Benvenuto, Ospite. Settembre 18, 2020, 5:57pm Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    RESTAURO DIPINTI    Pulitura  ›  pulitura dipinto XVII sec. Moderatori: cinnabarin
Utenti presenti
No Members e 1 Ospiti

pulitura dipinto XVII sec.  (attualmente 4,124 viste) Print
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
Patrizia76
Aprile 16, 2007, 1:44pm Report to Moderator
Restauratrice
Utente recente
Posts: 15
Buon giorno a tutti,
ho un probelma di pullitura su una pala d'altare della seconda met√  del '600. E' veramente sporchissima, presenta ridipinture (probabilmente effettuate nella seconda met√  del '900 a giudicare anche dai chiodi in acciaio utilizzati per il ritensionamento su un nuovo telaio della stessa) e stuccature in ogni dove anche sovrammesse sul film pittorico originale. Il dipinto √® scurissimo probabilmente a causa di un grosso strato di nero-fumo: ho provato l'Ace Butile Tea fino ad un tempo di posa di 20' ottenendo un risultato acarsissimo (pulitura non omogenea e formazione di un sottile strato bianco-giallo); ho provato la ricetta dell'Emulsione grassa suggerita da Cremonesi sul suo libro concernente i prodotti chelanti, ma anche qui il risultato non √® stato molto valido poich√® per ottenere qualche risultato ho dovuto fare molteplici applicazioni di tale sostanza con il timore di impregnare troppo il film pittorico di tale soluzione.
Successivamente ho effettuato una prova con ligroina+acetone al 50% e devo dire che si è cominciato ad intravedere qualche risultato. Mi è sorto un dubbio: "tale miscela non provoca alcun danno per il dipinto?"; ho notato anche che elimina le ridipinture...
Ho letto sempre sul medesimo libro che l'utilizzo del Contrad 2000 è assai sconsigliato: perchè??
Grazie tante ed aiutatemi a comprendere...


Patrizia Moro
Registrato Offline
Jole Marcuccio
Aprile 17, 2007, 9:21pm Report to Moderator
Restauratrice dipinti, scultura lignea, affreschi
Utente anziano
Posts: 441
Location: Bergamo
leggendo il tuo messaggio, l'impressione che ne ricevo è di una certa confusione, forse non hai affrontato il problema pulitura in maniera selettiva. dici che è presente uno strato di nero-fumo, pertanto uno strato di sporco superficiale, sotto al quale ci sarà il film di vernice e sotto ancora i ritocchi.
Se così fosse devi agire per gradi, prima lo sporco superficiale, utilizzando un tensioattivo, non l'emulsione grassa. questa serve per solubilizzare un materiale idrosolubile depositato su una superficie che per contro è sensibile all'acqua, come nelle puliture di dorature.
Poi un test adeguato, come accenni tu va bene il test Acetone-ligroina-etanolo per l'individuazione della miscela idonea. Non ha senso invece provare ligroina + acetone al 50% in maniera aprioristica, vuol dire procedere solo per tentativi.
Successivamente ti occuperai delle ridipinture pi√Ļ tenaci.
Poi, quando parli di nero-fumo, ne sei sicura oppure vuoi indicare un generico sporco superficiale? perchè è diverso l'approccio in pulitura.
Il contrad ha un Ph molto alto ( 12 o 13 ) quindi puoi capire che è sicuramente molto aggessivo e poco controllabile.

puoi trovare chiarimenti sul contrad anche in:
http://www.forum-restauro.org/forum/b-chimi/m-1108509029/s-15/


Jole Marcuccio
Registrato Offline
Replica: 1 - 6
Patrizia76
Aprile 19, 2007, 3:19pm Report to Moderator
Restauratrice
Utente recente
Posts: 15
Grazie tante per avermi risposto...
Dopo un primo momento di panico ho cercato di affrontare la situazione razionalemente ed ho eliminato il primo strato di sporcizia ( credo,nero-fumo) col sapone resinoso ABA-TEA e Tween 20 al 2%. Effettivamente avevo fatto molta confusione...
Ora mi rimane da eliminare le ridipinture molto tenaci ma non vorrei procedere per tentativi, quindi proverò con il test acetone-ligroina-etanolo; si accettano comunque suggerimenti dato che tale strato sembra venire via solo grazie a rimozione meccanica. Ci vorrebbe qualcosa che ne ammorbidisse lo strato superficiale senza aggredire lo strato sottostante di film pittorico.
Grazie anche delle delucidazioni sul contrad...


Patrizia Moro
Registrato Offline
Replica: 2 - 6
arte63 restauratore
Ottobre 11, 2007, 4:40pm Report to Moderator
Nuovo utente
Posts: 6
CIAO PATRIZIA , SE IL NERO FUMO E CAUSATO DAI CERI ACCESI ?DOVRESTI PROVARE CON LA TRIELINA UNITA ALLA LIGROINA.                                                                    ---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------TAORMINA GIOVANNI RESTAURATORE IPINTI E MONUMENTI.
Registrato Offline
Replica: 3 - 6
claudio marziali
Ottobre 13, 2007, 8:35pm Report to Moderator
Utente medio
Posts: 27
Gentile "giovanni", benvenuto!
In qualità di moderatore di quest'area ti invito a regolarizzare la tua firma per poter continuare a scrivere serenamente (per informazioni vedi: http://www.forum-restauro.org/forum/b-firma/m-1104087421/).

Ricordo che in questo Forum è obbligatorio specificare la propria situazione professionale e il proprio nome e cognome pena l'esclusione dal forum e la cancellazione di messaggi e account.


Claudio Marziali
restauratore arredi e scultura lignea policroma

moderatore sezione Restauro Ligneo
Registrato Offline
Replica: 4 - 6
luigi73
Ottobre 21, 2007, 10:16am Report to Moderator
restauratore opere d'arte OS2 A
Utente anziano
Posts: 65
ciao Patrizia
porto nella discussione anche il mio umile contributo visto che per alcuni versi sto lavorando su una situazione simile.
Allora innanzitutto se si tratta solo di nero fumo o sporco generico piuttosto che un resin soap attivo principlmente sulle vernici prova dei tensioattivi non ionici (brij o tween) ad HLB intorno ai 16, dovrebbero essere sufficienti se naturalmete il particellato atmosferico non è inglobato nella resina.
Comunque ho visto che questo problema lo hai risolto.
Questione ridipinture. Qualche tempo fa ho aperto una discussione in proposito (ti mando il link al moderatore piacendo
http://www.forum-restauro.org/forum/b-pulitura/m-1187610779/
alla fine ho risolto a secco con bisturi perchè nulla di quello che ho provato riusciva ad ammorbidire lo strato. Qualche aiuto l'ho avuto con il contrad puro, non mi vergogno a dirlo, usato con batuffolo mi corrodeva un pò la ridipintura che però essendo molto spessa 'proteggeva' lo strato originale (o quello che ne era rimasto) e comunque poi doveva essere rimosso lo stesso con bisturi.
Spero di averti dato qualche spunto in pi√Ļ
Buon lavoro
Luigi


Luigi Franchi - Pescara
Registrato Offline
Sito Replica: 5 - 6
Patrizia76
Ottobre 22, 2007, 8:17am Report to Moderator
Restauratrice
Utente recente
Posts: 15
Grazie tante per il contributo offertomi; la pala d'altare l'ho già consegnata e per quanto riguarda le ridipinture ho affrontato la pulitura a secco utilizzando anche io il bisturi...
Terrò cari i vostri preziosi consigli poichè qui in appennino è facile operare su tele che riportino tali problematiche...
Un buon lavoro a tutti ed a risentirici...

Patrizia


Patrizia Moro
Registrato Offline
Replica: 6 - 6
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
Print

Forum Restauro e Conservazione    RESTAURO DIPINTI    Pulitura  ›  pulitura dipinto XVII sec.

Valutazione del tema
Non esiste attualmente alcuna valutazione
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE