Benvenuto, Ospite. Novembre 19, 2019, 6:21am Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    RESTAURO ARCHITETTONICO    Architettura  ›  Deumidificazione elettrofisica Moderatori: admin
Utenti presenti
No Members e 4 Ospiti

Deumidificazione elettrofisica  (attualmente 21,480 viste) Print
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
ros.bianchi
Giugno 10, 2008, 11:28pm Report to Moderator
Architetto
Nuovo utente
Posts: 6
Location: Roma
Mi è stata consigliata l'applicazione di un sistema di deumidificazione elettrofisica della muratura per problemi di umidità di risalita. Tramite l’installazione nella muratura di una centralina a corrente continua a bassissimo voltaggio vengono inviati degli impulsi elettromagnetici che inducono lo spostamento delle molecole d'acqua per capillarità verso terra. Pur avendo verificato alcune applicazioni, rimango con dei forti dubbi....
Chiedo cortesemente ulteriori ragguagli sull'argomento
Rossana


Rossana Bianchi
Registrato Offline
Edgardo Pinto Guerra
Giugno 22, 2008, 9:12pm Report to Moderator
Consulente risanamento murature storiche dal 2003
Posts: 252
Location: Studio consulenza risanamento muri
Salve - I sistemi ad apparecchi che impiegano emissioni di onde elettromagnetiche correttamente descrivono i loro effetti come fenomeni "elettrofisici", quali sono tutti i fenomeni elettromagnetici, dai motorini di avviamento delle auto, ai telefonini, alla aurora boreale, alle onde TV. Sono una categoria di fenomeni diversi da quelli elettrici (quali quelli impiegati nell'elettrosmosi attiva), o da quelli elettrostatici.
L'umidità da risalita capillare è conseguenza solo dell'agire della Tensione Superficiale di un liquido entro un capillare. In un verso o nell'altro a seconda se il liquido bagna (contatto acqua-vetro, acqua-materiale edilie) o non bagna (contatto mercurio-vetro) il materiale del capillare con il quale è in contatto.
Non esistono, che io sappia, teorie scientifiche che spieghino o dimostrino l'azione di una debole onda elettromagnetica, intelligente o a impulsi a seconda delle Ditte, sulla Tensione Superficiale per "indurre" lo spostamento delle molecole d'acqua per capillarità verso terra.



Edgardo Pinto Guerra. http://www.consultingepg.com
Consulente risanamento
Autore del volume "Risanamento di murature umide umide e degradate"
epg@consultingepg.com
Registrato Offline
Sito Replica: 1 - 6
Renato Nobili
Dicembre 18, 2009, 7:41pm Report to Moderator
Restauro conservativo
Utente Attivo
Posts: 35
Location: Roma-Ardea(RM)
Citato da ros.bianchi
Mi è stata consigliata l'applicazione di un sistema di deumidificazione elettrofisica della muratura per problemi di umidità di risalita. Tramite l’installazione nella muratura di una centralina a corrente continua a bassissimo voltaggio vengono inviati degli impulsi elettromagnetici che inducono lo spostamento delle molecole d'acqua per capillarità verso terra. Pur avendo verificato alcune applicazioni, rimango con dei forti dubbi....
Chiedo cortesemente ulteriori ragguagli sull'argomento
Rossana


La deumidificazione elettrofisica è scientificamente provata da molti studi universitari ed è una realtà che sta prendendo sempre più piede grazie alla scarsa invasività.
Va detto in maniera ssolutamente netta che spessissimo la sola deumidificazione non è sufficente per il risanamento in quanto i sali presenti all'interno (e in prossimità dei parametri interno ed esterno) tendono a  idratarsi e a disidratarsi per la sola variazione dei paramentri umidità e temperatura ambientali.
Una corretta azione è quella dell'azione combinata dello sbarramento elettrofisico alla risalita e dell'estrazione dei sali con metodi a variazione di pressione osmotica (come la cellululosa modificata e/o l'acqua nebulizzata).
Intonaci macroporosi da soli sono inutili ma se inseriti in un protocollo con la deumidificazione elettrofisica e l'estrazione dei sali   dalla muratura sottostante possono essere molto utili.
Nell'ambito della deumidificazione elettrofisica poi esistono svariati apparati alcuni dei quali assolutamente non funzionananti perchè progettati e realizzatoi da diletanti allo sbaraglio e una serie di apparati assolutamente di qualità e di sicura efficacia.



Dott. Ing. Renato Nobili cell 3355256992 email info@sonreb.com http://www.sonreb.com
Registrato Offline
Replica: 2 - 6
Edgardo Pinto Guerra
Dicembre 30, 2009, 10:27am Report to Moderator
Consulente risanamento murature storiche dal 2003
Posts: 252
Location: Studio consulenza risanamento muri
La deumidificazione elettrofisica è scientificamente provata da molti studi universitari . . . . . ??

Salve - mi dispiace  ancora una volta dissentire totalmente. Non ho mai trovato pubblicato, ne nessuna delle circa 10 Ditte che forniscono apparecchiature di questo genere mi ha mai fornito, UNO studio teorico o una documentazione di esperimenti comparati scientificamente seria e credibile riguardo alla pretesa azione "deumidificante", (che già non è termine tecnico ma commerciale, dove regna una gran confusione di termini tecnici impiegati a sproposito, quindi spesso fuorviante rispetto alla realtà dei fenomeni in atto).
La Prof. Margherita Hack, astrofisica Premio Nobel, intervistata in merito dal programma TV Striscia la Notizia a metà Febbraio 2008 ha definito tali affermazioni "bischerate".

E' da dire che questi apparecchi, come citato nell'intervento sopra, sono sempre abbinati ad altri metodi tradizionale di contrastare il fenomeno, per cui non è possibile capire dove comincia uno e finisce l'altro.

Neutralizzare la risalita richiede una  quantità di energia non certo fornibile a distanza di 15 metri da onde elettromagnetiche più deboli di quelle di un telefonino. Forse questa si può trasmettere in questo modo, ma allora se un umano passa davanti all'apparecchio emettitore verrà sicuramente fritto



Edgardo Pinto Guerra. http://www.consultingepg.com
Consulente risanamento
Autore del volume "Risanamento di murature umide umide e degradate"
epg@consultingepg.com
Registrato Offline
Sito Replica: 3 - 6
Ing.Ranucci Lorenzo
Gennaio 12, 2010, 11:29pm Report to Moderator
strutturista e certificatore energetico SACERT
Nuovo utente
Posts: 9
Location: Viterbo
Noto con piacere che certi argomenti vengono trattati con il copia e incolla e orientati a screditare ciò che invece funziona alla perfezione e senza particolari costi. Oltre alla soluzione elettrofisica esiste anche un'altra soluzone sempre non invasiva che è il sistema aquapol.
Ing. Ranucci
Registrato Offline
Sito Replica: 4 - 6
Renato Nobili
Febbraio 16, 2010, 6:31pm Report to Moderator
Restauro conservativo
Utente Attivo
Posts: 35
Location: Roma-Ardea(RM)
La deumidificazione elettrofisica è scientificamente provata da molti studi universitari . . . . . ??

Salve - mi dispiace  ancora una volta dissentire totalmente. Non ho mai trovato pubblicato, ne nessuna delle circa 10 Ditte che forniscono apparecchiature di questo genere mi ha mai fornito, UNO studio teorico o una documentazione di esperimenti comparati scientificamente seria e credibile riguardo alla pretesa azione "deumidificante", (che già non è termine tecnico ma commerciale, dove regna una gran confusione di termini tecnici impiegati a sproposito, quindi spesso fuorviante rispetto alla realtà dei fenomeni in atto).
La Prof. Margherita Hack, astrofisica Premio Nobel, intervistata in merito dal programma TV Striscia la Notizia a metà Febbraio 2008 ha definito tali affermazioni "bischerate".

E' da dire che questi apparecchi, come citato nell'intervento sopra, sono sempre abbinati ad altri metodi tradizionale di contrastare il fenomeno, per cui non è possibile capire dove comincia uno e finisce l'altro.

Neutralizzare la risalita richiede una  quantità di energia non certo fornibile a distanza di 15 metri da onde elettromagnetiche più deboli di quelle di un telefonino. Forse questa si può trasmettere in questo modo, ma allora se un umano passa davanti all'apparecchio emettitore verrà sicuramente fritto

Son due cose diverse:
1) dire che non esistono studi
2) dire che non li ha trovato il collega Pinto Guerra

Il principio fisico è noto; l'azione dei sistemi è noto, gli studi universitari esistono, i risultati esistono, gli enti di ricerca lo adottano, gli utenti sono soddisfatti.

Tutto quello sopra scritto non è comparabile con "non ho mai trovato articoli scintifici".


Dott. Ing. Renato Nobili cell 3355256992 email info@sonreb.com http://www.sonreb.com
Registrato Offline
Replica: 5 - 6
technoumido
Maggio 5, 2010, 8:04am Report to Moderator
Nuovo utente
Posts: 1
In quanto produttore delle tecnologie elettrofisiche intervengo.
In parte concordo con i dubbi dell'Ing.Pinto Guerra dovuti alla confusione che regna nel settore ma devo puntualizzare alcune cose.
Prima di tutto vorrei chiarire che per tecnologie elettrofisiche si intende un sistema che alimentato alla rete elettrica genera impulsi magnetici.Per cui è scorretto inserire all'interno della categoria altre tecnologie che utilizzano altri principi che non prevedono circuiti elettronici alimentati.
Non esistono studi scientifici seri in quanto essendo l'argomento deumidificazione ricco di variabili la realizzazione di una ricerca in laboratorio,se fosse tecnicamente possibile richiederebbe forti investiementi economici e le aziende che trattano le tecnologie elettrofisiche sono tutte piccole realtà.La mancanza di ricerca però non dimostra la non funzionalità ma al limite non da regole certe sulle operazioni da eseguire per utilizzare correttamente le tecnologie (norme UNI ad esempio.
La Prof. Margherita Hack nell'intervista ha definito  giustamente Biscarate  le frasi che apparivano su due cartelli che davano la spiegazione scientifica del funzionamento dell'impianto,ma non ha giudicato l'impianto e la tecnologia che comunque non rientra nelle tecnologie elettrofisiche in quanto non sono centraline alimentate elettricamente. In Germania le tecnologie elettrofisiche sono applicate da molto tempo (vi sono circa 10 produttori).Il problema che si pone in Italia non è il funzionamento ma l'applicabilità delle tecnologie e questo vale per qualsiasi prodotto che pretende di essere la soluzione per ogni situazione.Inoltre non è corretto scientificamente sostenere che le centraline elettrofisiche non possono funzionare in quanto utilizzano una bassa potenza confrontandone il funzionamento con il forno a microonde cellulari ecc.. Con 5 watt di potenza si comunica con la Luna,con 1 watt di potenza al festival di sanremo non si sentirebbe nulla,il motore di un normale aspirapolvere è almeno di 10 Watt,il telecomamdo di un cancello di 10 milliwatt invia un segnale a 30 metri ecc...Quindi i 4/5 watt di potenza utilizzati dalle centraline elettrofisiche possono essere una grande o una piccole potenza ma bisogna tenere presente molte altre variabili oltre che il lavoro che si intende fare....purtroppo nel mondo edile le competenze sono diverse e molto spesso chi propone le tecnologie elettrofisiche non conosce lìelettronica che fa parte di altri settori meno rigidi e più attendi alle novità e forse meno conflittuali....si consideri ad esempio che nell'edilizia per misurare l'umidità le norme UNI prevedono l'utilizzo del carburo di calcio un metodo antico e distruttivo,mentre nel settore industriale si utilizzano le microonde in processi molto più complessi di una banale misura di umidità in un muro....Il CAD,le termocamere ad infrarossi i sistemi di geomisura sono arrivati nel modo edile dall'industria elettronica applicati in altri campi. Le centraline elettrofisiche che derivano da altre esperienze industriali  ad oggi sono viste come uno spillo in un'occhio......    
Registrato Offline
Replica: 6 - 6
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
Print

Forum Restauro e Conservazione    RESTAURO ARCHITETTONICO    Architettura  ›  Deumidificazione elettrofisica

Valutazione del tema
Non esiste attualmente alcuna valutazione
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE