Benvenuto, Ospite. Agosto 24, 2019, 11:14am Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    DIAGNOSTICA    Chimica per il restauro  ›  enzimi Moderatori: Adamantio
Utenti presenti
No Members e 2 Ospiti

enzimi  (attualmente 4,375 viste) Print
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
Gloria Conti
Maggio 3, 2005, 8:55pm Report to Moderator
Restauratore - National Archives of Scotland
Utente anziano
Posts: 97
Location: Edinburgh

Mi piacerebbe conoscere le esperienze di restauratori che abbiano utilizzato enzimi (in particolare amilasi): osservazioni, preferenze, prodotti, ecc...

Faccio subito una domanda specifica: quanto notate che l'uso di tensioattivi migliori in effetti - sul campo - l'azione dell'enzima?



Gloria Conti
Registrato Offline
Sito
Rossella Croce
Luglio 5, 2005, 1:34am Report to Moderator
Consulente Diagnostica e Restauratore d' Arte
Utente anziano
Posts: 537
Location: Venezia
cosa intendi esattamente? puoi fare un'esempio pratico?  Io uso poco gli enzimi, ma ho avuto ottimi risultati quando li ho  usati in maniera molto mirata, dopo il responso delle analisi. Ho utilizzato il  metodo cremonesi, usando enzimi preparati al momento fatti arrivare dalla casa di prodotti chimico-farmaceutici (no phase) e conservati come si deve in frigo.


Rossella Croce
Restauratore di Beni mobili ed Architettonici
Tecnico per la diagnostica dei beni culturali††
Esperto per la Sicurezza nel settore del Restauro

Cooperativa per il Restauro S.c.p.a.- Milano
http://www.cooprestauro.net

MODERATORE SEZIONE CHIMICA E DIAGNOSTICA


Registrato Offline
Sito Replica: 1 - 5
kalamity
Maggio 31, 2006, 7:06pm Report to Moderator
restauratrice
Utente Attivo
Posts: 40
salve a tutti,
volevo sapere se qualcuno di voi poteva darmi delle imformazioni sull'uso degli enzimi nel campo del restauro dal momento che questo sarŗ l'argomento della mia tesi per dicembre 2006.
potreste magari indicarmi anche dei siti internet, anche stranieri?
grazie a tutti in anticipo!


alessia polizzi††
Registrato Offline
Replica: 2 - 5
stefano_qi
Giugno 3, 2006, 4:45pm Report to Moderator
Restauro e conservazione Beni Culturali
Utente Attivo
Posts: 42
Location: Assisi (Pg)
Un buon libro per iniziare Ť senz'altro questo: "L'uso degli enzimi nella pulitura di opere policrome" - Paolo Cremonesi, ediz. Il Prato, collana "I Talenti". Buona ricerca
Stefano P.


Stefano Petrignani
Registrato Offline
Replica: 3 - 5
Sere
Maggio 4, 2007, 11:26pm Report to Moderator
Restauratrice di arte contemporanea
Utente anziano
Posts: 52
Location: Tra Como e Milano
Ciao!

Volevo chiedere chiarimenti sulla concentrazione degli enzimi in soluzione tampone per un'azione ottimale... e inoltre volevo chiedere quanto è importante che questa concentrazione si mantenga costante.

Ad esempio, usando una soluzione tampone libera, quando questa viene assorbita dal supporto, la concentrazione enzimatica aumenta... la teoria della cinetica di reazione enzimatica prevede che una maggiore concentrazione substrato-enzima implica una maggiore velocità, fino al raggiungimento della velocità ottimale di reazione... per cui mi chiedo, a seconda di che cosa si stabilisce una percentuale solitamente molto bassa se non infiinitesimale di utilizzo?

E' molto probabile che ci sia una mia incomprensione di fondo.
Aspettando una risposta, invio un saluto a tutti voi!


Serena Francone
Registrato Offline
Windows Live Messenger Replica: 4 - 5
Rossella Croce
Maggio 7, 2007, 9:48pm Report to Moderator
Consulente Diagnostica e Restauratore d' Arte
Utente anziano
Posts: 537
Location: Venezia
Ciao, non esiste una concentrazione di enzima ottimale assoluta, perch√® dipende dall'attivit√† specifica dell'enzima stesso. Ad esempio la Phase consiglia per gli enzimi che fornisce (quelli che comprendono la soluzione tampone)una concentrazione di 10 mg/ml e sono enzimi a bassa attivit√† (circa 0,3 mg di solido). la Bresciani invece consiglia per la proteasi una concentrazione di 2 mg/ml ma non specifica l'attivit√†, anche se probabilmente √® abbastanza alta. Per mia esperienza √® meglio aumentare la concentrazione indicata (fino anche del doppio per quelli a bassa attivit√†) piuttosto che giocare con gli altri parametri che influenzano l'efficacia (temperatura e tempo di contatto)in quanto risulta difficoltoso in laboratorio  e pu√≤ essere possibilmente problematico per l'opera. Purtroppo sono talmente tante le varibili che √® sempre meglio effettuare delle prove preliminari.


Rossella Croce
Restauratore di Beni mobili ed Architettonici
Tecnico per la diagnostica dei beni culturali††
Esperto per la Sicurezza nel settore del Restauro

Cooperativa per il Restauro S.c.p.a.- Milano
http://www.cooprestauro.net

MODERATORE SEZIONE CHIMICA E DIAGNOSTICA


Registrato Offline
Sito Replica: 5 - 5
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
Print


Valutazione del tema
Non esiste attualmente alcuna valutazione
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE