Benvenuto, Ospite. Dicembre 6, 2019, 12:15pm Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    RESTAURO DIPINTI    Temi in generale  ›  resistenza delle stesure cromatiche Moderatori: cinnabarin
Utenti presenti
No Members e 1 Ospiti

resistenza delle stesure cromatiche  (attualmente 2,098 viste) Print
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
luigi73
Febbraio 8, 2010, 12:59pm Report to Moderator
restauratore opere d'arte OS2 A
Utente anziano
Posts: 65
sto lavorando su tre piccoli dipinti attribuiti ad un autore di fine 800.
ora (già dallo stile i dipinti davano da pensare sull'autenticità) durante la pulitura ho notato che i pigmenti -rossi, gialli, verdi e terre- si sciolgono al solo passaggio di essenza di petrolio.
Può essere questo un segno inequivocabile della natura molto recente delle stesure cromatiche o in qualche modo è possibile che ciò accada anche su stesure di 100 anni?
Grazie


Luigi Franchi - Pescara
Registrato Offline
Sito
cinnabarin
Febbraio 9, 2010, 11:48am Report to Moderator
restauratore - consiglio direttivo Cesmar 7
Posts: 805
Location: Milano-Varese
dipende da cosa intendi per essenza di petrolio.
Il contenuto in aromatici può essere la risposta.
Ho lavorato su opere ad olio datate 2006 e la ligroina 100\140 non asportava materiali (al solo esame visivo).
In altri casi, su opere del primo 800 (A.Appiani) passate per interventi standardizzati negli anni 60: pulitura a solvente\foderatura a pasta\ verniciatura mastice: alcune campiture risltavano talmente sensibli anche alle prime miscele del test da far desistere ogni tentativo  con i solventi.
A volte si tende a pensare che le opere dell'ottocento siano similari a quelle dei perodi precedenti ma non è affatto così: sono note infatti adulterazioni,utilizzo di miscele di leganti ed  anche prodotti commerciali di bassa qualità.
Le opere di fine '800 poi quando oramai era universalmente praticata la pittura con materiali pronti all'uso, colori in tubo con aggiunte varie come cere o olii non siccativi. Questi fattori come anche la  sostituzione per motivi pratici dell'olio di lino con quello di papavero (non secca nel tubetto) possono aver causarto una elevata sensibilità ai solventi.
Questa sensiblità può anche essere aumentata dalle vicende conserative: cicli pulitura\verniciatura, e dal calore indotto in foderatura.


roberto bestetti
Registrato Offline
Replica: 1 - 4
luigi73
Febbraio 12, 2010, 5:46pm Report to Moderator
restauratore opere d'arte OS2 A
Utente anziano
Posts: 65
l'essenza di petrolio usata è una miscela di idrocarburi alifatici denaturata con isobutile acetato
117°/175°C
grazie per la risposta


Luigi Franchi - Pescara
Registrato Offline
Sito Replica: 2 - 4
cinnabarin
Febbraio 14, 2010, 10:24pm Report to Moderator
restauratore - consiglio direttivo Cesmar 7
Posts: 805
Location: Milano-Varese
iso butile acetato: essendo un estere alza e di molto il potere solvente dell' "essenza di petrolio". Tutte quelle commerciali "italiche" sono denaturate, quindi contengono svariate ed ignote percentuali di altra roba che nel migliore dei casi è un estere, altre volte è un clorurato (tossico o molto tossico) usato per ridurne l'infiammabilità. Il motivo di ciò pare sia il solito: cioè che potremmo usarle per autotrazione  (pagandole il triplo o più che il comune carburante).

In alternativa agli ottimi idrocarburi puri tipo ligroina, da un pò vado predicando dei solventi Shell della serie D: D-40 a veloce evaporazione e D-70 a evaporazione lentissima.
Un articolo del buon Cremonesi, sull'ultimo numero di Progetto Restauro, (che consiglio) ne conferma la buona qualità, la bassa tossicità e  l'assenza di aromatici.
Nel sito di shell si possono comunque scaricare le schede tecniche e i vari parametri di tutta la serie dei loro solventi.
Non si torvano in italia però, ma una nota casa germanica ci viene presto in aiuto.
dimenticavo:.....costano poco, una volta tanto, siamo nell'ordine del 4-6 euro litro.
Girano voci che non possano essere importati in italia per motivi normativi di cui sopra, in realtà credo e suppongo che il vero motivo sia che se li importasse un rivenditore sarebbe assalito da tasse di importazione varie che farebbero lievitare i costi e sparire i vantaggi, mentre mi è sembrato di capire che ciò non si verifica se chi ordina è l'utilizzatore finale...sarà uno dei vantaggi della libera coircolazione delle merci nell UE?


roberto bestetti
Registrato Offline
Replica: 3 - 4
cinnabarin
Febbraio 15, 2010, 9:36am Report to Moderator
restauratore - consiglio direttivo Cesmar 7
Posts: 805
Location: Milano-Varese


roberto bestetti
Registrato Offline
Replica: 4 - 4
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
Print

Forum Restauro e Conservazione    RESTAURO DIPINTI    Temi in generale  ›  resistenza delle stesure cromatiche

Valutazione del tema
Non esiste attualmente alcuna valutazione
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE