Benvenuto, Ospite. Maggio 19, 2019, 2:21pm Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    DIAGNOSTICA    Chimica per il restauro  ›  Olio di lino nel marmorino e nello stucco Moderatori: Adamantio
Utenti presenti
No Members e 1 Ospiti

Olio di lino nel marmorino e nello stucco  (attualmente 15,313 viste) Print
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
GABRIELE
Febbraio 18, 2006, 9:03pm Report to Moderator
Nuovo utente
Posts: 1
Ciao a tutti, sono Gabriele e mi occupo di recupero e ristrutturazione ediliza.
Ho letto che si può aggiungere olio di lino cotto nelle malte di finitura tipo marmorino o stucco per aumentare l'adesione, la plasticità e regolare l'assorbimento dell'acqua , io produco per la mia piccola ditta malte naturali tipo marmorino, intonachino, cocciopesto, ecc e vorrei sapere se aggiungere questo prodotto mi può a dare vantaggi.
Mi anno anche consiliato di aggiungere della resina acrilica, ma non ne risento in termini di traspirabilita'? Ed in che quantita' questi additivi li posso utilizzare.
Vi ringrazio ..Ciao

Gabriele Zanola


Gabriele Zanola
Registrato Offline
Edgardo Pinto Guerra
Febbraio 19, 2006, 10:20am Report to Moderator
Consulente risanamento murature storiche dal 2003
Posts: 252
Location: Studio consulenza risanamento muri
Ciao - non mi sorprenderebbe - ad es. non lontano da cio posso menzionarti una ricetta dell'antico *lime wash* inglese, la mano di finitura a calce data a caldo sui muri. A 16 litri di grassello filtrato aggiungi 2kg di sale diluito in acqua piu 2kg di Alum (quello tradizionale) e 2 litri di lardo di manzo quale impermeabilizzante e legante secondario che aiuta l'applicazione.



Edgardo Pinto Guerra. http://www.consultingepg.com
Consulente risanamento
Autore del volume "Risanamento di murature umide umide e degradate"
epg@consultingepg.com
Registrato Offline
Sito Replica: 1 - 10
Adamantio
Maggio 4, 2006, 1:18pm Report to Moderator
Dottore in Chimica - Consulente Restauro
Posts: 933
Location: Torino e Aramengo (AT)
La ricetta è carina ma 2 kg di sale potrebbero non essere il massimo per l'intonaco  

Comunque interessa anche a me questo discorso...

chi saprebbe dare più info sull'uso di olio di lino nelle malte di finitura?

si può usare anche in esterno?
era usato?
che effetti ha dato?
come si è conservato?
...


Marco NICOLA
MODERATORE AREA AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

Conservation Scientist - Diagnosta dei Beni Culturali
Analisi chimiche, chimico-fisiche, petrografiche, biologiche... e ricerche per lo Studio, la Conservazione e il Restauro del Patrimonio Artistico
sito: http://www.adamantionet.com

Registrato Offline
Sito Replica: 2 - 10
Edgardo Pinto Guerra
Maggio 5, 2006, 7:15am Report to Moderator
Consulente risanamento murature storiche dal 2003
Posts: 252
Location: Studio consulenza risanamento muri
Vero, ma non dimenticare che anche lo zucchero è stato usato, in funzione antigelo e, forse da sapore al lardo -) Comunque la ricetta del '400 inglese è quella.



Edgardo Pinto Guerra. http://www.consultingepg.com
Consulente risanamento
Autore del volume "Risanamento di murature umide umide e degradate"
epg@consultingepg.com
Registrato Offline
Sito Replica: 3 - 10
annalisa celeste
Agosto 3, 2006, 5:40pm Report to Moderator
decoratrice
Utente recente
Posts: 15
Location: piemonte
Ciao a tutti..

leggendo le vostre curiose ricette mi è sorto un dubbio:
.......ma l'olio e l'acqua sono miscelabili?
Perchè a me non risulta! Se poi funziona fatemelo sapere.  

Annalisa Celeste


Annalisa Celeste
Registrato Offline
Replica: 4 - 10
Adamantio
Agosto 3, 2006, 6:43pm Report to Moderator
Dottore in Chimica - Consulente Restauro
Posts: 933
Location: Torino e Aramengo (AT)
L'olio e l'acqua in generale non sono miscelabili...
...tuttavia esistono alcune eccezioni.

Le miscele di acqua e olio sono possibili sottoforma di emulsioni. Un esempio di emulsione molto comune è la maionese (emulsione di acqua in olio o A/O esistono anche emulsioni di olio in acqua o O/A).

Per potersi formare le emulsioni necessitano di un emulsionante.
Ve ne sono di diversi tipi.
Tra gli emulsionanti possiamo citare la lecitina che è contenuta nel tuorlo d'uovo e permette ad esempio la formazione della maionese e, per portare un esempio più vicino al nostro settore d'applicazione, delle tempere grasse.

Altre emulsioni possono formarsi grazie alla presenza di saponi e di tensioattivi.

I saponi si producono per saponificazione cioè per idrolisi alcalina di grassi di origine animale o vegetale.

...ora nelle malte di cui abbiamo parlato sopra abbiamo detto che si aggiungevano grassi di origine vegetale (olio di lino) ad acqua e calce; calce che è una sostanza alcalina... quindi potrebbe esserci una saponificazione dell'olio che permetterebbe questa improbabile miscela.
Nella ricetta riportata da Edgardo, invece, i grassi sono di origine animale (lardo) e l'aggiunta di sale (cloruro di sodio) potrebbe effettivamente favorire la formazione di saponi che sono generalmente sali di sodio o di potassio.
Ovviamente si tratta solo di supposizioni peraltro esposte con un modo improprio in quanto bisognerebbe più correttamente prendere in considerazione perlomeno i concetti di ione, forza ionica e prodotto di solubilità poichè tutte le specie chimiche considerate sono in soluzione.
Ci vorrebbe un bel lavoro per studiare in modo scientifico quali sono le reazioni che si verificano in realtà, con tanto di campioni artificiali per studiare quantità di sostanze in gioco, pH, efficienza della saponificazione (se avviene), caratteristiche acquisite dalla malta, comportamento nell'invecchiamento, ecc. E' inutile che dica che per studiare tutti questi aspetti sarebbero necessarie centinaia di analisi e un bel po' di tempo e lavoro interpretativo.



Marco NICOLA
MODERATORE AREA AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

Conservation Scientist - Diagnosta dei Beni Culturali
Analisi chimiche, chimico-fisiche, petrografiche, biologiche... e ricerche per lo Studio, la Conservazione e il Restauro del Patrimonio Artistico
sito: http://www.adamantionet.com

Registrato Offline
Sito Replica: 5 - 10
Edgardo Pinto Guerra
Agosto 19, 2006, 5:10pm Report to Moderator
Consulente risanamento murature storiche dal 2003
Posts: 252
Location: Studio consulenza risanamento muri
Naturalmente Marco ha ragione. Sembrava strano anche a me. Ho controllato meglio e ORA, CENERE SULLA MIA TESTA E TANTE SCUSE a Gabriele.
Ho sbagliato la ricetta. Questa è quella giusta usata per secoli:
A 16 litri di grassello si aggiungono NON 3kg di  sale ma 2kg di Cloruro di Calcio, 2 litri di strutto caldo e 2 KG di Alum (il doppio solfato di alluminio e di potassio).
La miscela è mescolata a caldo, dovrebbe essere piuttosto liquida quando calda.
Si può mantenere per uso futuro o impiegata subito. Si danno due mani a caldo con un largo pennello. Appena messa è trasparente poi, fredda, diventa opaca.
Per evere il tipico bianco del *limewash* al grassello si aggiunge del blu cobalto.

Altra mistura impermeabilizzante, con cere, è il Marmorino Veneziano.
Saluti e scuse,



Edgardo Pinto Guerra. http://www.consultingepg.com
Consulente risanamento
Autore del volume "Risanamento di murature umide umide e degradate"
epg@consultingepg.com
Registrato Offline
Sito Replica: 6 - 10
eadg
Giugno 15, 2007, 10:41pm Report to Moderator
imprenditore
Utente anziano
Posts: 84
l'uso dell'olio di lino non è una rarità anche se non frequentissimo nella preparazione di marmorini e stucchi, ancora oggi molte aziende lo inseriscono nelle formulazioni di questi materiali (e poi si dice che i prodotti cosiddetti commerciali sono fatti male, ....... non è vero, spesso sono fatti benissimo, il problema è che spesso vengono usati o applicati nei posti sbagliati).
Non bisogna eccedere nelle dosi, che devono essere piccole (direi 1% max anche se non ho mai trovato nulla di ufficiale) , aumenta la scorrevolezza del ferro di stesura, facilita la lisciatura e la lucidabilità, rende l'impasto più elastico e anche leggermente idrorepellente. saluti


arch. edoardo rosaz
Registrato Offline
Replica: 7 - 10
MaxTn
Giugno 16, 2007, 8:26pm Report to Moderator
norton interner security
Nuovo utente
Posts: 5
Salve,
io ogni tanto, l'olio di lino lo uso mischiato a gesso o scaiola, per allungarne il tempo di indurimento.


Matera Max - Restauratore Specializzato -
Registrato Offline
Replica: 8 - 10
eadg
Giugno 16, 2007, 9:58pm Report to Moderator
imprenditore
Utente anziano
Posts: 84
egr. sig. max, per ottenere un allungamento del tempo di indurimento dei gessi va molto bene miscelare dell'idrossido di calcio (anche nella forma di grassello). saluti


arch. edoardo rosaz
Registrato Offline
Replica: 9 - 10
Gianni Berti
Agosto 21, 2008, 7:55am Report to Moderator
Nuovo utente
Posts: 8
Potrebbe essere utile dare un'occhiata all'editoriale pubblicato su http://www.gianniberti.it/Editoriali/Stucchi/gli_stucchi.htm ?

Comunque l'olio di lino viene utilizzato certamente per stucchi e marmorini con ottimi risultati...peccato che ingiallisca un pò..

Saluti.

Gianni Berti
Registrato Offline
Replica: 10 - 10
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
Print

Forum Restauro e Conservazione    DIAGNOSTICA    Chimica per il restauro  ›  Olio di lino nel marmorino e nello stucco

Valutazione del tema
Non esiste attualmente alcuna valutazione
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE