Benvenuto, Ospite. Marzo 26, 2019, 1:54pm Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    RESTAURO ARCHITETTONICO    Materiali lapidei naturali ed artificiali  ›  microsabbiatura Moderatori: admin
Utenti presenti
No Members e 1 Ospiti

microsabbiatura  (attualmente 1,321 viste) Print
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
facciatepulite
Febbraio 4, 2006, 11:38am Report to Moderator
Nuovo utente
Posts: 1
volevo sapere che cosa è la microsabbiatura ? qualcuno puo darmi risposta a questa domanda ,  grazie giovanni


Giovanni dell'Aria
Registrato Offline
admin
Febbraio 4, 2006, 3:32pm Report to Moderator
Architetto
Posts: 731
Location: Palermo
Estratto da una scheda di lavorazione (Codice di pratica professionale - Ortygia):

Scopo dell'opera
Pulitura di un apparato decorativo in materiale lapideo poroso, degradato e ricoperto da incrostazioni scure, spesse e scarsamente idrosolubili che ne alterano il colore.
Pulitura di un materiale lapideo ricoperto da una pellicola pittorica.

Modalità dell’intervento      
Per effettuare la micro-sabbiatura si devono utilizzare appositi strumenti micro-aero-abrasivi ad aria compressa disidratata dotati di ugelli in grado di proiettare polveri a base di microparticelle di varia natura e durezza (vetro, silice, allumina, pomice, ecc.) del diametro medio di qualche decina di micron.

L’apparecchiatura è costituita da un piccolo compressore accoppiato ad un serbatoio contente la polvere abrasiva; la pressione del getto e la quantità di polvere abrasiva devono essere finemente regolabili; l’ugello deve consentire di indirizzare la miscela aria/polvere limitatamente a pochi mm2 di superficie consentendo al restauratore di operare con accuratezza, precisione e delicatezza anche su litotipi molto degradati.

Il corretto impiego della microsabbiatura permette la possibilità di esercitare l'azione pulente con grande precisione e con gradualità, anche in zone particolarmente sfavorevoli (sottosquadri, comici, ecc.), regolando la pressione d’esercizio (non superiore ad 1 atm.).

Il sistema è applicabile esclusivamente su superfici poco estese.
Per essere impiegata al meglio, e per la potenziale pericolosità dello strumento è richiesto l'intervento di operatori specializzati

Specifiche sui materiali      
La scelta dell’abrasivo va eseguita in relazione alla durezza del materiale da pulire. E’ buona norma, al fine di non provocare danni irreversibili, utilizzare sempre un abrasivo di durezza inferiore a quella del materiale lapideo.
In presenza di una granulometria così fine si rischia l’ostruzione delle condutture e dell’ugello; occorre, quindi, ricorrere ad appositi disidratatori.
E’ in ogni caso opportuno lavorare con particelle abrasive con bordi arrotondati.

Avvertenze
La micro-sabbiatura provoca, soprattutto quando si opera in zone ristrette o chiuse, forti emissioni di polveri che possono risultare dannose sia per gli operatori per gli oggetti da pulire.

Per gli operatori va previsto l’utilizzo di caschi provvisti di specifiche visiere;

Per trattare casi di materiali particolarmente degradati sui quali l’eliminazione del deposito delle polveri abrasive diviene problematico, è possibile utilizzare uno specifico aspiratore da porre in prossimità dell’ugello. I tempi ed i costi aumentano notevolmente.


Sergio Tinè
Amministratore del forum

Registrato Offline
Sito Skype Replica: 1 - 2
Gianluca Ottone
Aprile 29, 2007, 12:52pm Report to Moderator
Nuovo utente
Posts: 2
Salve a tutti,
mi è stata commissionata la pulizia di una muretta+copertina+6 pilastrini realizzati in blocchi di pietra serena a spacco, l'oggetto non ha interesse storico-artistico. La superficie presenta i comuni segni di degrado caratteristici: poca esfoliazione in aree circoscritte, molto muschio ed estese macchie nerastre; no polverizzazione. Ho programmato un intervento di sabbiatura a bassa pressione con una Protech Micrajet 8, alla quale, essendo l'intervento in abitazione civile, non posso collegare un compressore con potenza superiore ai 2.2 o 2.5 kW. La pressione all'ugello (3mm) che posso raggiungere non sarà quindi superiore ai 3 bar.
Con queste condizioni, chi è in grado di consigliarmi: inerte, granulometria, pressione e quantità di inerte nell'aria del getto? Quale trattamento protettivo consigliate per la pietra serena? (senza ovviamente lasciare effetto lucido, o cambiamento di colore)
grazie, Gianluca Ottone


Gianluca Ottone
Registrato Offline
Replica: 2 - 2
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
Print


Valutazione del tema
Non esiste attualmente alcuna valutazione
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE