Benvenuto, Ospite. Aprile 20, 2021, 8:50pm Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    RESTAURO DIPINTI    Ritocco pittorico e tecniche artistiche  ›  Solvente per il ritocco a vernice Moderatori: cinnabarin
Utenti presenti
No Members e 1 Ospiti

Solvente per il ritocco a vernice  (attualmente 8,464 viste) Print
2 Pagine 1 2 » Tutti Raccommanda Thread
dario66
Luglio 27, 2006, 9:07am Report to Moderator
restauratore
Nuovo utente
Posts: 9
Location: Roma
Ciao a tutte/i
mi trovo in difficoltà perchè sto usando come solvente per i colori a vernice per ritocco l'acetone al posto del diluente nitro che è troppo tossico e di cui non si riesce mai a conoscere la composizione. Il problema è che l'acetone evapora troppo velocemente. Sto cercando un solvente che sia poco tossico e che mi dia un po' più di tempo. Qualcuno ha un'idea in proposito?
Grazie e buon lavoro a tutte/i


dario federico marletto
Registrato Offline
Sito
Jole Marcuccio
Luglio 27, 2006, 10:21am Report to Moderator
Restauratrice dipinti, scultura lignea, affreschi
Utente anziano
Posts: 441
Location: Bergamo
puoi usare il White Spirit, lo Xilolo ( è il meno tossico degli aromatici) o l'Etillactato ( ottimo, il meno tossico ma un pò costoso).

Poi...........la firma deve essere completa con nome e cognome, provvedi !!!


Jole Marcuccio
Registrato Offline
Replica: 1 - 16
dario66
Luglio 27, 2006, 10:58am Report to Moderator
restauratore
Nuovo utente
Posts: 9
Location: Roma
Gentile Jole Marcuccio, grazie per la rapida risposta. L'etillactato l'ho comprato, è carissimo e funziona malissimo: forse c'è una modalità d'uso che non conosco. Secondo lei lo xilolo è meno tossico dell'acetone?
Per la firma, a parte il tono autoritario che non mi piace sia usato con me e non penso debba essere usato con nessuno, non era scritto di mettere nome e cognome da nessuna parte, ma solo la firma completa, che a tutt'oggi risulta libera persino nel mondo bancario e creditizio. Penso che se serve il nome e il cognome, dovrebbe essere scritto più chiaramente ad es. "scrivete nome e cognome"
Adesso provvedo a inserire il mio nome completo e il cognome.


dario federico marletto
Registrato Offline
Sito Replica: 2 - 16
Jole Marcuccio
Luglio 27, 2006, 1:44pm Report to Moderator
Restauratrice dipinti, scultura lignea, affreschi
Utente anziano
Posts: 441
Location: Bergamo
bisogna guardare sulle schede di sicurezza, mi sembra che i parametri tra acetone e xilolo siano simili. Ovviamente deve essere puro, esente da benzene. sicuramente però sempre meglio del diluente nitro, e poi l'acetone non si riesce ad usare nel ritocco.
non ho capito, usi i colori a vernice in tubo già pronti?

un'ottima soluzione può essere W.S. 80 e xilolo 20

circa la firma, effettivamente il mio tono era imperioso, ma è piuttosto antipatico dover scrivere messaggi per spiegare che serve la firma, oppure oscurarli per mancanza della stessa.
nell'apposita sezione è specificato che serve la firma completa, pensavo fosse chiaro che per "completa" si intendesse nome e cognome.




Jole Marcuccio
Registrato Offline
Replica: 3 - 16
dario66
Luglio 27, 2006, 1:55pm Report to Moderator
restauratore
Nuovo utente
Posts: 9
Location: Roma
Grazie mille per l'utilissimo consiglio e sì, uso i colori già pronti della Maimeri. Mi sembra di avere lo xilolo e farò quanto prima una prova nel modo da lei consigliato. Cordialmente.


dario federico marletto
Registrato Offline
Sito Replica: 4 - 16
angelo ingrasci
Luglio 29, 2006, 8:29pm Report to Moderator
Decoratore/Pittore/Restauratore di dipinti murali
Utente anziano
Posts: 51
Location: Asti
io a vernice  come veicolo ho usato limonene.....  provalo , mi sembra meno tossico di tutti...


angelo ingrasci
Registrato Offline
Sito Replica: 5 - 16
dario66
Luglio 29, 2006, 10:58pm Report to Moderator
restauratore
Nuovo utente
Posts: 9
Location: Roma
Grazie, ho trovato un paio di pagine che confermano che possa essere interessante e non troppo tossico, o comunque meno di altri

http://www.cdc.gov/niosh/ipcsnitl/nitl0918.html

http://it.wikipedia.org/wiki/Limonene

mi chiedo dove si possa comprare però.

ps. per un documento estremamente serio sul limonene ma in inglese vedere la pagina

http://www.who.int/ipcs/publications/cicad/en/cicad05.pdf


dario federico marletto
Registrato Offline
Sito Replica: 6 - 16
angelo ingrasci
Luglio 30, 2006, 12:52pm Report to Moderator
Decoratore/Pittore/Restauratore di dipinti murali
Utente anziano
Posts: 51
Location: Asti
il limonene l'ho comprato alla sinopia.


angelo ingrasci
Registrato Offline
Sito Replica: 7 - 16
Adamantio
Luglio 31, 2006, 9:01am Report to Moderator
Dottore in Chimica - Consulente Restauro
Posts: 933
Location: Torino e Aramengo (AT)
Per quanto riguarda la tossicità di xilene e acetone bisogna considerare che il primo è comunque un solvente aromatico della famiglia del benzene.
Il benzene è uno dei più pericolosi cancerogeni riconosciuti (leucemia) e quindi, per prudenza e in accordo con alcuni studi, si tende ad eliminare anche i suoi più importanti derivati (toluene e xilene) dalle miscele di solventi. (Motivo per cui Cremonesi ha propsoto anche di soppiantare il test di Feller con una rielaborazione del test di Wolbers al fine di evitare l'impiego di toluene)
N.B. xilolo, toluolo e benzolo sono nomenclature in disuso e sono state sostituite da xilene, toluene e benzene. Cremonesi riferisce che la nomenclatura con le desinenze in -olo è tuttora usata per prodotti poco puri che contengono maggiori quantità di sostanze estranee e in particolare di benzene e risultano quindi molto più pericolosi.
Anche il White Spirits e l'acquaragia minerale, che sono frazioni ottenute dalla distillazione del petrolio, contengono discrete quantità di sostanze aromatiche ed è per questo che per produrne varietà più sicure spesso vengono dearomatizzate (se non sono dearomatizzate sono molto pericolose). Pur usando WS o acquaragia minerale dearomatizzati esistono, generalmente, ancora piccole impurezze di sostanze aromatiche si deve pertanto scegliere prodotti quanto più possibile esenti da aromatici e in particolare da benzene. Un discorso analogo si potrebbe fare per alcuni eteri di petrolio.
Per quanto riguarda l'acetone è considerato un solvente a tossicità piuttosto limitata; uno dei più sicuri. Effettivamente pur presentando una notevole velocità di evaporazione (e quindi potenzialmente una tossicità più elevata poichè è più facile assorbirlo nel organismo) presenta una TLV (Threshold Limit Value = Valore Limite di Soglia = Concentrazione a cui una sostanza è considerata pericolosa per l'organismo) piuttosto elevata.
I colori a vernice Maimeri si possono sciogliere in WS dearomatizzato senza alcuna aggiunta. Si possono anche sciogliere in essenza di trementina (acquaragia vegetale, una miscela di terpeni). Quest'ultima sicuramente ha un intenso odore (molto caratterisco, storicamente e comunemente ricollegato alle attività di pittura e restauro) e una certa nocività e può provocare sensibilizzazione. Una soluzione più moderna è sicuramente il limonene (altro terpene; chiamato anche dipentene nella forma racema) anche lui dotato di un caratteristico odore di arancia o di limone (in relazione al tipo di enantiomero presente) odore che peraltro soprattutto se per lunghe esposizioni potrebbe non risultare dei più graditi; il limonene ha anche un certo potere sensibilizzante ma generalmente lo si preferisce attualmente alla trementina perchè considerato a minore nocività. Entrambi i solventi vegetali (Trementina e Limonene) possono anche usarsi in miscela con etere di petrolio e WS (che devono ovviamente essere esenti da aromatici) per correggere la viscosità e i parametri di solubilità.


Marco NICOLA
MODERATORE AREA AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

Conservation Scientist - Diagnosta dei Beni Culturali
Analisi chimiche, chimico-fisiche, petrografiche, biologiche... e ricerche per lo Studio, la Conservazione e il Restauro del Patrimonio Artistico
sito: http://www.adamantionet.com

Registrato Offline
Sito Replica: 8 - 16
dario66
Luglio 31, 2006, 9:23am Report to Moderator
restauratore
Nuovo utente
Posts: 9
Location: Roma
Grazie per la risposta completa ed esaustiva.
Devo dire che dell'essenza di trementina non posso neanche più sentire l'odore da anni; la spiegazione sull'acqua ragia dearomatizzata mi ha lasciato a bocca aperta: pensi che nei barattoli c'è scritto acquaragia dearomatizzata e poi sul fronte acqua ragia inodore...come se significasse la stessa cosa. Quindi rimane il dubbio: se il livello è questo, come facciamo a sapere se un'acquaragia dearomatizzata è meglio di un'altra? Come facciamo a essere sicuri che sia veramente esente da benzene?


dario federico marletto
Registrato Offline
Sito Replica: 9 - 16
Adamantio
Luglio 31, 2006, 9:51am Report to Moderator
Dottore in Chimica - Consulente Restauro
Posts: 933
Location: Torino e Aramengo (AT)
Cremonesi consiglia l'uso di solventi contenenti meno dello 0.1% di idrocarburi aromatici nel caso di Essenza di Petrolio (Ligroina 100-140°C Carlo Erba ACROS ORGANICS 23302-0025) e meno dello 0.2% di idrocarburi aromatici per quanto riguarda il Petrolio 180-220°C (prodotto analogo al WS) che lui consiglia di acquistare dalla Merck ( 109718 ).

Ti avviso che data la maggiore purezza potrebbero sembrarti piuttosto costosi.

Richiedendo comunque la scheda di sicurezza e la scheda tecnica al fornitore quest'ultimo dovrebbe generalmente comunicare il dato relativo agli aromatici residui.

Per maggiori info ti consiglio di consultare: L'uso dei solventi organici nella pulitura di opere policrome di Paolo Cremonesi; il Prato, Padova, 2000.


Marco NICOLA
MODERATORE AREA AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

Conservation Scientist - Diagnosta dei Beni Culturali
Analisi chimiche, chimico-fisiche, petrografiche, biologiche... e ricerche per lo Studio, la Conservazione e il Restauro del Patrimonio Artistico
sito: http://www.adamantionet.com

Registrato Offline
Sito Replica: 10 - 16
samy
Luglio 31, 2006, 8:43pm Report to Moderator
restauratore dipinti (tele e tavole)
Utente anziano
Posts: 93
Location: Pitesti, Romania
ma per i colori a vernice non va bene anche l`acol isopropilico e l'etillactato in proporzione di 75:25% ? secondo me va molto bene. anche l`alcool isopropilico da solo, pero` evapora piu` velocemente


Registrato Offline
YIM Replica: 11 - 16
Adamantio
Agosto 1, 2006, 8:34am Report to Moderator
Dottore in Chimica - Consulente Restauro
Posts: 933
Location: Torino e Aramengo (AT)
Vanno anche bene per stemperare i colori... non li ho menzionati perchè più comunemente vengono usati quelli che ho elencato che hanno la minima polarità necessaria per svolgere il loro compito. L'alcol isopropilico, invece, ha una polarità molto elevata; il suo uso risulta quindi più rischioso per l'opera perchè i continui vapori e possibili accidentali debordature potrebbero ammorbidire lo strato pittorico e interagire con esso soprattutto nell'uso su dipinti relativamente recenti (tipo quadro dell'800). Idem dicasi per l'acetone.

Un altro appunto per Dario:
Tu hai scritto che intendi usare colori a vernice Maimeri; non hai specificato il legante se si tratta di colori a vernice che hanno come legante resina mastice, ricordo che tale resina tende ad ingiallire abbastanza velocemente nel tempo... esistono in commercio colori a vernice in resina chetonica che sono molto più resistenti all'ingiallimento...
(anche se non mi piace fare pubblicità, questa volta per evitare di essere sobillato di messaggi vi segnalo che la linea Restaurarte, ad esempio, ha colori a vernice in resina chetonica... probabilmente ne esistono anche di molte altre marche).

non è mai una bella cosa vedere i ritocchi ingialliti dopo qualche anno...


Marco NICOLA
MODERATORE AREA AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

Conservation Scientist - Diagnosta dei Beni Culturali
Analisi chimiche, chimico-fisiche, petrografiche, biologiche... e ricerche per lo Studio, la Conservazione e il Restauro del Patrimonio Artistico
sito: http://www.adamantionet.com

Registrato Offline
Sito Replica: 12 - 16
dario66
Agosto 1, 2006, 9:09am Report to Moderator
restauratore
Nuovo utente
Posts: 9
Location: Roma
Con i Restaurarte ho avuto problemi: il nero era grigio e mi ha fatto impazzire un bel po' prima di capire... per il resto vedo che sono matericamente diversi ma non sapevo la storia del legante. Non mi pare però di aver avuto problemi di ingiallimento con i Maimeri. Ho sotto il naso una mia pala d'altare che ho restaurato circa 5 anni fa e non riscontro nulla di anomalo nei ritocchi, che ti assicuro erano moltissimi. Potrebbe dipendere dal fatto che i ritocchi in realtà si trovano sotto un film di vernice finale?
Per il discorso della pubblicità, almeno in un ambito come il nostro, fare i "nomi" mi pare inevitabile, quindi se un prodotto è in commercio, tanto vale dirne i lati negativi e quelli positivi. Io ho fatto la prima cosa e tu la seconda per i Restaurarte.


dario federico marletto
Registrato Offline
Sito Replica: 13 - 16
Adamantio
Agosto 1, 2006, 9:24am Report to Moderator
Dottore in Chimica - Consulente Restauro
Posts: 933
Location: Torino e Aramengo (AT)
E' possibile che la vernice finale abbia protetto i ritocchi.... sarebbe interessante fare dei test di laboratorio per verificare tale ipotesi provando con diverse vernici finali, diverse condizioni di esposizione, ecc...


Marco NICOLA
MODERATORE AREA AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

Conservation Scientist - Diagnosta dei Beni Culturali
Analisi chimiche, chimico-fisiche, petrografiche, biologiche... e ricerche per lo Studio, la Conservazione e il Restauro del Patrimonio Artistico
sito: http://www.adamantionet.com

Registrato Offline
Sito Replica: 14 - 16
2 Pagine 1 2 » Tutti Raccommanda Thread
Print

Forum Restauro e Conservazione    RESTAURO DIPINTI    Ritocco pittorico e tecniche artistiche  ›  Solvente per il ritocco a vernice

Valutazione del tema
Non esiste attualmente alcuna valutazione
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE