Benvenuto, Ospite. Settembre 18, 2020, 6:13pm Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    RESTAURO DIPINTI    Pulitura  ›  pulitura dipinto su tela. Moderatori: cinnabarin
Utenti presenti
No Members e 1 Ospiti

pulitura dipinto su tela.  (attualmente 9,986 viste) Print
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
francy
Aprile 23, 2005, 10:22am Report to Moderator
Utente ospite
Buon giorno a tutti, sono Francesca e mi occupo di restauro di dipinti mobili. Sono molto felice di aver trovato questo forum ricco di persone appassionate ed esperte con le quali spero di scambiare idee e ricevere consigli.
Detto questo ne approfitto subito per porre un quesito che riguarda la pulitura di un dipinto su tela che sto eseguendo in questo periodo: si tratta di un dipinto ad olio che presenta vaste ridipinture, alcune sul colore originale e molte altre realizzate per ricostruire ampie zone che sono andate perdute.  Vi dò qualche indicazione fondamentale: il dipinto è sicuramente seicentesco e forse anche un po' precedente e la mano originale era veramente notevole! Il problema è che, sempre in epoche antiche, la pellicola pittorica è andata in buona parte perduta (sto ancora cercando di documentarmi sui motivi) e qualcuno ha ridipinto in buona parte l'opera. Questo pittore (mediocre!) si è trovato a  ridipingere vastissime zone che erano andate completamente perdute e ha lasciato come erano solo le parti che non avevano avuto problemi. Però in alcune zone dove la perdita di colore era minima si è fatto prendere un po' la mano e ha ridipinto in tutto il volto il corpo o il panneggio. Io volevo avere da voi una valutazione da un punto di vista etico circa il mio intervento e poi vi dirò anche quali sono i problemi pratici che ho riscontrato. Mi sto muovendo in questo modo: sto eliminando le ridipinture che coprono il colore originale (e che colori vengono fuori!!!) ma intendo conservare quelle che sono state ridipinte di sana pianta ma che non coprono nulla (ho fatto saggi in vari punti). Premetto che qui non parlo di piccole ridipinture ma di interi panneggi e a volte di interi personaggi! Se dovessi andare a recuperare solo il colore originale del dipinto rimarrebbe si e no un 30% (sparso qua e là). Ho deciso così di considerare "storiche" queste ridipinture ex novo, considerandole non solo la testimonianza del trascorso dell'opera, ma anche tenendo conto della assoluta mancanza di continuità nella pellicola originale, di fatto  reputando le ridipinture come di "collegamento" e privilegiando quindi l'estetica d'insieme. Questo è il mio primo quesito; il secondo è invece puramente tecnico: queste ridipinture non sono state realizzate ad olio ma, credo, con un legante a vernice e sono quindi solubili nei più comuni solventi: in sintesi il solvente della vernice fortemente ingiallita che ricopre il tutto è lo stesso della ridipintura. Ho quindi grandi problemi a mantere queste ridipinture senza intaccarle. Il metodo più adatto che ho trovato finora (dopo innumerevoli tentativi e confrontandomi con altri restauratori e anche con  un chimico), è stata una miscela di metiletilchetone e white spirit in etilcellulosa su carta giapponese. Questo mi permette di andare a rammollare la vernice per poi rimuoverla. Il risultato però non è perfetto perchè, anche se leggerissimamente, il colore viene intaccato e nello stesso tempo, in alcune zone permangono a chiazze tracce di vernice. Non riesco a trovare un metodo adatto per "alleggerire" la vernice perchè questa è stata data in uno spesso strato ma in un'unica soluzione e addirittura quando il dipinto era già incorniciato (quindi forse anche posteriormente alle ridipinture). E non resco a trovare un supportante che tenga in superficie il solvente così bene da ammorbidire il film senza intaccare il colore. Vorrei avere un vostro parere sul metodo di pulitura più appropriato. Vi ringrazio in anticipo per le vostre valutazioni. Ciao  
Registrato
E-mail
Rossella Croce
Aprile 23, 2005, 4:24pm Report to Moderator
Consulente Diagnostica e Restauratore d' Arte
Utente anziano
Posts: 537
Location: Venezia
Di che vernice stiamo parlando? Credo che in caso come questo, per scegliere un intervento mirato sia indispensabile saperlo (per quanto possibile ) o almeno avere un'idea della famiglia di appartenenza. Hai provato i resin soap di Wolbers o l'enzima lipasi?


Rossella Croce
Restauratore di Beni mobili ed Architettonici
Tecnico per la diagnostica dei beni culturali  
Esperto per la Sicurezza nel settore del Restauro

Cooperativa per il Restauro S.c.p.a.- Milano
http://www.cooprestauro.net

MODERATORE SEZIONE CHIMICA E DIAGNOSTICA

Registrato Offline
Sito Replica: 1 - 6
Jole Marcuccio
Aprile 26, 2005, 12:52pm Report to Moderator
Restauratrice dipinti, scultura lignea, affreschi
Utente anziano
Posts: 441
Location: Bergamo
Prova ad alleggerire la mista, togli il MEK e usa solo il White Spirit. Oppure passa alla ligroina, ma non devi usare la carta giapponese, la trovo inappropriata

L'alternativa è un solven-gel molto denso per evitare la penetrazione profonda del solvente ( ma se non conosci queste metologie è praticamente impossibile spiegare). Per supportare questi solventi il solven-gel è il migliore. Ovviamente come dice Rossella, rimane indispensabile sapere su cosa vai a lavorare.


Jole Marcuccio
Registrato Offline
Replica: 2 - 6
francy
Aprile 27, 2005, 10:41am Report to Moderator
Utente ospite
ho già provato con la pulitura enzimatica e in particolare con l'enzima lipasi senza risultati soddisfacenti; per quello che riguarda la miscela di solventi ho provato diverse proporzioni tra white spirit e MEK, senza però trovare una miscelazione assolutamente perfetta. Non posso eliminare il metiletilchetone perchè è il solvente che solubilizza il film di vernice mentre il white spirit ha la funzione di "diluente" dal momento che non ha alcun potere solvente nei confronti di questa vernice.
Per quello che riguarda il tipo di vernice ho delle grosse difficoltà a stabilirne la tipologia perchè in presenza del solvente non ha una solubilizzazione perfetta ma tende a "raggrinzirsi" e nel rimuoverla ad "appallottolarsi"  e questo è molto evidente quando lavoro sulle parti originali che mi permettono di operare con più tranquillità. E' una vernice che appare vetrosa e gialla tanto da poterla intaccare con il bisturi separandola dalla pellicola pittorica; ho grosse difficoltà ad identificarla. Per quello che riguarda le ridipinture esse hanno come legante una resina che è solubile in tutti i solventi polari o mediamente polari (come la vernice soprastante), a dire la verità, sia la sua facile solubilità che la "consistenza" delle pennellate mi fanno pensare ai colori a vernice  per il restauro. SApete quale è la loro composizione? E da quando sono stati usati?
jolemar, perchè mi sconsigli l'uso della carta giapponese? Io l'ho provata in un secondo tempo e devo dire che aiuta a mantenere il solvente ancora più in superficie oltre che a rimuovere il gel. Quando rimuovo la carta giapponese non trovo su di essa nè residui di vernice nè di colore ma sullla zona trattata la vernice ha subito questo raggrinzimento. il problema mi si presenta quando devo rimuoverla, se lo faccio subito rischio di intaccare la ridipintura, se aspetto che asciughi la vernice non si rimuove bene.
Per quello che riguarda i solvent gel in effetti non ne ho mai usati, ma anche per altri che volessero maggiori informazioni ho trovato sul sito della Beneforti un articolo molto chiaro ed esplicativo.
Aspetto le vostre risposte ... ciao!
Registrato
E-mail Replica: 3 - 6
Jole Marcuccio
Maggio 6, 2005, 8:56am Report to Moderator
Restauratrice dipinti, scultura lignea, affreschi
Utente anziano
Posts: 441
Location: Bergamo
ciao francesca, ti rispondo con un pò di ritardo, ma ho seguito poco il forum in questo periodo.
comunque circa la carta giapponese.  avevo capito che tu mettevi i solventi sulla carta giapponese, senza addensarli, pertanto mi sembrava illogico... scusa l'equivoco, ho riletto il messaggio e ora è chiaro.
Il tuo metodo di lavoro mi sembra corretto, non saprei cosa altro aggiungere.
ciao



Jole Marcuccio
Registrato Offline
Replica: 4 - 6
Jole Marcuccio
Luglio 20, 2005, 8:57am Report to Moderator
Restauratrice dipinti, scultura lignea, affreschi
Utente anziano
Posts: 441
Location: Bergamo
la tua riflessione è condivisibile, è sempre meglio pulire il dipinto prima della foderatura, ma non penso che il calore agisca sulla solubilità della vernice in quanto tale, in fondo il calore apportato dal ferro da stiro è relativo. Circa uno strato di colla animale presente sulla superficie è una situazione che sovente si ritrova. Era prassi comune stendere un isolante per evitare la saturazione dei colori data dalla vernice o per separare le stesure di colore in certe campiture, e si usava o colla animale o bianco d'uovo.


Jole Marcuccio
Registrato Offline
Replica: 5 - 6
gian1
Settembre 28, 2005, 5:04pm Report to Moderator
architetto e Conservatore
Utente Attivo
Posts: 44
la rimozione di strati di colla e/o particolare tipo di mix (vernici) hanno ottenuto buoni risultati (processo lento e anche costoso) con laser a ecimeri a 3um in fibra ottica con impiego di basi a solvente . è un buon sistema ma necessita di una profonda istruzioneed esperienza.


Giancarlo Calcagno
Registrato Offline
Replica: 6 - 6
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
Print

Forum Restauro e Conservazione    RESTAURO DIPINTI    Pulitura  ›  pulitura dipinto su tela.

Valutazione del tema
Non esiste attualmente alcuna valutazione
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE