Benvenuto, Ospite. Settembre 19, 2020, 8:02pm Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    ALTRI SETTORI    Restauro ligneo  ›  Boiserie Moderatori: cinnabarin
Utenti presenti
No Members e 2 Ospiti

Boiserie  (attualmente 2,999 viste) Print
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
trek
Marzo 29, 2011, 11:57am Report to Moderator
architetto
Nuovo utente
Posts: 3
Location: Milano
Buongiorno a tutti,
sono in procinto di ristrutturare un'abitazione di montagna (sono architetto) e in una delle stanze è presente una vecchia ('600?) boiserie completamente ricoperta da diverse mani di vernice bianca, che mi piacerebbe riportare allo stato originario,
Purtroppo il budget del cliente è ristretto, per cui un restauro professionale risulta molto difficile.
Alcuni "esperti" mi hanno suggerito diversi metodi per rimuovere la vernice (sabbiature, levigatrici, ecc), ma con poca certezza sul risultato finale.
Chiedo quindi un consiglio su come affrontare il lavoro, ricordando il problema del budget e considerando anche l'ipotesi della riverniciatura completa sopra l'esistente.
Al seguente link due immagini della boiserie:
http://img43.imageshack.us/g/dsc01302kf.jpg/
Grazie per ogni eventuale consiglio.


maurizio laghi
Registrato Offline
alessandro macuz
Marzo 29, 2011, 12:55pm Report to Moderator
lucidatura arredi lignei
Utente anziano
Posts: 211
Location: venezia
Benvenuto Maurizio.
Per budget ristretto che cifra intendi? misure della stanza?
Di sicuro proverei prima a fare delle campionature di pulitura con sverniciatore in qualche punto nascosto (piano+cornice) per capire quante mani di smalto ci sono e soprattutto cosa c'è sotto.
Poi credo che le strade possano essere due
.la sabbiatura non l'ho mai vista fare direttamente in cantiere ma tieni conto che erode il legno lasciandolo vuoto (mangia più facilmente la crescita estiva che quella invernale più dura) e ti riempie l'appartamento di sabbia, nello stesso percorso inserisco anche le roto orbitali che se non ben usate lasciano segni orribili
.Svernicitaura con sverniciatore in gel o sverniciatore ad aria-phon con raschietti e paglietta
Per percorrere entrambe le strade ci vorrà parecchio tempo e bisogna poi vedere cosa c'è sotto lo smalto ...

Se fosse bianco su bianco, per non dover rimuovere completamente tutte le traccie del passato risparmiando un po' di ore, potresti proporre una finitura a velatura bianca (per capirci effetto sbiancato del rovere-la velatura maschera difetti) con olio oppure impregnante sintetico entrambi bianchi.

Ciao


Alessandro Macuz
Registrato Offline
Replica: 1 - 9
trek
Marzo 29, 2011, 1:48pm Report to Moderator
architetto
Nuovo utente
Posts: 3
Location: Milano
Grazie per la pronta risposta!
La stanza è circa 4.80x2.50 e 3.00 di altezza; la boiserie è solo su tre lati poichè in passato il locale originario è stato diviso in due da un tramezzo (!!).
Quindi sono circa 30 mq di parete e 12 mq di soffitto.
Per un lavoro ben fatto (smontaggio e pulitura in laboratorio) ho ricevuto svariati preventivi, comunque sempre trai 10 e i 20mila euro: l'importo delle altre opere è circa 25000 euro, quindi è un costo difficilmente sostenibile dal cliente.
Credi che la soluzione che hai proposto (sverniciatura) possa essere fatta anche da maestranze non particolarmente qualificate? In quale costo ci si potrebbe imbattere?
Grazie ancora.


maurizio laghi
Registrato Offline
Replica: 2 - 9
alessandro macuz
Marzo 29, 2011, 8:57pm Report to Moderator
lucidatura arredi lignei
Utente anziano
Posts: 211
Location: venezia
Guarda onestamente credo che i preventivi che ti hanno fatto non sono poi così male, forse alti per il tuo cliente o per l'arredo ma non credo molto differenti da quello che ti potrebbe fare una maestranza improvvisata.
In quale PROBLEMA ci si potrebbe imbattere?
Chissà cosa c'è sotto lo smalto (integrazioni a gesso-resina-legno)
E aggiungerei che sverniciare un soffitto non è un'impresa facile e se la ditta non ha esperienza ...

Magari qualcun altro aggiunge un punto di vista diverso

Maurizio al tuo profilo manca la Location,aggiungila così sappiamo da che città scrivi.
Ciao


Alessandro Macuz
Registrato Offline
Replica: 3 - 9
cinnabarin
Marzo 29, 2011, 9:58pm Report to Moderator
restauratore - consiglio direttivo Cesmar 7
Posts: 805
Location: Milano-Varese
secondo me meglio un ulteriore mano di smalto piuttosto che maestranza imporvvisata, che poi a volte costano pure di più di una ditta di restauro, hanno la pretesa di "riportare al nuovo" e quindi mettono in gioco magiori sforzi e quindi l'in tervento spesso risulta fuori dai canoni della conservazioe e costoso, cioè il contrario esatto di quello che si vorrebbe perseguire.
Da molto tempo è venuto il momento che ognuno faccia il suo mestiere soprattutto in materia patrimonio culturale, non è più possibile a mio parare far passare il concetto che una maestranza imporvvisata possa mettere mano a manufatti di 400 anni con la rpetesa di spendere meno. lo fareste con i vostri denti? o con la vostra auto? o con la scuola a cui mandate i figli, mi chiedo perchè il bene culturale sia così spesso oggetto di tali funeste lucubrazioni.
scusate se cono stato brusco  


roberto bestetti
Registrato Offline
Replica: 4 - 9
trek
Marzo 29, 2011, 10:26pm Report to Moderator
architetto
Nuovo utente
Posts: 3
Location: Milano
Concordo su tutto.
Anche io nel mio lavoro, non necessariamente di restauro, mi trovo spesso ad affrontare tematiche in qualche modo simili.
Purtroppo in questo caso il cliente ha posto dei paletti economici, ed è per questo che avevo già considerato l'ipotesi di non toccare nulla, ma dare una nuova mano di smalto. Le vostre considerazioni mi fanno credere che questa possa essere la soluzione migliore.

Ancora una domanda: forse dalle foto si vede che in alcune zone lo smalto sembra sia stato già rimosso in passato. Con una nuova mano è possibile "livellare" tutte le asperità e depressioni e riportare tutto al medesimo livello per avere una superficie liscia e complanare?
Grazie


maurizio laghi
Registrato Offline
Replica: 5 - 9
chiara76
Marzo 30, 2011, 5:32pm Report to Moderator
collaboratrice rest.policromie/manufatti lignei
Utente Attivo
Posts: 42
Location: novara
  
sono molto perplessa e non posso che condividere le idee dei moderatori. Ad ogni modo, solo con una passata di smalto (o anche tre), non puoi pensare di livellare le lacune nella stesura in modo totale... puoi semplicemente ridurle, ma da qui ad avere "una superficie liscia e complanare" ne corre. A meno che non si ricorra a stucchi di vario genere, ma credo che capirai che si tratta di un lavoro assurdo da proporre, benché svolto esclusivamente in nome dell' estetica (o forse proprio per questo)...


(NB: assurdo perché se non viene svolto da mani specializzate, rischi anche di comprometterne il valore... sei sicuro di volerti assumere questa responsabilità?)

cià  


chiara crescenzo
Registrato Offline
Replica: 6 - 9
joef
Marzo 30, 2011, 6:41pm Report to Moderator
Strumenti musicali a tastiera e Organi storici
Utente medio
Posts: 22
Location: Salerno
Perchè non pensare ad un intervento professionale fatto in stadi successivi, magari pianificando bene l'intervento si potrà realizzarlo distribuendo il costo su un arco temporale più lungo.
Nella mia esperienza qualche volte il problema siamo riusciti ad aggirarlo... previa buona volontà del committente.


Giuseppe Fontana
Registrato Offline
Skype Replica: 7 - 9
alessandro macuz
Marzo 30, 2011, 8:29pm Report to Moderator
lucidatura arredi lignei
Utente anziano
Posts: 211
Location: venezia
Citato da joef
Perchè non pensare ad un intervento professionale fatto in stadi successivi, magari pianificando bene l'intervento si potrà realizzarlo distribuendo il costo su un arco temporale più lungo.
Nella mia esperienza qualche volte il problema siamo riusciti ad aggirarlo... previa buona volontà del committente.

mica male come strategia  .

Oggi al salone del restauro di Ferrara ho visto la "mostra-presentazione" delle ditte che hanno partecipato al restauro della cantoria e di altri arredi della Scuola Grande di San Rocco a Venezia. Molte di questeditte nella presentazione dei lavori svolti proponevano sverniciature di portoni-boiserie-oscuri per immersione.
Non ho capito in che tipo di prodotto sono stati immersi o innaffiati ma il risultato (che ho visto un anno fa su degli oscuri a Venezia) è RADICALE e permette a queste ditte di offrire "restauri" radicali senza abrasivi (più o meno) e ovviamente a ridurre drasticamente i tempi di intervento  

#Roberto se avessi saputo che venerdì sarai a Ferrara mi sarei organizzato volentieri per l'incontro tecnico.  
e magari pure qualcun altro.

ciao




Alessandro Macuz
Registrato Offline
Replica: 8 - 9
cinnabarin
Marzo 30, 2011, 9:43pm Report to Moderator
restauratore - consiglio direttivo Cesmar 7
Posts: 805
Location: Milano-Varese
quale incontro tecnico?  non sò ancora se riesco ad andare a ferrara quest'anno , sono alle prese con un quadretto


roberto bestetti
Registrato Offline
Replica: 9 - 9
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
Print


Valutazione del tema
Non esiste attualmente alcuna valutazione
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE