Benvenuto, Ospite. Agosto 21, 2019, 3:34am Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    CORSI E FORMAZIONE    Studenti  ›  Chi può partecipare alla PROVA DI IDONEITA' Moderatori: Adamantio
Utenti presenti
No Members e 1 Ospiti

Chi può partecipare alla PROVA DI IDONEITA'  (attualmente 4,842 viste) Print
2 Pagine 1 2 Tutti Raccommanda Thread
Adamantio
Giugno 23, 2009, 12:10pm Report to Moderator
Dottore in Chimica - Consulente Restauro
Posts: 933
Location: Torino e Aramengo (AT)
DOVREBBERO POTER PARTECIPARE ALLA PROVA DI IDONEITA' PER DIVENTARE RESTAURATORI DI BENI CULTURALI I SEGUENTI PROFILI:

a) colui che, alla data di entrata in vigore del decreto ministeriale 24 ottobre 2001, n. 420, abbia svolto, per un periodo almeno pari a quattro anni, attivita' di restauro dei beni suddetti, direttamente e in proprio, ovvero direttamente e in rapporto di lavoro dipendente o di collaborazione coordinata e continuativa con responsabilita' diretta nella gestione tecnica dell'intervento, con regolare esecuzione certificata dall'autorita' preposta alla tutela dei beni o dagli istituti di cui all'art. 9 del decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368;

b) colui che abbia conseguito o consegua un diploma in restauro presso le accademie di belle arti con insegnamento almeno triennale, purche' risulti iscritto ai relativi corsi prima della data del 31 gennaio 2006;

c) colui che abbia conseguito o consegua un diploma presso una scuola di restauro statale o regionale di durata non inferiore a due anni, purche' risulti iscritto ai relativi corsi prima della data del 31 gennaio 2006;

d) colui che consegua un diploma di laurea specialistica in conservazione e restauro del patrimonio storico-artistico, purche' risulti iscritto ai relativi corsi prima della data del 31 gennaio 2006;

d-bis) colui che abbia acquisito la qualifica di collaboratore restauratore di beni culturali ai sensi del comma 1-quinquies, lettere a), b) e c) ed abbia svolto, alla data del 30 giugno 2007, per un periodo pari almeno a tre anni, attivita' di restauro di beni culturali. direttamente e in proprio, ovvero direttamente e in rapporto di lavoro dipendente o di collaborazione coordinata e continuativa con responsabilita' diretta nella gestione tecnica dell'intervento, con regolare esecuzione certificata dall'autorita' preposta alla tutela dei beni o dagli istituti di cui all'art. 9 del decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368. [N.d.R. cioè può partecipare all'esame per diventare Restauratore di Beni Culturali qualunque Collaboratore Restauratore che abbia svolto 3 anni di lavoro certificabile alla data del 30 giugno 2007]


Marco NICOLA
MODERATORE AREA AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

Conservation Scientist - Diagnosta dei Beni Culturali
Analisi chimiche, chimico-fisiche, petrografiche, biologiche... e ricerche per lo Studio, la Conservazione e il Restauro del Patrimonio Artistico
sito: http://www.adamantionet.com

Registrato Offline
Sito
Adamantio
Giugno 23, 2009, 12:19pm Report to Moderator
Dottore in Chimica - Consulente Restauro
Posts: 933
Location: Torino e Aramengo (AT)
per il regolamento della prova vedi: http://www.beniculturali.it/mi.....marzo_2009_n_53_.doc

ATTUALMENTE NON E' ANCORA STATA FISSATA LA DATA DELLA PROVA


Marco NICOLA
MODERATORE AREA AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

Conservation Scientist - Diagnosta dei Beni Culturali
Analisi chimiche, chimico-fisiche, petrografiche, biologiche... e ricerche per lo Studio, la Conservazione e il Restauro del Patrimonio Artistico
sito: http://www.adamantionet.com

Registrato Offline
Sito Replica: 1 - 25
AliceInWonderland
Giugno 30, 2009, 1:12pm Report to Moderator
studentessa
Utente medio
Posts: 23
Location: Ragusa
E per chi, come me, si è immatricolato nell'ottobre 2006??? COSA DOVREI FARE IN QUESTO CASO? CHE POSSIBILITA' HO PER ACQUISIRE IL TITOLO DI RESTAURATORE? SARA' PER CASO UTILE CONSEGUIRE LA LAUREA SPECIALISTICA...O SARA' SOLO UNA PERDITA DI TEMPO? A me sembra assurdo che i miei colleghi immatricolarti l'anno precedente abbiano la possibilità di accedere all'esame...ed io no...pur essendo iscritta allo stesso corso triennale dell'accademia! Per questo vorrei che qualche persona di competenza riesca a darmi una risposta. Prossimamente mi recherò anche alla sovrintendenza per farmi dare spiegazioni...perchè è veramente surreale!

Alice Brugaletta,
studentessa in "Restauro e Conservazione dei Beni Artistici e Museali"


  Alice Brugaletta
Registrato Offline
Replica: 2 - 25
spatolina
Giugno 30, 2009, 3:03pm Report to Moderator
Restauratrice
Utente recente
Posts: 17
Ciao Alice,

L'art. 29 del Decreto Legislativo 22 Gennaio 2004, n.42, comma 9 dice :

" L'insegnamento del restauro e' impartito dalle scuole
          di alta formazione e di studio istituite ai sensi dell'art.
          9  del decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368, nonche'[/color]
         dai  centri  di  cui  al  comma  11  [color=red]e
dagli altri soggetti
          pubblici e privati accreditati presso lo Stato
. Con decreto
          del Ministro adottato ai sensi dell'art. 17, comma 3, della
          legge   n.  400  del  1988  di  concerto  con  il  Ministro
          dell'universita'  e  della  ricerca,  sono  individuati  le
          modalita'    di    accreditamento,   i   requisiti   minimi
          organizzativi  e  di  funzionamento  dei soggetti di cui al
          presente   comma,   le   modalita'  della  vigilanza  sullo
          svolgimento delle attivita' didattiche e dell'esame finale,
          abilitante alle attivita' di cui al comma 6 e avente valore
          di  esame  di Stato, cui partecipa almeno un rappresentante
          del  Ministero,  il titolo accademico rilasciato a seguito
          del  superamento  di  detto  esame,  che  e'  equiparato al
          diploma  di  laurea  specialistica o magistrale
, nonche' le
          caratteristiche  del  corpo  docente.  Il  procedimento  di
          accreditamento si conclude con provvedimento adottato entro
          novanta  giorni dalla presentazione della domanda corredata
          dalla prescritta documentazione.


Paola Meda
Registrato Offline
Replica: 3 - 25
spatolina
Giugno 30, 2009, 3:03pm Report to Moderator
Restauratrice
Utente recente
Posts: 17
QUINDI tre tipologie di Scuole in cui è impartito l'insegnamento del restauro:

1-SCUOLE istituite ai sensi dell'art.9  del decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368;
( ICR, OPD, Patologia del Libro)
2- dai  centri  di  cui  al  comma  11;
(comma 11. Mediante appositi accordi il Ministero e le regioni,
          anche con il concorso delle universita' e di altri soggetti
          pubblici   e   privati
,  possono  istituire congiuntamente
          centri,   anche   a  carattere  interregionale,  dotati  di
          personalita'  giuridica, cui affidare attivita' di ricerca,
          sperimentazione,  studio,  documentazione  ed attuazione di
          interventi  di  conservazione e restauro su beni culturali,
          di  particolare  complessita'.  Presso  tali centri possono
          essere  altresi'  istituite,  ove accreditate, ai sensi del
          comma  9,  scuole di alta formazione per l'insegnamento del
          restauro.  All'attuazione  del  presente  comma si provvede
          nell'ambito  delle risorse umane, strumentali e finanziarie
          disponibili  a legislazione vigente, senza nuovi o maggiori
          oneri per la finanza pubblica.»)

3-dagli altri soggetti pubblici e privati accreditati presso lo Stato.

Se la Scuola che stai frequentando rientra in una delle tre situazioni significa che la tua è una "scuola di alta formazione e di studio".
Quindi la domanda non è: "E per chi, come me, si è immatricolato nell'ottobre 2006??? COSA DOVREI FARE IN QUESTO CASO?"...bensì: "perché la mia SCUOLA non è abilitata a rilasciare il Titolo di Restauratore?"

Ciao.Paola.


Paola Meda
Registrato Offline
Replica: 4 - 25
AliceInWonderland
Giugno 30, 2009, 3:15pm Report to Moderator
studentessa
Utente medio
Posts: 23
Location: Ragusa
Mi spiego meglio...io frequento in un'accademia di belle arti privata, ma legalmente riconosciuta, il corso triennale in restauro e conservazione dei beni artistici e museali. Se non ho letto male, il decreto dice che all'esame di idoneità possono accedere gli immatricolati delle accademia di belle arti con indirizzo restauro (minimo triennale) ,entro gennaio 2006. Ora, io che mi sono immatricolata ad ottobre 2006 non posso partecipare all'esame.... e quindi volevo solo chiedere come posso fare ad acquisire il titolo. Poi, ormai, non credo che esista un istituto che rilasci questo titolo...escludendo ovviamente icr e opd...che, a quanto ne so, hanno le iscrizioni sospese!


  Alice Brugaletta
Registrato Offline
Replica: 5 - 25
spatolina
Giugno 30, 2009, 4:02pm Report to Moderator
Restauratrice
Utente recente
Posts: 17
...a questo punto l'unico modo che hai per acquisire il Titolo di Restauratore potrebbe essere quello di chiedere (come previsto dalla  Legge 341 del 19/11/1990) l'integrazione del tuo Titolo con quello rilasciato da una Scuola abilitata dalla normativa.

Le scuole abilitate non sono solo ICR ed OPD  (nelle quali, infatti, le iscrizioni sono bloccate) ma esiste anche "la Venaria Reale" di Torino:
Art.182, D.Lgs. 22 Gennaio 2004, n.42 comma 2
         " In  deroga a quanto previsto dall'art. 29, comma 11,
          ed in attesa della emanazione dei decreti di cui ai commi 8
          e  9  del  medesimo  articolo,  con  decreto  del  Ministro
          dell'istruzione,   dell'universita'  e  della  ricerca,  di
          concerto  con  il  Ministro,  la  Fondazione "Centro per la
          conservazione  ed il restauro dei beni culturali La Venaria
          Reale"  e'  autorizzata  ad  istituire  ed attivare, in via
          sperimentale,  per  un  ciclo formativo, in convenzione con
          l'Universita'  di  Torino  e  il  Politecnico di Torino, un
          corso  di laurea magistrale a ciclo unico per la formazione
          di  restauratori  dei beni culturali ai sensi del comma 6 e
          seguenti   dello   stesso  art.  29.  Il  decreto  predetto
          definisce  l'ordinamento  didattico  del  corso, sulla base
          dello  specifico  progetto  approvato dai competenti organi
          della   Fondazione  e  delle  universita',  senza  nuovi  o
          maggiori oneri a carico della finanza pubblica."


Paola Meda
Registrato Offline
Replica: 6 - 25
AliceInWonderland
Giugno 30, 2009, 4:07pm Report to Moderator
studentessa
Utente medio
Posts: 23
Location: Ragusa
e...a chi mi dovrei rivolgere??? penso che nella mia stessa situazione ci siano un bel pò di persone! Questo mi fa pensare che la specialistica servirebbe SOLO per approfondire la formazione...e nient'altro.... o sbaglio?
Comunque ti ringrazio per l'interessamento!


  Alice Brugaletta
Registrato Offline
Replica: 7 - 25
spatolina
Giugno 30, 2009, 4:11pm Report to Moderator
Restauratrice
Utente recente
Posts: 17
alla segreteria della "Venaria Reale"...

Purtroppo nella normativa NON è SPECIFICATO il Titolo di Studio che si deve conseguire per diventare Restauratore bensì le scuole che si devono frequentare. Tutto ciò è in contrasto con la Normativa Universitaria.


Paola Meda
Registrato Offline
Replica: 8 - 25
Roberta Delgado
Agosto 6, 2009, 3:42pm Report to Moderator
restauratrice / insegnante
Nuovo utente
Posts: 6
Location: roma
Ai Restauratori interessati,
Si comunica che l'ISAD, per i Corsi di preparazione alle prossime prove di idoneità alle qualifiche di Restauratore e di collaboratore Restauratore e dopo i primi colloqui con alcuni di Voi,  ha deciso di attivare tre  sedi a Roma ( Italia Centrale), a Padova (Lombardia- Emilia-Romagna- Friuli- Trentino- Marche)e a Trapani (Sicilia e Calabria e Sardegna)  con il Corso Teorico di 170 ore di  Euro 4.800.
I corsi inizieranno a Roma, a Padova e a Trapani nel prossimo mese di settembre . Inoltre, si comunica che le iscrizioni ai Corsi si possono effettuare nella sede di Roma per tutto il mese di Agosto  telefonando al 06 5576079 o richiedendo un appuntamento alla e-mail : isadrestauro@yahoo.it. AffrettateVi.  
La Segreteria ISAD



Istituto Superiore per le Tecniche di Conservazione dei
Beni Culturali e dell'Ambiente "Antonino De Stefano"
I.S.A.D. ONLUS/ONG
Lungotevere Pietra Papa, n.61
00146-ROMA
Tel.: 0039 065576079 /
0039 065513595


Roberta Delgado
Registrato Offline
Replica: 9 - 25
ValeFenice
Agosto 22, 2009, 7:14pm Report to Moderator
Nuovo utente
Posts: 1
scusate la domanda, ma io che ho la Laurea triennale in Tecnologie per la conservazione e il restauro dei BC e sono iscritta alla specialistica posso fare domanda di riconoscimento oppure no?


Valentina Perzolla
Registrato Offline
Replica: 10 - 25
Massimo Lattanzi
Settembre 1, 2009, 5:26pm Report to Moderator
Utente ospite
Qualcuno mi sa spiegare questo decreto e se centra qualcosa con quello che è stato scritto in precendenza in questo post. Grazie.

DECRETO 30 marzo 2009, n. 53: Regolamento recante la disciplina delle modalità per lo svolgimento della prova di idoneità utile all'acquisizione della qualifica di restauratore di beni culturali, nonchè della qualifica di «collaboratore restauratore di beni culturali», in attuazione dell'articolo 182, comma 1-quinquies del Codice. (09G0060) (GU n. 121 del 27-5-2009 )
Registrato
E-mail Replica: 11 - 25
Giovanna Brandimarte
Settembre 4, 2009, 10:37am Report to Moderator
collaboratore restauratore
Nuovo utente
Posts: 4
salve a tutti..avrei bisogno di delucidazioni..
mi sono laureata a luglio di quest'anno in tecnologie per la conservazione e il restauro dei beni culturali, corso triennale ed in quanto tale la mia qualifica è "collaboratrice".
Ora..io come faccio ad avere la nomina di "restauratrice"?????la specialistica del mio corso è un super concentrato di chimica e fisica..la pratica è nulla..infatti si vociferava che dopo i2anni li sei "diagnosta"..
ma il dubbio rimane..che devo fare per essere restauratrice?ed io posso partecipare all'esame di idoneità??
Vi ringrazio anticipatamente


Giovanna Brandimarte
Registrato Offline
Replica: 12 - 25
Mary87
Settembre 26, 2009, 2:17pm Report to Moderator
Studentessa
Utente recente
Posts: 13
Location: Mussomeli-Sicilia
Salve a tutti. Ho appena letto il bando e devo direche sono a dir poco sconcertata. E' da tre anni che studio al corso universitario di Palermo in Conservazione e Restauro dei BB CC e adessoche sto per accedere alla specialistica scopro che non potròdiventare restauratrice solo perchè non esco dall'OPD o dall'ICR o dall'ICPL???? Non tutti possomo frequentare queste scuole e avendo la possibilità qui in Sicilia non vedo perchè avrei dovuto spostarmialtrove. E non ha senso cmq perchè l'albo dovrebbe essere aggiornato ogni anno!!!   :o :o


Mariella Castiglione
Registrato Offline
Windows Live Messenger Replica: 13 - 25
kalamity
Settembre 26, 2009, 2:38pm Report to Moderator
restauratrice
Utente Attivo
Posts: 40
salve
anche io sono stata studentessa al corso di laurea in conservazione e restauro di palermo e trovo vergognoso che per chi si è immatricolato dopo il gennaio 2006 non sia possibile partecipare all'esame di abilitazione. per anni abbiamo creduto che la nostra laurea fosse direttamente abilitante e ci si aspettava un riconoscimento ministeriale (stando a quanto ci dicevano!!!), adesso non poter partecipare neppure all'esame di abilitazione ci sembra davvero una fregatura!!!
a questo punto cosa dovrebbe fare un laureato di II livello, appena uscito da questa facoltà, per diventare restauratore, visto che nel bando appena uscito non c'è scritto nulla in merito a questa questione????
spero possiate aiutare me e tanti altri come me a capire un pò meglio e forse anche a trovare una via d'uscita da questa situazione veramente "spiacevole"!


alessia polizzi  
Registrato Offline
Replica: 14 - 25
jonny
Settembre 27, 2009, 9:11am Report to Moderator
restauratore
Utente anziano
Posts: 81
Location: palermo
nn solo la cosa assurda che chi esce dalla triennale e' assistente tecnico restauratore,e se iscritto prima di quella data puo' partecipare all 'abilitazione ...chi invece ha fatto la specialistica rimane comunque assistente del restauratore ....e dovra comunque partecipare all'abilitazione se vuol diventare restauratore.
mi chiedo che motivo c e' di farsi altri due anni se nn sono riconosciuti..ASSURDO!!!!! e poi l'icr l'opd cosa hanno in piu' di questi titoli con specialistica ....ma perche loro quante ore fanno,? cosa fanno in piu' ?quali materie ? i docenti sono super qualificati e' sono gli stessi usciti da scuole icr opd...
la risposta cari amici e' solo una SIAMO IN ITALIA


giuseppe di ganci
Registrato Offline
Replica: 15 - 25
MASSIMO.CHIOGGIA
Novembre 3, 2009, 9:36pm Report to Moderator
Nuovo utente
Posts: 1
Ciao a tutti,
io sono un ragazzo in possesso della classe 12s che attualmente mi dà la possibilità di partecipare alla prova di restauratore per i beni culturali. Ma non ne sono ancora convinto. Infatti sapendo a priori che non ho la preparazione per effettuare un lavoro di restauro ma soltanto per fare analisi diagnostiche mi sorge spontanea una domanda. Con una laurea specialistica che non serve a niente e con una laurea triennale che mi dà automaticamente la possibilità di avere la qualifica di collaboratore al restauro cosa posso  fare??
ho il potere di firma? posso fare i campionamenti oppure sarò sempre e comunque subordinato al restauratore???
insomma che cosa può e non può fare il collaboratore restauratore?? non sono ancora riuscito a capirci niente anche perchè non c'è scritto da nessuna parte. Qualcuno mi sà dire qualcosa?
Registrato Offline
Replica: 16 - 25
SaRa1986
Novembre 4, 2009, 10:48pm Report to Moderator
collaboratore restauratore di beni culturali
Utente recente
Posts: 12
Location: Catania
Ciao Massimo
penso che neanche quelli del ministero abbiano idea di che cosa sia la figura del collaboratore è tutto da delineare. Io sapevo solo che il collaboratore � comunque subordinato ad un restauratore ma non so neanche io quali mansioni gli siano attribuite.Comunque anche io sono collaboratore di beni culturali e sono al 2 anno della classe 12s...vedremo un po' con quest'esame come andr� a finire


Rosaria Saraniti  
Registrato Offline
Replica: 17 - 25
starfish
Novembre 12, 2009, 1:17am Report to Moderator
Nuovo utente
Posts: 2
saluto tutti i restauratori italiani laureati e laureandi, diplomati statali e regionali, anche i restauratori "di mestiere" che hanno studiato sul campo con la testa e con le mani, quando non c'erano nemmeno le scuole per imparare e magari hanno inventato tecniche che oggi vengono insegnate nelle scuole di Alta Formazione. Tutti insieme lavoriamo ogni giorno sul patrimonio storico e artistico del nostro Paese, Proprio questa diversificazione delle formazioni, creata da vuoti normativi, carenze scolastiche e..tendenza all'anarchia, io la vedo come una ricchezza, come un enorme serbatoio di sapienza a cui attingere.
Ci credo, dobbiamo crederci: guardiamo con orgoglio il nostro lavoro, continuiamo a studiare, confrontiamoci e saremo autorevoli nei confronti di chi si è convinto che esista un solo tipo di "restauratore dei beni culturali".
Io non sono d'accordo con questa normativa, frutto di una visione ristretta e superata. Spero che i Restauratori si organizzino in tutte le regioni per opporsi e chiederne la modifica.
Stella Sanguinetti


Stella Sanguinetti
Registrato Offline
Replica: 18 - 25
Giovanna Brandimarte
Novembre 16, 2009, 11:26am Report to Moderator
collaboratore restauratore
Nuovo utente
Posts: 4
Salve a tutti!
Vi ho scritto poco tempo fa e volevo chiedervi un'altra cosa..da quel poco che ho capito con la specialistica (quella che c'è anche a Perugia, cioè la classe 12 S) si ha la qualifica di restauratore, stando alla normativa vigente..è vero?se è così, è del tutto in contrasto col "mondo del lavoro"con cui io sto facendo ora i conti.. nel senso che se già dici di avere una laurea triennale in Te. Co. Re., il possibile datore di lavoro ti sbatte la porta in faccia perché non hai un minimo di pratica..dopo la specialistica sarai pure restauratrice ma il problema persiste..mah!
Oltre a tutti questi no dati da restauratori e restauratrici che "non vogliono perdere tempo con una che non ha un minimo di manualità", mi rimane sempre la domanda: con questa benedetta laurea triennale, classe 41, posso partecipare all'esame di idoneità o devo compilare solo la parte D??
Vi ringrazio anticipatamente!


Giovanna Brandimarte
Registrato Offline
Replica: 19 - 25
francescaC.
Novembre 17, 2009, 7:11pm Report to Moderator
collaboratore restauratore
Utente recente
Posts: 17
Salve a tutti, anch'io vi scrivo perchè ultimamente stò davvero brancolando nel buio!
Faccio parte della famigerata famiglia dei laureati nella classe 41 e vorrei tanto sapere cosa devo fare per quanto riguarda il riconoscimento del mio titolo o dell'eventuale possibilità all'esame d'idoneità.
Nella mia regione (Marche) la Fillea non è presente a alla CNA non sanno che dirmi!!!!!
Mi sono laureata nell'A.A. 2006/07 ho fatto poi uno stage di 500 ore in cantiere finanziato dalla provincia e tanta pratica (gratuita) in vari laboratori. Nell'aprile del 2008 ho aperto P.IVA ed ho eseguito lavori ma per privati quindi credo che non valgano nulla...a questi fini!!!!
Posso solo chiedere solo il riconoscimento del titolo di Collaboratore e quindi compilare l'ultimo modulo o posso provare pure a fare la domanda per l'esame?!
Grazie infinite dall'aiuto!!!!
A presto


Francesca Castellani
Registrato Offline
Replica: 20 - 25
restauronapoli
Novembre 18, 2009, 11:49am Report to Moderator
Utente medio
Posts: 21
Citato da starfish
saluto tutti i restauratori italiani laureati e laureandi, diplomati statali e regionali, anche i restauratori "di mestiere" che hanno studiato sul campo con la testa e con le mani, quando non c'erano nemmeno le scuole per imparare e magari hanno inventato tecniche che oggi vengono insegnate nelle scuole di Alta Formazione. Tutti insieme lavoriamo ogni giorno sul patrimonio storico e artistico del nostro Paese, Proprio questa diversificazione delle formazioni, creata da vuoti normativi, carenze scolastiche e..tendenza all'anarchia, io la vedo come una ricchezza, come un enorme serbatoio di sapienza a cui attingere.
Ci credo, dobbiamo crederci: guardiamo con orgoglio il nostro lavoro, continuiamo a studiare, confrontiamoci e saremo autorevoli nei confronti di chi si è convinto che esista un solo tipo di "restauratore dei beni culturali".
Io non sono d'accordo con questa normativa, frutto di una visione ristretta e superata. Spero che i Restauratori si organizzino in tutte le regioni per opporsi e chiederne la modifica.
Stella Sanguinetti


Sono del tuo stesso perere....Bisogna veramente far sentire la nostra voce.
Abbiamo tutto il diritto di dissentire!!!!


luigi di napoli
Registrato Offline
Replica: 21 - 25
Sakura
Novembre 22, 2009, 11:42pm Report to Moderator
Studentessa di Restauro
Nuovo utente
Posts: 3
Ne approfitto per chiedere un chiarimento: con la laurea triennale in Conservazione dei Beni Culturali è possibile o no accedere alla prova d'esame?
Io avevo capito di no, ma una ragazza che conosco mi ha accennato di aver tentato comunque...

Vi ringrazio in anticipo,


Arianna Angeli
Registrato Offline
Replica: 22 - 25
SaRa1986
Novembre 24, 2009, 8:29pm Report to Moderator
collaboratore restauratore di beni culturali
Utente recente
Posts: 12
Location: Catania
Ciao Arianna
che io sappia con la laurea triennale non puoi accedere all'esame per la qualifica di restauratore ma puoi richiedere il riconoscimento diretto del titolo di collaboratore...purtroppo


Rosaria Saraniti  
Registrato Offline
Replica: 23 - 25
Sakura
Novembre 24, 2009, 8:32pm Report to Moderator
Studentessa di Restauro
Nuovo utente
Posts: 3
Davvero posso chiedere il titolo di collaboratore? Specifico che la mia è una laurea in Conservazione dei Beni Culturali (classe 13) e non in Tecnologie di Conservazione e Restauro (Te.Co.Re)...

In ogni caso grazie mille, andrò a controllare il bando!


Arianna Angeli
Registrato Offline
Replica: 24 - 25
restauralego
Dicembre 1, 2009, 1:49am Report to Moderator
Nuovo utente
Posts: 4
"Restaura l’Ego è un movimento studentesco non politicizzato di ragazzi che sognano di fare i Restauratori, stanchi di aspettare una risposta chiara alla domanda più elementare : “Che cosa devo fare per diventare un Restauratore?”. Singolare in un paese che vanta un patrimonio culturale immenso e unico, portato giustamente in palmo di mano in ogni occasione. Scuola Regionale di Formazione professionale, Laurea in Tecnologie per la Conservazione e il Restauro, Accademia di Belle Arti indirizzo Restauro: dove portano queste formazioni triennali? Ad una sala d’aspetto..."
SABATO 12 DICEMBRE 2009 a FIRENZE ci sarà un incontro degli studenti di restauro...
per maggiori info ci trovate su facebook e myspace
facebook.com/restaural.ego
http://www.myspace.com/marestaury


RESTAURA L'EGO
Registrato Offline
Replica: 25 - 25
2 Pagine 1 2 Tutti Raccommanda Thread
Print

Forum Restauro e Conservazione    CORSI E FORMAZIONE    Studenti  ›  Chi può partecipare alla PROVA DI IDONEITA'

Valutazione del tema

Qui risulta 1 voto per questo argomento.
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE