Benvenuto, Ospite. Giugno 3, 2020, 1:10am Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    ALTRI SETTORI    Restauro ligneo  ›  Compatibilità con la gommalacca Moderatori: cinnabarin
Utenti presenti
No Members e 1 Ospiti

Compatibilità con la gommalacca  (attualmente 12,000 viste) Print
4 Pagine « 1 2 3 4 » Tutti Raccommanda Thread
robertocamurri
Maggio 28, 2011, 3:08pm Report to Moderator
Utente ospite
Ma cercare di fare le cose bene mica è finita.Ma tu pensi  che quando facevano i mobili nel 700, non portassero delle migliorie nel loro lavoro, tutte le esperienze scritte e parlate, la conoscenza viene dall'esperienza e dalla ricerca.
La bellezza di poter per un attimo entrare nelle tecniche di lavorazione degli artigiani del 700 o 800 è emozionante un esempio: gli utensili che si fabbricavano i pialletti, le lame in acciao forgiato lavorate a fuoco e modellate secondo la sagoma da creare, la scelta degli alberi il periodo della segagione  delle piante e la stagionatura delle assi lo studio delle vernici, c'erano persone come noi che desideravano continuamente perfezionare il loro lavoro renderlo sempre di più migliore, per avere l'eccellenza, pensi che sia sbagliato.
Pensi che sia sbagliato creare una scuola di restauratori che lavorano con gli stessi utensili  fatti da loro stessi per raggiungere l'obbiettivo di creare un mobile come nel settecento. o ottocento
Facendo così quell'esperienza fondamentale per capire le condizioni idell'l'artigiano in cui creava il mobile, lo studiava e su quali basi ragionava per arrivare al fine del creare il mobile.
Solo creando una situazione simile si può capire il valore del mobile ed il suo creatore.
Per dare ai giovani ricercatori del valore del restauro, la possibilità di vedere.
Allora quando restaureranno un mobile dl 700,800, sarà un restauro autentico, fatto con le stesse tecniche, precise, e materiali e utensili di lavoro, stesse problematiche, solo mangiando una mela puoi conoscerne il sapore.
Immagina due studenti che segano in lungo con una sega a mano un tronco di noce,  lungo dieci metri,fanno assi, o piallano con diverse forme di pialletti grandi e piccoli, fatti da loro stessi un asse o preparano la forma del ferro, col fuoco, per  fare la sagoma di un bordo di varie formi di mobili.
E'diversa alla fine dell'opera creata  la visione del mobile .
Registrato
E-mail Replica: 30 - 45
robertocamurri
Maggio 28, 2011, 3:11pm Report to Moderator
Utente ospite
E tutte quelle conoscienze che non sono state scritte, ma solo tramandate verbamente da artista a garzone che non son giunte a noi, sono migliardi formule.
Registrato
E-mail Replica: 31 - 45
cinnabarin
Maggio 28, 2011, 3:47pm Report to Moderator
restauratore - consiglio direttivo Cesmar 7
Posts: 805
Location: Milano-Varese
ecco, questo è un argomento che mi piace, sul forum non se nè mai parlato: comincio con quello che ho nel mio labratorio, premetto ce sono un cultore del genere,   mi piace molto cercare vecchi attrezzi, ma non epr lasciarli appesi a fare esposizione, quindi la scelta si basa su criteri di utilizzo e non su criteri da collezionista: metto qualche foto

la prima è di uno sbozzino in faggio, l'ho costruito da un pezzo di scarto quando ero studente, la forma è stata inventata, prendendo a modello alcuni sbozzini trovati in rete , la lama è un comune ferro da 22 arrotondato sulla mola e affilato a mano sulla pietra, c'è voluto meno tempo a costruirlo che ad imparare ad usarlo, ora è indispensabile...



Allegati: dscn0101_4809.jpg
Dimensione: 48.43 KB



roberto bestetti
Registrato Offline
Replica: 32 - 45
cinnabarin
Maggio 28, 2011, 3:52pm Report to Moderator
restauratore - consiglio direttivo Cesmar 7
Posts: 805
Location: Milano-Varese
questa invece è una sega per tagli trasversali su grandi spessori, penso sia della fine dell'800, notate la forma della parte superiore della lama che è identica ai modelli prodotti dalla ditta Disseton Americana ma qui mancano i marchi di produzione, anche la forma dell'impugnatura è tipica dei modelli USA. è stradata larga, lo spessore della lama è notevole ed anche i suo peso, prima ancora di affilarla già tagliava ed era coperta di ruggine....trovata per caso (va bene lo ammetto, in discarica, nel cassone del ferro....).



Allegati: dscn0097_851.jpg
Dimensione: 48.19 KB



roberto bestetti
Registrato Offline
Replica: 33 - 45
cinnabarin
Maggio 28, 2011, 4:00pm Report to Moderator
restauratore - consiglio direttivo Cesmar 7
Posts: 805
Location: Milano-Varese
questo un bedano trovato a un mercatino



Allegati: dscn0106_3569.jpg
Dimensione: 63.35 KB



roberto bestetti
Registrato Offline
Replica: 34 - 45
cinnabarin
Maggio 28, 2011, 4:13pm Report to Moderator
restauratore - consiglio direttivo Cesmar 7
Posts: 805
Location: Milano-Varese
  una serie di sgorbie, ci sono alcune Stubai nuove, ma la maggior parte sono inglesi di varie epoche, la più alta penso sia dell'800 (inutile dire che è quella che si affila meglio) le altre  penso anni 50-70. Alcune hanno  stampigliato il nome del loro primo possessore, ci sono acciai di Addis, Marples, Sorby i nomi noti della produzione di qualità che contraddistingue l'acciao Sheffield, alcuni hanno manici in bosso fatti artigianalmente al tornio. Una ha la parte terminale del manico rivestita con dischi di cuoio, una finezza per il comfort nell'uso a mano e per risparmiare il manico dall'usura sotto il mazzuolo...ci sono anche alcune che sono affilate all'interno, per un maggiore controllo dello strumento soprattutto nella realizzazione di scanalature e sagome (provare per credere).



Allegati: dscn0098_4269.jpg
Dimensione: 116.58 KB



roberto bestetti
Registrato Offline
Replica: 35 - 45
cinnabarin
Maggio 28, 2011, 4:23pm Report to Moderator
restauratore - consiglio direttivo Cesmar 7
Posts: 805
Location: Milano-Varese
tornando a bomba sulle pialle, questa è una Record numero 4, scocca in ghisa, manici in palissandro,esa più di 3 kg,  è un brevetto ottocentesco in produzione tutt'ora (sono più note le stanley) quello che fà la differenza rispetto ai modelli odierni è la precisione della costruzione e la qualità della lama, eccellente. Questa in particolare potrebbe essere stata fabbricata in Inghilterra appena prima o appena dopo la seconda guerra mondiale (i modelli fatti dal 1939 al 1945 portavano la scritta war finish sulla barra che regola lo spostamento a destra e sinistra della lama che questa non ha) ma più verosimilmente direi prima del 1939 perchè dal 1945-46 i manici in palissandro vennero sostituiti con i più economici in faggio tinto come le due stanley che metterò dopo. Anche questa trovata coperta di ruggine e acquistata per 5 euro, discreto lavoro di restauro , ma senza eccedere in quelle atroci rimesse a nuovo con smaltature epossdiche e rinichelatura delle viti in cui cadono la maggior parte degli affezionati del genere, del resto non è un pezzo da museo è fatta per lavorare, e lavora....




Allegati: dscn0096_3391.jpg
Dimensione: 68.90 KB



roberto bestetti
Registrato Offline
Replica: 36 - 45
cinnabarin
Maggio 28, 2011, 4:31pm Report to Moderator
restauratore - consiglio direttivo Cesmar 7
Posts: 805
Location: Milano-Varese
qui alcune block plane, piccoli pialletti che si possono usare con una mano sola, sono una record 130 double end impugnatura in palissandro (prima del 1945) e due stanley mod 110 e mod 220 made in england anni '50.



Allegati: dscn0095_2073.jpg
Dimensione: 87.06 KB



roberto bestetti
Registrato Offline
Replica: 37 - 45
cinnabarin
Maggio 28, 2011, 4:39pm Report to Moderator
restauratore - consiglio direttivo Cesmar 7
Posts: 805
Location: Milano-Varese
questo invece sempre prodotto negli anni '50 dalla  Record, rimasto in produzione solo alcuni anni, un utensile per mantenere l'angolo di affilatura delle pialle per affilature manuali, si notino i caratteri impressi  tipici dell'epoca. sotto ha una sfera in metallo che permette di muovere sulla pietra la lama bloccata in squadra dalla vite che si vede sopra. anche qui pochi euri ben spesi, mette perfettamente in squadra lame di pialle e scalpelli.



Allegati: dscn0100_5580.jpg
Dimensione: 66.21 KB



roberto bestetti
Registrato Offline
Replica: 38 - 45
cinnabarin
Maggio 28, 2011, 4:46pm Report to Moderator
restauratore - consiglio direttivo Cesmar 7
Posts: 805
Location: Milano-Varese
e per finire...(per ora  ), un Rabot (come lo chiamano qui) la lama dentata che veniva usata sulle superfici da impiallacciare, Two cherrys, il falegname che la possedeva aveva rotto due denti e la buttava, l'ho recuperata con l'utensile del post precedente, e moltissima pazienza...... credo che in commercio non ci sia nemmeno rivolgeersi alle meglio ferramenta online tipo Fine tool, Axminster o Dick. Questa la uso così non montata, la trovo più adatta a lavori di restauro, forse in altri contesti occorre costruire la struttura in legno con il corretto angolo della lama.



Allegati: dscn0102_5291.jpg
Dimensione: 60.27 KB



roberto bestetti
Registrato Offline
Replica: 39 - 45
alessandro macuz
Maggio 29, 2011, 9:24pm Report to Moderator
lucidatura arredi lignei
Utente anziano
Posts: 211
Location: venezia
bella raccolta , veramente notevole!


Alessandro Macuz
Registrato Offline
Replica: 40 - 45
chiara76
Giugno 1, 2011, 2:22pm Report to Moderator
collaboratrice rest.policromie/manufatti lignei
Utente Attivo
Posts: 42
Location: novara
bei pezzi!


chiara crescenzo
Registrato Offline
Replica: 41 - 45
cinnabarin
Giugno 1, 2011, 5:53pm Report to Moderator
restauratore - consiglio direttivo Cesmar 7
Posts: 805
Location: Milano-Varese
grazie, ma nessun altro ci mette del suo? altrimenti non metto gli altri


roberto bestetti
Registrato Offline
Replica: 42 - 45
cinnabarin
Agosto 28, 2011, 5:05pm Report to Moderator
restauratore - consiglio direttivo Cesmar 7
Posts: 805
Location: Milano-Varese
vabbè, qui sotto la new entry, Record 405, versione inglese della più nota Stanley 45. è una pialla che serve ad eseguire scanalature anche controvena (con i dovuti limiti) e modanature. Trovo che sia adatta agli usi del restauratore ove necessiti di eseguire piccole e medie porzioni di sagome in legno per cornici e mobili. Ovviamente l'uso per decine e decine di metri di sagome sarebbe contro le logiche delle attuali modalità lavorative (veloce e costare poco) .
Tornando a noi, il brevetto della STanley 45 è ottocentesco, ma questa è la copia inglese delle versioni più complete dei primi anni del 900, è stata in produzione dal 1939 al 1982.



Allegati: dscn0028_7422.jpg
Dimensione: 269.40 KB

Allegati: dscn0085_9568.jpg
Dimensione: 199.76 KB



roberto bestetti
Registrato Offline
Replica: 43 - 45
cinnabarin
Agosto 28, 2011, 5:09pm Report to Moderator
restauratore - consiglio direttivo Cesmar 7
Posts: 805
Location: Milano-Varese
le lame purtroppo sono in pollici , qui sotto gli ovolo cutter abbastanza utili...la lama che vedete co il doppio tagliente era usata per sfilettare delle tavolette ed ottenerne dei filetti il classico caso dei filetti di acero.



Allegati: dscn0032_4995.jpg
Dimensione: 256.79 KB

Allegati: dscn0098_37.jpg
Dimensione: 147.20 KB



roberto bestetti
Registrato Offline
Replica: 44 - 45
4 Pagine « 1 2 3 4 » Tutti Raccommanda Thread
Print

Forum Restauro e Conservazione    ALTRI SETTORI    Restauro ligneo  ›  Compatibilità con la gommalacca

Valutazione del tema
Non esiste attualmente alcuna valutazione
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE