Benvenuto, Ospite. Dicembre 9, 2019, 3:01am Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    RESTAURO DIPINTI    Temi in generale  ›  Dipinto 1800? Moderatori: cinnabarin
Utenti presenti
No Members e 1 Ospiti

Dipinto 1800?  (attualmente 30,130 viste) Print
2 Pagine 1 2 » Tutti Raccommanda Thread
Clizia D'Apice
Settembre 28, 2011, 12:23pm Report to Moderator
Restauratrice
Utente medio
Posts: 27
Location: Piemonte
Salve a tutti.
Mi è stato chiesto di pulire un dipinto raffigurante una Madonna con bambino, valutata come opera seicentesca e di grande valore economico.
Appena l'ho vista ho avuto immediatamente qualche dubbio poichè la tela (dimensioni 60 x 70 cm)  è  trama molto fitta ed ancorata con sellerine di fattura industriale. Non è stata foderata, il tensionamento è perfetto sebbene sia ancorata su un telaio fisso. Ancora, cosa più strana, il dipinto è stato eseguito direttamente sul supporto.
La pellicola pittorica si presenta molto sottile (in poche zone riesco ad intravedere le pennellate) ed assume l'aspetto di una stampa. Le ombre infatti sembrano ottenute sfruttando la scura tela sottostante. La pellicola pittorica è rivestita da uno strato di vernice ingiallita e disomogenea (che naturalmente è visibile sui chiari ed inesistente sugli scuri). Il dipinto presenta inoltre un aspetto "bituminoso" e gocce di cera annerite.
Ovviamente mi trovo difronte ad una pellicola pittorica (se così si può chiamare) quasi eterea, quindi sono nella difficoltà di alleggerire questo strato di vernice ossidata e rimuovere le gocce di cera senza inaridire ancora di più il dipinto.
Più che altro mi interessava sapere se qualcuno ha avuto il piacere di trovarsi davanti un'opera simile. A me sembra molto molto strana. Voi che ne pensate?

P.s: non riesco ad allegare le foto, le ho compresse in tutti i modi ma sono sempre troppo pesanti.


Clizia D'Apice
Registrato Offline
cinnabarin
Settembre 28, 2011, 3:22pm Report to Moderator
restauratore - consiglio direttivo Cesmar 7
Posts: 805
Location: Milano-Varese


roberto bestetti
Registrato Offline
Replica: 1 - 16
Clizia D'Apice
Settembre 28, 2011, 5:05pm Report to Moderator
Restauratrice
Utente medio
Posts: 27
Location: Piemonte
Grazie mille Roberto,
sono riuscita ad allegare le foto.

Cosa ne pensi?




Allegati: img_8892_modified_1698.jpg
Dimensione: 139.30 KB

Allegati: img_8901_modified_modified_2_7332.jpg
Dimensione: 173.56 KB

Allegati: img_8905_modified_modified_2_2249.jpg
Dimensione: 97.02 KB

Allegati: img_8894_modified_9040.jpg
Dimensione: 70.15 KB



Clizia D'Apice
Registrato Offline
Replica: 2 - 16
cinnabarin
Settembre 28, 2011, 8:28pm Report to Moderator
restauratore - consiglio direttivo Cesmar 7
Posts: 805
Location: Milano-Varese
800 non mi pare, il telaio è un interessante, è il secondo che vedo fatto così, le rompitratta e la traversa inchiodate sul retro garantivano complanarità molto maggiore che in quelli con gli incastri in spessore, è identico a quello della Crocifissione di Dro quaderni del Cesmar 7, il prato, che era dell'inizio '600. Non è strano che i dipinti vengano eseguiti sul supporto definitivo, anche se spesso si rileva il contrario.
Sembra una copia, la figura in secondo piano ha del leonardesco (alla lontana) è il taglio delle figure è un pò strano, il bambino è tagliato e sopra a destra c'è un manto rosso senza molto senso.

il test di solubilità che dice? prove vari pH?


roberto bestetti
Registrato Offline
Replica: 3 - 16
Clizia D'Apice
Settembre 29, 2011, 12:05am Report to Moderator
Restauratrice
Utente medio
Posts: 27
Location: Piemonte
Sì il telaio è interessante e anche per questo ero in dubbio tra fine 1500 e 1800 poichè non mi spiegavo un telaio così antico ed un dipinto ottocentesco. Le sellerine di fattura industriale e l'assenza di strati preparatori mi hanno tratta in inganno.
A questo punto potrei ipotizzare che l'effetto "stampa" sia dovuto ad una "spulitura" dei bruni effettuata in passato o che le ombreggiature siano state volutamente ottenute sfruttando la tela sottostante. E' proprio vero che ogni dipinto ha le sue peculiarità, questa è un'ulteriore conferma.
Cmq facendo un'ulteriore ricerca..si tratta di una copia di un'opera di Raffaello conservata al Louvre http://cartelfr.louvre.fr/cart.....gue=fr.  :)  
Ho leggiucchiato qualcosina della Crocifissione di Dro (ciò che sono riuscita a trovare su internet) e noto effettivamente delle analogie. Grazie mille per le delucidazioni.
Farò il test di solubilità domani...ti farò sapere.


Clizia D'Apice
Registrato Offline
Replica: 4 - 16
Clizia D'Apice
Settembre 29, 2011, 12:07am Report to Moderator
Restauratrice
Utente medio
Posts: 27
Location: Piemonte


Clizia D'Apice
Registrato Offline
Replica: 5 - 16
Clizia D'Apice
Settembre 29, 2011, 11:28am Report to Moderator
Restauratrice
Utente medio
Posts: 27
Location: Piemonte
Test di solubilità: la sola Ligroina riesce ad assottigliare lo strato di vernice quindi potrei confermare che si tratta di una sostanza bituminosa. La cosa che non mi convince è come riesca la sola ligroina a solubilizzare parzialmente la pellicola pittorica. Come può un olio antico essere così sensibile? E' probabile che sostanze sovrammesse applicate in occasione di una vecchia pulitura e non rimosse totalmente abbiano continuato ad agire nel tempo?



Allegati: wood_138.jpg
Dimensione: 54.20 KB



Clizia D'Apice
Registrato Offline
Replica: 6 - 16
cinnabarin
Settembre 29, 2011, 2:39pm Report to Moderator
restauratore - consiglio direttivo Cesmar 7
Posts: 805
Location: Milano-Varese
mmmhhhh. cosa succede con solo acqua? e con acqua e triammoniocitrato?

dalle altre miscele del test risulta?


roberto bestetti
Registrato Offline
Replica: 7 - 16
Clizia D'Apice
Settembre 29, 2011, 3:46pm Report to Moderator
Restauratrice
Utente medio
Posts: 27
Location: Piemonte
Solo acqua non succede nulla...scivola sulla superficie...le altre miscele del test non ne parliamo, solubilizzano notevolmente la pellicola. I mezzi acquosi non agiscono affatto, ma i solventi mi sembrano eccessivi. L'unica opzione possibile fin'ora è una velocissima pulitura con sola ligroina....


Clizia D'Apice
Registrato Offline
Replica: 8 - 16
cinnabarin
Settembre 29, 2011, 9:48pm Report to Moderator
restauratore - consiglio direttivo Cesmar 7
Posts: 805
Location: Milano-Varese
vari ph? gel di carbopol?


roberto bestetti
Registrato Offline
Replica: 9 - 16
Clizia D'Apice
Ottobre 3, 2011, 8:58am Report to Moderator
Restauratrice
Utente medio
Posts: 27
Location: Piemonte
Ho provato con acido citrico e acqua ma solubilizza in parte i colori senza però riuscire ad rimuovere la vernice; acido citrico + tea in acqua (PH: : agisce bene sulla vernice ma ho l'impressione che agisca velocemente anche sul colore creando un fastidioso sbiancamento della superficie. L'unico sistema più blando fin'ora mi sembra la sola ligroina. Volevo provare i Resin soap ma mi risulta difficile reperirli per ora. Gel di carbopol con cosa? Il problema è il risciacquo: non posso risciacquare con solventi (come ti dicevo anche la sola ligroina o il white spirit interagiscono parzialmente con il colore) ma solo con acqua. E quando utilizzo l'acqua per il risciacquo si creano degli sbiancamenti che non mi piacciono affatto. Comunque lavorandoci ho sempre più l'impressione che sia ottocentesco....mi fa venire in mente uno di quei modelli eseguiti per riproporre le tecnicche esecutive cinquecentesche. Non potrebbe essere che il telaio sia stato riutilizzato? I chiodi utilizzati per fissare i quattro incastri a mezzo legno non mi sembrano antichi...


Clizia D'Apice
Registrato Offline
Replica: 10 - 16
Clizia D'Apice
Ottobre 3, 2011, 8:59am Report to Moderator
Restauratrice
Utente medio
Posts: 27
Location: Piemonte
PH: 8


Clizia D'Apice
Registrato Offline
Replica: 11 - 16
cinnabarin
Ottobre 3, 2011, 10:54am Report to Moderator
restauratore - consiglio direttivo Cesmar 7
Posts: 805
Location: Milano-Varese
i gel di carbopol, non i solvent gel, carpopol e acqua e basta per i ph acidi e gocce di TEA per i basici, sono estremamente utili. Se serve ti dò a ricetta. Se ph 8 sbianca prova gli acidi, continuo a pensare che si possa fare con i metodi acquosi visto che mi confermi che si rimuove a ph 8 con acido citrico e tea, questo significa più una colla che una vernice sulla quale i citrati non funzionano per loro stessa natura a meno di non andare su quantità massiccie (oltre 10%).

poi niente ti vieta di provare un gel di carpopol al citrato     tensioattivi ne hai, io proverei l coccocollagene.

mettimi per piacere una foto del tassellino con il citrato basico.


roberto bestetti
Registrato Offline
Replica: 12 - 16
Clizia D'Apice
Ottobre 3, 2011, 4:46pm Report to Moderator
Restauratrice
Utente medio
Posts: 27
Location: Piemonte
Prova con solo carbopol in acqua: nessun risultato.
Prova con gel di carbopol basico: non rimuove la vernice, ma solubilizza il colore.
Prova con gel di carbopol neutro: nessun risultato.
Prova con gel di carbopol e citrato (pH: 6): nessun risultato.
La prima prova con tea e citrato agiva sulla vernice ma solubilizzava notevolmente il colore.
In tutte le prove con metodi acquosi si sono verificati sbiancamenti.



Allegati: citrato_basico_7322.jpg
Dimensione: 191.42 KB



Clizia D'Apice
Registrato Offline
Replica: 13 - 16
Clizia D'Apice
Ottobre 18, 2011, 3:51pm Report to Moderator
Restauratrice
Utente medio
Posts: 27
Location: Piemonte
In ritardo...la foto del lavoro ultimato. Grazie ancora a Roberto per gli utili consigli.



Allegati: 187_modified_k_4814.jpg
Dimensione: 150.23 KB



Clizia D'Apice
Registrato Offline
Replica: 14 - 16
2 Pagine 1 2 » Tutti Raccommanda Thread
Print


Valutazione del tema
Non esiste attualmente alcuna valutazione
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE