Benvenuto, Ospite. Marzo 22, 2019, 11:29pm Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    RESTAURO ARCHITETTONICO    Materiali lapidei naturali ed artificiali  ›  basta con il cemento Moderatori: admin
Utenti presenti
No Members e 1 Ospiti

basta con il cemento  (attualmente 9,186 viste) Print
2 Pagine 1 2 Tutti Raccommanda Thread
simi
Agosto 26, 2006, 10:18pm Report to Moderator
Nuovo utente
Posts: 5
Vorrei dire un'ultima cosa ad una persona con cui pochi giorni fa ho avuto una piccola discussione sull'utilizzo del cemento (purtroppo è così, e succede spesso)..........sò che partecipi a questo forum......

Ribadisco....

L'intonaco a cemento è senza dubbio il peggiore per l'edilizia storica,  te ne parlerò solo per evidenziarne gli aspetti negativi;  è stato molto diffuso in un recente passato, ed è incredibilmente impiegato ancor oggi,
L'intonaco a cemento assume dopo la stagionatura un notevole grado di durezza e tende a ritirarsi creando cavillature, in gergo "ragnatela" o "carta geografica"; attraverso queste cavillature l'acqua meteorica passa e si espande nella sottostante muratura. L'asciugatura è sempre superficiale e l'acqua assorbita fuoriesce in minima parte creando attorno alle fessure un sottile alone d'umidità; l'acqua immagazzinatain questo modo rimane all'interno del paramento, poichè l'intonaco cementizio ha caratteristiche  antitraspiranti e di forte impermeabilità:
Il ciclico abbassamento di temperatura determina il gelo dell'acqua rimasta sotto la superficie che, gonfiandosi, provoca il distacco di estese parti di intonaco, in gergo "scatole" con strappo di parte della muratura.
Nelle zone dove non si sono verificati distacchi la malta maniene un forte potere aggrappante, e grandi porzioni di lateriziorimangono attaccate all'intonaco in caso di asportazione forzata, soprattutto se questo è stato cotto a basse temperature e presenta perciò scarsa resistenza meccanica.
Esistono peraltro edifici ormai storici nei quali  occorre riproporre intonaci cementizi;
anche nella nostra città ad esempio, esistono infatti pregevoli esempi di architettura, realizzati a partire dagli inizi del novecento fino ad arrivare ad epoche recenti. In questi casi , il consiglio più utile è quello di operare con un normale intonaco a calce idraulica e di limitare l'uso del cemento alle finiture superficiali,
Quest'ultimo metodo è anch'esso "storico", in quanto è rilevabile su edifici di più di cinquant'anni fa e non ha dato luogo a quei fenomeni negativi sopra descritti.
L'intonaco a cemento non è certamente un supporto ideale per un tinteggio tradizionale a base di calce, non di meno se si adoperano certi accorgimenti ne è possibile la messa in opera; il principale consiste nel lasciare stagionare l'intonaco per almeno un anno, o quantomeno un intero inverno; in questo modo ha il tempo di "spurgarsi", come si dice in gergo, di perdere cioè quelle componenti acide contenute nella malta dannose a questo genere di finiture:
Naturalmente più è grande lo spessore, maggiore è il periodo che occorre attendere.

Spero che ora farai a meno di usare questo benedetto cemento!

Simona Mogavino


Simona mogavino
Registrato Offline
Edgardo Pinto Guerra
Agosto 27, 2006, 8:38am Report to Moderator
Consulente risanamento murature storiche dal 2003
Posts: 252
Location: Studio consulenza risanamento muri
Considerazioni sui danni del cemento in vecchi edifici.
- Il cemento ha soppiantato la calce idraulica per murare e intonacare all'inizio degli anni 1950 perchè era *più forte e resistente*. Verissimo (sciaguratamente). La calce è stata completamente dimenticata fino a pochi anni fa. Perciò, la maggior parte del nostro patrimonio è murato a calce.

- Una muratura portante lavora max a circa 15 kg/cmq - una malta di calce ne da 40-50, più che sufficienti. Una malta di cemento 300 kg/cmq. A che pro?

- I componenti alluminosi del cemento reagiscono con la vecchia calce formando sali di thaumasite ed ettringite. La Ettr espande e spacca tutto. Anche questo stacca gli intonaci.
- Il peggio sono le stuccature dei corsi di calce fatti con *buona* malta bastarda. In presenza di sali da risalita o di bufere marine questa causa la distruzione del muro perchè:
La malta di vecchia calce era più permeabile del mattone o della pietra, quindi l'evaporazione e il deposito di sali avvenivano preferenzialmente dai corsi, che si distruggevano per l'azione dei sali. Salvando il muro.
La stuccatura con nuova malta cementizia è meno permeabile del materiale del muro. Per cui, ora evaporazione, sali e distruzione avvengono preferenzialmente attraverso la pietra o il mattone. Lasciando in bella vista il reticolo di stuccature a malta cementizia. Basta guardarsi attorno.
- Oltre tutto, come detto, murare con malta bastarda vuol dire dire addio ai recuperi di materiale storico. Cosa che sembra quasi nessun tecnico geometra Comunale comprenderà mai. Se glielo dici ti guardano con commiserazione.



Edgardo Pinto Guerra. http://www.consultingepg.com
Consulente risanamento
Autore del volume "Risanamento di murature umide umide e degradate"
epg@consultingepg.com
Registrato Offline
Sito Replica: 1 - 21
Architer
Agosto 31, 2006, 9:26pm Report to Moderator
Architetto-Dottore di ricerca in Conservazione
Utente anziano
Posts: 101
Location: Palermo
Edagrdo sarei concorde se la calce industriale fosse uguale a quella storica. Ma l'industrializzazione del processo produttivo,  ha in parte fatto decadere le proprietà di quella tradizionale.
Non lo dico io, ma lo afferma anche Torraca, in G. Torraca, Tecnologia delle malte per intonaci nella conservazione degli intonaci antichi, in Ministero per i beni culturali ed ambientali. Istituto Centrale per il restauro, Diagnosi e progetto per la conservazione dei materiali dell'Architettura,pp. 203-206.
Quindi, o si cerca di riottimizzare il prodotto calce a certi livelli, o le cose che dici, hanno ormai il sapore della poesia dei bei tempi antichi.


Teresa Campisi
Registrato Offline
Replica: 2 - 21
Edgardo Pinto Guerra
Settembre 4, 2006, 1:44pm Report to Moderator
Consulente risanamento murature storiche dal 2003
Posts: 252
Location: Studio consulenza risanamento muri
Cara Teresa - superfluo citarmi l'esimio Prof Torraca - e, quanto a tempi antichi, pubblicazioni che forse andrebbero aggiornate.
Sappiamo tutti, credo, che la calce venduta come *idraulica* dagli anni '50 ad oggi è in realtà vero cemento diluito.
MA fortunatamente sono entrate in commercio negli ultimi anni le calci idrauliche cosidette *naturali* - che tali sono, calciche e magnesiache.
Ve ne sono diversi produttori sul mercato, grandi e piccoli, nazionali e francesi. Alcuni vendono anche malte premiscelate fatte con interi puliti e scelti. Basta cercarle e . . . . impiegarle.
Per cui, ribadisco il mio completo accordo con Simona: bando al cemento in qualsiasi forma dove può venire in contatto con la vecchia calce. Per motivi funzionali  (traspirabilità, resistenza sufficiente, permeabilità ai sali ecc.) e non sentimentali.
Sto pensando di far stampare un cartello "Vietato l'ingresso al cemento" da appendere fuori del cantiere.
Scherzi a parte, ieri un grosso progettista-impresario mi spiegava la bontà dei suoi interventi di consolidamento di vecchi muri a base di barre d'acciao e iniezioni di cemento addittivato. Si è scandalizzato quando gli ho suggerito calce naturale e barre inox.



Edgardo Pinto Guerra. http://www.consultingepg.com
Consulente risanamento
Autore del volume "Risanamento di murature umide umide e degradate"
epg@consultingepg.com
Registrato Offline
Sito Replica: 3 - 21
luciano64
Settembre 17, 2006, 11:08am Report to Moderator
architetto
Nuovo utente
Posts: 6
Location: Napoli
salve a tutti i partecipanti del Forum
sono appena iscritto e questi argomenti mi sono di grande interesse.
purtoppo, come da voi espresso, difficilmente si riesce ad avere un confronto su tali temi con professionisti del settore.

prima replica all'ing......: ma la calce nn risulta dannosa all'acciaio INOX, almeno il tipo AISI 304?
nn sarebbe meglio utilizzare perni di ottone inghisati???

inoltre vorrei segnalare o quantomeno discutere su altro aspetto, di cui nn avete ancora parlato, del pericolo per la perfetta posa in opera di intonachi costituiti da malte cementizie o bastarde su murature in conci regolari o non di pietra.
nella mia esperienza (10 anni come professionista architetto) nel campo del restauro architettonico, a parte tutte le notazioni che avete brillantemente introdotto, ho fatto la seguente osservazione: lavorando su vecchie murature napoletane, normalmente realizzate in conci di tufo giallo napoletano, capace quest'ultimo di grande assorbimento d'acqua, nel caso di realizzazione di intonachi a base cementizia, pur avendo abbondantemente irrorato d'acqua le murature in oggetto, tali intonachi risultano (al momento della loro posa in opera) perfattamente planari (asperità con freccie minime di pochi mm).
ma, come per magia, dopo i 28 gg di stagionatura..............tale conformazione nn risulta piu soddisfacente i requisiti di planearità richiesti dalla perfetta posa in opera, e lo si noterà solo dopo la tinteggiatura, e soprattutto quando a distanza di mesi si poserà la polvere sulle murature, facendo apparire e risaltare le cosiddette "bozze".
ciò ovviamente si complica nel caso in cui la muratura non sia omogenea ma realizzata con eventuali inserti di laterizio, che notoriamente presenta capacita di assorbimento diverse.
è chiaro che l'intonaco a base cementizia, ha, nella sua fase di stagionatura un bisogno ricorrente di lavorare con acqua dell'impasto, ma se il muro è fortemente assorbente, una volta asciugato, comincerà ad assorbire l'acqua presente nell'impasto della malta intonaco, facendole perdere volume, e pertanto causerà i difetti in oggetto.
Con l'utilizzo delle malte aeree, che notoriamente non lavorano in acqua ciò sarebbe ovviamente risolto, ma anche con l'utilizzo di malte idrauliche quali quelle a base di calci idrauliche naturali, si riesce ad ottenere  un "ritiro" fortemente controllato dei volumi di impasto applicato.
mi preme sottolineare questi aspetti perche credo che per chi si avvicina al restauro architettonico di facciate monumentali e non , ciò costituisca una delle insidie peggiori, unitamente alle "cavillature" ed ai distacchi delle tinteggiature.

mi farebbe piacere leggere vs considerazioni in merito



grazie per la paziente lettura, la prox volta sarò piu sintetico

ciao


Luciano architetto - napoli
Registrato Offline
Sito Replica: 4 - 21
Edgardo Pinto Guerra
Settembre 19, 2006, 12:01pm Report to Moderator
Consulente risanamento murature storiche dal 2003
Posts: 252
Location: Studio consulenza risanamento muri
Complimenti a Luciano - tutto quanto da lui sperimentato non fa che confermare quanto da noi detto e ri-detto. "Vietato l'ingresso al cemento" (salvo per opere strutturali nuove) - anche per gli intonaci - nei restauri di edifici costruiti a vecchia calce.
Impiegare solo calce idraulica naturale secondo UNI EN 459 2001 Classe NHL (2 o 3,5 o 5) - anche per le malte di allettamento per cuci-scuci o per nuovi muri addossati a quelli vecchi. La resistenza è più che sufficiente.

- Silossani di finitura. Per me vanno benissimo PURCHE' siano messi su un intonaco posato su muro senza sali. Altrimenti peggiorano la già pregiudicata situazione.

- Barre inox o di ottone inghisate. Confesso che non ho mai sentito parlare di barre di ottone inghisate -. Mi sembra una combinazione ottima per produrre una batteria elettrolitica, se c'è un minimo di umidità, e così corrodere tutto in breve tempo. Non avevo dubbi sulla combinazione Inox/calce - certo un grande passo avanti rispetto a acciaio/calce - ma mi informerò meglio per togliere la pulce.
Salutoni,



Edgardo Pinto Guerra. http://www.consultingepg.com
Consulente risanamento
Autore del volume "Risanamento di murature umide umide e degradate"
epg@consultingepg.com
Registrato Offline
Sito Replica: 5 - 21
luciano64
Settembre 21, 2006, 1:34am Report to Moderator
architetto
Nuovo utente
Posts: 6
Location: Napoli
Salve di nuovo
grazie per le risposte

vorrei sottoporre alla vs attenzione il prodotto INTOCALCE - premiscelato di inerti selezionati a varia granulometria e legante a "base di calce idraulica" pura.

qualcuno lo ha mai utilizzato? ci sono controindicazioni? l'impresa appaltatrice di un mio  cantiere vorrebbe usare questo prodotto commercializzato dalla stessa azionda che produce il piu famoso (?) INTOCAD, premiscelato a base cementizia, ma sulle confezioni ne sul web riesco a trovare indicazioni su composizione e posa in opera

grazie anticipatamente


Luciano architetto - napoli
Registrato Offline
Sito Replica: 6 - 21
Edgardo Pinto Guerra
Settembre 30, 2006, 6:36pm Report to Moderator
Consulente risanamento murature storiche dal 2003
Posts: 252
Location: Studio consulenza risanamento muri
Salve - a me sembra il prodotto vada bene in quanto esente da cemento - Intocalce è confrome alla norma europea 998 sugli intonaci.
Nulla vieta che la stessa azienda possa anche produrre intonaci a base cementizia - basta sciegliere . . . . oculatamente.

2 - Da quello che mi dicono gli amici chimici la calce non dovrebbe corrodere l'inox.
Cordiali saluti,



Edgardo Pinto Guerra. http://www.consultingepg.com
Consulente risanamento
Autore del volume "Risanamento di murature umide umide e degradate"
epg@consultingepg.com
Registrato Offline
Sito Replica: 7 - 21
Architer
Dicembre 18, 2006, 5:32pm Report to Moderator
Architetto-Dottore di ricerca in Conservazione
Utente anziano
Posts: 101
Location: Palermo
Edgardo, allora la produzione si é finalmente evoluta! E la cosa non può che farmi piacere.
L'esperienza di Luciano, é forse quella che va bene come test. Fare dei provini in opera (committenza permettendo) e valutare gli effetti (in opera, e su quell'opera, o meglio materiale) di quel materiale.
Questa dovrebbe essere una giusta linea di indirizzo. Non affidarsi ciecamente alle marche note, ma valutare schede tecniche come prima fase di scelta dei prodotti, e fare dei provini in opera su quelle scelte con i giusti tempi di valutazione (in mancanza di possibilità di verifiche chicmiche e quant'altro, peraltro costose, e nella vaghezza di alcune schede tecniche esistenti, la speriemntazione in situ, é praticamente unica garanzia di verifica dei prodotti).
Ovviamente, le cose potrebbero cambiare al cambiare del supporto o delle condizioni ambientali esistenti, e quindi, un materiale di buona efficacia su un certo supporto e con una certa condizione microclimatica, potrebbe rivelarsi assolutamente inadeguato al variare di queste condizioni.


Teresa Campisi
Registrato Offline
Replica: 8 - 21
Architer
Dicembre 18, 2006, 5:35pm Report to Moderator
Architetto-Dottore di ricerca in Conservazione
Utente anziano
Posts: 101
Location: Palermo
Sui silossanici sto sperimentando iil comportamento delle tinteggiature nella manutenzione di una mia casa al mare. Vi farò sapere.


Teresa Campisi
Registrato Offline
Replica: 9 - 21
Adamantio
Dicembre 18, 2006, 6:00pm Report to Moderator
Dottore in Chimica - Consulente Restauro
Posts: 933
Location: Torino e Aramengo (AT)
Citato da Architer
Edgardo, allora la produzione si è finalmente evoluta! E la cosa non può che farmi piacere.
L'esperienza di Luciano, è forse quella che va bene come test. Fare dei provini in opera (committenza permettendo) e valutare gli effetti (in opera, e su quell'opera, o meglio materiale) di quel materiale.
Questa dovrebbe essere una giusta linea di indirizzo. Non affidarsi ciecamente alle marche note, ma valutare schede tecniche come prima fase di scelta dei prodotti, e fare dei provini in opera su quelle scelte con i giusti tempi di valutazione (in mancanza di possibilità di verifiche chimiche e quant'altro, peraltro costose, e nella vaghezza di alcune schede tecniche esistenti, la sperimentazione in situ, è praticamente l'unica garanzia di verifica dei prodotti).
Ovviamente, le cose potrebbero cambiare al cambiare del supporto o delle condizioni ambientali esistenti, e quindi, un materiale di buona efficacia su un certo supporto e con una certa condizione microclimatica, potrebbe rivelarsi assolutamente inadeguato al variare di queste condizioni.


Mi sembra che una prova in situ sia un'ottima cosa. Non dimentichiamo però che bisognerebbe poter osservare il comportamento per decenni di invecchiamento naturale per rendersi conto del reale comportamento del materiale e poter quindi esprimere una valutazione e un giudizio (correlato peraltro alle diverse tipologie di ambiente e di supporto come giustamente dici)...


Marco NICOLA
MODERATORE AREA AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

Conservation Scientist - Diagnosta dei Beni Culturali
Analisi chimiche, chimico-fisiche, petrografiche, biologiche... e ricerche per lo Studio, la Conservazione e il Restauro del Patrimonio Artistico
sito: http://www.adamantionet.com

Registrato Offline
Sito Replica: 10 - 21
admin
Dicembre 19, 2006, 12:05pm Report to Moderator
Architetto
Posts: 731
Location: Palermo
Amici (o meglio visto il rifetimento successivo paisà),
la verità è solo una : scurdamoci u passatu - come (più o meno) recita una nota canzone napoletana.

Calci idrauliche naturali, pozzolana, ghiara, lapillo, spegnimento e maturazione in fossa, forni a legna ... ecc. sono solo un lontano e malinconico ricordo.

Dobbiamo imparare a convivere con la produzione moderna riuscendo (solo dopo diverse esperienze anche negative) ad adattarla alle specifiche esigenze dell'antico (della serie: sembra facile fare un buon caffè).

Un esempio: la produzione di leganti idraulici si sta avviando verso l'utilizzo del metacaolino.
II metacaolino (Al2O3 2SiO2 ), ottenuto tramite un processo di calcinazione del caolino (a 730°C), se aggiunto alla calce, induce in questa un comportamento pozzolanico spiccato e graduabile in relazione alla specifica esigenza (quindi una calce idraulica artificiale).

l'ICR pubblica un'esperienza condotta a Baia (Na):
http://www.icr.beniculturali.it/Convegni/fe2006_sottacqua.htm


Sergio Tinè
Amministratore del forum

Registrato Offline
Sito Skype Replica: 11 - 21
Architer
Gennaio 2, 2007, 8:09pm Report to Moderator
Architetto-Dottore di ricerca in Conservazione
Utente anziano
Posts: 101
Location: Palermo
Sergio, in realtà era un po' quello che volevo dire io, magari maldestramente.
Tornare a metodi di produzione artigianale pre-industriale, é un'utopia.
Accettiamo gli attuali metodi, vediamo cosa non funziona ed ottimizziamoli, non in una logica estensiva (del tipo antibiotico ad ampio spettro), ma mirata (stile antibiotico poco aver fatto l'antibiogramma). Diversificare materiali, produzioni e modalità applicative in relazione alle condizioni contestuali, magari massimizzate in alcuni gruppi fondamentali.


Teresa Campisi
Registrato Offline
Replica: 12 - 21
Edgardo Pinto Guerra
Gennaio 3, 2007, 11:11am Report to Moderator
Consulente risanamento murature storiche dal 2003
Posts: 252
Location: Studio consulenza risanamento muri
Ri-salve, siete molto pessimisti - basta guardarsi intorno.
E' stata recentemente messa in commercio con il nome di BIO (per una volta giustamente) una intera linea di intonaci premiscelati a base di calci naturali a norma 459 NHL - Questo dalla più grossa multinazionale del settore la K...koll per non fare pubblicità.
Perfino la It. cmenti ha la linea Calcite, (pare però che i costi siano da valutare bene) ecc.
Conosco anche ditte che commercializzano intonaco base di grassello di calce aerea  . . . suvvia, non copriamoci la testa di cenere (o di pozzolana), qualche cosa si muove!



Edgardo Pinto Guerra. http://www.consultingepg.com
Consulente risanamento
Autore del volume "Risanamento di murature umide umide e degradate"
epg@consultingepg.com
Registrato Offline
Sito Replica: 13 - 21
comintonaci
Gennaio 16, 2007, 9:14pm Report to Moderator
Nuovo utente
Posts: 2
Sarò, e sono stato, committente di lavori di facciata in una proprietà, parte in un palazzo del ‘700 e parte in un palazzo del ‘200 / ‘300 detta “casa romanica”, soggetta dal 1999 a comunicazione della Soprintendenza di Genova, a norma della 241/90, d’importante interesse storico artistico  nel Centro storico di San Remo (IM ), nonché confinante con il contiguo “Palazzo del Capitolo” gravato dal 1934 da vincolo storico artistico ai sensi della Legge 1089/1939
Sono diplomato in Discipline Pittoriche presso  l’Accademia di belle Arti di Milano, pertanto non ho alcuna preparazione specifica, riguardo a quanto trattato in questo forum, se non quello che un pittore deve sapere nel realizzare un buon fresco; tuttavia chiedo di ascoltare la mia esperienza edilizia e possibilmente avere da Voi specialisti qualche ragguaglio in merito.

Come è ovvio ho prodotto al Comune le dovute domande di autorizzazione edilizia includendo in queste l’impegno al rispetto delle prescrizioni contenute:
nel Piano Comunale dell’Arredo Urbano   ( in particolare ) del Piano del Colore –adottato- approvato il 28/04/1992, divenuto esecutivo  il 22/06/1992, ove tra le le “Norme Tecniche di Attuazione”  è previsto:
(…) Art. 19.5 – MATERIALI PER RIVESTIMENTI. Nelle Zone 1 e 2 l’aspetto dei rivestimenti e delle pareti a faccia a vista potrà essere modificato solo per riportarlo al suo aspetto originario; altrimenti è ammesso solo il restauro o la manutenzione. Nella Zona 3 potrà essere usato ogni tipo di rivestimento, purché in armonia con l’ambiente esistente. (…)

nel Piano di Recupero, relativo all’area interessata, nel Centro Storico “Pigna”, –adottato - approvato il 28/04/1992 e divenuto esecutivo il 22/06/1992 - tra l“Integrazione Norme di Attuazione”, riguardante anche i miei immobili, è previsto:
(…) Art. 15. Tinteggiature e intonaci. Sono da definirsi con campionatura in loco previa indagine sull’esistente secondo le indicazioni prescrittive della Concessione Edilizia o Autorizzazione. Sono preferiti materiali non coprenti e traspiranti come la calce, i silicati o altri prodotti con caratteristiche analoghe. Sono da escludersi tutti i prodotti formanti pellicola non permeabile in quanto dannosi per le murature sottostanti non permettendo alle stesse di respirare favorendo le muffe ed il ristagno d’umidità. Gli intonaci esistenti dovranno essere possibilmente mantenuti e restaurati. Nel caso di rifacimenti e sostituzioni bisognerà rifarsi alle tecniche utilizzate storicamente ( malta di calce idrata, di cemento o bastarda lisciata a frattazzo), mantenendo le tonalità cromatiche preesistenti con sabbie idonee e graniture. (…)
Prof. Giuseppe d'Orsi
Registrato Offline
Replica: 14 - 21
comintonaci
Gennaio 16, 2007, 9:15pm Report to Moderator
Nuovo utente
Posts: 2

Ebbene dette autorizzazioni sono state rilasciate, e tra le prescrizioni, prima dell’inizio dei lavori, veniva dal Comune, ancora precisamente, indicato l’uso di intonaci a base di calci e non di cementi.
A tutto oggi, per diversi motivi, alcuni lavori di facciata, sono stati eseguiti altri non ancora.
Pertanto attendo il rinnovo di Permesso di Costruire e di Concessione Edilizia, con adeguate rinnovate ed adeguate prescrizioni.

Vi chiederete quale è il problema? Più di uno…. conseguenza l’uno dell’altro.

Dagli interventi precedenti in questo forum, per lo più, sono emersi: 1°) la necessità dell’uso della calce idraulica naturale o prodotto equivalente; 2°) l’importanza di fare dei provini in opera (committenza permettendo) e valutare gli effetti (in opera, e su quell'opera, o meglio materiale) di quel materiale; 3°) l’importanza del microclima nel luogo dei lavori ( che ricordo qui a San Remo   ( IM ) è sub equatoriale ).

Osservo innanzi tutto che l’impresa, malauguratamente ed evidentemente per mancanza di controlli adeguati del D.L. , del Comune e della Soprintendenza, ha eseguito di certo le campionature, ma ha utilizzato tranquillamente, su murature miste, per lo più in pietra in conci regolari e no oltre a laterizio, intonaci a base di cementi invece che di calci, per lo spessore di qualche centimetro, completati poi da circa un millimetro di finitura a calce e quindi da pittura ai silicati.

Vi informo che detti lavori sono stati realizzati tra l’anno 1998 e il 1999.
A tutto oggi sono evidenti numerose cavillature, verticali e diagonali ramificate, di cui alcune della lunghezza di diversi metri ed in tutte le facciate.

Poiché non intendo accettare detti lavori e sono coinvolto in una causa civile da parte dell’impresa che mi ha inoltre ingiunto il pagamento di dette opere, a mio avviso errate ed illecite, e di cui invece pretendo la rimessa in pristino dei luoghi. Tenuto conto che tutte le persone o enti coinvolti nella faccenda, incluso il mio avvocato, non intendono pienamente, l’importanza dell’argomento e vorrei porlo anche all’attenzione del magistrato con qualche efficace motivo probante. Vi chiedo secondo la Vostra esperienza tecnico-giuridico-professionale: 1°) se sono nella ragione o nel torto, ed in che misura; 2°) se la penetrazione dell’acqua nelle cavillature possa essere ritenuta facente parte delle garanzie decennali dovute dall’impresa a norma dell’art. 1669 del  C.c., e chi sia abilitato a certificarlo; 3°) se ho diritto alla riduzione in pristino dei luoghi ed al rifacimento completo degli intonaci a base di calci e non di cementi, perché effettuati in violazione, oltre che alle prescrizioni Comunali, Regionali e Statali, anche delle regole dell’arte (quali con precisione?).

Ringrazio per l’attenzione. Tenuto conto che tra non molto dovrò riaprire il cantiere, ho necessità di qualche chiarezza e indicazione in più di quanto già da Voi esplicitamente indicato, ovvero suggerimenti, se del caso, a chi rivolgermi in vece Vostra.

Prof. Giuseppe d’Orsi
Registrato Offline
Replica: 15 - 21
Edgardo Pinto Guerra
Gennaio 17, 2007, 6:18pm Report to Moderator
Consulente risanamento murature storiche dal 2003
Posts: 252
Location: Studio consulenza risanamento muri
Caro Prof. che dire? cadrebbero le braccia . . . . se non fossero già cadute da un bel p'ò a operare correttamente nel nostro paese. L'anno scorso ho evitato per miracolo che succedesse la stessa cosa al palazzo del '700 di una mia amica vicino a Savona. Il Geometra che aveva chiesto la Concessione è stato perentoriamente . . . convinto a cambiare l'intonaco previsto.
Il vero scandalo nazionale è che i Comuni accettino progetti che riguardano edifici storici firmati da . . . . esperti in Catasto. Comunque, per rispondere alle sue domande (secondo la mia scienza e coscienza personali):
1- Lei è nella ragione, al 200%
2-Le cavillature sono dovute a errata formulazione e a peggior esecuzione. Questo secondo le garanzie decennali. Lo può certificare un Ingegnere o meglio un Architetto iscritti all'Albo con perizia giurata, (e ancora meglio se Periti del suo tribunale, ogni tribunale ha una Lista di periti consultabile in Cancelleria)
3- Assolutamente SI. Secondo quanto tutto da lei citato. Più i danni.
Commento:
Gli intonaci a base di malte di calce idrata, di cemento o bastarda si riferiscono alla vecchia normativa del 1939 e del 1965. Oggi abbiamo per gli intonaci la UNI EN 998 che però non prevede calci particolari, solo resine che assicurano ottime doti di traspiribilità e di impermeabilità. Va benissimo per edifici nuovi.
Non è comunque adatta per soddisfare i requisiti normativi e storici da lei citati.

Oggi le sole calci che possono essere impiegate per comporre gli intonaci dei suoi edifici sono quelle calci rispondenti alla norma UNI EN459-1 (che, purtroppo, però è entrata in vigore dopo i suoi fatti) Classi CL o DL oppure anche NHL. Nemmeno NHL-Z o, peggio HL o altre. Men che mai cementizia o bastarda. Le CL, DL e NHL sono  calci aeree o aeree idrauliche naturali. Totalmente esenti da componenti cementizie.

Nondimeno, anche nel 1998 le stesse calci esistevano, bastava cercarle, e se la normativa le prevedeva, o è stata sempre ignorata, o vi erano dei fornitori noti alle imprese locali. Non so chi ha fatto il progetto o chi ha diretto/sorvegliato i lavori ma, prima e altrettanto dell'impresa, lì stanno le responsabilità.  
Inoltre, che progetto ha approvato la Soprintendenza?

Appellarsi alla garanzia decennale per ripristinare un lavoro fondamentalmente eseguito erroneamente sotto tutti gli aspetti può essere una strada per avere finalmente ciò che i suoi edifici meritano. E' materia da avvocato quale strada scegliere. Cordialmente,

PS. Laddove il Piano di Recupero prevede "Nel caso di rifacimenti e sostituzioni bisognerà rifarsi alle tecniche utilizzate storicamente ( malta di calce idrata, di cemento o bastarda lisciata a frattazzo), mantenendo le tonalità cromatiche preesistenti con sabbie idonee e graniture. (…)"
certamente prevede queste malte cementizie SOLO laddove corrispondono alle originali - cioè per edifici inizio secolo o anni '20-'30.

PPS Togliere l'intonaco cementizio comporterà il massacro del muro sottostante. La malta di cemento ha una tale adesione che è impossibile staccarla senza staccare assieme un pezzo del muro. Questo per quanto riguarda i danni da chiedere all'impresa.



Edgardo Pinto Guerra. http://www.consultingepg.com
Consulente risanamento
Autore del volume "Risanamento di murature umide umide e degradate"
epg@consultingepg.com
Registrato Offline
Sito Replica: 16 - 21
Efx
Febbraio 6, 2007, 12:59pm Report to Moderator
Ingegnere
Nuovo utente
Posts: 2
Location: Rimini
Salve a tutti,
sono un ingegnere elettronico quindi ho competenze solo di carattere impiantistico.
Siccome la casa che sto costruendo è mia, vorrei avere un vostro consiglio circa la mia intenzione di utilizzare un intonaco a base di calce idraulica naturale piuttosto che il solito intonaco a base cementizia.
Seguendo attentamente i vostri discorsi, la scelta è chiara però il mio contesto non è certo quello di un edificio storico ma di nuova costruzione realizzata con portanti in cemento armato e muri di tamponamento con il classico laterizio forato e malta bastarda.
Data la struttura, dal punto di vista della traspirabilità vale la pena utilizzare un intonaco a base di calce idraulica oppure equivale ad uno con base cementizia?



Fabio Rossi
Registrato Offline
Replica: 17 - 21
Edgardo Pinto Guerra
Febbraio 15, 2007, 11:44am Report to Moderator
Consulente risanamento murature storiche dal 2003
Posts: 252
Location: Studio consulenza risanamento muri
Per la vivibilità io eviterei il cemento negli intonaci, anche come malta bastarda. Va benissimo all'interno un intonaco impastato con calce classe CL o DL, all'esterno con calce classe NHL 3,5. Eviti le NHL-Z.
Auguri



Edgardo Pinto Guerra. http://www.consultingepg.com
Consulente risanamento
Autore del volume "Risanamento di murature umide umide e degradate"
epg@consultingepg.com
Registrato Offline
Sito Replica: 18 - 21
Efx
Febbraio 18, 2007, 12:34pm Report to Moderator
Ingegnere
Nuovo utente
Posts: 2
Location: Rimini
Grazie per il consiglio.
Putroppo nella scheda tecnica non compare la classe.
Ho verificato in internet la ditta, purtroppo non ha un sito e non si trovano riferimenti utili per capire la classe dell'intonaco.
Il fondo è realizzato con: MIX INTONCALCE della ditta ITALMIX - Intonaco a base di Calce Idraulica naturale.
La rifinitura con: ARTEMISIA dela ditta IVAS - stucco rasante a base di calce idrata e calce idraulica naturale.

Ha idea a quale classe appartengano, o se sono prodotti VERAMENTE NATURALI?


Fabio Rossi
Registrato Offline
Replica: 19 - 21
Edgardo Pinto Guerra
Febbraio 20, 2007, 6:49pm Report to Moderator
Consulente risanamento murature storiche dal 2003
Posts: 252
Location: Studio consulenza risanamento muri
Purtroppo al momento le batterie che alimentano le mie doti di veggente sono scariche
Dalla descrizione sembra tutto giusto, anche se calce idrata in realtà oggi non vuol dire niente. Nella normativa del 1939-65 distingueva la calce (di qualsiasi tipo, anche cementizia) in polvere da quella in zolle da spegngere in cantiere, perciò poteva anche essere calce aerea spenta in polvere.
Forse parlare al telefono con la ditta può servire. Eventualmente mi mandi il n.
Altrimenti può chiedere un altra fornitura di premiscelati. Fortunatamente oggi non mancano.



Edgardo Pinto Guerra. http://www.consultingepg.com
Consulente risanamento
Autore del volume "Risanamento di murature umide umide e degradate"
epg@consultingepg.com
Registrato Offline
Sito Replica: 20 - 21
imothep
Marzo 7, 2010, 7:00pm Report to Moderator
stuccatore
Nuovo utente
Posts: 5
Location: Venezia
Che gioia leggere le risposte del sig.Pinto Guerra,ed io rinforzerei la dose dicendo che l'unico materiale per fare dei buoni intonaci è la calce spenta invecchiata,soprattutto il marmorino .Mentre per la pozzolana userei anche una parte di calce spenta più fresca ,quasi viva ,dentro la molazza succede di tutto.Ad ogni modo anche per il meta caolino (prodotto straordinario a imitazione delle calci idrauliche romane) sono restio a metterlo nell'intonaco poichè ha un comportamento nel tempo di rigidita'
a discapito delle tinte usate,come spiegare....macchia per un diverso assorbimento,visto che se ne mette pochissimo. E CONCLUDEREI......... in Italia si puo' ancora trovare una buona calce spenta con un ottimo rendimento nella prova al minuto.
Adirittura cercando, c'è chi la fà andando a cercare i sassi nei fiumi. Sfidare gli intonaci di cemento o calci idrauliche industriali che sono dei "potacci" è un gioco da ragazzi si facciano avanti i cementisti se hanno il coraggio. Saluti Enrico Trolese


Enrico Trolese
Registrato Offline
Replica: 21 - 21
2 Pagine 1 2 Tutti Raccommanda Thread
Print


Valutazione del tema
Non esiste attualmente alcuna valutazione
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE