Benvenuto, Ospite. Gennaio 28, 2020, 5:25pm Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    ALTRI SETTORI    Restauro ligneo  ›  Lampada di Wood Moderatori: cinnabarin
Utenti presenti
No Members e 1 Ospiti

Lampada di Wood  (attualmente 7,205 viste) Print
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
SCUOLA_ARTIGIANI_RESTAURATORI
Maggio 20, 2005, 3:16pm Report to Moderator
Nuovo utente
Posts: 1
Qualche restauratore ha esperienza dell'uso della lampada di Wood nella pulitura di opere policrome?
Marco Piozzi
Registrato Offline
Rossella Croce
Maggio 20, 2005, 5:34pm Report to Moderator
Consulente Diagnostica e Restauratore d' Arte
Utente anziano
Posts: 537
Location: Venezia
si utilizza come per i dipinti per evidenziare ridipinture e/o strati di vernice superficiale, in base alla fluorescenza di tali materiali. Inoltre si può usare  per il controllo dell'omogeneità del livello di pulitura o dell'applicazione di vernici e consolidanti, sempre secondo i precedenti principi. La tecnica è semplice e poco costosa, l'interpretazione troppo spesso considerata banale non lo è affatto, in ultimo i raggi uv sono dannosi per l'uomo e vanno utilizzati con cautela limitando il periodo di esposizione


Rossella Croce
Restauratore di Beni mobili ed Architettonici
Tecnico per la diagnostica dei beni culturali  
Esperto per la Sicurezza nel settore del Restauro

Cooperativa per il Restauro S.c.p.a.- Milano
http://www.cooprestauro.net

MODERATORE SEZIONE CHIMICA E DIAGNOSTICA

Registrato Offline
Sito Replica: 1 - 5
Studio Restauro
Maggio 28, 2005, 11:26pm Report to Moderator
restauratore arredi e strutture lignee
Utente anziano
Posts: 80
Location: torino
Esistono riferimenti cromatici definiti e documentati a cui rapportare le osservazioni effettuate.
Esistono pubblicazioni in proposito?


Riccardo Bulgarelli
Registrato Offline
Sito Replica: 2 - 5
Studio Restauro
Giugno 9, 2005, 8:37pm Report to Moderator
restauratore arredi e strutture lignee
Utente anziano
Posts: 80
Location: torino
mi permetto insistere sull'argomento perchè considero l'uso della lampada ottimo coadiuvante ma, come dice Rossella, niente affatto banale, per una verifica dello stato di fatto superficiale, prima e dopo test di pulitura.
Credo facilmente utilizzabile il concetto : fluorescenza X prima dei saggi di pulitura, diversa fluorescenza dopo (o stessa fluorescenza su tamponcino di rimozione), conclusioni : ho rimosso lo strato. Ma mi chiedo, visto che ho letto di abbinamenti cromatici (arancione=gommalacca ad es.) se sono già stati effettuati studi su una ampia casistica di sostanze .
Grazie


Riccardo Bulgarelli
Registrato Offline
Sito Replica: 3 - 5
Jole Marcuccio
Giugno 10, 2005, 11:06am Report to Moderator
Restauratrice dipinti, scultura lignea, affreschi
Utente anziano
Posts: 441
Location: Bergamo
l'UV lavora solo sullo strato superficiale, quindi è adatto come dice Rossella ad individuare lo strato superficiale della vernice o dei consolidanti, ma solo se organici.
Dal tipo di fluorescenza capisci se la vernice è una resina naturale oppure una verniciatura proteica (es. bianco d'uovo), mentre pulisci il dipinto puoi controllare quindi il livello di pulitura. I riferimenti sono sparsi in vari libri o pubblicazioni, ricordo una lista di queste fluorescenze all'interno del libro del Mancia ( è un testo pubblicato nel '39 , forse il primo testo di diagnostica, ma questa lista come altre non è molto chiara). Ad esempio la gommalacca viene descritta dal giallo al marrone.
In alternativa bisogna prepararsi delle stesure di campione, ad esempio si può utilizzare un pigmento che non ha riflettanza, tipo una terra e su questa stendere vari tipi di vernici, utilizzando vari solventi, e poi confrontare il campione e la stesura sull'opera. Ovviamente l'invecchiamento della vernice sull'opera rispetto ad una stesura fresca influirà sul tono e sull'intensità della risposta in UV, ma si riesce comunque ad essere abbastanza precisi.
Altra cosa è l'individuazione del pigmento, questo non è possibile ottenerlo con l'UV, in quanto gli ultravioletti leggeranno in nero solo le ridipinture e i ritocchi aggiunti a posteriori sull'opera ( questo per una questione di fisica, nei ritocchi più giovani le particelle girano più velocemente, comunque su qualsiasi testo di chimica per il restauro è spiegato bene)
Si può anche barare, su un ritocco proteico, faccio agire la formaldeide e il ritocco invecchia, quindi l'UV non lo leggerà più come un ritocco recente, questa è una tecnica spesso usata da chi vuole falsificare e nascondere il proprio intervento.



Jole Marcuccio
Registrato Offline
Replica: 4 - 5
Studio Restauro
Novembre 8, 2005, 9:37pm Report to Moderator
restauratore arredi e strutture lignee
Utente anziano
Posts: 80
Location: torino
ho avuto occasione di ascoltare, sull'argomento, due docenti dell'OPD di Firenze dalle cui relazioni è emerso come la fluorescenza delle superfici sottoposte a UV dimostrerebbe  con certezza apprezzabile solamente omogeneità o disomogeneità della verniciatura.
L'analisi sarebbe dunque utile solo per verificare la completa o parziale rimozione della medesima e non per la determinazione della sua tipologia.


Riccardo Bulgarelli
Registrato Offline
Sito Replica: 5 - 5
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
Print

Forum Restauro e Conservazione    ALTRI SETTORI    Restauro ligneo  ›  Lampada di Wood

Valutazione del tema
Non esiste attualmente alcuna valutazione
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE