Benvenuto, Ospite. Luglio 20, 2019, 6:41pm Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    ALTRI SETTORI    Restauro carta  ›  muffa Moderatori: alessandro sidoti, eflaia
Utenti presenti
Googlebot e 1 Ospiti

muffa  (attualmente 2,172 viste) Print
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
Nadimari
Marzo 23, 2010, 10:45pm Report to Moderator
Nuovo utente
Posts: 1
Buongiorno sono una restauratrice di tele, e non ho una grossa conoscenza sul restauro carta, un privato mi ha chiesto di restaurargli una stampa che presenta muffa in quanto la parete dove è locata ha avuto una infiltrazione d'acqua, risolta circa un anno fa.Mi chiedevo come intervenire cioè se è sufficiente rimuovere la muffa con una spolveratura o una sgommatura o se sarebbe opportuno una delicata rimozione meccanica con bisturi .E ancora, come faccio a capire se l'attacco fungineo è ancora attivo?... devo intervenire con qualche biocida ed in questo caso quale e in che percentuale?. Nell'ipotesi in cui dopo la rimozione della muffa dovessero rimanere delle macchie come potrei rimuoverle?. Allego le foto e grazie mille
Maria Carbone



Allegati: immagine_002_2635.jpg
Dimensione: 18.94 KB

Allegati: immagine_002_4304.jpg
Dimensione: 18.94 KB

Allegati: immagine_003_2683.jpg
Dimensione: 15.76 KB

Allegati: immagine_005_6713.jpg
Dimensione: 13.66 KB



Carbone Maria
Registrato Offline
valeria_v
Aprile 19, 2010, 3:03pm Report to Moderator
restauratore
Utente Attivo
Posts: 34
Ciao,
andando per ordine:
di solito si prova con la spolveratura e un po' dovrebbe venire via. Ho visto che con la sgommatura a volte si lasciano degli "sbaffi" di muffa, perciò attenzione.

Poi la laverei, ho visto delle gore che dovrebbero andare via. Per le macchie dalla foto non si capisce se sono muffe, ma in questo caso di sicuro con il lavaggio non si muovono.

In base al risultato si può decidere di sbiancare o meno la stampa. E' un procedimento un po' complesso anche perché se non fatto con attenzione rischia di degradare l'opera. In realtà un po' di degrado c'è sempre, dunque è una cosa da stabilire con il cliente. Soprattutto se l'opera è già danneggiata.
In ogni caso sostanzialmente dopo prelavaggio con acqua e alcool (30:70), lavaggio con acqua a 40°C, deacidificazione della carta in soluzione semisatura di idrossido di calcio per alzare il ph, sbiancamento in una soluzione di acqua e ipoclorito di sodio al 5%, in rapporto 1:20 o 1:40, lavaggio in acqua, bagno anticloro con acido acetico al 2% questo per bloccare l'azione dello sbiancamento. E infine deacidificazione di nuovo.

Si può usare anche il perossido di idrogeno (cioe acqua ossigenata) che è meno dannosa ma su macchie del genere secondo me non è efficace.

Per quanto riguarda il trattamento antifungino...mah, secondo me lascia il tempo che trova. Non conosco bene i prodotti antifungini, intendo come effetti sulla carta a lungo termine, e poi comunque se l'opera viene conservata in ambiente non adatto, la muffa ritorna, sia che sia stato fatto il trattamento, sia che no.
Comunque per questo argomento rimando a qualcuno che magari è più esperto di me.
Saluti
Valeria


Valeria Vaccaro
Registrato Offline
Replica: 1 - 1
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
Print


Valutazione del tema
Non esiste attualmente alcuna valutazione
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE