pari argomenti di cui non sappiamo niente ma che tutti credono ormai assodati. Ovviamente queste cose sono state dette al nostro presidente, anche pi√Ļ volte, non credere che non ci siamo battuti anche noi nel nostro piccolo! Non parliamo poi della sede in cui si svolgono le lezioni, ci sarebbe di che vergognarsi! Non mi dilungo per√≤ purtroppo non sono solo problemi di materie e programmi come magari in altre sedi, qui √® una questione pi√Ļ profonda e seria: l'universit√† non √® inserita nel contesto della citt√†, se chiedi agli addetti ai lavori (restauratori, architetti ecc) se conosce il nostro corso di laurea rispondono di non averne mai sentito parlare, e cosa ancora pi√Ļ grave l'universit√† non √® stata mai in grado di creare convenzioni o "pubblicizzarci" in giro... pensa che per il restauro della villa romana del casale a Piazza Armerina (a 2 ore da noi) sono stati chiamati restauratori da Roma, Palermo, Firenze ecc, mentre noi veniamo costantemente ignorati, e che per frequentare uno stage degno di questo nome siamo dovuti andare noi in giro per mesi a portare centinaia di documenti a destra e a manca e a parlare con mille impiegati, perch√® nessuno dell'universit√† avrebbe mosso un dito...
Cmq al di l√† di tutto questo io volevo solo dire che la tendenza del Sud √® quella di fuggire (√® stato sempre cos√¨ in molti ragazzi che conosco) credendo che ci siano pi√Ļ opportunit√†, perci√≤ sommando questo a tutto quello che ho detto prima √® normale che un p√≤ ci sentiamo scoraggiati... ma le idee ce le abbiamo pi√Ļ che chiare, quello che studiamo ci piace e io per prima sono intenzionata a non mollare questo percorso!
Cmq, mi farebbe piacere sapere come sono le cose da voi, cosa fa l'universit√† (anche come stage o lavori di restauro che avete seguito ecc), e che percorso hanno scelto i laureati una volta usciti dall'universit√†, magari conoscendo le altre realt√† ci viene in mente qualche idea per migliorare la nostra situazione! Se posso essere utile in qualcosa di concreto (firme, associazioni) fammi sapere, cercher√≤ di coinvolgere pi√Ļ persone possibili!


Florian Raffrenato<br>Laureata in Tecnologie applicate alla Conservazione e al Restauro dei Beni Culturali
Registrato Offline
Replica: 85 - 111
Ylenia
Novembre 30, 2007, 12:39pm Report to Moderator
Studentessa in scienze applicate ai beni culturali
Utente Attivo
Posts: 31
Location: ROMA
Era proprio questo che cercavo di spiegarti...certo,noi facciamo lezione nella citt√† universitaria di Roma,ma le opportunit√† non sono proporzionalmente pi√Ļ grandi.
Pensa a quanti restauri e scavi ci sono a roma,CENTINAIA,eppure noi non partecipiamo...perchè come ti dicevo non è solo un problema di sede universitaria, ma di riconoscimento del titolo(è grasso che cola se andiamo per seguire un professore, ma di certo come "diagnosti" non ci prende proprio nessuno).
Sicuramente fra le varie scelte a noi potrebbe capitare l'opportunt√† di chiedere la tesi da qualche parte, ma non di pi√Ļ,non √® tutto dorato neanche nella capitale.
Per l'altra tua domanda, su cosa fanno i nostri laureati...beh,la maggior parte è a spasso da quel che ho capito(è nata proprio da questo l'AIEDABC,dalla disoccupazione dei nostri laureati!!!!).

Insomma,per riassumere,capisco che la vostra realtà possa essere un problema nel problema, ma l'importante è sapere che le cose non sono tanto diverse da Messina in su...IL TECNICO DIAGNOSTA NON ESISTE in nessuna città d'Italia.(questo intendevo con "idee chiare",mi dispiace che tu possa aver pensato diversamente).
Certo,ognuno ha le sue battaglie in piccolo da combattere,le incongruenze del proprio corso di laurea,però non credo sia questa la sede per parlarne...
Posso solo dirvi in bocca al lupo, e continuate a impegnarvi perch√® vi sia garantito almeno un percorso didattico coerente!! Se non fossimo abituati ad avere sempre tutto qui, se fossimo allenati a guadagnarci quello che vogliamo come voi, forse avemmo fatto un passo in pi√Ļ adesso....e non vedrei molti dei miei compagni di corso aspettare che le porte si aprano da sole.

APPENA RIESCO A CAPIRE COSA POSSIAMO FARE IN CONCRETO TI CONTATTO...tu intanto comincia a spargere la voce che qualcosa da fare c'è,per ora è l'unica cosa da fare.
Grazie per l'aiuto e il sostegno morale.
Ylenia


Ylenia PraticÚ
Registrato Offline
Windows Live Messenger Replica: 86 - 111
francesca..cardinali
Dicembre 21, 2007, 11:20am Report to Moderator
Studentessa corso di laurea specialistica 12/s
Nuovo utente
Posts: 4
Ciao, io mi sono appena iscritta in questo forum. Frequento il primo anno del corso di laurea specialistica in Scienze e tecnologie per la conservazione e il restauro dei beni storico-artistici a Perugia. Quest'indirizzo è prettamente diagnostico. Il nostro coordinatore ci ha sempre detto (e anche la presidente dell'ICR che è venuta a fare delle lezioni) che noi non avremo futuro, poichè nei laboratori saremo sempre superati da chimici e fisici...presso di noi c'è anche il Centro di Eccellenza SMAArt, ma ho letto che per accedervi bisogna aver fatto un dottorato di ricerca in Chimica, è vero??? ma allora perchè è stato fatto questo corso??
solo un prof ci ha rassicurato, dicendo che la nostra figura è importante perchè siamo intermediari fra la scienza e l'arte, che altrimenti non si capirebbero.
Pensate in 5 anni di universit√† √® l'unico prof che ci ha detto una cosa del genere  


Baci
Francesca Cardinali
Registrato Offline
Replica: 87 - 111
shara82
Gennaio 29, 2008, 11:36pm Report to Moderator
Utente ospite
io sono iscritta presso la facolta di conservazione dei beni culturali indirizzo diagnostica erestauro delle opere lignee a napoli al suor orsola e molto difile il nostro lavoro dovrei prendermi la specialistica sto preparando la tesi sul battente dle palazzo carfa detto santangelo sito a napoli a spaccanapoli.dopo vorrei continuare in un altra città ma doce?
Registrato
E-mail Replica: 88 - 111
Rossella Croce
Febbraio 2, 2008, 10:05am Report to Moderator
Consulente Diagnostica e Restauratore d' Arte
Utente anziano
Posts: 537
Location: Venezia
Riferendomi al messaggio di Claudio marziali, vorrei tentare di fare un po' di chiarezza su alcuni punti.
Confermo che sono da poco state istituite le nuove classi di concorso L 43 (laurea  che corrisponde alla vecchia triennale) e LM 11 (
laurea magistrale che corrisponde alla vecchia specialistica di due anni) che andranno a sostituire tutte le attuali L41 e L12/s entro il
2010.

Diversamente da quando lamentato  in precedenza,  sono state create proprio per risolvere il problema della disomogeneita' tra le lauree precedenti,  sparse in tutta Italia, con contenuti spesso distanti e disparati.
Il programma quindi, nelle diverse facolta', non sara' identico, ma sara' omogeneo, rispetto a determinati requisiti individuati dal
ministero, quali minore numero di esami, compattazione dei crediti, piu' organicita'  e meno liberta' nei piani di studio proposti dai  vari
atenei.   Come nel caso delle lauree precedenti, non e' ancora chiaro   cosa, REALMENTE,  saranno questi laureati al termine del
percorso scolastico. Questo perche', sino a quando non si concludera' la "disputa" sulla figura del restauratore, a livello nazionale, e' secondo me impossibile capire esattamente sdove e come queste figure si collocheranno.

Cio' che sembrerebbe chiaro, invece,  e' che i nuovi laureati in diagnostica NON  saranno comunque dei chimici (come d'altra parte,
quelli delle lauree precedenti, ad eccezione delle lauree promosse dall'ateneo venziano, che sono di classe 21 e 61/s)  e che neanche
loro  potranno sostenere il relativo esame di stato.
Quindi la definizione  "diagnosta per i beni culturali", mi lascia comunque un po' perplessa, perche'temo possa essere  intesa in senso
lato, anche se non mi e' ancora chiaro come.
Non mi e' per nulla chiaro come questi tecnici si collocherannoe d integreranno con i chimici che si coccupano di diagnostica dei beni
culturali  gia' presenti sul mercato o come potranno, ad esempio, aprire un loro laboratorio d'indagine  che sia riconosciuto e certificato
anche all'estero ecc. ecc.

Presumibilmente quindi, anche il termine "restauratore" potrebbe essere da  intendersi in senso lato, quale organizzatore, gestore,
curatore, coordinatore, direttore  dell'intervento di restauro e non come vero e prorio OPERATORE ESECUTORE.
Dubito alquanto che possa essere concesso un titolo di restauratore, inteso come descritto sopra) a persone che non posseggono
nessun tipo di esperienza tecnico-pratica nel settore. Scoppierebbe una rivolta peggiore di quella che viviamo adesso e che perdura oramai da quasi 20 anni.
In questo senso, sono curiosa di capire se queste lauree, alla fine dei conti, si riveleranno una sorta di "cura palliativa"  verso l'enorme
richiesta da parte dei giovani  di formazione nel settore dei beni culturali e la pessima risposta, in fatto di numero di diplomati-anno,
da parte delle scuole di restauro, nazionali o regionali che siano.

Certo invece e' che,  rispetto  a come si prospettavano le  precedenti classi di concorso, quello attuato dal ministero mi sembra un
notevole ed apprezzabile miglioramento dell'attuale realta' universitaria.

[segue]


Rossella Croce
Restauratore di Beni mobili ed Architettonici
Tecnico per la diagnostica dei beni culturali††
Esperto per la Sicurezza nel settore del Restauro

Cooperativa per il Restauro S.c.p.a.- Milano
http://www.cooprestauro.net

MODERATORE SEZIONE CHIMICA E DIAGNOSTICA


Registrato Offline
Sito Replica: 89 - 111
8 Pagine « 1 2 3 4 5 6 7 8 » Tutti Raccommanda Thread
Print

Forum Restauro e Conservazione    DIAGNOSTICA    Diagnostica per il restauro  ›  laureandi in diagnostica del restauro:agg. a pag 6

Valutazione del tema

Qui risulta 4 voto per questo argomento.
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE