Benvenuto, Ospite. Maggio 21, 2019, 4:49pm Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    RESTAURO ARCHITETTONICO    Materiali lapidei naturali ed artificiali  ›  basta con il cemento Moderatori: admin
Utenti presenti
No Members e 2 Ospiti

basta con il cemento  (attualmente 9,290 viste) Print
2 Pagine « 1 2 Tutti Raccommanda Thread
comintonaci
Gennaio 16, 2007, 9:15pm Report to Moderator
Nuovo utente
Posts: 2

Ebbene dette autorizzazioni sono state rilasciate, e tra le prescrizioni, prima dell’inizio dei lavori, veniva dal Comune, ancora precisamente, indicato l’uso di intonaci a base di calci e non di cementi.
A tutto oggi, per diversi motivi, alcuni lavori di facciata, sono stati eseguiti altri non ancora.
Pertanto attendo il rinnovo di Permesso di Costruire e di Concessione Edilizia, con adeguate rinnovate ed adeguate prescrizioni.

Vi chiederete quale è il problema? Più di uno…. conseguenza l’uno dell’altro.

Dagli interventi precedenti in questo forum, per lo più, sono emersi: 1°) la necessità dell’uso della calce idraulica naturale o prodotto equivalente; 2°) l’importanza di fare dei provini in opera (committenza permettendo) e valutare gli effetti (in opera, e su quell'opera, o meglio materiale) di quel materiale; 3°) l’importanza del microclima nel luogo dei lavori ( che ricordo qui a San Remo   ( IM ) è sub equatoriale ).

Osservo innanzi tutto che l’impresa, malauguratamente ed evidentemente per mancanza di controlli adeguati del D.L. , del Comune e della Soprintendenza, ha eseguito di certo le campionature, ma ha utilizzato tranquillamente, su murature miste, per lo più in pietra in conci regolari e no oltre a laterizio, intonaci a base di cementi invece che di calci, per lo spessore di qualche centimetro, completati poi da circa un millimetro di finitura a calce e quindi da pittura ai silicati.

Vi informo che detti lavori sono stati realizzati tra l’anno 1998 e il 1999.
A tutto oggi sono evidenti numerose cavillature, verticali e diagonali ramificate, di cui alcune della lunghezza di diversi metri ed in tutte le facciate.

Poiché non intendo accettare detti lavori e sono coinvolto in una causa civile da parte dell’impresa che mi ha inoltre ingiunto il pagamento di dette opere, a mio avviso errate ed illecite, e di cui invece pretendo la rimessa in pristino dei luoghi. Tenuto conto che tutte le persone o enti coinvolti nella faccenda, incluso il mio avvocato, non intendono pienamente, l’importanza dell’argomento e vorrei porlo anche all’attenzione del magistrato con qualche efficace motivo probante. Vi chiedo secondo la Vostra esperienza tecnico-giuridico-professionale: 1°) se sono nella ragione o nel torto, ed in che misura; 2°) se la penetrazione dell’acqua nelle cavillature possa essere ritenuta facente parte delle garanzie decennali dovute dall’impresa a norma dell’art. 1669 del  C.c., e chi sia abilitato a certificarlo; 3°) se ho diritto alla riduzione in pristino dei luoghi ed al rifacimento completo degli intonaci a base di calci e non di cementi, perché effettuati in violazione, oltre che alle prescrizioni Comunali, Regionali e Statali, anche delle regole dell’arte (quali con precisione?).

Ringrazio per l’attenzione. Tenuto conto che tra non molto dovrò riaprire il cantiere, ho necessità di qualche chiarezza e indicazione in più di quanto già da Voi esplicitamente indicato, ovvero suggerimenti, se del caso, a chi rivolgermi in vece Vostra.

Prof. Giuseppe d’Orsi
Registrato Offline
Replica: 15 - 21
Edgardo Pinto Guerra
Gennaio 17, 2007, 6:18pm Report to Moderator
Consulente risanamento murature storiche dal 2003
Posts: 252
Location: Studio consulenza risanamento muri
Caro Prof. che dire? cadrebbero le braccia . . . . se non fossero già cadute da un bel p'ò a operare correttamente nel nostro paese. L'anno scorso ho evitato per miracolo che succedesse la stessa cosa al palazzo del '700 di una mia amica vicino a Savona. Il Geometra che aveva chiesto la Concessione è stato perentoriamente . . . convinto a cambiare l'intonaco previsto.
Il vero scandalo nazionale è che i Comuni accettino progetti che riguardano edifici storici firmati da . . . . esperti in Catasto. Comunque, per rispondere alle sue domande (secondo la mia scienza e coscienza personali):
1- Lei è nella ragione, al 200%
2-Le cavillature sono dovute a errata formulazione e a peggior esecuzione. Questo secondo le garanzie decennali. Lo può certificare un Ingegnere o meglio un Architetto iscritti all'Albo con perizia giurata, (e ancora meglio se Periti del suo tribunale, ogni tribunale ha una Lista di periti consultabile in Cancelleria)
3- Assolutamente SI. Secondo quanto tutto da lei citato. Più i danni.
Commento:
Gli intonaci a base di malte di calce idrata, di cemento o bastarda si riferiscono alla vecchia normativa del 1939 e del 1965. Oggi abbiamo per gli intonaci la UNI EN 998 che però non prevede calci particolari, solo resine che assicurano ottime doti di traspiribilità e di impermeabilità. Va benissimo per edifici nuovi.
Non è comunque adatta per soddisfare i requisiti normativi e storici da lei citati.

Oggi le sole calci che possono essere impiegate per comporre gli intonaci dei suoi edifici sono quelle calci rispondenti alla norma UNI EN459-1 (che, purtroppo, però è entrata in vigore dopo i suoi fatti) Classi CL o DL oppure anche NHL. Nemmeno NHL-Z o, peggio HL o altre. Men che mai cementizia o bastarda. Le CL, DL e NHL sono  calci aeree o aeree idrauliche naturali. Totalmente esenti da componenti cementizie.

Nondimeno, anche nel 1998 le stesse calci esistevano, bastava cercarle, e se la normativa le prevedeva, o è stata sempre ignorata, o vi erano dei fornitori noti alle imprese locali. Non so chi ha fatto il progetto o chi ha diretto/sorvegliato i lavori ma, prima e altrettanto dell'impresa, lì stanno le responsabilità.  
Inoltre, che progetto ha approvato la Soprintendenza?

Appellarsi alla garanzia decennale per ripristinare un lavoro fondamentalmente eseguito erroneamente sotto tutti gli aspetti può essere una strada per avere finalmente ciò che i suoi edifici meritano. E' materia da avvocato quale strada scegliere. Cordialmente,

PS. Laddove il Piano di Recupero prevede "Nel caso di rifacimenti e sostituzioni bisognerà rifarsi alle tecniche utilizzate storicamente ( malta di calce idrata, di cemento o bastarda lisciata a frattazzo), mantenendo le tonalità cromatiche preesistenti con sabbie idonee e graniture. (…)"
certamente prevede queste malte cementizie SOLO laddove corrispondono alle originali - cioè per edifici inizio secolo o anni '20-'30.

PPS Togliere l'intonaco cementizio comporterà il massacro del muro sottostante. La malta di cemento ha una tale adesione che è impossibile staccarla senza staccare assieme un pezzo del muro. Questo per quanto riguarda i danni da chiedere all'impresa.



Edgardo Pinto Guerra. http://www.consultingepg.com
Consulente risanamento
Autore del volume "Risanamento di murature umide umide e degradate"
epg@consultingepg.com
Registrato Offline
Sito Replica: 16 - 21
Efx
Febbraio 6, 2007, 12:59pm Report to Moderator
Ingegnere
Nuovo utente
Posts: 2
Location: Rimini
Salve a tutti,
sono un ingegnere elettronico quindi ho competenze solo di carattere impiantistico.
Siccome la casa che sto costruendo è mia, vorrei avere un vostro consiglio circa la mia intenzione di utilizzare un intonaco a base di calce idraulica naturale piuttosto che il solito intonaco a base cementizia.
Seguendo attentamente i vostri discorsi, la scelta è chiara però il mio contesto non è certo quello di un edificio storico ma di nuova costruzione realizzata con portanti in cemento armato e muri di tamponamento con il classico laterizio forato e malta bastarda.
Data la struttura, dal punto di vista della traspirabilità vale la pena utilizzare un intonaco a base di calce idraulica oppure equivale ad uno con base cementizia?



Fabio Rossi
Registrato Offline
Replica: 17 - 21
Edgardo Pinto Guerra
Febbraio 15, 2007, 11:44am Report to Moderator
Consulente risanamento murature storiche dal 2003
Posts: 252
Location: Studio consulenza risanamento muri
Per la vivibilità io eviterei il cemento negli intonaci, anche come malta bastarda. Va benissimo all'interno un intonaco impastato con calce classe CL o DL, all'esterno con calce classe NHL 3,5. Eviti le NHL-Z.
Auguri



Edgardo Pinto Guerra. http://www.consultingepg.com
Consulente risanamento
Autore del volume "Risanamento di murature umide umide e degradate"
epg@consultingepg.com
Registrato Offline
Sito Replica: 18 - 21
Efx
Febbraio 18, 2007, 12:34pm Report to Moderator
Ingegnere
Nuovo utente
Posts: 2
Location: Rimini
Grazie per il consiglio.
Putroppo nella scheda tecnica non compare la classe.
Ho verificato in internet la ditta, purtroppo non ha un sito e non si trovano riferimenti utili per capire la classe dell'intonaco.
Il fondo è realizzato con: MIX INTONCALCE della ditta ITALMIX - Intonaco a base di Calce Idraulica naturale.
La rifinitura con: ARTEMISIA dela ditta IVAS - stucco rasante a base di calce idrata e calce idraulica naturale.

Ha idea a quale classe appartengano, o se sono prodotti VERAMENTE NATURALI?


Fabio Rossi
Registrato Offline
Replica: 19 - 21
Edgardo Pinto Guerra
Febbraio 20, 2007, 6:49pm Report to Moderator
Consulente risanamento murature storiche dal 2003
Posts: 252
Location: Studio consulenza risanamento muri
Purtroppo al momento le batterie che alimentano le mie doti di veggente sono scariche
Dalla descrizione sembra tutto giusto, anche se calce idrata in realtà oggi non vuol dire niente. Nella normativa del 1939-65 distingueva la calce (di qualsiasi tipo, anche cementizia) in polvere da quella in zolle da spegngere in cantiere, perciò poteva anche essere calce aerea spenta in polvere.
Forse parlare al telefono con la ditta può servire. Eventualmente mi mandi il n.
Altrimenti può chiedere un altra fornitura di premiscelati. Fortunatamente oggi non mancano.



Edgardo Pinto Guerra. http://www.consultingepg.com
Consulente risanamento
Autore del volume "Risanamento di murature umide umide e degradate"
epg@consultingepg.com
Registrato Offline
Sito Replica: 20 - 21
imothep
Marzo 7, 2010, 7:00pm Report to Moderator
stuccatore
Nuovo utente
Posts: 5
Location: Venezia
Che gioia leggere le risposte del sig.Pinto Guerra,ed io rinforzerei la dose dicendo che l'unico materiale per fare dei buoni intonaci è la calce spenta invecchiata,soprattutto il marmorino .Mentre per la pozzolana userei anche una parte di calce spenta più fresca ,quasi viva ,dentro la molazza succede di tutto.Ad ogni modo anche per il meta caolino (prodotto straordinario a imitazione delle calci idrauliche romane) sono restio a metterlo nell'intonaco poichè ha un comportamento nel tempo di rigidita'
a discapito delle tinte usate,come spiegare....macchia per un diverso assorbimento,visto che se ne mette pochissimo. E CONCLUDEREI......... in Italia si puo' ancora trovare una buona calce spenta con un ottimo rendimento nella prova al minuto.
Adirittura cercando, c'è chi la fà andando a cercare i sassi nei fiumi. Sfidare gli intonaci di cemento o calci idrauliche industriali che sono dei "potacci" è un gioco da ragazzi si facciano avanti i cementisti se hanno il coraggio. Saluti Enrico Trolese


Enrico Trolese
Registrato Offline
Replica: 21 - 21
2 Pagine « 1 2 Tutti Raccommanda Thread
Print


Valutazione del tema
Non esiste attualmente alcuna valutazione
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE