Benvenuto, Ospite. Settembre 20, 2019, 9:29pm Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    ALTRI SETTORI    Restauro ligneo  ›  Restauro portone in legno S.O.S. Moderatori: cinnabarin
Utenti presenti
No Members e 2 Ospiti

Restauro portone in legno S.O.S.  (attualmente 23,342 viste) Print
7 Pagine « 1 2 3 4 5 6 7 Tutti Raccommanda Thread
Adamantio
Luglio 20, 2009, 9:54am Report to Moderator
Dottore in Chimica - Consulente Restauro
Posts: 933
Location: Torino e Aramengo (AT)
Pigment Compendium

Cassel earth

A humic earth, typically associated with the so-called Vandyke brown (q.v.). Salter (1869) for example describes it as 'an earth containing bitumen...[d]eposited at the bottom of seas, lakes, or rivers, and subsequently covered up by the accumulations of clay and sand, the organic tissue undergoes a kind of fermentation by which the bodies in question are slowly produced.' It could also be calcined to give a darker colour.

Alternate terms cited in the literature include Terre de Cassel and castle earth (Salter, 1869); also Kassel earth (Feller and Johnston-Feller, 1997).  Heaton (1928 ) gives Cassel earth as an obsolete term.

Cited from: Eastaugh, N.; Walsh, V.; Chaplin, T.; Siddall, R. The Pigment Compendium CD-ROM Elsevier (2004)


Marco NICOLA
MODERATORE AREA AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

Conservation Scientist - Diagnosta dei Beni Culturali
Analisi chimiche, chimico-fisiche, petrografiche, biologiche... e ricerche per lo Studio, la Conservazione e il Restauro del Patrimonio Artistico
sito: http://www.adamantionet.com

Registrato Offline
Sito Replica: 90 - 101
Adamantio
Luglio 20, 2009, 9:58am Report to Moderator
Dottore in Chimica - Consulente Restauro
Posts: 933
Location: Torino e Aramengo (AT)
Comunque la cosa mi è poco chiara...

La terra di Kassel dovrebbe essere un pigmento e come tale insolubile nel mezzo disperdente. Invece mi pare che si parli di sostanze che si sciolgono in acqua calda...

La cosa più semplice credo che sarebbe chiedere al fornitore una scheda tecnica.


Marco NICOLA
MODERATORE AREA AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

Conservation Scientist - Diagnosta dei Beni Culturali
Analisi chimiche, chimico-fisiche, petrografiche, biologiche... e ricerche per lo Studio, la Conservazione e il Restauro del Patrimonio Artistico
sito: http://www.adamantionet.com

Registrato Offline
Sito Replica: 91 - 101
cinnabarin
Luglio 20, 2009, 10:34am Report to Moderator
restauratore - consiglio direttivo Cesmar 7
Posts: 805
Location: Milano-Varese
Grazie Marco per la citazione dal Pigment Compendium.
Con questo materiale non si ottengono semplici dispersioni perchè il colorante una volta disciolto, cosa che nel mio caso ottengo facilmente anche in acqua fredda, non si deposita sul fondo dopo riposo, cosa che invece avviene per le comuni terre.
Una domanda, ma eventuali trattamenti con soda potrebbero indurre una maggiore solubilità in acqua del composto? Le notizie riportate da Alessandro parlano di salificazione! Inoltre il Turco riporta l'addizione di aniline per ottenere modificazioni della tinta, cosa che spiegherebbe le diffferenziazioni di questo materiale in rosso mogano, nero ebano, bruno noce, e mi pare esista anche una versione violacea  palissandro. Concordo sul reperimento di una scheda tecnica.
Intanto ho misurato il Ph di una soluzione di questo materiale con le cartine tritest, anche se non danno informazioni precisissime, e in più c'è difficoltà a leggere i risultati per  via del colore aggiunto dal materiale stesso. Comunque pare posizionarsi attorno a  pH8.    


roberto bestetti
Registrato Offline
Replica: 92 - 101
cinnabarin
Luglio 20, 2009, 11:05am Report to Moderator
restauratore - consiglio direttivo Cesmar 7
Posts: 805
Location: Milano-Varese
anche Conservation of Furniture, il testo che cito spesso, riporta  informazioni similari in proposito: parla di materiali tradizionali, poco stabili alla luce, e quindi di scarsa qualità, usati nel passato dai restauratori di mobili: tra questi la terra di cassel o bruno van dyck, trattato con carbonato di sodio, oppure macinato con i malli delle noci fermentati.
La preparazione moderna potrebbe essere differente ed anche variare da prodotto a prodotto in base a diverse caratterisctiche di produzione e all'addizione di materiali differenti. A questo punto la scheda del prodotto diventa davvero basilare per la comprensione del materiale.


roberto bestetti
Registrato Offline
Replica: 93 - 101
alessandro macuz
Luglio 20, 2009, 8:00pm Report to Moderator
lucidatura arredi lignei
Utente anziano
Posts: 211
Location: venezia
[quote=447]Si le informazioni derivano da siti di questo genere:

http://www.antichitabelsito.it/mordenti.htm

proprio dal link che hai messo


Alessandro Macuz
Registrato Offline
Replica: 94 - 101
alessandro macuz
Luglio 20, 2009, 8:03pm Report to Moderator
lucidatura arredi lignei
Utente anziano
Posts: 211
Location: venezia
proverò a chiedere al responsabile della gestione on line , che è molto simpatico e competente, una scheda tecnica.


Alessandro Macuz
Registrato Offline
Replica: 95 - 101
cinnabarin
Luglio 20, 2009, 8:19pm Report to Moderator
restauratore - consiglio direttivo Cesmar 7
Posts: 805
Location: Milano-Varese
Ok, non avevo visto il link alla scheda tecnica dalla pagina di quel sito.
Sulla questione dei coloranti riflettevo su una cosa: in un altro post si faceva allusione a quei fenomeni di alterazione\ ingiallimento che si osservano spesso, sui legni, fenomeni che sembrano essere al di sotto delle vernici.
Ho in casa un caso simile avvenuto su un mobile che non è di gran pregio, restaurato circa 20 anni fà,( non l'ho fatto personalmente ma l'ho visto fare: tinta noce, quella di cui stiamo parlando, gommalacca a tampone con olio paglierino), il quale ha manfestato da diverso tempo questo fenomeno, soprattutto nei lati più esposti alla luce.
Ora in genere sulla opacizzazione delle vernici dovuta al loro degrado, la risaturazione con un altro materiale adatto sufficientemente penetrante( regal rez per esempio) riesce spesso a ridare sufficiente trasparenza da permettere di lasciare la vernice sul posto. In queso caso non ha funzionato affatto. In casi come questo la vernice non è per niente degradata, è qualcosa al di sotto di essa: ora riflettendo sulle caratteristiche di stabilità alla luce riportate sui materiali di cui stiamo parlando mi sorge il dubbio che fenomeni di questo tipo siano legati appunto al degrado dei colorati impiegati, è possibile secondo voi?


roberto bestetti
Registrato Offline
Replica: 96 - 101
alessandro macuz
Luglio 20, 2009, 9:02pm Report to Moderator
lucidatura arredi lignei
Utente anziano
Posts: 211
Location: venezia
magari è proprio la superfice che ha buttato fuori qualcosa tipo umidità dovuta magari al restauro frettoloso o cera residua mal tolta e ha sbiancato ... fenomeni di sbiadimento ne ho visti anche per quanto riguarda legno tinto  con la terra di kassel ma con finiture tipo impregnanti quindi inadatte al tipo di tinta, per il resto non mi è mai capitato di vedere un mobile tinto "sbiadito" . Se puoi posta un immagine che sono curioso.
Cmq prova con del petrolio bianco e vedi che succede.
Grazie


Alessandro Macuz
Registrato Offline
Replica: 97 - 101
cinnabarin
Luglio 21, 2009, 8:10am Report to Moderator
restauratore - consiglio direttivo Cesmar 7
Posts: 805
Location: Milano-Varese
Ora leggendo la tua ultima risposta mi è venuto un dubbio, quando trovo mobili che presentano un fondo ingiallito e diventato non più trasparente ma che nasconde la venatura del legno, mi trovo davanti sempre ,o quasi, ad un fondo Nitro ??? oppure potrebbe essere pure un fondo originale fatto, come dici, ad olioresine che poi è ingiallito nel corso degli anni?? il sistema per ripristinarlo è semplice, basta passare un po' di pulitore (olio-petrolio bianco-alcohol-eventualmente un po' di pomice) e poi riucidare, almeno io faccio così ottenendo sempre buoni risultati.
Vado ciaUz


mi riferivo a situazioni come quella che hai descritto sopra in un altro post.


roberto bestetti
Registrato Offline
Replica: 98 - 101
alessandro macuz
Luglio 21, 2009, 8:16pm Report to Moderator
lucidatura arredi lignei
Utente anziano
Posts: 211
Location: venezia
ma io non parlavo di sbiancamenti della tinta del legno ma sicuramente della vernice (intesa anche come fondo) che sia nitro olioresina o gommalacca addizionata con ulteriori resine.


Alessandro Macuz
Registrato Offline
Replica: 99 - 101
alessandro macuz
Luglio 21, 2009, 8:19pm Report to Moderator
lucidatura arredi lignei
Utente anziano
Posts: 211
Location: venezia
ho appena mandato una mail info@rassasie.com  ai produttori del mordente che uso io , loro però hanno solo 2 tinte noce e mogano quindi forse il mordente che vendono sul sito di antichità belsito è una cosa diversa. Ho chiesto anche a loro una scheda tecnica ma stamattina mi hanno inviato un pdf illustrativo in cui non si specifica un gran che .


Alessandro Macuz
Registrato Offline
Replica: 100 - 101
alessandro macuz
Luglio 22, 2009, 10:13pm Report to Moderator
lucidatura arredi lignei
Utente anziano
Posts: 211
Location: venezia
quelli di antichità belsito non hanno inoltrato una mail al produttore del loro mordente chiedendo specifiche tecniche mentre i produttori Rassasie mi hanno rimandato al rivenditore che mi esibisce il solito foglietto pubblicitario...eppure loro sono la fabbrica produttrice, mi chiedo che segreti del piffero avranno mai da nascondere???


Alessandro Macuz
Registrato Offline
Replica: 101 - 101
7 Pagine « 1 2 3 4 5 6 7 Tutti Raccommanda Thread
Print

Forum Restauro e Conservazione    ALTRI SETTORI    Restauro ligneo  ›  Restauro portone in legno S.O.S.

Valutazione del tema
Non esiste attualmente alcuna valutazione
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE