Benvenuto, Ospite. Novembre 21, 2019, 6:10am Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    ALTRI SETTORI    Restauro carta  ›  restauro pergamena Moderatori: alessandro sidoti, eflaia
Utenti presenti
No Members e 3 Ospiti

restauro pergamena  (attualmente 3,255 viste) Print
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
stella restauro
Luglio 3, 2010, 4:47pm Report to Moderator
restauro libri antichi, stampe,legatoria artistica
Utente anziano
Posts: 61
Location: jesi
ciao a tutti,
sono alle prese con una coperta in pergamena di un volume d'archivio.
La tipologia è piuttosto comune: un formato abbastanza grande (così a memoria direi un 40 cmx 28 cm circa), il dorso è libero, staccato dalla pergamena della coperta, al contrario i due piatti in pasta di cartone sono incollati direttamente sulla pergamena, i tre nervi in spago sono semplicemente incollati ai piatti, non ci sono capitelli.

Mi piacerebbe poter rimontare la coperta originale che tutto sommato mi sembra in buono stato, anche se sul piatto inferiore ci sono diversi strappi e lacune.

Come al solito ho mille scrupoli fra i quali:

1) sostituisco l'anima dei  piatti originali con un cartone a ph neutro? e nel caso li incollo direttamente sulla pergamena oppure lascio i cartoni liberi? devo foderare la pergamena con carta giapponese?

2) con che cosa chiudo le lacune sul piatto? toppe sagomate di pergamena? Fra le altre cose non ne ho un pezzo di pergamena così gialla, va bene ugualmente se ne utilizzo una più chiara o l'effetto maculato è da evitare?

3)come si vede dalla foto a cavallo del dorso c'è una striscia di carta dove è riportato il titolo del volume, gli estremi cronologici e una sorta di numero di inventario. Queste indicazioni sono presenti in tutti i volumi di quel fondo e sono indicazioni importantissimi poichè sono l'unica testimonianza dell'ordinamento che aveva quel fondo prima della fine di 1700.
In seguito al riordinamento per materia, terminato circa 15 anni fa, i fondi che compongono l'archivio sono stati sistematicamente smembrati e ricollocati con dei criteri diciamo "arbitrari" in barba al rispetto del vincolo archivistico.
Rimuovendo dal dorso  la fascia di carta per restaurarla è venuto fuori il titolo originale del volume, pertanto mi chiedo dove ricolloco l'etichetta? Sul dorso coprendo il titolo più antico? io direi di no. Conservo la striscia in un'apposita busta insieme al volume con il rischio che vada perduta? Con una braghetta la cucio insieme al blocco delle carte come se fosse un allegato? Lo lascio come un allegato sciolto?

Speriamo che non siate tutti al mare...aspetto qualche consiglio  ! buon fine settimana! Stella



Allegati: dscn4708_6105.jpg
Dimensione: 385.12 KB



Stella Mimmotti
Registrato Offline
Sito
mila
Luglio 9, 2010, 9:19am Report to Moderator
restauratrice
Nuovo utente
Posts: 3
Location: napoli
Io ti consiglio di sostituitre i piatti con cartone durevole per la conservazione, anche perchè per recuperare la pergamena devi comunque
scollarla da quelli originali e poi non dovresti incollare i piatti alla copertina di pergamena ma solo i risvolti interni.
Le integrazioni delle lacune e le suture degli strappi, poichè trattasi di una pergamena legatura, andrebbero eseguite con pergamena
e non con carta giapponese.
Per quanto riguarda il punto 3 io lascerei la striscetta di carta come un allegato sciolto.
ciao good lucky
mila



Angela Mila
Registrato Offline
Replica: 1 - 5
alessandro sidoti
Luglio 9, 2010, 1:09pm Report to Moderator
restauratore conservatore di libri e manoscritti
Posts: 399
Location: firenze
Non sono molto d'accordo in linea di principio, se devi recuperare la coperta secondo me dovresti recuperare anche il quadrante al suo interno , perchè qualcosa sì e qualcosa no ? Non avendo l'oggetto tra le mani non posso fare altro che parlare in linea di principio comunque valuta la possibilità del recupero del piatto per intero senza la sostituzione (alias buttare nella spazzatura il suo cartone originale). Capisco che il recupero di parti deboli è una soluzione difficoltosa ma non riesco proprio a farmi piacere queste pergamene spiaccicate su un nuovo cartone... Anche sulle lacune potresti integrare quelle fondamentali e proporre una custodia. La stessa striscia di carta se non presenta grandi problematiche potrebbe  restare in posizione
Spero di non aver fatto solo confusione

Ale


        
Alessandro Sidoti 
MODERATORE RESTAURO CARTA    
restauratore-conservatore di libri (pubblico)
moderatore di http://restauro-del-libro.blogspot.it/
Registrato Offline
Sito Replica: 2 - 5
stella restauro
Luglio 11, 2010, 11:39am Report to Moderator
restauro libri antichi, stampe,legatoria artistica
Utente anziano
Posts: 61
Location: jesi
Ciao a tutti

all'inizio anche io avevo pensato a un intervento identico a quello proposto da Angela, poi mi sono fermata perché mi è venuto il tuo dubbio Alessandro, perché tanta attenzione nel recuperare allegati, pezzettini di pergamena...e poi buttare i piatti? e chi sono questi poveri cartoni? i figli della serva?

I cartoni originali sono in pasta di cartone, provo a descriverli: avete presente il truciolato di legno? sono pezzettini di legno e segatura compressi e tenuti insieme dalla colla, quei cartoni sono molto simili, non sono fogli di carta incollati uno sopra l'altro (per continuare la similitudine con il legno come i fogli di compensato dunque).

In molti punti sono spaccati a metà (ma ora come ora reggono perchè sono incollati direttamente sulla coperta in pergamena) e soprattutto gli angoli sono molto più sottili e usurati, ci sono anche strati e strati di colla animale e grumi di sporco, inoltre quando ho staccato i fogli di guardia con un impacco di metilcellulosa sono venuti via anche parecchi frammenti di cartone, ho cercato di ricollocarli al loro posto però questo ha dimostrato quanto i cartoni si sfaldino facilmente.

Quindi la domanda è eventualmente come li restauro? devo staccare i piatti così posso sistemare la pergamena e poi li rincollo sopra? ed eventualmente con che colla?
E come rinforzo gli spacchi dei cartoni? A  me hanno insegnato a fare una "crema" con fibre di carta giapponese e metilcellulosa molto densa da utilizzare come una sorta di stucco per riempire le lacune.
Potrebbe essere efficace?
Il volume alla fine andrà ricollocato in una sorta di cartella quindi un pò sarà protetto.
grazie per i consigli, a presto e buon fine settimana
Stella


Stella Mimmotti
Registrato Offline
Sito Replica: 3 - 5
alessandro sidoti
Luglio 12, 2010, 7:57am Report to Moderator
restauratore conservatore di libri e manoscritti
Posts: 399
Location: firenze
Ma una legatura nuova e una custodia con coperta e cartoni insieme ? So che sembra di essere meno filologici ma in effetti lasceresti la coperta indisturbata (a parte) e proteggeresti meglio il volume, certo le legature nuove spesso sono bruttine e costano un po' di più di materiali, però delle volte sono una scelta obbligata. Puoi fare un doppio scomparto anche con una cartella in cartoncino (non è obbligatorio farla rigida).
Ale


        
Alessandro Sidoti 
MODERATORE RESTAURO CARTA    
restauratore-conservatore di libri (pubblico)
moderatore di http://restauro-del-libro.blogspot.it/
Registrato Offline
Sito Replica: 4 - 5
stella restauro
Luglio 13, 2010, 9:40pm Report to Moderator
restauro libri antichi, stampe,legatoria artistica
Utente anziano
Posts: 61
Location: jesi
No, Ale scusa mi sono spiegata malissimo

tutti i volumi dell'archivio sono conservati in orrende cartelle con i lacci alla testa, al piede e lateralmente (sono faldoni) dove il vecchio archivista ha incollato delle etichette con le nuove segnature.
Sono banalissime cartelle da ufficio e fra le altre cose non possono assolutamente essere sostituite perché l'archivio non ha un inventario vero e proprio e quelle etichette permettono di ritrovare i documenti, l'unica cosa positiva è che proteggono i volumi dalla luce diretta del sole.

Pensavo di rimontare la copertina in pergamena con i piatti originali.
I piatti in realtà sono un unico grande cartone (dorso incluso) piegato in corrispondenza delle 2 cerniere dei piatti ed è completamente incollato sulla pergamena.
Il dorso  è rigido ma attualmente spaccato a metà, tutti gli angoli sono aperti il cartone mancante, così come ai piedi e alla testa del volume (dove la pergamena è rotta).

I problemi del cartone sono da un lato ricostruire gli angoli mancanti e dall'altro rinforzare il dorso spaccato a metà (la pergamena della coperta in quel punto invece è intatta).

Quindi se propongo una legatura seguendo l'idea di Angela (che poi era anche la mia) faccio una cosa che non centra nulla con l'originale, ma d'altro canto un cartone rattoppato qua e la (mi preoccupa soprattutto il dorso spaccato a metà) e incollato direttamente sulla pergamena (come nell'originale)  può andare bene?
E come lo restauro il cartone? Può andare bene una "crema" fatta con metilcellulosa densa e fibre di carta giapponese usate a mò di stucco?
E poi  il cartone con che colla lo incollo alla pergamena?
Scusate se vi assillo con tutte queste domande ma non sò bene come muovermi. A presto Stella


Stella Mimmotti
Registrato Offline
Sito Replica: 5 - 5
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
Print

Forum Restauro e Conservazione    ALTRI SETTORI    Restauro carta  ›  restauro pergamena

Valutazione del tema
Non esiste attualmente alcuna valutazione
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE