Benvenuto, Ospite. Maggio 19, 2019, 1:20pm Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    DIAGNOSTICA    Chimica per il restauro  ›  Acqua ossigenata Moderatori: Adamantio
Utenti presenti
No Members e 1 Ospiti

Acqua ossigenata  (attualmente 5,188 viste) Print
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
Rossella Croce
Agosto 15, 2007, 4:07pm Report to Moderator
Consulente Diagnostica e Restauratore d' Arte
Utente anziano
Posts: 537
Location: Venezia
In visita a diversi laboratori di musei americani, ho notato che utilizzano ancora molto l'acqua ossigenata per la pulitura di vari oggetti. In particolare ho assistito ad una conferenza in cui veniva esposto il restauro di un busto in marmo del 1920 la cui pulitura e' stata eseguita interamente con acqua ossigenata, neppure tropppo diluita.
Nel caso cui ho assitito io, purtroppo, la scelta era stata dettata dal diverso approccio estetico al restauro americano, mirato a riportare alla luce il bianco latteo originale del marmo di carrara di cui era composta l'opera. A prescindere dalla (s)correttezza dell'intervento in se, ritengo che il risultato, se proprio desiderato,   potesse essere tranquillamnete raggiunto con sistemi meno aggressivi.
Vorrei sapere cosa ne pensate....e se ancora molti di voi utilizzano abitualmente (o hanno visto utilizzare diffusamente) l'acqua ossigenata nel rstauro dei materiali lapidei anche in Italia o in Europa. Se si, mi piacerebbe sapere in che contesto o perche' altre tecniche sostitutive sono state scartate.


Rossella Croce
Restauratore di Beni mobili ed Architettonici
Tecnico per la diagnostica dei beni culturali  
Esperto per la Sicurezza nel settore del Restauro

Cooperativa per il Restauro S.c.p.a.- Milano
http://www.cooprestauro.net

MODERATORE SEZIONE CHIMICA E DIAGNOSTICA


Registrato Offline
Sito
acanal65
Ottobre 5, 2007, 8:18am Report to Moderator
Responsabile laboratorio analisi chimiche
Nuovo utente
Posts: 7
Location: Mestre
Sarei curioso di sapere a quale concentrazione i laboratori americani utilizzano l'acqua ossigenata per la pulizia dei materiali lapidei?
Certamente concentrazioni elevate potrebbero compromettere in maniera irreversibile il materiale lapideo mentre basse concentrazioni avrebbero il solo scopo di "lavare" il manufatto ed esercitare una leggera azione antibatterica.
Ritengo comunque che l'acqua ossigenata, sia a basse che elevate concentrazioni, non dovrebbe essere usata nel marmo di carrara in quanto potrebbe esercitare una funzione ossidante nei confronti dei numerosi minerali metallici (ad esempio la pirite abbondantemente presente sotto forma di microgranuli) con il rischio di "macchiare" il manufatto o di causare microfessurazioni a causa dell'aumento di volume dovuto alla formazione degli ossidi corrispondenti.  


Andrea Canal
Registrato Offline
Replica: 1 - 12
Rossella Croce
Ottobre 6, 2007, 11:45pm Report to Moderator
Consulente Diagnostica e Restauratore d' Arte
Utente anziano
Posts: 537
Location: Venezia
Varie concentrazioni, ma in quello che ha scatenato la mia perplessita, si usava 1 parte di acqua ossigenata e una parte di  acqua deionizzata.  Poi si  "sciaquava " bene il tutto con una bella passatina di acqua vaporizzata (sempre deionizzata) Penso si possa capire facilmente la mia ehm ....perplessita'...
Comunque, perche' usare l'acqua ossigenata per esercitare una leggera azione antibatterica quando si puo' usare a questo scopo decine di altri prodotti molto meno aggrssivi? Perche' cercare a tutti i costi lo sbiancamento? Ai fini della conservazione di quei pezzi non serviva ed esteticamente ti assicuro che non ci hanno affatto guadagnato.
Per fortuna, a tre mesi di distanza e molti altri laboratori visitati, posso dire che e' stato un caso isolato.
Un leggero impacco di sola acqua avrebbe egregiamente risolto l'intervento, ma la ceratura originale gli conferiva un gradevole aspetto ambrato che al loro gusto non risultava attraente.
Insomma : il classico intervento in cui la cosa migliore sarebbe stata non fare niente.
Purtoppo il concetto di minimo intervento, negli Usa, tarda ad arrivare, in particolare uscendo dal settore dei dipinti.


Rossella Croce
Restauratore di Beni mobili ed Architettonici
Tecnico per la diagnostica dei beni culturali  
Esperto per la Sicurezza nel settore del Restauro

Cooperativa per il Restauro S.c.p.a.- Milano
http://www.cooprestauro.net

MODERATORE SEZIONE CHIMICA E DIAGNOSTICA


Registrato Offline
Sito Replica: 2 - 12
acanal65
Ottobre 9, 2007, 6:55pm Report to Moderator
Responsabile laboratorio analisi chimiche
Nuovo utente
Posts: 7
Location: Mestre
Spero di non essere stato frainteso circa la mia osservazione sulla funzione antibatterica dell'acqua ossigenata. Concordo pienamente sull'utilizzo di altri prodotti antibatterici da utilizzare allo scopo.
Sono altrettanto d'accordo sulla necessità di eseguire restauri conservati che non alterino l'aspetto dell'opera, magari asportando la patina del tempo, a meno che questa non ne comprometta l'integrità; purtroppo non solo negli Stati Uniti il restauro viene concepito al fine di "riportare l'opera all'antico splendore" o addirittura al fine di "migliorarne" l'aspetto basti pensare ai trattamenti con acido cloridrico operati sui marmi o sulla pietra d'Istria per asportare le croste nere.


Andrea Canal
Registrato Offline
Replica: 3 - 12
Rossella Croce
Ottobre 9, 2007, 8:51pm Report to Moderator
Consulente Diagnostica e Restauratore d' Arte
Utente anziano
Posts: 537
Location: Venezia
Andrea, penso che nel complesso il tuo messaggio fosse  chiaro, ma a volte, come moderatore, preferisco dare ulteriori specifiche per facilitare la comprensione a tutti per  evitare possibili  fraintendimenti, soprattutto considerando che il forum e' seguito anche da diversi utenti stranieri.  


Rossella Croce
Restauratore di Beni mobili ed Architettonici
Tecnico per la diagnostica dei beni culturali  
Esperto per la Sicurezza nel settore del Restauro

Cooperativa per il Restauro S.c.p.a.- Milano
http://www.cooprestauro.net

MODERATORE SEZIONE CHIMICA E DIAGNOSTICA


Registrato Offline
Sito Replica: 4 - 12
Clara_S
Maggio 16, 2008, 10:15pm Report to Moderator
studentessa universitaria
Nuovo utente
Posts: 3
Location: cagliari
purtroppo o per fortuna qui , a cagliari se non vi riscrivo per smentire viene usata come biocida...faccio riferimento al mio intervento riguardante il cimitero di bonaria...infatti li ho parlato di aggrassività nei confronti dei materiali...la mia perplessità ora è : è davvero così aggrassiva l'acqua ossigenata o lo è di più l'ammonio carbonato?
Registrato Offline
Replica: 5 - 12
Rossella Croce
Maggio 30, 2008, 4:08pm Report to Moderator
Consulente Diagnostica e Restauratore d' Arte
Utente anziano
Posts: 537
Location: Venezia
Clara S, anche tu per partecipare a questo forum devi completare la firma del CENTRO UTENTE
ricordati!
Riguardo alla tua domanda: piu' che di effetto biocida direi che forse la state usando per le sue propieta' disinfettanti(o antibatteriche) Sono due cose diverse, come abbiamo gia' discusso sopra.  Riguardo all'aggressivita' minore o maggiore dipende dal singolo caso, dalla concentrazione, dalla superficie e da molti altri parametri.
Oggigiorno, si tende comunque ad evitarne l'utilizzo (se e' possibile) adoperando altri prodotti meno reattivi.


Rossella Croce
Restauratore di Beni mobili ed Architettonici
Tecnico per la diagnostica dei beni culturali  
Esperto per la Sicurezza nel settore del Restauro

Cooperativa per il Restauro S.c.p.a.- Milano
http://www.cooprestauro.net

MODERATORE SEZIONE CHIMICA E DIAGNOSTICA


Registrato Offline
Sito Replica: 6 - 12
Gianni Berti
Giugno 27, 2008, 9:07am Report to Moderator
Nuovo utente
Posts: 8
Perchè considerate l'acqua ossigenata così agressiva chimicamente nei confronti del marmo ? Non mi ricordo che si possa ossidare il carbonato di calcio (marmo)...
Ricordo male io ?

Cordialmente

Gianni Berti
Registrato Offline
Replica: 7 - 12
Adamantio
Giugno 27, 2008, 11:20am Report to Moderator
Dottore in Chimica - Consulente Restauro
Posts: 933
Location: Torino e Aramengo (AT)
Vedi, a volte l'apparenza inganna.

Se uno guarda l'acqua ossigenata può essere tentato ad immaginare un qualcosa che è come l'acqua ma è ossidante.

Facendo così però commette un errore perchè l'acqua ossigenata oltre ad essere un forte ossidante è anche un acido debole...

Debole nel senso che non dissocia completamente, tuttavia una soluzione di acqua ossigenata può raggiungere livelli di pH anche molt bassi.

Una soluzione al 70% di acqua ossigenata ha ad esempio un pH di 1,3!!

le soluzioni usate nel restauro normalmente arrivano al massimo a 30-40% e queste soluzioni hanno pH leggermente più alto.

Secondo i dati riportati da questo sito: http://chemicalland21.com/industrialchem/inorganic/HYDROGEN%20PEROXIDE.htm il pH apparente per una soluzione al 35% dovrebbe essere circa 2,5... come vedi ancora ampiamente nel campo della acidità molto aggressiva.

Dunque non è un problema di ossidazione del carbonato di calcio ma un problema di aggressione acida del carbonato di calcio che come sappiamo è molto sensibile a questo tipo di condizioni.


Marco NICOLA
MODERATORE AREA AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

Conservation Scientist - Diagnosta dei Beni Culturali
Analisi chimiche, chimico-fisiche, petrografiche, biologiche... e ricerche per lo Studio, la Conservazione e il Restauro del Patrimonio Artistico
sito: http://www.adamantionet.com

Registrato Offline
Sito Replica: 8 - 12
Gianni Berti
Luglio 4, 2008, 8:41am Report to Moderator
Nuovo utente
Posts: 8
...e tamponare con un sale tampone ? ad es acetato di ammonio ?

Saluti.

Gianni Berti
Registrato Offline
Replica: 9 - 12
Adamantio
Luglio 4, 2008, 2:10pm Report to Moderator
Dottore in Chimica - Consulente Restauro
Posts: 933
Location: Torino e Aramengo (AT)
innalzare il pH dell'acqua ossigenata normalmente ne provoca l'immediata decomposizione...


Marco NICOLA
MODERATORE AREA AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

Conservation Scientist - Diagnosta dei Beni Culturali
Analisi chimiche, chimico-fisiche, petrografiche, biologiche... e ricerche per lo Studio, la Conservazione e il Restauro del Patrimonio Artistico
sito: http://www.adamantionet.com

Registrato Offline
Sito Replica: 10 - 12
mauriziocoladonato
Luglio 7, 2008, 12:17pm Report to Moderator
Utente recente
Posts: 19
Mi inserisco nella discussione perchè molti (ahimè) anni fa, nel 1995, insieme a Fabio Talarico e a Ulderico Santamaria, ho pubblicato un articolo "Note sull'uso dell'acqua ossigenata e di sue miscele nel restauro della pietra" - Materiali e strutture -anno V, numero 2, 1995.

Riassumendo l'articolo a brevi linee si può dire quanto segue:

- Il valore del potenziale ossidoriduttivo dell'acqua ossigenata dipende dalla concentrazione e dal pH, con valori massimi per la concentrazione massima (10 M - 35%) e per pH 0
- per questo l'A.O. può comportarsi da ossidante e da riducente a seconda delle condizioni dette e dei partner di reazione
- l'A.O. ha una reazione debolmente acida che giustificherebbe un pH intorno a 4-5
- i valori reali di pH, intorno a 2, in realtà sono dovuti a stabilizzanti acidi tra i quali l'acido fosforico
- in ogni caso anche un pH inferiore a 6 può risultare aggressivo specie per litotipi di origine calcarea
- per l'operatore il pericolo è dovuto all'aggressività e al fatto che la reazione di decomposizione è fortemente esotermica
- la decomposizione, spontanea, è accelerata per contatto con polveri, metalli, sali  e basi
- per questo l'uso di neutralizzare con ammoniaca comporta la forte decomposizione esotermica accompagnata da sviluppo di ossigeno con perdita del potere redox: se va bene si ottiene una soluzione basica e  certo non ossidante
- si può neutralizzare utilmente con soluzioni diluite di ammonio bicarbonato, che hanno un pH leggermente basico (intorno a , evitando così la forte decomposizione esotermica e gassosa
- ad es. per portare un volume di A.O. al 35% da pH 2 a pH 7 occorre aggiungere 2 volumi di soluzione 0,1 M di ammonio bicarbonato o più semplicemente, aggiungere lentamente il sale ammonio bicarbonato in polvere, controllando il pH per mezzo di indicatori o di pHmetro.

Per maggiori approfondimenti vedere l'articolo citato.

Infine, a quanto mi risulta, l'uso dell'A.O. sulla pietra non sostituisce i biocidi ma dovrebbe essere utile sui residui che questi lasciano dopo la loro azione.


saluti a tutti




maurizio coladonato
docente di chimica ICR
Registrato Offline
Replica: 11 - 12
Rossella Croce
Luglio 8, 2008, 12:02am Report to Moderator
Consulente Diagnostica e Restauratore d' Arte
Utente anziano
Posts: 537
Location: Venezia
Grazie per la segnalazione.


Rossella Croce
Restauratore di Beni mobili ed Architettonici
Tecnico per la diagnostica dei beni culturali  
Esperto per la Sicurezza nel settore del Restauro

Cooperativa per il Restauro S.c.p.a.- Milano
http://www.cooprestauro.net

MODERATORE SEZIONE CHIMICA E DIAGNOSTICA


Registrato Offline
Sito Replica: 12 - 12
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
Print

Forum Restauro e Conservazione    DIAGNOSTICA    Chimica per il restauro  ›  Acqua ossigenata

Valutazione del tema
Non esiste attualmente alcuna valutazione
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE