Benvenuto, Ospite. Ottobre 24, 2019, 3:24am Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    DIAGNOSTICA    Chimica per il restauro  ›  rimozione vinavil Moderatori: Adamantio
Utenti presenti
No Members e 1 Ospiti

rimozione vinavil  (attualmente 2,405 viste) Print
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
luigi73
Maggio 27, 2008, 10:13pm Report to Moderator
restauratore opere d'arte OS2 A
Utente anziano
Posts: 65
la situazione è questa:
quadro materico inizio 900 molto ridipinto, foderato 10 anni fa con vinavil (ebbene si, non ci credevo ma è proprio così).
faticosamente ho eliminato la tela da rifodero ma è rimasto uno strato di vinavil che in alcuni casi raggiunge i 2mm.
lo sto rimuovendo a fatica con bisturi a secco perchè i solventi tipo alcol e acetone, anche in forma gelificata, riescono ad ammorbidire solo la parte esterna e considerato lo spessore dovrei ripetere la cosa per 5 o 6 volte (informo che il dipinto è 230 cm x 140 cm).
cosa potrei tentare?
grazie per le risposte


Luigi Franchi - Pescara
Registrato Offline
Sito
Rossella Croce
Maggio 30, 2008, 3:46pm Report to Moderator
Consulente Diagnostica e Restauratore d' Arte
Utente anziano
Posts: 537
Location: Venezia
La vedo dura Luigi...potresti provare a rigonfiarlo scaldandolo (con poco vapore, o meglio, con un Air Brush) e poi rimuoverlo comunque a bisturi,  ma bisognerebbe essere sicurissimi che il fronte del dipinto possa resistere a questo stress. in diversi casi simili, su arte moderna con l'Air Brush ho ottenuto ottimi risultati rispetto ai solventi, ma ovviamente non sempre si puo' utilizzare.


Rossella Croce
Restauratore di Beni mobili ed Architettonici
Tecnico per la diagnostica dei beni culturali  
Esperto per la Sicurezza nel settore del Restauro

Cooperativa per il Restauro S.c.p.a.- Milano
http://www.cooprestauro.net

MODERATORE SEZIONE CHIMICA E DIAGNOSTICA


Registrato Offline
Sito Replica: 1 - 5
P. Sisto
Giugno 4, 2008, 8:23pm Report to Moderator
restauratore carta e libri
Nuovo utente
Posts: 1
Location: certosa di Firenze
carissimo Luigi,sono P. Sisto, restauratore di libri, anch'io ho di questi problemi sui dorsi dei libri, soprattutto quelli rilegati di recente, dove il vinavil ha largo uso; sto tentando di rimuoverlo col diluente "THF" tetraidrofurano. Forse potrebbe produrre delle macchie; ripeto, sto facendo delle prove su miei libri personali.Queste prove le sto eseguendo sotto il controllo di amici del CNR di Calenzano. Prava anche tu e  buona fortuna, tienimi informato.
P. Sisto Giacomini


cari amici, un saluto a tutti dal nuovo iscritto

P. Sisto (Vincenzo ) Giacomini
Registrato Offline
Skype Replica: 2 - 5
Rossella Croce
Giugno 4, 2008, 10:06pm Report to Moderator
Consulente Diagnostica e Restauratore d' Arte
Utente anziano
Posts: 537
Location: Venezia
Benvenuto Sisto e grazie per il tuo intervento. .
Poiche' non se ne era ancora parlato in questa sezione, ricordo a tutti che l'ossido di tetrametilene (o ossido  di dietilene o tetraidrofurano che dir si voglia) oltre ad essere particolarmente infiammabile  e' classificato come Xi e risulta un prodotto particolarmente irritante  per inalazione. In dosi elevate infatti puo' provocare episodi di narcosi.(e' infatti un etere ciclico).  E' meno dannnoso per contatto ed assorbimento, ma resta comunque un forte  irritante. Approfitto di questo post per chiarire una situazione che crea frequentemente  fraintendimenti. Spesso  si tende a sottovalutare o sopravvalutare   la classificazione Xi. La classificazione XI puo' avere diversi pesi. Sono Xi sia alcuni irritanti  secondari che prodotti altamente irritanti. Quando si ci trova difronte ad un Xi, cio' che fa la differenza sono le frasi r ed s  che accompagnano la classificazione e i livelli di tossicita' dichiarati nella scheda tecnica. (per un prodotto Xi devono essere sempre presenti) Nel caso di questo prodotto, stiamo parlando di un  irritante che ha come coefficiente solo 3.0, ma  poiche'  gli effetti sulla salute sono immediati (forte evaporazione, effetto tossico per inalazione) va sicuramente manipolato con estrema cautela.  Altra considerazione molto importante riguarda il fatto che non  sono ancora stati chiariti altri possibili effetti tossici sulla salute, ma sono studiati con molto interesse. Fate le vostre debite considerazioni.


Rossella Croce
Restauratore di Beni mobili ed Architettonici
Tecnico per la diagnostica dei beni culturali  
Esperto per la Sicurezza nel settore del Restauro

Cooperativa per il Restauro S.c.p.a.- Milano
http://www.cooprestauro.net

MODERATORE SEZIONE CHIMICA E DIAGNOSTICA


Registrato Offline
Sito Replica: 3 - 5
marcello13
Giugno 5, 2008, 6:09pm Report to Moderator
Utente recente
Posts: 11
Ciao Luigi ,
vado di fretta ma leggo sempre con piacere i tuoi problemi di restauro.
Il calore è una soluzione, puoi provare con cotone imbevuto di acqua tiepida....
altrimenti alcool...l'importante che si rigonfi e poi si dovrebbe rimuovere a bisturi....
oppure alcool isopropilico.... puoi fare delle miscele,usare il cotone come supportante e coprire con pellicola....naturalmente con tutte le attenzioni del caso.
A presto e buon lavoro
Marcello


Labate Marcello
Registrato Offline
Replica: 4 - 5
Gianni Berti
Giugno 25, 2008, 8:19pm Report to Moderator
Nuovo utente
Posts: 8
Buona sera a tutti...
sfruttare la TG piuttosto alta dell'acetato di polivinine (vinavil) per renderlo "vetroso" secondo me dovrebbe aiutare la rimozione col bisturi. Dimenticavo raffreddare il manufatto in cella frigorifera rende un polimero come l'acetato di poivinile vetroso.

Cordialmente.

Gianni Berti
Registrato Offline
Replica: 5 - 5
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
Print

Forum Restauro e Conservazione    DIAGNOSTICA    Chimica per il restauro  ›  rimozione vinavil

Valutazione del tema
Non esiste attualmente alcuna valutazione
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE