Benvenuto, Ospite. Gennaio 21, 2020, 12:59am Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    ALTRI SETTORI    Restauro ligneo  ›  La patina Moderatori: cinnabarin
Utenti presenti
No Members e 3 Ospiti

La patina   (attualmente 3,981 viste) Print
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
adriana galantin
Gennaio 30, 2010, 9:03am Report to Moderator
collaboratore di restauro
Utente recente
Posts: 19
Location: Verona
Eseguo spesso restauro di mobili e procedo normalmente con lo sverniciatore per togliere la vernice (gommalacca o vernici pi resistenti)  mi chiedevo se questo procedimento (normale per tutti i restauratori) toglie o no la famosa patina di cui si sente spesso parlare? Se si quale altro metodo pi adatto su mobili importanti dove si rischia di rovinare un capitale?
Registrato Offline
admin
Gennaio 30, 2010, 1:54pm Report to Moderator
Architetto
Posts: 731
Location: Palermo
In genere il restauro del mobile antico segue regole (di tipo commerciale) decisamente diverse da altri oggetti d'arte.
Uno dei principi teorici del restauro stabilisce che un corretto intervento non deve cancellare i segni lasciati dal trascorrere del tempo e soprattutto non deve avere lo scopo estetizzante quale il semplice imbellettamento o rinnovamento dell'opera.
Tutto ci viene rispettato (se lo ) quando l'opera da conservare si pone al di l delle speculazioni commerciali per esempio: le opere d'arte esposte nei musei.

Cosa la patina ?
E' l'alterazione cromatica dovuta all'azione dei raggi ultravioletti e dell'ambiente. Per molti materiali si tratta di un semplice effetto dell'ossidazione.

Mantenere la patina dopo avere eseguito opere di sverniciatura e di successiva riverniciatura pura utopia.

Mi chiedo (da teorico): relmente necessario per la conservazione del mobile (in interni generalmente climatizzati) eseguire questo genere di opere ?

E' chiaro che, se dobbiamo operare su mobili variamente "disastrati" ritrovati casualmente all'interno di polverosi ed umidi magazzeni dopo secoli di abbandono, certe scelte possono essere giustificate.


Sergio Tin
Amministratore del forum

Registrato Offline
Sito Skype Replica: 1 - 6
cinnabarin
Gennaio 30, 2010, 4:08pm Report to Moderator
restauratore - consiglio direttivo Cesmar 7
Posts: 805
Location: Milano-Varese
E' un aspetto contro cui mi scontro abbastanza spesso.
Purtoppo, a mio avviso, neppure le opere musealizzate nel nostro paese sono completamente al sicuro da interventi ciclici di sverniciatura. E' una metodologia di intervento piuttosto recente (anni50-60), ma entrato in maniera devastante nella testa degli operatori, che lo eseguono, senza troppo pensare alle conseguenze, su tutto quello che gli entra in laboratorio.

Non mi addentro nel concetto di patina che spinoso, ma piuttosto in quello dei materiali costitutivi, Il restauro o meglio la conservazione, dovrebbe tutelarli, quindi se un manufatto ha una  vernice storica perch dobbiamo eliminarla?

In altri termini come procedere sistematicamente alla demolizione degli intonaci antichi dagli edifici storici!!!!!!!!!!!!  a volte sar necessario ma molto spesso si assiste invece ( per fortuna) alla loro conservazione ....perdonate la divagazione fuori dal mio settore...rientro subito nel tema:

Lo sverniciatore un esagerazione sia per togliere la gommalacca che per le altre vernici comunemente impiegate.
Per quanto mi riguarda Il suo utilizzo potrebbe essere relegato all'asportazione degli strati di smalto  funzione che gli propria.

Per la rimozione di Gommalacca (ammesso sia correto eseguirla) il semplice alcool addensato (alcool + klucel G 3-5%) un ottima soluzione  per di pi a bassa tossicit. Non credete a chi dice il contrario: costa  MENO dello sverniciatore gi pronto. Tempo f feci i  conti su 100 litri per uno studente poco fiducoso e subito convertito dalle prospettive di risparmio.

Per casi pi ostici (classica lucidatura imbrogliata con uso poco parsimonioso  di olio di lino cotto, oppure altri generi di vernici meno solubili in alcool, allora bisogna scomodare "qualcosina" di pi forte: un esempio potrebbe essere Dimetilsolfossido, aggiunto in percentuali 5-10-20% etc. alla miscela indicata sopra. Dimetil solfossido un solvente molto forte proposto in questi ultimi anni come sostituto di Butil ammina e dimetil formammide, che a pari potere solvente hanno anche effetti devastanti sull'organismo umano.

Dal discorso solubilit delle vernici che troviamo sui mobili, restano fuori i casi (rari per fortuna) di vernici poliestere e poliuretaniche, a volta funziona un gel di solo Dimetil solfossido, ma la maggior parte delle volte solo l'azione meccanica.

Una prassi corretta comunque quella di eliminare lo sporco di deposito prima di procedere con altri materiali. Acqua e tensioattivo (tween 20, coccocollagene o altri)
e vi assicuro che la maggior parte delle vernici diventa di nuovo conservabile senza essere rimosso.

in altri post del forum si discute lungamente di questo argomento...e vi si trovano anche diverse segnalazioni bibliografiche purtroppo assolutamente in inglese.
Rimando  agli ottimi lavori di P.Cremonesi sui solventi per la casa editrice il prato , da cui sono tratte le indicazioni di cui sopra.

La difficolt rimane poi la sovra verniciatura, spesso necessaria, perch le zone con danneggiamenti , graffi o mancanze di vernice possono essere saturate maggiormente dall'olio eventualmente usato in fase di lucidatura a tampone.
In questi casi ci sono diverse soluzioni se interessa posso scriverne in merito.


roberto bestetti
Registrato Offline
Replica: 2 - 6
cinnabarin
Gennaio 30, 2010, 4:24pm Report to Moderator
restauratore - consiglio direttivo Cesmar 7
Posts: 805
Location: Milano-Varese
La patina, in termini di teoria del restauro, dovrebbe essere intesa come il naturale invecchiamento dei materiali costitutivi, se questi vengono asportati di routine, allora la sua conservazioe ne ovviamente compromessa. Di conseguenza il mantenimento della patina v di pari passo con l'adozione di metodologie di pulitura meno, (molto meno, molto molto molto meno) invasive. V da s che significa anche accettare certi piccoli danneggiamenti che fanno parte del passaggio dell'oggetto nel tempo.  Purtropo molto spesso il cancellare le tracce del passaggio nel tempo proprio quello che si richiede al restauratore di mobili, e qui non ho soluzioni a portata.
In inghilterra pare che un mobile che stato sverniciato sia deprezzato al 50% del suo valore di mercato (per usare i termini monetari che sono sempre pi efficaci di quelli etici) ....


roberto bestetti
Registrato Offline
Replica: 3 - 6
adriana galantin
Febbraio 7, 2010, 11:23am Report to Moderator
collaboratore di restauro
Utente recente
Posts: 19
Location: Verona
Ti ringrazio dei chiarimenti e dei suggerimenti, fino ad ora ho eseguito solo restauri su mobili con scarso valore antiquariale, e il cliente vuole di solito un restauro commerciale. La mia formazione iniziata con un restauratore (quindi commerciale) ed poi proseguita con una scuola di restauro(quindi conservativo) per questo mi ritrovo ad avere dubbi sul modo di operare. Con il prossimo mobile prover con i prodotti che mi hai suggerito.

Adriana Galantin
Registrato Offline
Replica: 4 - 6
chermes
Gennaio 13, 2011, 11:23pm Report to Moderator
restauratrice
Utente Attivo
Posts: 47
mi puoi dire se, dopo il dimetilsolfossodo in alcool, usi qualcosa per sciacquare il tutto?
grazie!


luciana mao
Registrato Offline
Replica: 5 - 6
cinnabarin
Gennaio 15, 2011, 8:57am Report to Moderator
restauratore - consiglio direttivo Cesmar 7
Posts: 805
Location: Milano-Varese
ciao luciana, si certo, se usi le miscele con butile o etile acetato, usi uno di questi per un lavaggio dei residui, se lo aggiungi all'alcool per rimuovere vernici pi "toste" usi l'alcool da solo..


roberto bestetti
Registrato Offline
Replica: 6 - 6
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
Print


Valutazione del tema
Non esiste attualmente alcuna valutazione
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE