Benvenuto, Ospite. Luglio 21, 2019, 11:36am Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    ALTRI SETTORI    Restauro carta  ›  Inchiostri Moderatori: alessandro sidoti, eflaia
Utenti presenti
No Members e 2 Ospiti

Inchiostri  (attualmente 2,061 viste) Print
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
federica_74
Giugno 4, 2008, 8:39am Report to Moderator
restauro libri
Utente Attivo
Posts: 40
Location: campania
Salve a tutti, un cliente mi ha chiesto se sia possibile ritoccare le scritte di un documento dell'800 e se si, con inchiostri con composizione simile (esistono? dove trovarli?), giro la domanda a voi sperando in una vostra pronta risposta, devo comunicarglielo stasera.
Preciso che ho spiegato al cliente che non un intervento corretto (sarebbe un falso) e che non ho visto il documento.
Sempre a proposito di inchiostri volevo chiedere se esiste un qualche trattamento che li faccia "rinvenire" quando sono un p sbiaditi, altro quesito che mi viene posto spessissimo.
Grazie a tutti


Federica Rizzo
Registrato Offline
eflaia
Giugno 4, 2008, 9:13pm Report to Moderator
Resp. laboratorio conservazione e archivista
Posts: 327
Location: Roma
Non esistono inchiostri di tipo ottocentesco in vendita (tieni presente che, soprattutto in Italia, non mai stata codificato ufficialmente un modello di inchiostro standard). Inoltre vorrei farti notare che un inchiostro ferrotannico nuovo, appena prodotto, di un nero bluastro molto molto intenso che striderebbe di sicuro se il tuo inchiostro fosse gi virato al marrone. Ti troveresti quindi nella sgradevole situazione di dover "invecchiare" il tuo prodotto prima dell'uso. Mi permetterei quindi di suggerirti una soluzione alternativa e, entro certi limiti, pi rispettosa dei principi del restauro (almeno perch distinguibile). Potresti infatti provare a riprodurre un colore simile al tuo originale (magari sotto tono) utilizzando colori a tempera (magari con ocra o terra di Siena).
Di fatto non ti allontaneresti neppure tantissimo dalla composizione originale (sarebbe presente del ferro anche se mancherebbe il tannino).
Il tuo intervento rimarrebbe distinguibile, e utilizzando pigmenti stabili come le terre, eviteresti di introdurre ulteriori agenti di deterioramento sul tuo documento.

Per quanto riguarda il ravvivamento permanente degli inchiostri sbiaditi: esiste la descrizione di un vecchio processo di restauro nel vecchio bollettino ICPL (si trattava di un complesso sistema, poco sicuro che di fatto trasformava profondamente l'inchiostro pur ravvivandolo). In alternativa la letteratura riporta il vecchio e dannosissimo sistema dei tannini di "maiana" memoria (mi riferisco ad Angelo Mai e ai danni che ha fatto nella sua ricerca di palinsesti).
Un onesto professionista dovrebbe far presente che NON possibile ravvivare in maniera decente e permanente gli inchiostri (poi, infatti, anche quelli trattati ai tannini tendono a svanire di nuovo). Tieni inoltre presente che dovresti intervenire RIPASSANDO parola per parola l'intero testo (i tannini sono marroni e se ci immergi un foglio di carta bianca fai un vero macello). Qualcuno lo ha fatto negli anni '50 in Germania ma oggi credo che costi parecchio (oltre ai limiti gi citati).


Enrico Flaiani
Registrato Offline
Replica: 1 - 1
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
Print

Forum Restauro e Conservazione    ALTRI SETTORI    Restauro carta  ›  Inchiostri

Valutazione del tema
Non esiste attualmente alcuna valutazione
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE