Benvenuto, Ospite. Aprile 22, 2019, 9:37pm Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    RESTAURO ARCHITETTONICO    Architettura  ›  pittura a calce in esterni Moderatori: admin
Utenti presenti
No Members e 2 Ospiti

pittura a calce in esterni  (attualmente 10,031 viste) Print
2 Pagine « 1 2 Tutti Raccommanda Thread
cecilia
Novembre 14, 2007, 6:50pm Report to Moderator
Architetto
Posts: 205
Riporto una ricetta di colore alla caseina ripresa da una vecchia dispensa di Laura Mora:
5 kg grassello ben stagionato
5 lt acqua
1,5 l di latte scremato
10% emulsione acrilica (Primal AC 33)
pigmento q.b.
Come vedete anche i Mora prevedevano uno stabilizzate acrilico, perchècome dice Sergio la sola caseina èun prodotto chimicamente instabile. Aggiungo che il 10% mi sembra una percentuale un pò alta, in genere io uso quantità  più basse. Aggiungo che la ricetta si trova su una dispensa che ha almeno 25 anni.


Cecilia Sodano -  Moderatrice sezioni Lavori Pubblici, Museografia
Registrato Offline
Replica: 15 - 22
angelo ingrasci
Novembre 14, 2007, 8:31pm Report to Moderator
Decoratore/Pittore/Restauratore di dipinti murali
Utente anziano
Posts: 51
Location: Asti
A  naja mettevo il vinavil  nel grassello.


angelo ingrasci
Registrato Offline
Sito Replica: 16 - 22
Massimo Lattanzi
Dicembre 19, 2007, 1:42pm Report to Moderator
Utente ospite
Per il legante basta un 3%
Registrato
E-mail Replica: 17 - 22
ermannodi
Ottobre 3, 2008, 8:22pm Report to Moderator
Utente recente
Posts: 18
Per quanto riguada l'uso della caseina, se vuoi appagare la tua curiosità puoi consultare il volume: la chimica del restauro di M.Matteini e A.Moles (pg.73). Ti do, comunque alcune notizie: La caseina è una fosfoproteinacontenuta come sale calcico nel latte dei mammiferi. Può essere estratta scremando il latte a 35°C e flocculando la proteina con acidi a pH4,8. Come medium presenta notevoli problemi per la rapidità degenerativa e la formazione di film mat.
ermannodi.


ermanno di ferrante
Registrato Offline
Replica: 18 - 22
satyaahimsa
Ottobre 26, 2008, 11:37am Report to Moderator
Collaboratrice restauratrice
Utente recente
Posts: 13
Location: Luino(Varese)
Buongiorno a tutti...premetto di non avere grande esperienza nel settore monumentale, quello che mi sconvolge però è avere ogni volta opinioni tanto diverse dagli operatori specializzati a seconda del cantiere dove mi trovo!!!
Per questo vorrei un aiuto da persone competenti e se possibile una parola definitiva sull'utilizzo dei colori a calce piuttosto che dei silicati...
Semplicisticamente infatti, avevo creato due categorie(da esterno i silicati-interno a calce)salvo poi vedere smontanto a più riprese il mio schemino mentale elementare ma non con considerazioni di contenuto, quanto piuttosto con semplici opinioni personali. Personalmente io sono arrivata a dividerli in uso esterno-interno perchè l'aspetto dei silicati è davvero piuttosto" gommoso e lucido"(passate i termini poco appropriati ve ne prego)e forse si nota meno sui grandi palazzi dove i soprintendenti amano tanto "spalmarli"...io non posso pensare di utilizzarli su una parete a fianco di una cappella del cinquecento e poi mi sembrano avere una resa davvero troppo corposa e lucida per gli interni...in sintesi non adatti a ricreare l'intonacatura o lo scialbo di un interno di chiesa.
Vorrei sapere da voi le differenze d'uso e le differenti proprietà materiali(quale più  o meno traspirante ad esempio e insomma le caratteristiche dei due sistemi).
Inoltre volevo avere dei chiarimenti sull'uso del silkens...se si scrive così...per me al momento è un materiale misterioso utilizzato in segreto dai miei colleghi...incredibile!Diciamo che è qualcosa che mi ricorda un prodotto keim visto in un altro cantiere...una sostanza bianca coprente utilizzata per eliminare gore e stuccature pasticciate o uniformare una superficie prima di velare...
Scusate la quantità e la banalità di domande ma ho veramente delle difficoltà di accesso alle informazioni nei contesti lavorativi...la competitività tra colleghi presumo sia il problema!!!Non mi dice mai niente nessuno perchè vedono che sono troppo interessata incredibile!
Grazie per l'attenzione.

Valentina


Valentina Lisanti
Registrato Offline
Windows Live Messenger Replica: 19 - 22
ermannodi
Ottobre 26, 2008, 7:18pm Report to Moderator
Utente recente
Posts: 18
Valentina, per capire le differenze non hai che provare. Ti accoregerai subito che sono due pianeti diversi: la pittura ai silicati è una pellicola che non interagisce nè con il supporto nè con l'ambiente, la pittura a calce interagisce col sottofondo e con la luce dell'ambiente, ha una profondità ed una sensibilità alla temperatura del colore che i silicati ignorano totalmente. La dipintura a calce non è un tutto uguale in ogni punto è, piuttosto una armonia cromatica che ha corpo e profondità mai identiche e tuttavia in grado di darti una sensazione di omogeneità. La differenza, esagerando, è quella di vedere un cielo azzurro dipinto a lavabile e quello dei macchiaoli. Sperimentalo è una magnifica esperienza ma fai attenzione alla preparazione dei supporti ed alla scelta dei pigmenti. Non fidarti dei colori a calce commercializzati, ( ne esistono di buoni e di pessimi), documentati su manuali, se vuoi potrò consigliartene qualcuno, ed utilizza maestranze che siano esperte in questo tipo di pittura.
ermanno di ferrante


ermanno di ferrante
Registrato Offline
Replica: 20 - 22
satyaahimsa
Gennaio 5, 2009, 3:29pm Report to Moderator
Collaboratrice restauratrice
Utente recente
Posts: 13
Location: Luino(Varese)
Grazie per la cortese risposta...
Devo ammettere che dopo qualche esperienza lavorativa posso dirmi daccordo con lei.
Preferisco decisamente la resa dei colori a calce e mi hanno detto che le mie preoccupazioni rispetto alla durata dell'intervento sono relative. L'utilizzo dei silicati non garantisce(come credevo) di per sè una maggiore resistenza nel tempo.

Valentina Lisanti


Valentina Lisanti
Registrato Offline
Windows Live Messenger Replica: 21 - 22
francesca gaudioso
Febbraio 26, 2009, 11:03pm Report to Moderator
Nuovo utente
Posts: 1
salve a tutti anch'io chiedo suggerimento .......avevamo previsto nel computo per i lavori in facciata di un bel palazzo (comunque non vincolato) una tinteggiatura ai silicati , ma un condomino (architetto)ci suggerisce l'uso della calce.....avete suggerimnto di marca di prodotto con cui non sbagliare per la resa e la qualità ?grazie mille francesca gaudioso
Registrato Offline
Replica: 22 - 22
2 Pagine « 1 2 Tutti Raccommanda Thread
Print

Forum Restauro e Conservazione    RESTAURO ARCHITETTONICO    Architettura  ›  pittura a calce in esterni

Valutazione del tema
Non esiste attualmente alcuna valutazione
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE