Benvenuto, Ospite. Settembre 20, 2019, 9:38pm Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    RESTAURO ARCHITETTONICO    Architettura  ›  rimozione catramina da intonaco Moderatori: admin
Utenti presenti
No Members e 1 Ospiti

rimozione catramina da intonaco  (attualmente 4,620 viste) Print
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
giovannibaldi
Agosto 1, 2007, 6:00am Report to Moderator
Nuovo utente
Posts: 4
buongiorno a tutti, starei cercando di risolvere un problema e ci terrei a ricevere il vostro parere.
Il problema: asportare da una vecchia facciata intonacata della catramina con cui era stata forse una ventina di anni fa pitturata interamente (si tratta di una facciata liberty in bugnato piano...di modesto valore). La soluzione che avrei trovata è l'azione meccanica della sabbiatura con sabbie fini e bicarbonato di sodio.

Chiederei, se, a vostro parere, potrei utilizzare un metodo alternativo che non fosse quello meccanico della sabbiatura?...tenendo conto che l'intonaco, nel caso dell'utilizzo di un solvente, assorbirebbe, a mio parere, la catramina sciolta.
ringrazio e auguro buon lavoro a tutti
giovanni baldi
Registrato Offline
admin
Agosto 1, 2007, 10:29pm Report to Moderator
Architetto
Posts: 731
Location: Palermo
Può fornire maggiori dettagli sulla catramina ?


Sergio Tinè
Amministratore del forum

Registrato Offline
Sito Skype Replica: 1 - 7
giovannibaldi
Agosto 2, 2007, 5:58pm Report to Moderator
Nuovo utente
Posts: 4
Per quanto ne so, è un prodotto a base di bitumi ossidati in soluzione a media viscosità, nero, flessibile ed elastico, molto simile al bitume o asfalto, utilizzato in genere come prodotto impermeabilizzante, con cui è stato tinteggiato il rivestimento in bugnato probabilmente per proteggerlo dagli agenti atmosferici particolarmente aggressivi poiché la costruzione si trova su una scogliera marina.
Non so se sono riuscito ad essere più preciso...
Cordialmente ringrazio e saluto
giovanni baldi
Registrato Offline
Replica: 2 - 7
pierpaolomasoni
Agosto 5, 2007, 10:37am Report to Moderator
Utente ospite
Per mia fortuna ho una limitata esperienza riguardo alla catramina: l'ho trovata qualche volta su piastrelle di cotto importate dai paesi dell'Est e, da ricerche fatte, so che viene usata anche in Sudamerica. Ne ho trovate di due tipi: una molto dura che non viene intaccata da nessuno dei soliti solventi, se non dal benzene (volatile e tossico) per cui ho dovuto risolvermi a toglierla meccanicamente; l'altra più tenera e forse si potrebbe anche definire elastica. In questo caso il dimetilsolfossido lasciato agire molto a lungo ha reso la pellicola friabile permettendo una facile asportazione che valuterei intorno all'ottanta %. A questo punto è bastato un energico lavaggio basico. Suppongo che in questo caso si trattasse di una vernice a base di olio di bitume e di una qualche resina che reagisce con il dimetilsolfossido. Non mi preoccuperei di possibili assorbimenti da parte del supporto cementizio: sarebbero praticamente nulli ed asportabili con un leggero idrolavaggio che serve anche ad eliminare i residui del solvente.
auguri
pierpaolomasoni
Registrato
E-mail Replica: 3 - 7
giovannibaldi
Agosto 6, 2007, 8:08am Report to Moderator
Nuovo utente
Posts: 4
La ringrazio cordialmente per il contributo.
Avrei però da aggiungere una riflessione.
A vostro parere l'intervento ipotizzato sarebbe preferibile rispetto alla sabbiatura sul tipo di supporto su cui si opera? (bugnato di modesto valore della superficie di circa 500mq) Anche considerando l'aspetto economico?
Aggiungerei inoltre che lo stato di conservazione del supporto non è ottimale: presenta zone inconsistenti e distacchi di materiale che la sabbiatura preparerebbe ad un successivo intervento di rasatura delle superfici.
Ringrazio e cordialmente saluto
giovannibaldi
Registrato Offline
Replica: 4 - 7
Guido Premoli
Agosto 6, 2007, 10:40am Report to Moderator
architetto
Utente medio
Posts: 28
Location: milano
Ho avuto a che fare con la catramina durante un restauro architettonico. Era applicata su alcune pareti interne di alcuni locali al piano terra per risolvere il problema dell'umidità di risalita. Era molto dura ed estremamente ancorata al supporto sottostante. Si è anche dimostrata molto resistente alla sabbiatura. Dopo diverse campionature si è verificato che l'intonaco sottostante era a base cementizia e privo di elementi decorativi il che ci ha permesso di procedere alla totale eliminazione della catramina e del suo supporto.

Buon lavoro!!

Guido


Guido Premoli
Registrato Offline
Sito Replica: 5 - 7
pierpaolomasoni
Agosto 7, 2007, 7:24am Report to Moderator
Utente ospite
Certamente il rapporto fra entità dell'intervento, sua invasività e valore dell'Oggetto è fondamentale. Da come viene prospettata la situazione anch'io propenderei per la sabbiatura, tanto più trattandosi di un supporto cementizio.
pierpaolomasoni
Registrato
E-mail Replica: 6 - 7
giovannibaldi
Settembre 4, 2007, 11:48am Report to Moderator
Nuovo utente
Posts: 4
Ringrazio per il gentile contributo e cordialmente saluto
giovannibaldi
Registrato Offline
Replica: 7 - 7
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
Print

Forum Restauro e Conservazione    RESTAURO ARCHITETTONICO    Architettura  ›  rimozione catramina da intonaco

Valutazione del tema
Non esiste attualmente alcuna valutazione
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE