Benvenuto, Ospite. Settembre 21, 2019, 4:57pm Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    RESTAURO DIPINTI    Consolidamento supporto  ›  CONSOLIDAMENTO Moderatori: cinnabarin
Utenti presenti
No Members e 1 Ospiti

CONSOLIDAMENTO   (attualmente 9,815 viste) Print
2 Pagine « 1 2 Tutti Raccommanda Thread
cinnabarin
Ottobre 3, 2011, 7:43am Report to Moderator
restauratore - consiglio direttivo Cesmar 7
Posts: 805
Location: Milano-Varese
Atti del secondo convegno colore e conservazione Minimo intervento conservativo ne trattamento dei dipinti, cesmar 7, thiene 29-30 ottobre 2004, Il prato ed. Padova
in particolare il saggio di Heiber.

Winfried Heiber Tread By tread tears Mending methods, in Alternative to linings, UKIC (lo trovi da ARchetype a Londra,http://www.archetype.co.uk/ anche se non nell'elenco nel sito, scrivi e te lo mandano)

Knut Nicolaus Il restauro dei dipinti ed.konemann

La crocifissione di dro, un esempio di minimo intervento su un opera di grandi dimensioni, quaderni del cesmar 7 il prato padova. Questo un dipinto di 5 metri che alla luce di 120 lacerazioni del supporto stato restaurato senza essere smontato dal telaio, con le premesse ele tecniche illustrate nel testo, resta lesperienza pi impegnativa e il luogo dove pi si sono  adoperati in massa strumenti progettati per le singole esigenze di un opera, secondo me un esperienza insuperata a quasi 10 anni di distanza.

una serie di dati sugli adesivi sono in un capitoletto del libro Cremonesi,Borgioli, le resine sintetiche usate nel trattamento delle opere policrome, il prato PD.

Poi l'intervento di A.Finozzi nel convegno sulla foderatura tenutosi a ferrara, sempre ed il prato

poi ci sono alcuni articoli su Progetto restauro ma ora non ho tempo di cercarli uno per uno.




roberto bestetti
Registrato Offline
Replica: 15 - 22
migliez
Ottobre 3, 2011, 3:06pm Report to Moderator
studente
Utente recente
Posts: 10
Location: Cuneo
Ho capiton forse.. quello che intendi tu   quindi una "microsaldatura" filo a filo eseguita con un collante termoplastico a secco "sciolto" puntualmente con termocauterio + un rinforzo eseguito successivamente con (come scrivi tu) fili a cavallo oppure un reticolo calibrato. Mi sapresti dire che tipo di filo si utilizzano e cosa intendi per reticolo calibrato. se ho capito sbagliato dimmelo, grazie comunque


migliore emanuele
Registrato Offline
Replica: 16 - 22
migliez
Ottobre 3, 2011, 3:09pm Report to Moderator
studente
Utente recente
Posts: 10
Location: Cuneo
ancor grazie per la bibliografia cercher informazioni


migliore emanuele
Registrato Offline
Replica: 17 - 22
cinnabarin
Ottobre 3, 2011, 5:17pm Report to Moderator
restauratore - consiglio direttivo Cesmar 7
Posts: 805
Location: Milano-Varese
si proprio una microsaldatura, per i fili si possono usare sia i fili di lino che i sintetici. Sono molto comodi i rocchetti di filo da cucito in poliestere perch la gamma cromatica sterminata e si possono trovar diversi colori che si adattano alle vecchie tele ed il filo sottile ma resistente. I fili di lino anche vanno bene ma in genere sono un p pi grossi. SI pu usare anche  l'adesivo termoplastico, ma i migliori risultati, come pulizia di lavoro si ottengono con gli adesivi a base acquosa, che permettono di lavorare un p con i fili dello strappo. In realt saldare i fili facile, con qualsiasi metodo, il difficile essere sicuri che i fili combacino veramente,per questo serve l'ingrandimento, se i fili sono distanti anche solo un decimo di millimetro la distanza che li separa si riempie di adesivo, poi sembra saldato ma non lo .
Poi laborioso risistemare i fili degli strappi complessi, e far rientrare i fili di ordito che in genere fuoriescono e rimangono liberi.


roberto bestetti
Registrato Offline
Replica: 18 - 22
stefania stefania
Novembre 1, 2011, 9:46pm Report to Moderator
Nuovo utente
Posts: 2
Buonasera, avrei bisogno di qualche informazione: devo restaurare una cornice in legno decorata con gesso, dorato. Non ho informazioni in merito n al periodo di cui stata fatta questa opera, n dove sia stata conservata.
Si presenta con evidenti distaccamenti del gesso, in alcuni casi completamente mancante. La doratura non particolarmente rovinata.
Attualmente la sto pulendo con un batuffolo di cotone imbevuto di acqua o di soluzione acqua e alcool al 50%.
Avrei bisogno di sapere come fare a consolidare le parti in gesso che si muovono e quale materiale utilizzare per poter ricostruire il negativo delle parti in gesso andate distrutte.
Per il gesso invece quale mi consigliate di usare?
In ultimo, nelle parti stuccate non utilizzero' la foglia d'oro, ma il "rigatino" ad acquarello. Mi consgliate di utilizzare una vernice protettiva quando sar terminata?
Quale?

Grazie

Stefania Franchi
Registrato Offline
Replica: 19 - 22
cinnabarin
Novembre 1, 2011, 11:37pm Report to Moderator
restauratore - consiglio direttivo Cesmar 7
Posts: 805
Location: Milano-Varese
era meglio aprire un nuovo messaggio per questo, comunque...

l'acqua non il materiale pi idoneo per pulire una doratura, o meglio la pulisce benissimo....fin troppo, spesso non rimane niente (lo dico per chi legge nel tuo caso la miscela con acool ha un p limitato immagino) a meno che l0oro non sia messo a missione , ne qual caso v benissimo.

in genere preferibile fare il consolidamento PRIMA della pulitura, cos il cotone non si attacca alle scaglie e con la pulitura si tolgono i residui di adesivo....

visto che la doratura resiste all'acqua usa colla di coniglio...in alternativa plextol, plextol addensato, o resine in soluzione.

per la stuccatura gesso e colla

per le parti da ricostruire, prendi le impronte con gomma siliconica.

ciao


roberto bestetti
Registrato Offline
Replica: 20 - 22
stefania stefania
Novembre 2, 2011, 9:15am Report to Moderator
Nuovo utente
Posts: 2
sCUSATE SE HO SCRITTO IN QUESTA SEZIONE, MA NON HO COMPRESO COME FARE  A INIZIARE UNA NUOVA CONVERSAZIONE.

HO LETTO LA RISPOSTA E LA RINGRAZIO. LEI COME MI CONSIGLIEREBBE QUINDI PER LA PULITURA DELLA DORATURA?
Registrato Offline
Replica: 21 - 22
cinnabarin
Novembre 2, 2011, 12:38pm Report to Moderator
restauratore - consiglio direttivo Cesmar 7
Posts: 805
Location: Milano-Varese
HOME

RESTAURO LIGNEO

NUOVO TEMA


per determinare la pulitura si fanno delle prove, poi dipende da cosa si deve togliere, il DA COSA lo si toglie solo parte del problema.

Per una pulitura generale si usano le emulsioni grasse (emulsioni di idrocarburi emulsionati con piccole quantit di acqua e tensioattivo) o solventi, o appunto acqua chelanti o tensioattivi, ma pi difficilmente perch come dicevo sopra l'acqua leva l'oro.


roberto bestetti
Registrato Offline
Replica: 22 - 22
2 Pagine « 1 2 Tutti Raccommanda Thread
Print


Valutazione del tema
Non esiste attualmente alcuna valutazione
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE