Benvenuto, Ospite. Novembre 15, 2019, 4:17am Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    DIAGNOSTICA    Chimica per il restauro  ›  shell Moderatori: Adamantio
Utenti presenti
No Members e 1 Ospiti

shell  (attualmente 2,831 viste) Print
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
Maddalena Lazzareschi
Novembre 25, 2010, 5:04pm Report to Moderator
Utente ospite
qualcuno ha mai usato il solvente SHELL?
Mi pare di aver capito che è l'equivalente del white spirit...
Soprattuto come siete riusciti ad acquistarlo visto che in Italia non si trova?
Registrato
E-mail
cinnabarin
Novembre 26, 2010, 12:29pm Report to Moderator
restauratore - consiglio direttivo Cesmar 7
Posts: 805
Location: Milano-Varese
scusate mi intrometto in quest'area del forum in quanto direttamente interessato dell'uso e della diffusione di questi materiali:
si tratta di una miscela di idrocarburi a basso o bassissimo contenuto aromatico (shell sol D-40 - D-70)  mentre lo shell sol T è un iso paraffina. Si distinguono dal white spirit per il punto di ebollizione più alto, che li rende buoni solventi per vernici, a differenza dei comuni idrocarburi usati per la pulitura che sono a basso punto di ebollizione quindi evaporano più velocemente.

Non è vero che in italia non ci sono, ma semplicemente al momento la loro diffusione ed uso è solamente a livello industriale (settore vernici) e non è possibile ottenerne in piccola quantità. Per dare un idea pare che lo shell sol D-40 sia il solvente base della gran parte degli impregnanti per legno.

Inoltre sono caratterizzati da bassissimo odore, lo shell sol T è praticamente inodore.

al momento l'unico fornitore che rende  disponibili solo i tre nominati sopra, della lunga lista di solventi shell è KREMER PIgmente.

Mentre mi sembra , ( ed appena ho un pò di tempo lo verifico definitivamente) che siano disponibili anche da noi in piccola quantità (10 litr per ora) gli omologhi ESSO (EXXOL equivalente per la serie D, e ISOPAR equivalente per la serie T) , che sono praticamente identici, con la differenza che la disponibilità è più ampia.






roberto bestetti
Registrato Offline
Replica: 1 - 1
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
Print


Valutazione del tema
Non esiste attualmente alcuna valutazione
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE