Benvenuto, Ospite. Maggio 22, 2019, 3:39pm Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    TEMI GENERALI    Temi generali  ›  reversibilita' e ritrattabilita' Moderatori: admin
Utenti presenti
No Members e 3 Ospiti

reversibilita' e ritrattabilita'  (attualmente 3,988 viste) Print
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
alessandro sidoti
Luglio 7, 2007, 3:23pm Report to Moderator
restauratore conservatore di libri e manoscritti
Posts: 399
Location: firenze
in una recente visita all'opificio delle pietre dure abbiamo affrontato un argomento che ritengo meriti maggiore sviluppo, e su cui potrebbe essere utile confrontarsi... Partendo infatti dal principio di reversibilità  dell'intervento le colleghe dell'opificio mi dicevano che adesso più propriamente si parla di ritrattabilità , non so cosa comporti nei vostri settori, ma nell'ambito dei beni librari (forse un po' arretrato in effetti) il problema della ritrattabilità  dell'intervento di restauro mi sembra venga poco tenuto in considerazione. Anche negli altri settori ? Sono curioso di sentire che tipo di interventi voi riteniate ritrattabili e cosa no, così da poterli rapportare con quello che facciamo abitualmente...
ciao


        
Alessandro Sidoti 
MODERATORE RESTAURO CARTA    
restauratore-conservatore di libri (pubblico)
moderatore di http://restauro-del-libro.blogspot.it/
Registrato Offline
Sito
admin
Luglio 8, 2007, 8:02am Report to Moderator
Architetto
Posts: 731
Location: Palermo
In architettura da molto tempo ci si è posti il tema della ritrattabilità  ma, visto come sono andati i lavori in questo settore soprattutto nel corso degli anni 80 e 90, ci si riferisce addirittura a possibili de-restauri.
Credo tuttavia che il tema della ritrattabilità  sia visto con maggiore sensibilit à  per gli interventi su pitture, affreschi ed apparati decorativi in materiale lapideo che in passato sono stati trattati con diversi tipi di sostanze chimiche.


Sergio Tinè
Amministratore del forum

Registrato Offline
Sito Skype Replica: 1 - 10
alessandro sidoti
Luglio 8, 2007, 8:08pm Report to Moderator
restauratore conservatore di libri e manoscritti
Posts: 399
Location: firenze
sò perchè non mi hai risposto... qual'è un intervento che consideri ritrattabile ? e quale no ? so che non si parla volentieri in astratto ma è per farmi un'idea... e appunto rapportarlo con ciò che viene fatto nei beni librari


        
Alessandro Sidoti 
MODERATORE RESTAURO CARTA    
restauratore-conservatore di libri (pubblico)
moderatore di http://restauro-del-libro.blogspot.it/
Registrato Offline
Sito Replica: 2 - 10
laura80
Febbraio 4, 2008, 7:44pm Report to Moderator
Utente recente
Posts: 10
Salve, anche a me piacerebbe sapere, in sostanza, cos'è la ritrattabilità . Cioè che differenza c'è con la più classica reversibilità ? Il termine di per se non credo sia molto chiaro.
Grazie


laura campetella
neo-collaboratore-restauratore di beni culturali
Registrato Offline
Replica: 3 - 10
admin
Febbraio 4, 2008, 8:21pm Report to Moderator
Architetto
Posts: 731
Location: Palermo
Ale,
grazie alla replica di Laura mi sono accorto di non averti più risposto (uno dei tanti bugs del vecchio software o del mio intelletto?).
Riguardo a questi concetti siamo sempre nel mondo delle astrazioni.

Il tema è stato lanciato in occasione di un convegno organizzato da Arkos a Trento (Nardini).
Bocciato definitivamente il concetto della reversibilità  (almeno nell'ambito dei materiali lapidei e del restauro architettonico) è stato proposto, in un documento redatto alla fine del convegno, il concetto della ritrattabilità ; ovvero la possibilità  di procedere a sistemi in grado di non ostacolare la possibilità  di ulteriori interventi futuri.
Tutto qui.
Non so a che punto sia giunta la ricerca in merito a queste caratteristiche.

Nel settore del consolidamento strutturale il concetto risulta di più facile comprensione.
Una catena, per esempio, può essere riportata in tensione, sostituita o smontata.
Un intervento più invasivo (con elementi di rinforzo affogati nella muratura) non è ritrattabile tranne che con tecniche distruttive.

Nei trattamenti a base di impregnanti chimici, come sempre, il problema si complica ..... non conosco aggiornamenti in proposito


Sergio Tinè
Amministratore del forum

Registrato Offline
Sito Skype Replica: 4 - 10
cinnabarin
Febbraio 4, 2008, 11:49pm Report to Moderator
restauratore - consiglio direttivo Cesmar 7
Posts: 805
Location: Milano-Varese
Secondo me la differenza fondamentale tra reversibilità  e ritrattabilità  sta nella loro somiglianza.

La reversibilità  ( un obiettivo ideale perfettamente condivisibile)  purtroppo spesso è stata considerata una virtù aprioristica di un dato materiale senza tener conto delle modalità  e delle situazioni in cui veniva applicato .

La ritrattabilità  secondo me parte proprio dal presupposto che difficilmente un intervento qualsivoglia possa essere facilmente asportato senza traumi, per cui la logica dell'operare tecnico del restauratore dovrebbe guidarsi verso una operatività  che tenga conto di questo....

nel campo dei dipinti su tela per esempio  il trattamento di una lacerazione del supporto attraverso le varie tecniche di sutura (per es.quella di Heiber) si considerano ritrattabili in quanto non impediscono successivi interventi più estesi come altri tipi di rinforzi o la foderatura.
Nel caso del consolidamento piuttosto che l'impregnazione totale un uso di adesivi in basse percentuali o il cercare di veicolare l 'adesivo dove necessario in modo da permettere un'eventuale nuovo trattamento in seguito.


roberto bestetti
Registrato Offline
Replica: 5 - 10
Ranusia
Febbraio 11, 2008, 7:41am Report to Moderator
Utente recente
Posts: 14
Location: Carmagnola (TO)
A Segio Tinè.
Salve, faccio un corso di restauro architettonico dove c'è nel suo programma anche i materiali lapidei, così come storia del restauro relativo al corso, prchè questa è la prima volta che sento parlare di ritrattabilità  e l'argomento mi è suscitato molta curiosità .
Ho cercato nel sito di Nardine qualsiasi cosa sulla ritrattabilità  ma non ho trovato nulla, nè nelle pubblicazioni nè nei convegni, nè da nessuna parte.
Sarebbe possibile aver i dati bibliografici o il proprio documento redatto nel convegno sopracitato?
La ringrazio anticipatamente.


Ranusia Barboza
Registrato Offline
Replica: 6 - 10
Jole Marcuccio
Febbraio 12, 2008, 1:56pm Report to Moderator
Restauratrice dipinti, scultura lignea, affreschi
Utente anziano
Posts: 441
Location: Bergamo
mi inserisco anch'io se posso essere utile. Prova a consultare l'archivio messaggi del vecchio forum, si parlò di questi concetti, e nei documenti archiviati, ci dovrebbe essere forse il documento firmato dalla  Alessandrini e altri relativo ad un altro e precedente convegno svoltosi in piemonte, dove si affermava che il concetto di  REVERSIBILITA' doveva essere sostituito dal più reale concetto di RIMOVIBILITA' , poi a sua volta sostituito dalla RITRATTABILITA'. Purtroppo in questo momento non posso accedere a yahoo per controllare, spero che la memoria non mi inganni. Circa la volontà  di approfondire l'argomento, dubito che tu possa trovare scritti specifici, questi sono concetti, indicazioni di metodo che si ritrovano disseminati in vari scritti e articoli.
per concludere, concordo con roberto bestetti il teorema della reversibilità  non è stato dimostrato nella pratica del restauro, rimanendo solo una perfetta e ideale teoria.


Jole Marcuccio
Registrato Offline
Replica: 7 - 10
Jole Marcuccio
Febbraio 12, 2008, 5:37pm Report to Moderator
Restauratrice dipinti, scultura lignea, affreschi
Utente anziano
Posts: 441
Location: Bergamo
ho trovato in archivio le indicazioni di due convegni sul tema:

12-13 aprile 2002 Torino, " reversibilità ?" ARKOS
13-14 giugno 2003 Conegliano, "Dalla reversibilità  alla compatibilità " ARKOS


Jole Marcuccio
Registrato Offline
Replica: 8 - 10
Adamantio
Febbraio 12, 2008, 6:14pm Report to Moderator
Dottore in Chimica - Consulente Restauro
Posts: 933
Location: Torino e Aramengo (AT)
Confermo tutto e aggiungerei anche quello di Bressanone dello stesso anno di cui ti consiglio di leggere gli atti:

Atti del XIX Convegno di Studi "Scienza e Beni Culturali" La reversibilità  nel restauro: riflessioni, esperienze, percorsi di ricerca. Bressanone Ed. Arcadia Ricerche 2003.


Per quello di Conegliano ripescando su Restauro News puoi leggere questo (vi sono anche riferimenti al precedente convegno di Torino):


Dal 13 al 14 giugno 2003 nelle aule dell’ex convento di San Francesco di Conegliano (TV), recentemente restaurato dal gruppo Brandolin Dottor, si svolgerà  il Convegno nazionale sul restauro “Dalla reversibilità  alla compatibilità â€.
L'iniziativa è organizzata dalla rivista Arkos in collaborazione con il nostro gruppo, sponsor dell'evento, e con la Fondazione Cassamarca.

Tale convegno si inserisce all'interno di un ciclo di appuntamenti a cadenza annuale riservati ai protagonisti del restauro italiano, organizzati dal Consiglio Scientifico di Arkos. Il convegno del 2002, sul tema della Reversibilità , fu organizzato a Torino, in collaborazione con il Politecnico.

Il convegno 2003 intende chiarire e approfondire il passaggio del concetto di reversibilità , per i vari settori nei quali si articola il restauro dei beni culturali intesi nel senso più ampio, verso altri concetti che meglio rispondano alle esigenze applicative, intese sia come pratica di cantiere che come procedure di laboratorio.

Alla due giorni coneglianese, inaugurata da Dino De Poli promotore e sostenitore del restauro dell'ex Convento, interverranno personalità  molto note nel settore, provenienti da tutta Italia e da enti diversi. Dopo il discorso di apertura del presidente di Fondazione, si alterneranno al tavolo dei relatori il Politecnico di Milano e quello di Torino, l'Università  de L'Aquila, l'Università  di Torino, l'Università  di Genova, l'Opificio delle Pietre Dure, il CNR di Firenze, l'Università  di Ferrara e quella di Reggio Calabria. Fra le personalità  di spicco del panorama veneto interverranno Giorgio Rossini, soprintendente per i Beni architettonici e il Paesaggio di Venezia, e Guglielmo Monti della Soprintendenza per i Beni architettonici e il Paesaggio del Veneto orientale.

Segreteria del Convegno:
Brandolin Dottor Group s.r.l.
Tel. 0438.418662 – Fax 0438 32607
E-Mail: bdg@brandolindottorgroup.it
Programma e iscrizioni: http://www.brandolin.it/arkos/index.html

http://www.tine.it/news/NEWS06_03.htm#conegliano


Chiuderei con la considerazione che tra il 2002 e il 2003 c'è stato un vero e proprio accanimento sull'argomento.


Marco NICOLA
MODERATORE AREA AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

Conservation Scientist - Diagnosta dei Beni Culturali
Analisi chimiche, chimico-fisiche, petrografiche, biologiche... e ricerche per lo Studio, la Conservazione e il Restauro del Patrimonio Artistico
sito: http://www.adamantionet.com

Registrato Offline
Sito Replica: 9 - 10
Ranusia
Febbraio 15, 2008, 6:48pm Report to Moderator
Utente recente
Posts: 14
Location: Carmagnola (TO)
Grazie Marcuccio e Nicola delle informazioni  . Adesso mi metto a cercare i documenti.
Buon fine di settimana.
Ranusia


Ranusia Barboza
Registrato Offline
Replica: 10 - 10
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
Print

Forum Restauro e Conservazione    TEMI GENERALI    Temi generali  ›  reversibilita' e ritrattabilita'

Valutazione del tema
Non esiste attualmente alcuna valutazione
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE