Benvenuto, Ospite. Marzo 21, 2019, 2:54pm Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    TEMI GENERALI    Temi generali  ›  PROVA DI IDONEITÀ PER RESTAURATORI Moderatori: admin
Utenti presenti
No Members e 3 Ospiti

PROVA DI IDONEITÀ PER RESTAURATORI  (attualmente 30,868 viste) Print
17 Pagine « 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 » Tutti Raccommanda Thread
restauronapoli
Ottobre 5, 2009, 11:39am Report to Moderator
Utente medio
Posts: 21
Citato da fel
scusami Antonella vorresti dire che le persone che hanno avuto esperienza anche come "muratori" non meritano di ottenere la qualifica perchè non sanno ciò che fanno?? Dovresti sapere che il restauratore se non sa come si prepara una malta non capirà mai come fare una stuccatura. Pensi che dai libri si capisca? A parte la manualità che è importante è molto importante anche tutto il resto. Studiare, aggiornarsi.
Secondo te noi "muratori" lavoriamo sulle opere d'arte da profani perchè quei corsi "flash" (come tu li chiami) durano solo 3 anni e formano degli incompetenti figli di papà che hanno pagato il corso fior di quattrini invece di fare l'esame all'ICR.
Mi dispiace deluderti ma io sono una di quelle e ti assicuro non sono un'incompetente. Farò l'esame e chissà magari riuscirò anche ad ottenere la qualifica di Restauratore finalmente. Come sono ambiziosi questi muratori è!


Sono d'accordo con te Valentina...io ,ad esempio, sono uno di quelli che si è formato ad un corso biennale di 1200 ore ...ha lavorato su cantieri e in laboratori(quindi ha fatto anche il muratore)e poi si è rimesso a studiare facendo un ulteriore corso di 600 ore per perfezionarmi(corsi che mi sono un pò pagato io lavorando e un pò  hanno contribuito i miei ).....Era l'unica alternativa allora per formarsi perchè ,come tutti sanno,c'erano solo due o tre  scuole Statali con 15 posti disponibili all'anno....
Quindi cara Antonella cerca di essere più comprensiva nei confronti di chi si è sacrificato studiando e lavorando cercando di formarsi e di portare avanti questa professione con scrupolo e dignità perchè ci credeva e ci crede ancora. Mi auguro con tutto il cuore anche io di superare questa prova perchè me lo merito e come me tanti altri!!!!!Scusate lo sfogo....dovevo!


luigi di napoli
Registrato Offline
Replica: 150 - 254
stelo22
Ottobre 5, 2009, 11:43am Report to Moderator
restauratrice
Utente recente
Posts: 18




Ma secondo voi sarebbe giusto favorire coloro che si sono improvvisati restauratori da poco tempo o che non hanno uno straccio di titolo in mano, invece di chi ha lavorato per decenni nel settore e chi ha intrapreso un lungo e "faticoso" percorso di studi e formativo???

[face=Times][/face][/color]volevo solo ricordarti che la mia esperienza nel vero campo del restauro "senza citarti su che opere ho avuto la fortuna di intervenire" ha inizio più di un decennio fa ma a causa della normativa che non riconosce gli ani di pratica da 2001 al 2009 non riesco ad ottenere la qualifica direttamente. invece mi ritrovo nella stessa situazione di chi hasolo il semplice diploma del biennio entro gennaio 2006..........
cosa ne dici ora.....
e poi spazio hai giovani con tanta voglia di fare.....




[color=orange]Prima hai detto che "ci vogliono anni per potersi dichiarare tali....esperienza pratica si!ma anche conoscenze adeguate nel settore scientifico e un continuo aggiornarsi" poi ti convinci del fatto che chi ha attestati troppo vecchi (rispetto alle date indicate nel bando) è tagliato fuori...e ciò è ragionevole dato che i metodi, la scienza e le esigneze evolvono!E poi soltanto lavorando non credo che si possano apprendere delle solide basi teoriche (scientifiche e metodologiche) da cui l'operazione di restauro, cioè l'intervento vero e proprio, non può prescindere!

Considerata la relativamente recente nascita di questo settore...io penso che chi voleva realmente fare il restauratore o conservatore o diagnosta, di certo non doveva studiare giurisprudenza, nè medicina...i corsi specifici esistono ormai da decenni!Giusto per citarne uno (di istituzione più recente) la calsse di laurea 41 (con la 12s) esiste ormai da quasi 10 anni!!Esistono da tempo anche le scuole statali di restauro, i famosi corsi dell'ICR e dell'opificio delle pietre dure...Non c'è da pretendere per chi ha invece fatto un "corso flash" non statale (che magari è costato pure fior di quattrini) ma che in fondo non ha alcuna valenza per inadeguatezza o scarsità di contenuti e per chi, in tutti questi anni non si è voluto aggiornare.

Io la penso così...e la questione non mi sembra tanto complicata.E' delicata si, in quanto molte persone che hanno realmente lavorato per molto tempo rischiano di interrompere la proria carriera lavorativa, in seguito a questo bando (che poi questa cosa è tutta da verificare), ma se questi supereranno la prova di idonetà potranno avvalersi della qualifica e proseguire...chi non la supera evidentemente non era all'altezza.

Io sono piuttosto giovane ed è da tempo che sono decisa a lavorare in questo settore...ma anzichè accontentarmi di lavorare subito in cantiere come operaia cercando "scorciatoie" o iniziando quasi come un "muratore"(intendo dire senza alcuna conoscneza di base) ho preferito dedicarmi con passione alla preparazione personale, sin dalla scuola superiore per poi proseguire all'università, per poter diventare un'operatrice esperta nel settore dei BB CC con più competenza possibile...e come me migliaia di altre persone. Vi posso assicurare che non è sempre piacevole sacrificare mezza vita sui libri! =)

Inoltre (spesso)...l'esperienza che molti senza titoli vantano di avere acquisito solo lavorando si riduce ad azioni scimmiottate , eseguite senza cognizione e senza rendersi conto di cosa stia realmente avvenendo sotto le proprie mani..."esperienza" non significa soltanto saper maneggiare un bisturi o un tampone (chiunque può imparare in breve tempo)...ma significa soprattutto essere realmente "consapevoli" delle proprie azioni, dal progetto  all'intervento.
[/quote]



stefania
Registrato Offline
Replica: 151 - 254
Adamantio
Ottobre 5, 2009, 3:40pm Report to Moderator
Dottore in Chimica - Consulente Restauro
Posts: 933
Location: Torino e Aramengo (AT)
In questo thread ho visto diverse firme irregolari...

invito gli interessati a regolarizzare la firma nel centro utente (info al seguente indirizzo: http://www.forum-restauro.org/forum/b-firma/m-1104087421/).

Ricordo che in questo Forum è obbligatorio specificare la propria situazione professionale e il proprio nome e cognome pena l'esclusione dal forum e la cancellazione di messaggi e account.

in particolare mi riferisco a "stefania" e "sodoma61" che hanno partecipato a questi ultimi interventi e necessitano assolutamente di regolarizzare la loro posizione.

Lo stesso discorso vale anche Luigi di Napoli nel caso "di Napoli" indichi la provenienza e non sia il cognome.

In ogni caso ho visto anche altri utenti meno attivi privi di firma.... REGOLARIZZATEVI altrimenti la prossima volta che vedo vostri messaggi sarò costretto ad oscurarli.

Grazie


Marco NICOLA
MODERATORE AREA AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

Conservation Scientist - Diagnosta dei Beni Culturali
Analisi chimiche, chimico-fisiche, petrografiche, biologiche... e ricerche per lo Studio, la Conservazione e il Restauro del Patrimonio Artistico
sito: http://www.adamantionet.com

Registrato Offline
Sito Replica: 152 - 254
Antonella Privitera
Ottobre 5, 2009, 5:15pm Report to Moderator
Studentessa
Utente recente
Posts: 17
Location: Caltagirone
Citato da restauronapoli


Sono d'accordo con te Valentina...io ,ad esempio, sono uno di quelli che si è formato ad un corso biennale di 1200 ore ...ha lavorato su cantieri e in laboratori(quindi ha fatto anche il muratore)e poi si è rimesso a studiare facendo un ulteriore corso di 600 ore per perfezionarmi(corsi che mi sono un pò pagato io lavorando e un pò  hanno contribuito i miei ).....Era l'unica alternativa allora per formarsi perchè ,come tutti sanno,c'erano solo due o tre  scuole Statali con 15 posti disponibili all'anno....
Quindi cara Antonella cerca di essere più comprensiva nei confronti di chi si è sacrificato studiando e lavorando cercando di formarsi e di portare avanti questa professione con scrupolo e dignità perchè ci credeva e ci crede ancora. Mi auguro con tutto il cuore anche io di superare questa prova perchè me lo merito e come me tanti altri!!!!!Scusate lo sfogo....dovevo!


Ti rivolgi proprio ad una che ha impiegato ben 11 anni di studi nel settore (e non ho ancora concluso la mia carriera universitaria) e ti posso assicurare che da studentessa fuori sede la mia formazione (tra tasse e spese per vivere) mi è costata parecchio (e non ho osato criticare chi paga soldoni per i corsi brevi e/o privati...infatti in questo 3d il termine "figlio di papà" non l'ho coniato io!), studio che ho alternato a "lavoricchi" a nero (purtroppo) su ceramiche e sul lapideo, commissionati per lo più da privati o sotto forma di stage (ovviamente mal retribuiti) e che non ho modo di farmi riconoscere ne utilizzare per il bando...quindi di sacrificio di studio e di lavoro ne so qualcosa   ed hai tutta la mia comprensione!
Non comprendo invece la superficialità che si dimostra quando si prende la cosa sul personale, saltando passaggi chiave nel leggere i post altrui (probabilmente ti è sfuggito il mio precendente post dove definivo cosa intendevo per cosrsi flash)...

Io concludo qui questa discussione degenere...perchè credo che si stia uscendo dal tema centrale del thread e non voglio essere la causa della nascita di dissapori. I termini per accedere alla qualifica o alla prova sono scritti nero su bianco...quindi, un grosso in Bocca al Lupo a tutti colori che riusciranno ad avere accesso alla prova!
  







Antonella Privitera
laurea: "Tecnologie applicate alla conservazione e al Resaturo dei Beni Culturali"  (Catania)
corso biennale di "Perfezionamento Restauro Ceramico" (Caltagirone)
diploma in "Arte Restauro della Ceramica" (Caltagirone)
Socia juniores AIAr


Registrato Offline
Replica: 153 - 254
Ranusia
Ottobre 5, 2009, 7:44pm Report to Moderator
Utente recente
Posts: 14
Location: Carmagnola (TO)
Come saranno definiti quelli che, per mancanza di idoneità, non potranno fare l'esame?
Diventeremo "muratori" precari? Ah, precari già lo siamo.

Ranusia Barboza
ex-pittrice (diverse mostre)
ex-artigiana (cuoio)
ex-coordinatrice di animazione culturale per il Comune di Rio de Janeiro
ex-coordinatrice di progetto per il Bird
ex-tecnica in pianificazione per la cooperazione internazionale
ex-consulente privata della ministra per i diritti umani dello stato di Rio de Janeiro
ex-cooperante internazionale (con missione all'estero)
Laurea in Scienza Sociale
Pos-laurea in Sociologia Urbana
Tecnica esperto in recupero e riproduzione di opere scultoree e architettoniche (2000 ore)
Candidata al corso di Tecnica collaboratore in restauro e conservazione di dipinti su tela (2000 ore)

Solo per dire, ricominciare non è impossibile, però assai faticoso.


Ranusia Barboza
Registrato Offline
Replica: 154 - 254
Antonella Privitera
Ottobre 6, 2009, 3:35pm Report to Moderator
Studentessa
Utente recente
Posts: 17
Location: Caltagirone
Avevo letto da qualche parte dei link da consultare per le petizioni...in particolare per la revisione degli ambiti di competenza da indicare obbligatoriamente nella compilazione della sezione A.

Ci sono delle dissonanze che sono poco chiare, tipo : "A4- materiali e manufatti ceramici, vitrei e organici ( ?) ; materiali e manufatti in metallo e leghe"...

Apparte che non riesco ad immaginare un "manufatto organico" ( ) che non sia di legno o simili (e in questo caso riguarda altri ambiti di competenza)...pensate che si tratti di un errore?o si riferisce ai materiali organici impiegati nel restauro dei gruppi di materiali inorganici sopraindicati (ceramici, vitrei e metallici)?

Qualcuno potrebbe indirizzarmi a quei link?Grazie in anticipo.


Antonella Privitera
laurea: "Tecnologie applicate alla conservazione e al Resaturo dei Beni Culturali"  (Catania)
corso biennale di "Perfezionamento Restauro Ceramico" (Caltagirone)
diploma in "Arte Restauro della Ceramica" (Caltagirone)
Socia juniores AIAr


Registrato Offline
Replica: 155 - 254
restauronapoli
Ottobre 7, 2009, 9:15am Report to Moderator
Utente medio
Posts: 21
Copio e incollo questa messaggio inviatomi dalla fillea restauro su facebook

FROM: Fillea Restauro Nazionale Cgil

ROMA 24 OTTOBRE - ASSEMBLEA NAZIONALE RESTAURATORI

è il momento di farci vedere..da tutta italia, che ci siamo, quanti siamo e per presentare alla stampa la petizione al Presidente della Repubblica e le nostre richieste...
adesso o mai più .....partecipiamo tuttiiiii!si organizzano pullman ,biglietti treno, macchine, etc
PRENOTATEVI SUBITO ..così riusciamo ad organizzarci via mail -FILLEARESTAURO@FILLEACGIL.IT- o contattando dIrettamente le strutture nei vari territori: nome, cognome e luogo di partenza (sarete ricontattati per la logistica dettagliata)

"I FANTASMI DEI CANTIERI"

PER L'ASSEMBLEA DEL 24 OTTOBRE A ROMA STIAMO ORGANIZZANDO UNA MOSTRA FOTOGRAFICA IN CUI I PROTAGONISTI SIAMO NOI..CIOè VORREMMO ESPORRE FOTO DI CANTIERE, TESTIMONIANZA DELLA NOSTRA PRESENZA IN MIRIADI DI CANTIERI PER LAVORI DI RESTAURO.CE LE INVIATE? CON IL NOME E IL POSTO...E NOI LE STAMPEREMO.

INVIARE A FILLEARESTAURO@FILLEACGIL.IT ENTRO IL 15 OTTOBRE.



luigi di napoli
Registrato Offline
Replica: 156 - 254
alessandro.s
Ottobre 8, 2009, 12:06am Report to Moderator
Nuovo utente
Posts: 9
Ciao a tutti, ho 9 anni di esperienza pratica in restauro (dipendente), mi sto per iscrivere ad un corso che mi da il seguente titolo: "Tecnico del restauro di beni culturali mobili e superfici decorate di beni architettonici".
Gentilmente vi chiedo se questo titolo:
1)Un domani se aprirò per mio conto mi potrà far lavorare per enti pubblici.. quindi gare d'appalto tramite soprint?
2)mi potrà far fare un domani quel benedetto esame per diventare restauratore?
Visto che il corso costa parecchio cosa mi consigliate? Ho esattamente 30 ore da adesso per dire sì o no a questa scuola.
Grazie di cuore
P.S (possiedo già il diploma di laurea in belle arti..ind. pittura-vecchio ordinamento-) serve a qualcosa?
Grazie
Ale


Alessandro Sandrini
Registrato Offline
Replica: 157 - 254
restauronapoli
Ottobre 8, 2009, 9:26am Report to Moderator
Utente medio
Posts: 21
Se pensi di poter accedere adesso alla prova con la frequentazione di questo corso ......lascia perdere ! Spenderesti solo soldi inutilmente.Dovevi frequentare il corso prima di una certa data.


luigi di napoli
Registrato Offline
Replica: 158 - 254
alessandro.s
Ottobre 8, 2009, 10:01am Report to Moderator
Nuovo utente
Posts: 9
Citato da restauronapoli
Se pensi di poter accedere adesso alla prova con la frequentazione di questo corso ......lascia perdere ! Spenderesti solo soldi inutilmente.Dovevi frequentare il corso prima di una certa data.


Ma questo corso..scusa se insisto..sarà necessario per il mio domani?
Faranno un'altro esame per diventare restauratore nel prossimo decennio?
Ulteriore Domanda: se a un reverendo andasse di farmi restaurare un dipinto o altro nella sua chiesa e io presento il preventivo alla soprint. possono accettarlo anche senza avere questo diploma? parlo sempre di cifre pari o inferiori a 100.000 euro...
Grazie a te e tutti che risponderanno


Alessandro Sandrini
Registrato Offline
Replica: 159 - 254
fel
Ottobre 8, 2009, 10:56am Report to Moderator
collaboratore restauratore
Utente anziano
Posts: 79
Citato da alessandro.s

Gentilmente vi chiedo se questo titolo:
1)Un domani se aprirò per mio conto mi potrà far lavorare per enti pubblici.. quindi gare d'appalto tramite soprint?
2)mi potrà far fare un domani quel benedetto esame per diventare restauratore?
Visto che il corso costa parecchio cosa mi consigliate? Ho esattamente 30 ore da adesso per dire sì o no a questa scuola.
Grazie di cuore
P.S (possiedo già il diploma di laurea in belle arti..ind. pittura-vecchio ordinamento-) serve a qualcosa?
Grazie
Ale


1)non potrai lavorare per enti pubblici. dovresti avere oltre al titolo da restauratore anche altre certificazioni.
2)Non potrai fare l'esame con quel corso ma forse con il tuo diploma di accademia si, guarda bene l'art. 182 che definisce i requisiti per partecipare alla prova.
ciao


Valentina Coppetta
Registrato Offline
Replica: 160 - 254
fel
Ottobre 8, 2009, 11:01am Report to Moderator
collaboratore restauratore
Utente anziano
Posts: 79


Io concludo qui questa discussione degenere...perchè credo che si stia uscendo dal tema centrale del thread e non voglio essere la causa della nascita di dissapori. I termini per accedere alla qualifica o alla prova sono scritti nero su bianco...quindi, un grosso in Bocca al Lupo a tutti colori che riusciranno ad avere accesso alla prova!
  
Infatti io non ho continuato la discussione quando ti sei spiegata meglio!Perchè ho capito cosa intendevi.Quindi penso che possa finire qua!veramente per me era già conclusa la questione...







Valentina Coppetta
Registrato Offline
Replica: 161 - 254
alessandro.s
Ottobre 8, 2009, 11:20pm Report to Moderator
Nuovo utente
Posts: 9
Grazie Valentina.
Sono proprio indeciso adesso...non capisco più nulla.
manca così poco e non sono in grado di decidere se fare qst scuola (triennale) che mi trasforma in "tecnico di restauro" o no!
Se qualcuno ha 2 minuti per leggere quello che scrivo:

Ho laurea in belle arti vecchio ordinamento e posso essere assunto da mio zio che è restauratore dagli anni '80
(ha sempre eseguito lavori con buon esito con collaudo dalla soprint. da 30 anni).
Mi basterebbe (per poter presentare-un domani- preventivi di opere mobili alla sopr.)  l'assunzione come dipendente, collaboratore...?
e per quanti anni devo essere assunto?
O la cosa migliore è diventare "tecnico di restauro" in + essere assunto da zio?
Non capisco se nel mio caso serva fare sta benedetta scuola o se nel mio caso che ho l'assunzione (per qualche anno) sicura, no.
Se qualcuno ha capito la mia situazione mi Aiuti Grazie.
Ale
un ragazzo fuso...


Alessandro Sandrini
Registrato Offline
Replica: 162 - 254
fel
Ottobre 9, 2009, 11:49am Report to Moderator
collaboratore restauratore
Utente anziano
Posts: 79
Se fossi in te non farei la scuola.
Tuo zio può assumerti e impareresti il lavoro da lui!L'attestato di "tecnico" non serve a molto perchè io ho un attestato di "collaboratore restauratore" ma anche se non l'avessi avuto avrei lavorato lo stesso (ho visto molta gente lavorare senza!).
Ma se hai tuo zio che può farti lavorare di che ti preoccupi??!!Se vuoi farlo per te è un altro conto. E poi perchè prenderti la briga di procurarti lavori??Fatti assumere e falli procurare a tuo zio!! comunque i restauratori della "vecchia guardia" non hanno bisogno di nessuna qualifica per prendere lavori siamo noi che siamo capitati male!!


Valentina Coppetta
Registrato Offline
Replica: 163 - 254
jonny
Ottobre 9, 2009, 5:27pm Report to Moderator
restauratore
Utente anziano
Posts: 81
Location: palermo
con un corso di tre anni ci fai veramente poco ,soprattutto perche ' nn diventi restauratore ,per cui gli appalti comunque nn li prenderesti .
il consiglio che invece ti posso dare visto che hai fatto l'accademia di belle arti ,e' di iscriverti in una accademia di belle arti e del restauro ,dove certamente ti convaliderebbero tutte le materie ,e dovresti soltanto specializzarti in cio' che desideri,in soli tre anni avresti il titolo di restauratore ,con il quale puoi certamente partecipare a gare d'appalto.
Insomma a mio avviso ti conviene fare cosi inoltre avresti un titolo universitario,e da direttore tecnico.
io nn so di dove sei ma ci sono accademie di restauro a como venezia frosinone palermo  dove hai tutto il tempo per iscriverti. se sei di roma ti cosiglio la umberto baldini( anche se nn e' una accademia e potresti avere problemi di convalida esami). spero ti sia stato di aiuto,ciao


giuseppe di ganci
Registrato Offline
Replica: 164 - 254
17 Pagine « 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 » Tutti Raccommanda Thread
Print

Forum Restauro e Conservazione    TEMI GENERALI    Temi generali  ›  PROVA DI IDONEITÀ PER RESTAURATORI

Valutazione del tema

Qui risulta 1 voto per questo argomento.
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE