Benvenuto, Ospite. Settembre 16, 2019, 1:01am Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    DIAGNOSTICA    Sicurezza per il restauro  ›  richiesta testi sulle patologie da solventi Moderatori: Adamantio
Utenti presenti
No Members e 1 Ospiti

richiesta testi sulle patologie da solventi   (attualmente 3,880 viste) Print
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
Rossella Croce
Maggio 5, 2007, 11:10am Report to Moderator
Consulente Diagnostica e Restauratore d' Arte
Utente anziano
Posts: 537
Location: Venezia
Riporto il messaggio di una uova iscitta, didi

Testo citato
Riguardo la tossicità di alcuni prodotti comunemente presenti nei laboratori di restauro mi sapete indicare un libro di testo buono che sia chiaro e riporti le patologie a cui si può andare incontro?Anni fa mi era capitata sottomano una dispensa sulla maternità nel restauro con poche ma efficenti informazioni sul rischio dell'utilizzo dei vari prodotti.Qualcuno può essermi d'aiuto?Grazie ...


La dispensa cui ti riferisci potrebbe  essere quella proposta al convegno Enaip di Dolo, organizzato anni fa da Paolo Cremonesi.
Ulteriori informazioni base sono contenute nel testo di  Paolo cremonesi, " Un approccio alla pulitura delle opere policrome" e nel testo "Patologie da solventi per gli addetti al restauro" edito da Il Prato, ma da anni fuori produzione.
Si può inoltre reperire materiale sul sito ICR. Non esiste al momento in Italia  molto altro, specifico per il restauro in particolare in cartaceo. Ci sono state alcune pubblicazioni non edite o non divulgate, ad esempio  esiste una pubblicazione interna dell'AITIVA sul restauro cantieristico ed una mia pubblicazione   con cui ho vinto nel 2003 il concorso nazionale  Inail sulla sicurezza nelgli ambienti di vita, di studio, di lavoro.
Per ottenere le informazioni corrette ed attendibili bisogna quindi rifarsi alla normativa esistente e a testi e riferimenti di altri paesi, controllarli, valutarli e metterli insieme in maniera corretta.  Bisogna però, saper unire tutte le informazioni e contestualizzarle: in primis nel  settore del restauro e secondariamente nello  specifico caso.  Questa non è una cosa semplice, poichè richiede una specifica e complessa (oltre che costosa) formazione. Quella che ti sto descrivendo è la figura del Consulente per la sicurezza, il famoso RSPP di cui si sente tanto parlare. Tornando al nostro  settore, il  restauro è purtoppo un settore di nicchia e molto diffcicilmente parametrizzabile, da questo deriva l'assenza di testi aggiornati e specifici e la divulgazione forsennata di "dispense" , spesso poco attendibili, corrrette o  superate. Questo crea confusione, imprecisione e moltissimi errori operativi e di valutazione.
Fai quindi attenzione a verificare l'attendibilità e soprattutto la data di pubblicazione di questi materiali, tenendo conto che spesso purtoppo  le dispense  reperibili in giro sono solo "merge" di altri documenti, cosa che non  ti permette di sapere se sono o mneo allineate con la normativa vigente.


Rossella Croce
Restauratore di Beni mobili ed Architettonici
Tecnico per la diagnostica dei beni culturali  
Esperto per la Sicurezza nel settore del Restauro

Cooperativa per il Restauro S.c.p.a.- Milano
http://www.cooprestauro.net

MODERATORE SEZIONE CHIMICA E DIAGNOSTICA


Registrato Offline
Sito
didi
Maggio 5, 2007, 2:05pm Report to Moderator
restauratrice
Utente recente
Posts: 15
Ringrazio Rossella per le indicazioni,conoscevo il testo di Cremonesi,mentre mi spiace molto che il testo sulle patologie del restauro sia fuori produzione.Trovo vi sia scarsa informazione per quanto riguarda il tema delle patologie,la prevenzione e i rischi che gli operatori,anche inconsciamente,corrono.Il controllo medico che viene proposto presso i centri (ad esempio dal confartigianato)viene eseguito in maniera generica e spesso senza conoscenza degli effettivi rischi.Dal punto di vista delle restauratrici poi credo venga preso molto superficialmente il discorso maternità.Io per prima,come dipendente di una ditta di restauro,ho lavorato fino ai sette mesi,spesso con mezzi di protezione non idonei e accedendo a ponteggi,in posizioni non certo comode(come voi già sapete).Così molte mie colleghe.Non C'è stato mai però un controllo adeguato,dagli organi preposti,se esistono,in tal senso.Da alcuni mesi sono affetta da una patologia che colpisce il dito indice  della mano destra,ma non vi sono naturalmente divulgazioni sulle malattie professionali nel campo del restauro.Ringrazio per l'attenzione.


Del Do Diana
Registrato Offline
Replica: 1 - 9
Rossella Croce
Maggio 5, 2007, 3:11pm Report to Moderator
Consulente Diagnostica e Restauratore d' Arte
Utente anziano
Posts: 537
Location: Venezia
Di che patologia si tratta? Essendo un dato sensibile ti suggerisco di rispndermi via pm se vuoi.


Didi, la normativa di legge sulle gestanti prevede che le donne puerpere non possano lavorare in una serie di  situazioni. Il cantiere di restauro  rientra in quei parametri. Avresti potuto usufruire quindi della maternità anticipata,  dal 3 mese di gravidanza e per tutto l'allattamento.
Come mai non l'avete fatto presente al tuo datore di lavoro?


Rossella Croce
Restauratore di Beni mobili ed Architettonici
Tecnico per la diagnostica dei beni culturali  
Esperto per la Sicurezza nel settore del Restauro

Cooperativa per il Restauro S.c.p.a.- Milano
http://www.cooprestauro.net

MODERATORE SEZIONE CHIMICA E DIAGNOSTICA


Registrato Offline
Sito Replica: 2 - 9
didi
Maggio 6, 2007, 4:14pm Report to Moderator
restauratrice
Utente recente
Posts: 15
La patologia che interessa l'indice della mano destra,(per cui stò eseguendo gli opportuni accertamenti privati,visto che in ambito lavorativo non mi è stata data alcuna attenzione)consiste in un ipersensibilità al freddo che porta in caso di contatto(anche semplicemente con l'acqua o nei cantieri invernali) a fenomeni di ischemia,quindi di cianosi e infine dopo aver ristabilito una temperatura adeguata il ritorno alla condizione normale.Come dicevo stò ancora accertando le cause,e benchè vi sia la possibilità di malattie più gravi,mi auguro che a scatenare il fenomeno sia  uno degli altri fattori possibili,le lesioni dei nervi o il lavoro con strumenti a vibrazione.Poichè nel nostro campo le dita impiegate maggiormente per le varie attività sono proprio pollice,indice,medio(basti pensare al ritocco,all'utilizzo del bisturi,delle microfrese elettriche,allo stoppino per la pulitura,delle spatole per le stuccature)mi piacerebbe sapere se queste probabili lesioni ai vasi sanguigni si possano classificare come malattia professionale.Al termine degli accertamenti potrò comunque essere più specifica.
Per quanto riguarda l'astensione per maternità mi dispiace imputare la colpa a una certa ignoranza mia,e di tutti gli organi che dovrebbero tutelare le lavoratrici.Non ho avuto informazioni in tal senso ne da chi mi seguiva privatamente,ne nelle visite mediche obbligatorie(ho eseguito la visita per il lavoro incinta di sei mesi e al medico è parso assolutamente normale che io fossi ancora al mio posto!)Sarà supergficiale dirlo,ma allora anch'io ho pensato fosse "normale"continuare fino alla fine.Le uniche precauzioni sono state prese per mia iniziativa personale,come il rifiuto di eseguire alcune fasi del lavoro,che hanno creato tensioni con i miei "superiori".Ora che la mia esperienza è maggiore certo saprei meglio come comportarmi.


Del Do Diana
Registrato Offline
Replica: 3 - 9
Rossella Croce
Maggio 6, 2007, 4:45pm Report to Moderator
Consulente Diagnostica e Restauratore d' Arte
Utente anziano
Posts: 537
Location: Venezia
Stai temendo per una ( vedi pm)

In questo senso è bene che tu sappia che c'è una correlazione forte tra uso di solventi aromatici ed alifatici e questa malattia. Purtroppo si parladi 10 anni di esposizione continuativa, difficile da dimostrare nel nosto settore

In caso non l'avessi fatto ti consiglio di esplorare la possibilità con il tuo medico...è una malattia infida e molto difficile da curare


Rossella Croce
Restauratore di Beni mobili ed Architettonici
Tecnico per la diagnostica dei beni culturali  
Esperto per la Sicurezza nel settore del Restauro

Cooperativa per il Restauro S.c.p.a.- Milano
http://www.cooprestauro.net

MODERATORE SEZIONE CHIMICA E DIAGNOSTICA


Registrato Offline
Sito Replica: 4 - 9
Rossella Croce
Maggio 6, 2007, 5:41pm Report to Moderator
Consulente Diagnostica e Restauratore d' Arte
Utente anziano
Posts: 537
Location: Venezia
cito dal D. Leg 151/01  sulle lavoratrici gestanti
Metto in evidenza  ciò che, in genere, fa astenere ( o dovrebbe far astenere) le restauratrici dal lavoro, tranne in caso di destinazione  ad altre mansioni

LAVORI VIETATI (art. 7 D.Lgs. 151/01)

Le lavoratrici non possono essere addette a lavori pericolosi, faticosi e insalubri, in particolare non possono:

trasportare e sollevare pesi (sia a braccia e a spalla, sia con carretti a ruote su strada o su guida, e al sollevamento dei pesi,compreso il carico e lo scarico e ogni altra operazione connessa);
(omissis)
essere esposte ad agenti chimici: ad esempio piombo e suoi derivati nella misura in cui possano essere assorbiti dall’organismo umano;
(omissis)  
essere addette a mansioni per le quali vige l’obbligo delle visite mediche preventive e periodiche e a lavori che possono comportare il rischio di malattie professionali (durante la gestazione e sino a 7 mesi dopo il parto);
essere addette a lavori che espongono alla silicosi e all’asbestosi (durante la gestazione e sino a 7 mesi dopo il parto);
(omissis)
essere addette a lavori su scale e impalcature mobili e fisse (durante la gestazione e sino al termine del periodo d’interdizione);
essere addette a lavori di manovalanza pesante (durante la gestazione e sino al termine del periodo d’interdizione);
essere addette a lavori che comportano una stazione in piedi per più di metà dell’orario o che obbligano a una posizione particolarmente affaticante (durante la gestazione e sino al termine del periodo d’interdizione);
(omissis)
essere addette a macchine o utensili che trasmettano intense vibrazioni (durante la gestazione e sino al termine del periodo d’interdizione);
(omissis)  


Rossella Croce
Restauratore di Beni mobili ed Architettonici
Tecnico per la diagnostica dei beni culturali  
Esperto per la Sicurezza nel settore del Restauro

Cooperativa per il Restauro S.c.p.a.- Milano
http://www.cooprestauro.net

MODERATORE SEZIONE CHIMICA E DIAGNOSTICA


Registrato Offline
Sito Replica: 5 - 9
didi
Maggio 6, 2007, 5:56pm Report to Moderator
restauratrice
Utente recente
Posts: 15
Ti ringrazio molto delle informazioni ,che spero possano essere di aiuto anche ad altri.


Del Do Diana
Registrato Offline
Replica: 6 - 9
Ros
Gennaio 29, 2009, 6:45pm Report to Moderator
restauro dipinti /cornici /sculture lignee
Utente medio
Posts: 26
Location: Benevento
Ho avuto un problema simile alla mano destra ma con gonfiore protratto per mesi e diffuso a tutte le dita. Non posso toccare l'acqua fredda d'inverno: ho iniziato ad avere questo problema dopo aver lavorato in un cantiere facendo impacchi con acqua gelata.  > Sono interessata all'argomento, potete contattarmi anche con messaggio privato.
Grazie.


Rossella Testa
Registrato Offline
Windows Live Messenger Replica: 7 - 9
Eletal
Febbraio 5, 2009, 9:33pm Report to Moderator
Collaboratrice del restauro di dipinti murali
Nuovo utente
Posts: 5
Location: Torino
Ciao Didi.Se ti può interessare io l'anno scorso ho acquistato il  testo di Cremonesi "Patologie da solventi per gli addetti al restauro" edito da Il Prato tramite il sito BOL.it...magari ne hanno ancora qualche copia in magazzino! Buona fortuna!


Eleonora Tallon
Registrato Offline
Replica: 8 - 9
paolo.m
Luglio 29, 2009, 8:44am Report to Moderator
Nuovo utente
Posts: 6
Buongiorno, sono un laureando in facoltà di medicina - corso di laurea in Tecnico della Prevenzione negli anmbienti di vita e di lavoro presso l'università di Firenze, anche se svolgo già l'attività professionale da circa un ventennio nel SSN  - Servizio di Prevenzione e Sicureza negli Ambienti di Lavoro di Torino. Intendo redarre una tesi di laurea in Tecnopatie da agenti nocivi nel comparto del resturo parietale (affresco e non). Mi sembra che il restauro del Cenacolo di Milano, duranto un ventennio, possa essere una buona fonte, per un'indagine eziologica seria in rapporto al tempo d'esposizione degli agenti pericolosi e non. Potete suggerirmi testi aggiornati, dispense, biblioteche dove poter reperide dati epidemiologici di casi (escludendo la fonte INAIL e quelle degli enti sanitari nazionali) in cui vi sia un potenziale nesso causale tra l'agente pericoloso utilizzato dal restauratore e la patologia poi instaurata a suo danno? Sono disponibile aanche alla raccolta di informazioni non ancora pubblicate, delle quali vi sia interesse o disponibilità alla loro promulgazione, anche al fine di migliorare il sistema gestionale del rischio in un settore, mi pare, poco indagato. Grazie a tutti.
Registrato Offline
Replica: 9 - 9
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
Print

Forum Restauro e Conservazione    DIAGNOSTICA    Sicurezza per il restauro  ›  richiesta testi sulle patologie da solventi

Valutazione del tema
Non esiste attualmente alcuna valutazione
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE