Benvenuto, Ospite. Settembre 21, 2019, 5:35am Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    RESTAURO ARCHITETTONICO    Fenomeni di umidita' e danni da sali  ›  Contatto cemento e vecchia calce Moderatori: Edgardo Pinto Guerra
Utenti presenti
No Members e 1 Ospiti

Contatto cemento e vecchia calce  (attualmente 3,106 viste) Print
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
Edgardo Pinto Guerra
Luglio 31, 2007, 8:35am Report to Moderator
Consulente risanamento murature storiche dal 2003
Posts: 252
Location: Studio consulenza risanamento muri
Penso importante introdurre questo tema.
Per 2000 anni abbiamo costruito con la vecchia calce poi, negli anni 1950-60 questa è sparita, sostituita dal cemento.
Viva il cemento per tutte le nuove opere MA negli interventi sull'immenso vecchio patrimonio costruito, modesto o importante, il cemento può causare danni irreparabili.
La malta cementizia è più densa, adesiva, impermeabile, forte, della vecchia, inoltre contiene componenti chimici nuovi.
- la densità e la poca permeabilità comportano che i sali derivanti da evaporazione di soluzione salina ora distruggano il materiale del muro antico;
- la forte adesione significa che pietre o mattoni così murati sono persi per sempre: per togliere il cemento bisogna rompere il pezzo;
- i composti chimici propri del cemento formano, in presenza d'acqua, sali espansivi dannosissimi quali l'ettringite.
- inoltre, la resistenza della malta cementizia è assolutamente inutile nei vecchi muri.



Allegati: arenaria_con_cemento_7583.jpg
Dimensione: 9.69 KB




Edgardo Pinto Guerra. http://www.consultingepg.com
Consulente risanamento
Autore del volume "Risanamento di murature umide umide e degradate"
epg@consultingepg.com
Registrato Offline
Sito
enrico
Agosto 1, 2007, 11:13am Report to Moderator
Nuovo utente
Posts: 8
Mi permetto di aggiungere che la velocità di esecuzione unita all'indifferenza per le variazioni di temperatura e umidità in fase di applicazione che differenziano il cemento dalla calce porta alla mala educazione diffusa in edilizia. Quanti cedono alla tentazione di  intonacare una superficie superiore con la malta bastarda pur di guadagnare di più, e di farlo prescindendo dalla temperatura o dall'umidità?
A tutta questa tristezza si aggiunge la considerazione che nel DM 20/11/1987 "Norme tecniche per la progettazione, esecuzione collaudo degli edifici in muratura e per il loro consolidamento" al punto 1.2.1 Malte è contemplata solo la M4 con calce aerea e pozzolana, mentre le malte storiche che si trovano in zona prive di pozzolana non sono contemplate, pur potendole classificare M4 se di resistenza superiore a 2,5 n/mm².
Comunque gli effetti della disattenzione verso la temperaturae l'umidità ambientali, alla granulometria degli aggregati, all'umidità, temperatura e pulizia del supporto, oltre che la velocità non possano che nuocere sia all'edilizia storica che a quella contemporanea.
Insomma la calce educa il cemento no.
enrico


Enrico Perassi
Registrato Offline
Replica: 1 - 1
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
Print


Valutazione del tema
Non esiste attualmente alcuna valutazione
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE