Benvenuto, Ospite. Agosto 9, 2020, 2:52pm Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    ALTRI SETTORI    Restauro ligneo  ›  Restaurare mobili pino russo Moderatori: cinnabarin
Utenti presenti
Googlebot e 2 Ospiti

Restaurare mobili pino russo  (attualmente 5,725 viste) Print
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
DavidTwister
Febbraio 3, 2011, 10:24am Report to Moderator
Pensionato
Nuovo utente
Posts: 4
Buongiorno a tutti,
da buon pensionato appassionato di "fai da te" mi accingo a sistemare qualche mobile di pino russo che ho dentro casa; in particolare si tratta di un mobile bar e di un tavolino.
Il mio livello di esperienza in merito ai mobili non è molto elevato, ma le finanze non mi permettono di affidare il lavoro ad un esperto; quindi vorrei ottenere il massimo risultato con le mie mani!
Allego qualche foto della situazione: le prime 3 foto riguardano i graffi presenti sul mobile bar, mentre la quarta foto riguarda le "ammaccature" presenti sul tavolino.

Confido nella vostra esperienza e passione per qualche consiglio magari con la sequenza di operazioni da eseguire!

Un saluto  



Allegati: dsc_1956_2945.jpg
Dimensione: 35.18 KB

Allegati: dsc_1957_1591.jpg
Dimensione: 30.98 KB

Allegati: dsc_1958_1072.jpg
Dimensione: 33.82 KB

Allegati: dsc_1961_4660.jpg
Dimensione: 40.15 KB



David Colmi
Registrato Offline
alessandro macuz
Febbraio 3, 2011, 2:21pm Report to Moderator
lucidatura arredi lignei
Utente anziano
Posts: 211
Location: venezia
Salve David,
purtroppo in questi casi resta ben poco da fare per ripristinare la vernice se non
comperare dello sverniciatore in gel (attenzione che è caustico!proteggere guanti, occhi, luogo opportunamente ventilato), stenderlo a pennello dividendo il piano magari in 4 zone più piccole (per evitare che lo sverniciatore si asciughi prima di essere rimosso) e
con della paglietta 3 zeri o leggermente più grossa (atttenzione a non creare solchi sul legno!) rimuovere la vernice dopo 5 minuti che si è steso lo sverniciatore.
A questo punto si può ripristinare la verniciatura con un paio di mani stese a pennello di turapori a cera o prodotti simili.

Sverniciatore 6 euro +
turapori (750m.l) 10 euro+
4 euro tra paglietta e carta vetrata 240 per abbassare il poro della superficie e scartavetrare tra una mano e l'altra di turapori.
= con 20 euro e molta pazienza (tempo) il suo mobile tornerà in perfetto stato di salute.

NB Se solamente il piano risulta compromesso dai segni io mi fermerei a trattare solamente quello per non allargare troppo il lavoro.

Buona giornata
Alessandro Macuz


Alessandro Macuz
Registrato Offline
Replica: 1 - 6
DavidTwister
Febbraio 3, 2011, 11:38pm Report to Moderator
Pensionato
Nuovo utente
Posts: 4
Buonasera Alessandro, innanzi tutto la ringrazio per la risposta.

Entrando nel merito, secondo Lei la procedura descritta è da utilizzare sia sul mobile bar (le prime tre foto allegate) sia sul tavolino (la quarta foto allegata), nonostante la situazione sia leggermente diversa tra i due mobili?

Inoltre, dopo la sverniciatura suggerisce di ripristinare la vernice con del "turapori a cera" o prodotti simili: ma basta questo per ritrovare il colore di partenza? Quali potrebbero essere i "prodotti simili" consigliati su questo tipo di legno? L'olio paglierino chiaro potrebbe rappresentare un'opzione giusta?

Eventualmente, il passo successivo al turapori e scartavetrata?

Grazie ancora per l'aiuto!


David Colmi
Registrato Offline
Replica: 2 - 6
alessandro macuz
Febbraio 6, 2011, 12:08pm Report to Moderator
lucidatura arredi lignei
Utente anziano
Posts: 211
Location: venezia
Non mi preoccuperei troppo del colore del legno che non mi sembra molto alterato, semmai mi preoccuperei del contenuto radioattivo del pino russo...
Dopo la sverniciatura, il colore del legno rimane tale quale (forse leggermente meno giallo) l'importante è usare con delicatezza la paglietta (tre zeri) per "raccogliere" la papocchia che si forma dopo aver dato lo sverniciatore.
La carta vetrata (la grana 240-220 è piuttosto sottile) dovrebbe servirle solamente per abbassare il pelo del legno che si alzerà leggermente dopo la sverniciatura e per dare una leggera passata tra una mano e l'altra di turapori.
Quindi sia per la paglietta che per la carta stia molto leggero con la mano.
E' sconsigliato verniciare con turapori superfici grasse e polverose!!! quindi spoverare bene le superfici e NON userei alcun olio.
Ci sono mille e mille prodotti per trattare il legno ma in questo caso il turapori cerato è la strada più indicata, scelga lei se all'acqua o sintetico, quello sintetico si avvicinerà di più alla finitura originale.

Detto questo, se lei vuole assicurarsi dell'effetto finale faccia delle campionature in zone poco visibili ma simili per colore.
Se poi il trattamento lo limita ai piani potrebbe esserci una lieve differenza tonale.
Le parole chiave sono  CAMPIONATURA e MANO LEGGERA.
Buon lavoro


Alessandro Macuz
Registrato Offline
Replica: 3 - 6
DavidTwister
Febbraio 6, 2011, 1:11pm Report to Moderator
Pensionato
Nuovo utente
Posts: 4
Non mi preoccuperei troppo del colore del legno che non mi sembra molto alterato, semmai mi preoccuperei del contenuto radioattivo del pino russo...


Si riferisce ai postumi di Chernobyl?

Comunque grazie mille per i preziosi suggerimenti!



David Colmi
Registrato Offline
Replica: 4 - 6
alessandro macuz
Febbraio 6, 2011, 4:18pm Report to Moderator
lucidatura arredi lignei
Utente anziano
Posts: 211
Location: venezia
Assolutamente si!
poi magari non corrisponde a verità, ma mi ricordo di aver letto che i vagoni usati per il trasporto legname da quelle zone rimanevano contaminati.
Magari non corrisponde a verità ma era un modo per allargare il discorso della provenienza del legno.
Certamente il legno di conifera importato dal Canada ha prezzi più alti.

Saluti


Alessandro Macuz
Registrato Offline
Replica: 5 - 6
DavidTwister
Febbraio 6, 2011, 6:17pm Report to Moderator
Pensionato
Nuovo utente
Posts: 4
Assolutamente si!
poi magari non corrisponde a verità, ma mi ricordo di aver letto che i vagoni usati per il trasporto legname da quelle zone rimanevano contaminati.
Magari non corrisponde a verità ma era un modo per allargare il discorso della provenienza del legno.
Certamente il legno di conifera importato dal Canada ha prezzi più alti.

Saluti


Grazie per la delucidazione e per gli ottimi consigli!


David Colmi
Registrato Offline
Replica: 6 - 6
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
Print

Forum Restauro e Conservazione    ALTRI SETTORI    Restauro ligneo  ›  Restaurare mobili pino russo

Valutazione del tema
Non esiste attualmente alcuna valutazione
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE