Benvenuto, Ospite. Novembre 24, 2020, 10:04pm Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    ALTRI SETTORI    Restauro ligneo  ›   il vero restauro? cosa significa? Moderatori: cinnabarin
Utenti presenti
No Members e 3 Ospiti

il vero restauro? cosa significa?  (attualmente 6,150 viste) Print
3 Pagine « 1 2 3 Tutti Raccommanda Thread
ermannodi
Ottobre 15, 2008, 10:56am Report to Moderator
Utente recente
Posts: 18
ciao, io penso che Roberto metta troppa carne al fuoco con troppi argomenti che sono bisognosi di analisi distinte: per quanto concerne la visione di restauratore-artista il discorso è molto delicato. La disciplina del restauro vuole che il restauratore, nello strudio dell'opera da restaurare, ne estragga i valori che ritiene propositivi per le presenti e le future generazioni e li riproponga. Perchè ciò avvenga debbono essere verificate alcune condizioni: l'autenticità documentale, il valore storico e subordinatamente artistico etc.. E' evidente che il restauratore apporta del proprio nell'operazione, ma è anche vero che questo proprio deve restare in sottolettura tale da non inficiare il valore documentale dell'opera. Altra cosa è l'arte dove l'artista utilizza un mezzo per comunicare un proprio mondo interiore. E' evidente che le due cose non hanno alcuna possibilità di convivenza. un approccio artistico in una operazione di restauro, a mio sommesso avviso, è quanto di più sbagliato possa esserci.
Per quanto attiene alle tecniche da utilizzare il ragionamento è più complesso: per quella autenticità documentale richiamata, le tecniche devono essere quanto meno mimetiche possibile e più reversibili possibili, proprio per discretizzare la lettura tra "l'oriiginale" e "l'operazione di restauro". Questo, tuttavia non deve confliggere con una visione unitaria dell'oggetto del restauro che deve conservare un apetto "gradevole" alla vista. Quindi quali tecniche utilizzare? Il regionamento si complica ulteriormente perché anche le tecniche tradizionali o antiche hanno un loro valore e, quella del restauro, è l'officina che le tiene in vita. Qundi anche queste sono un valore degno di conservazione ed esercizio. In definitiva, penso che esse vadano privilegiate a patto di non utilizzarle per fini mimetici e guardando sempre al criterio della massima reversibilità. Una ultima considerazione è quella di esercitare un accanimento terapeutico; sappiamo che questi beni non possono resistere all'infinito; viene anche per loro il momento in cui l'unica scelta possibile è l'archeologizzazione che conclude la sua storia in termini di restauro, iniziando quella della pura conservazione.
ermanno di ferrante


ermanno di ferrante
Registrato Offline
Replica: 30 - 32
fel
Ottobre 16, 2008, 9:08am Report to Moderator
collaboratore restauratore
Utente anziano
Posts: 79
Ciao,
credo che con questo discorso tu abbia centrato in pieno anche il mio pensiero. Non ho nulla da aggiungere!  


Valentina Coppetta
Registrato Offline
Replica: 31 - 32
alessandro macuz
Febbraio 20, 2011, 1:25pm Report to Moderator
lucidatura arredi lignei
Utente anziano
Posts: 211
Location: venezia


Alessandro Macuz
Registrato Offline
Replica: 32 - 32
3 Pagine « 1 2 3 Tutti Raccommanda Thread
Print

Forum Restauro e Conservazione    ALTRI SETTORI    Restauro ligneo  ›   il vero restauro? cosa significa?

Valutazione del tema
Non esiste attualmente alcuna valutazione
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE