Benvenuto, Ospite. Marzo 26, 2019, 1:44pm Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    RESTAURO DIPINTI    Ritocco pittorico e tecniche artistiche  ›  chiarimenti sul rigatino romano Moderatori: cinnabarin
Utenti presenti
No Members e 2 Ospiti

chiarimenti sul rigatino romano  (attualmente 29,066 viste) Print
3 Pagine « 1 2 3 Tutti Raccommanda Thread
elyre
Ottobre 10, 2005, 9:33pm Report to Moderator
Utente ospite
Grazie Jole,
una bella risposta...
Registrato
E-mail Replica: 30 - 43
serena
Ottobre 24, 2005, 5:58pm Report to Moderator
Utente recente
Posts: 12
sono in un certo senso sollevata dal comune pensiero che ci sia da dire e da normalizzare in questo campo.Molto spesso questi miei dubbi venivano ridicolizzati rispetto a questioni di globalizzazione dei metodi e dei materiali per la conservazione. per me anche il lato estetico del nostro lavoro deve avere rilievo e voce alla pari. la sua importanza è nella fruizione , e l'opera nasce per questo essenzialmente. tanti metodo opinabili e personali di intervento rendono vago il concetto per cui si interviene: ridare all'opera una leggibilità migliore possibile che rispetti ovviamente anche le leggi della visione e percezione. stiamo parlando di scienza, pari passo con quella scienza che sperimenta prodotti nuovi e migliori per conservare un opera d'arte.


serena sechi
Registrato Offline
Replica: 31 - 43
serena
Maggio 15, 2006, 6:52pm Report to Moderator
Utente recente
Posts: 12
Avrei voglia di continuare il discorso sull'argomento insieme a voi. avrei cose da chiedere e da dire a chi è interessato magari a saperne di più. se vi va uniamo le forze e ci mettiamo a parlarne ancora. ciao


serena sechi
Registrato Offline
Replica: 32 - 43
atreo
Ottobre 11, 2006, 8:13am Report to Moderator
Conservatore e restauratore
Nuovo utente
Posts: 8
Location: Barcelona
Anche un anno tarde, vi posso dire che, a la Spagna, si usano tutte le tecniche de reintegrazione italiane. Nei Musei puoi trovare di tutto, astrazione, selezione, tratteggio, neutro, anche mimetico. No sempre bene eseguite. Nel settore privato dove mi trovo, però, soltanto possiamo parlare di reintegrazione invisibile, cioè, imitativo o mimetico. I collezionisti e le reintegrazione deontologiche sono come l'olio e l'acqua, non si possono vedere. Mi sembla che come in Italia, vero?


Non c'e niente de più bello che la rovina d'un opera d'arte
Gregorio López Sola
Registrato Offline
Replica: 33 - 43
serena
Ottobre 23, 2006, 5:18pm Report to Moderator
Utente recente
Posts: 12
Più o meno si . Sono stata da voi in Spagna e ho avuto modo di vedere i vostri sistemi. devo dire che la libertà di scelta fra i diversi metod mi lascia da una parte piuttosto perplessa. Non credo che tante alternative, se pur dichiarate tutte valide possano portare verso una buona soluzione, quanto piuttosto trovo che sia facile così tendere ancora lll'opinabilità dell'azione. Detto questo ci sarebbero specifiche da fare, ma in linea generale, calcolando che anche tu ammetti che non sono sistemi adottati alla lettera,  penso che siano forse troppe le strade possibili. grazie dell'informazione e della risposta anche se dopo tanto tempo. mi auguro che altre persone saranno interessate. A presto



Serena Sechi


serena sechi
Registrato Offline
Replica: 34 - 43
cecilia
Ottobre 23, 2006, 7:58pm Report to Moderator
Architetto
Posts: 205
Non potendo dare a questo interessante dibattito un contributo tecnico, che forse era specificatamente quello richiesto, credo però sia importante dare un contributo di tipo teorico. In molti avete citato Baldini, ma in effetti Baldini (come qualcuno ha già spiegato) si colloca nell'ambito della tradizione fiorentina e propone, nella sua teoria, il metodo della "selezione cromatica" per piccole perdite o dell'"astrazione cromatica" per grandi perdite. Baldini rappresenta  la linea dell'Opificio e viene dopo Brandi, che invece è l'ideatore del rigatino. Il tratteggio verticale come reintegrazione delle lacune venne usato per la prima volta nella cappella Mazzatosta della chiesa della Verità a Viterbo, tra il 45 ed il 46, per restaurare gli affreschi dopo un bombardamento. Il metodo fu messo a punto da lui e dai suoi studenti dell'ICR (Mora ed altri) dopo diversi tentativi. Per un'impostazione teorica sul rigatino bisogna leggere la teoria di Brandi, che la cita, poi il Baldini che in molti avete citato e poi è interessante un articolo di Maria Carolina Gaetani che si trova sugli atti del convegno "la teoria del restauro nel 900 da riegel a Brandi" intitolato "La reintegrazione delle lacune attraverso la tecnica del tratteggio: considerazioni sul metodo", che ne descrive praticamente la storia.
Scusate la lungaggine...


Cecilia Sodano -  Moderatrice sezioni Lavori Pubblici, Museografia
Registrato Offline
Replica: 35 - 43
cecilia
Ottobre 23, 2006, 8:26pm Report to Moderator
Architetto
Posts: 205
Rileggo e correggo: "per un'impostazione teorica sul TRATTAMENTO DELLE LACUNE" e non "sul rigatino" bisogna leggere i testi di Brandi e Baldini citati, per capire la differenza tra i due maestri. Fondante, tuttavia, resta la teoria di Brandi. In merito alle tecniche di reintegrazione all'estero va detto che le tecniche di reitegrazione, ma soprattutto la teoria che le supporta, sono nati in Italia e quindi è inutile sperare di trovare fuori dall'Italia qualcosa di meglio di quello che c'è qui, tra la tradizione romana di brandi e quella fiorentina dell'OPD (e scusata il campanilismo, ma queta volta è fondato...).  Interessante quello che dice Gregorio Lopez sulle reintegrazioni invisibili: anche in Italia, nella seconda metà dell'ottocento, si sviluppò una scuola di pensiero dei "pittori restauratori" che proponeva tale tipo di reintegrazione. Fu la scuola di pensiero di Forni e di Conte. E fu, naturalmente, la "scuola di pendiero" dei mercanti fiorentini... )


Cecilia Sodano -  Moderatrice sezioni Lavori Pubblici, Museografia
Registrato Offline
Replica: 36 - 43
Adamantio
Ottobre 24, 2006, 6:15am Report to Moderator
Dottore in Chimica - Consulente Restauro
Posts: 933
Location: Torino e Aramengo (AT)
Io sono in Piemonte, e per quanto riguarda questa regione, per quelle che sono le mie conoscenze, la situazione è assolutamente analoga a quella descritta da Gregorio Lopez.
Non spetta al restauratore la scelta della tecnica da impiegarsi ma (giustamente) al funzionario di soprintendenza o al limite al proprietario (se l'opera non è sottoposta a tutela).
Ogni opera è diversa dall'altra e ogni funzionario ha le sue preferenze. In questo modo si va a creare una soluzione diversa da caso a caso... qui non esiste una soluzione generale adottata comunque e dovunque. Si giudica, si valuta tutti insieme e poi la parola finale spetta al funzionario... spesso si opera in modo da avere una soluzione che mette in evidenza le reintegrazioni più invasive e in generale non ci si perde eccessivamente a denunciare i ritocchi microscopici su sfondi piatti (comunque, sottolineo, che non è un comportamento univoco... a volte si denuncia qualsiasi ritocco...) dipende comunque molto da quali sono le lacune, da quanto incidono percentualmente sull'integrità del quadro, da come è la tela o la tavola al di sotto (a volte si lascia anche la nuda tela o il legno se in posti non eccessivamente fastidiosi dal punto di vista cromatico-estetico... oppure non si opara stuccatura e si lascia la superficie scabra della tela a denunciare il restauro... o altre numerose soluzioni).
I privati invece è molto raro che vogliano o accettino una reintegrazione diversa da quella mimetica... e chiunque abbia lavorato col privato ben lo sa... anche se ultimamente la sensibilità sta cambiando e almeno per i pezzi più importanti in mano privata e non sottoposti a vincolo viene richiesta comunque un'integraziona analoga a quella dei pezzi nei musei.

Il ritocco, a parer mio, deve essere qualcosa che disturba il meno possibile la percezione dell'opera originale... deve integrarla senza falsificarla, essere percepibile senza essere evidente. Deve eliminare quel disturbo estetico provocato dalla lacuna senza peraltro aggiungere nulla...

...poi insomma, la reintegrazione deve essere soprattutto estremamente reversibile, l'importante è quindi che venga fatta con colori a vernice facilmente solubili in solventi a bassissima polarità... che sia fatta bene o che sia fatta male l'importante è che ci si possa ripensare...


Marco NICOLA
MODERATORE AREA AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

Conservation Scientist - Diagnosta dei Beni Culturali
Analisi chimiche, chimico-fisiche, petrografiche, biologiche... e ricerche per lo Studio, la Conservazione e il Restauro del Patrimonio Artistico
sito: http://www.adamantionet.com

Registrato Offline
Sito Replica: 37 - 43
serena
Ottobre 27, 2006, 6:59pm Report to Moderator
Utente recente
Posts: 12
La ragione è pienamente dalla sua nel parlare a lettere cubitali della reversibilità. Il metodo di reintegrazione deve essere di aiuto alla lettura e non di ulteriore disturbo. ma questo non può bastare a giustificare interventi per analogia , che si celano tanto spesso dietro le buone intenzioni di seguire le esigenze dell'opera. Ogni sistema reintegrativo adottato, purchè compatibile ed in linea con i principi di reversibilità e di riconoscibilità deve essere poi in accordo con l'opera secondo quella che lei chiama bene percezione. In effetti è la percezione visiva che si mette in gioco con le sue regole nel dettare il bisogno dell'immagine.Niente da dire su quanto accade nelle soprintendenze, ormai è routine sentir parlare di sensibilità individuale di uno o l'altro personaggio-funzionario- ispettore.Certo è la realtà....ma andrebbe ripreso in mano un testo scritto alla fine degli anni '30, quando persone di grande impegno culturale proponevano la nascita di un Istituto che facesse da guida  nel mondo empirico, di allora, ma direi sotto alcuni versi anche di oggi, del restauro. Erano intenzioni nobilissime, ma che ai fatti si sono andate perdendo. Colpa nostra, non dei promotori. La normalizzazione di alcuni metodi e criteri dovrebbe diventare cosa concreta.Credo. A presto


serena sechi
Registrato Offline
Replica: 38 - 43
serena
Dicembre 16, 2006, 1:21pm Report to Moderator
Utente recente
Posts: 12
salve, mi dicon0o di un convegno sulla reintegrazione a londra, probabilmente al Courtauld, ma non riesco a trovare più notizie. Se qualcuno avesse maggiori informazioni in merito, sarei lieta di riceverle. Grazie a presto
Serena Sechi


serena sechi
Registrato Offline
Replica: 39 - 43
Adamantio
Dicembre 17, 2006, 10:25am Report to Moderator
Dottore in Chimica - Consulente Restauro
Posts: 933
Location: Torino e Aramengo (AT)
Ho cercato un po' sulla rete ed ho trovato un evento che credo essere proprio quello che cerchi tu... l'ho aggiunto alla sezione convegni...

lo puoi trovare a questo indirizzo: http://www.tine.it/cgi-bin/blah/Blah.pl?m-1166347383/


Marco NICOLA
MODERATORE AREA AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

Conservation Scientist - Diagnosta dei Beni Culturali
Analisi chimiche, chimico-fisiche, petrografiche, biologiche... e ricerche per lo Studio, la Conservazione e il Restauro del Patrimonio Artistico
sito: http://www.adamantionet.com

Registrato Offline
Sito Replica: 40 - 43
serena
Dicembre 17, 2006, 11:45pm Report to Moderator
Utente recente
Posts: 12
Grazie , era esattamente questo che cercavo. a presto

serena sechi


serena sechi
Registrato Offline
Replica: 41 - 43
Maddalena777
Novembre 20, 2008, 12:05am Report to Moderator
restauro della pittura e scultura policromia
Utente medio
Posts: 27
Location: pittura murale, su tela, icone, sculrura policromia, metallo
ciao a tutti!

io ho una domanda di tratteggio romano e le selezioni fiorentini! perche scrivo la mia tesi di questo, paragono due scuole- ICR Roma (Brandi) e OPD Firenze (CASAZZA, Baldini). qualcuno potrebbe spiegarmi le differenze tra tratteggio romano (Brandi) e selezione cromatica, astrazione cromatica, selezione d'oro ecc fiorentino?
mi serve qualche foto che dimostra tratteggi e selezioni! per favore aiutate!!!!!!!!!!!!!!

saluti magdalena


Magdalena Zacharska
Registrato Offline
Replica: 42 - 43
Maddalena777
Novembre 20, 2008, 12:09am Report to Moderator
restauro della pittura e scultura policromia
Utente medio
Posts: 27
Location: pittura murale, su tela, icone, sculrura policromia, metallo
ho anche domanda di articolo -Maria Carolina Gaetani "la teoria del restuaro nel 900 da riegl a brandi"-la reintegrazione delle lacune attraverso la tecnica del tratteggio"-si puo trovare questo articolo sul internet?
io studio in Polonia e non riesco a trovarlo qui. qualcuno potrebbe mandarmi questo articolo via mail?
per favore aiutate!!!!!!!!!

mia mail: maddalena21@wp.pl


Magdalena Zacharska
Registrato Offline
Replica: 43 - 43
3 Pagine « 1 2 3 Tutti Raccommanda Thread
Print

Forum Restauro e Conservazione    RESTAURO DIPINTI    Ritocco pittorico e tecniche artistiche  ›  chiarimenti sul rigatino romano

Valutazione del tema
Non esiste attualmente alcuna valutazione
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE