Benvenuto, Ospite. Marzo 21, 2019, 4:17am Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    TEMI GENERALI    Temi generali  ›  I Musei ancora privi di status giuridico proprio Moderatori: admin
Utenti presenti
No Members e 4 Ospiti

I Musei ancora privi di status giuridico proprio  (attualmente 1,422 viste) Print
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
mots
Aprile 19, 2010, 11:48am Report to Moderator
Utente anziano
Posts: 73
Arte & Dintorni: I Musei ancora privi di status giuridico proprio lunedì 19 aprile 2010 http://www.agenziaradicale.com/index.php?option=com_content&task=view&id=10202&Itemid=40

                                  Arte & Dintorni: I Musei ancora privi di status giuridico proprio

Quanti sono i musei italiani? Dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali dipendono circa 400 “istituti d’antichità e d’arte”. Ma valutando quantitativamente siti e collezioni a cura di enti locali ed istituzioni varie, sia pubbliche che private, si supera la cifra di 3000 musei. La gran parte di questi appartiene alla categoria artistica (57%), seguita da quella storico-archeologica (30%) e da quella scientifica (13%).
Secondo una ricerca pubblicata nel maggio 2008 dal Centro studi del Touring Club Italiano, nel 2007 nei 30 musei italiani più visitati sono transitate quasi 24,5 milioni di persone. Ottimo! Non proprio.
Se confrontiamo il movimento turistico italiano con quello degli altri paesi europei, il paragone numerico è impietoso. La Francia, ad esempio, ha avuto quasi il doppio dei visitatori del Belpaese.
In Italia i “turisti di musei, monumenti e aree archeologiche” sono stati 34 milioni 443 mila, mentre in Francia la quota di visite è di 52 milioni. E ciò naturalmente incide anche sugli introiti, che sono altrettanto al di sotto rispetto a quelli dei nostri vicini d’oltralpe.
Non c’è dubbio che il patrimonio culturale nazionale non ha nulla da invidiare a quello francese, eppure i presupposti di qualità e quantità non si realizzano, perché?
Le Soprintendenze speciali per i poli museali ( ), nate nel dicembre 2001, rappresentano un tentativo di risolvere, per alcune realtà museali italiane, una storica anomalia del sistema italiano di tutela e promozione dei beni culturali. Ci riferisce alla scarsa attenzione che il nostro ordinamento ha riservato al tema della fruizione dei musei.
A lungo si è guardato ai musei come a luoghi il cui unico compito era quello di garantire a beni “preziosi” un particolare regime di protezione. Basti pensare che la Legge Bottai -la famosa legge n.1089 del 1939 che per oltre cinquanta anni è stata il principale riferimento in materia di gestione dei musei- si limitava ad individuare semplici meccanismi di accesso del pubblico alle cose d'arte, senza dare nessun riferimento ai contenitori delle stesse. È accaduto così che la gestione dei musei, intesa come l'insieme delle funzioni e delle attività finalizzate a promuovere la conoscenza dell'arte presso il grande pubblico, non abbia mai raggiunto una specifica configurazione istituzionale.
In Italia, diversamente agli altri paesi europei, il “Museo” è considerato parte della sfera di intervento di tutela del patrimonio e che come tale va affidato del tutto alle Soprintendenze territoriali di settore.
Cosa vuol dire in termini concreti? Questo significa che i musei non vantano alcuno status giuridico proprio, ma sono considerati a tutti gli effetti uffici degli organi periferici.
Ad esempio il personale non è assegnato direttamente ai musei ma alle Soprintendenze. Oppure che nel bilancio del Ministero non è previsto un capitolo di spesa ad essi intitolato, difatti i fondi per gli istituti compresi negli stanziamenti generali sono assegnati alle Soprintendenze. E ancora non esiste la figura del “conservatore di museo”, con un iter di formazione specifico, essendo i profili professionali gli stessi previsti per le attività di tutela, con specializzazioni che derivano dalle discipline tradizionali (storia dell'arte o archeologia).
Appare evidente che il salto qualitativo dei musei italiani non può prescindere dalla loro autonomia rispetto alle Soprintendenze territoriali. Un’autonomia non da intendersi come un semplice riconoscimento del valore delle collezioni, né tanto meno dell’ammissione di ambiti di specificità scientifica e gestionale, ma piuttosto intesa come organizzazione in istituti indipendenti veri e propri.
Istituti museali come organi indipendenti del Ministero per i Beni Culturali e Ambientali, dotati della massima autonomia possibile: con un budget annuale autonomo, con la possibilità di riutilizzare gli utili derivanti dalla vendita dei biglietti e delle riproduzioni, con la capacità di organizzare i servizi aggiuntivi ed il personale, come centri di formazione, conoscenza e divulgazione.





Marcello
Mottola
Registrato Offline
cecilia
Aprile 20, 2010, 1:09pm Report to Moderator
Architetto
Posts: 205
Va sottolineato, però, che sebbene il Ministero gestisca alcuni dei musei più importanti d'Italia, i musei e luoghi della cultura non statali sono oltre 4.500 (indagine ISTAT 2006), di cui oltre 3.500 sono musei.
Il patrimonio dei musei italiani, quindi, va ben oltre i 400 musei statali, che non ne rappresentano che una minoranza; il problema dello status giuridico riguarda tutti i musei italiani e va affrontato dal legislatore tenendo conto delle esigenze di tutti, grandi e piccoli. Il patrimonio museale italiano, proprio a causa della peculiarità della nostra storia, è uno dei più diffusi e legati al proprio territorio. Credo sia necessario considerarlo (e sottolinearne i problemi) nella sua totalità, abbandonando logiche "statocentriche".


Cecilia Sodano -  Moderatrice sezioni Lavori Pubblici, Museografia
Registrato Offline
Replica: 1 - 1
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
Print

Forum Restauro e Conservazione    TEMI GENERALI    Temi generali  ›  I Musei ancora privi di status giuridico proprio

Valutazione del tema
Non esiste attualmente alcuna valutazione
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE