Benvenuto, Ospite. Ottobre 16, 2019, 8:35am Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    DIAGNOSTICA    Diagnostica per il restauro  ›  XRF PORTATILE Moderatori: Adamantio
Utenti presenti
No Members e 1 Ospiti

XRF PORTATILE  (attualmente 1,477 viste) Print
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
Sabrina_83
Gennaio 21, 2009, 3:06pm Report to Moderator
LAUREATA/Catalogatrice
Nuovo utente
Posts: 4
Ciao a tutti!
Sono una laureanda in Diagnostica, Restauro e Conservazione B.C., mi sono appena iscritta a questo forum perchè ho dei dubbi sull'utilizzo dell'XRF portatile. Sono ancora all'inizio e ho difficoltà a calibrare lo strumento con gli standard, quindi, non ottengo i risultati esatti.
Qualcuno può indicarmi dei link, libri, riviste o quant'altro mi essere utile?
Grazie.
Ciao!!!  


Sabrina Anania LS Diagnostica, Conservazione e Restauro Beni Culturali
Registrato Offline
maria luisa de toma
Gennaio 21, 2009, 7:08pm Report to Moderator
restauratrice
Nuovo utente
Posts: 2
Location: Bari, Ravenna
prova a consultare i seguenti testi:

Lorusso S., La diagnostica per il controllo del Sistema Manufatto-Ambiente, Bologna 2002.

Lorusso S., Matteucci C., Natali A., Anamnesi storica, indagini analitico-diagnostiche e monitoraggio ambientale: alcuni casi di studio nel settore dei beni culturali, Bologna 2006.

ciao buon lavoro


Maria Luisa De Toma
Registrato Offline
Replica: 1 - 3
Adamantio
Gennaio 22, 2009, 11:22am Report to Moderator
Dottore in Chimica - Consulente Restauro
Posts: 933
Location: Torino e Aramengo (AT)
Questo è uno dei migliori e più utilizzati per quanto riguarda i pigmenti:

Seccaroni C., Moioli P., Fluorescenza X; Prontuario per l’analisi XRF portatile applicata a superfici policrome (2002) Nardini Editori, Firenze


Marco NICOLA
MODERATORE AREA AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

Conservation Scientist - Diagnosta dei Beni Culturali
Analisi chimiche, chimico-fisiche, petrografiche, biologiche... e ricerche per lo Studio, la Conservazione e il Restauro del Patrimonio Artistico
sito: http://www.adamantionet.com

Registrato Offline
Sito Replica: 2 - 3
Antonella Privitera
Gennaio 24, 2009, 6:10pm Report to Moderator
Studentessa
Utente recente
Posts: 17
Location: Caltagirone
Citato da Sabrina_83
ho difficoltà a calibrare lo strumento con gli standard, quindi, non ottengo i risultati esatti.  


Ciao Sabrina,
posso darti qualche indicazione pratica riguardo l'operazione di calibrazione (ho lavorato con la strumentazione portatile per fluorescenza X Lithos 3000 (ASSING), interfacciato dall'omonimo software, ma l’operazione di calibrazione in linea di massima dovrebbe essere uguale anche se cambia il modello della strumentazione).

qui metto qualche cenno teorico (che probabilmente conosci già) sull’operazione di calibrazione:


I segnali di fluorescenza, vengono registrati, attraverso una serie passaggi, in un sistema multicanale.
Il multicanale è un circuito elettrico in grado di classificare gli impulsi elettrici provenienti dall’amplificatore, in funzione dell’ampiezza di tale segnale.
Il multicanale non è in grado però di distinguere ogni singolo fotone (con energie prossime tra loro), ma registra tutti i fotoni, secondo intervalli di energia, che in realtà riconosce come intervalli di ampiezza dell’impulso.
La periferica collegata al multicanale è il PC notebook, interfacciato da un software creato per questo tipo di analisi. Tuttavia, in una prima misura, vengono creati dei grafici che presentano in ascissa i canali e in ordinata i conteggi (intensità del segnale). Per l’analisi ci occorrono i valori dell’asse X in energia.
L’operazione di calibrazione consiste nell’associare i valori dei canali ai corrispondenti valori di energia, utilizzando “campioni a composizione nota” e che presentano un rumore di fondo trascurabile.


Di seguito ti propongo un esempio di calibrazione in cui è stato impiegato un campione (standard) contenente Ferro e Zinco:

Selezionando la voce “Energy Calibration” (o una voce analoga se il software è diverso), compare sul monitor una finestra con lo spettro di fluorescenza del campione scelto. In ascissa si possono leggere i valori dei canali: sapendo che le prime due righe corrispondono alle righe caratteristiche del ferro, K_alfa e K_beta; (dai valori presenti oggi nella letteratura, ricavati empiricamente, si sa che l’emissione energetica del ferro ha un’energia inferiore a quella dello zinco, quindi la trovi a sinistra) e le seconde appartengono allo Zinco, si inseriscono i valori in energia di tali righe all’interno della tabella a fianco dello spettro, in corrispondenza dei valori dei canali, indicando di che emissione si tratta (K_alfa e K_beta).
A questo punto dovrebbe comparire la retta di calibrazione (con numero di canali in ascissa e valori di energie in ordinata) su cui giacciono i punti relativi elle emissioni del Ferro e dello Zinco.
Operazione conclusa!


Ho messo in allegato un'immagine della finestra di calibrazione e la tabella delle emissioni energetiche per l'interpretazione degli spettri di fluorescenza X.

Spero di esserti stata d'aiuto!Buon Lavoro!^^

ps: ti consiglio di ripetere la calibrazione ad ogni serie di misure...poichè capita non di rado che lo strumento esce fuori calibrazione, ergo...ottieni elementi con emissioni shiftate!





Allegati: calibrazione_xrf_portatile_9266.doc
788 downloads   -   Dimensione: 238.00 KB



Antonella Privitera
laurea: "Tecnologie applicate alla conservazione e al Resaturo dei Beni Culturali"  (Catania)
corso biennale di "Perfezionamento Restauro Ceramico" (Caltagirone)
diploma in "Arte Restauro della Ceramica" (Caltagirone)
Socia juniores AIAr


Registrato Offline
Replica: 3 - 3
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
Print


Valutazione del tema
Non esiste attualmente alcuna valutazione
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE