Benvenuto, Ospite. Dicembre 15, 2019, 11:50am Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    RESTAURO DIPINTI    Temi in generale  ›  stuccature Moderatori: cinnabarin
Utenti presenti
No Members e 1 Ospiti

stuccature  (attualmente 3,717 viste) Print
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
lucialaita
Gennaio 19, 2012, 6:25pm Report to Moderator
Utente recente
Posts: 10
buongiorno a tutti,
stò restaurando un dipinto su tela e devo affrontare ora la fase della sctuccatura. Per la tipologia del dipinto e per il suo degrado voglio evitare stucchi a base acquosa. stò sperimentando varie possibilità e tra le prescelte ci sono gli stucchi a base di gesso legato con klucel (di cui avevo letto un articolo a riguardo). per ora l'effetto è soddisfacente ma vorrei sapere se qualcuno lo ha già usato e se sa dirmi il comportamento a lungo termine.
Grazie Lucia Laita M.
Registrato Offline
cinnabarin
Gennaio 19, 2012, 9:27pm Report to Moderator
restauratore - consiglio direttivo Cesmar 7
Posts: 805
Location: Milano-Varese
a quale articolo ti riferisci?
potresti essere più precisa sulle problematiche del dipinto a cui ti riferisci?


roberto bestetti
Registrato Offline
Replica: 1 - 9
lucialaita
Gennaio 20, 2012, 2:26pm Report to Moderator
Utente recente
Posts: 10
ciao,
ho letto delle stuccature a Klucel sulla pubblicazione del Cesmar relativa al restauro della "crocefissione di Dro". il mio dipinto per tipologia e degrado è molto simile a quello citato; dipinto a tecnica mista, fine VII° sec. con pellicole pittoriche molto degradate, dilavate, prosciugate, sottili e frammentarie.............insomma.........è messo maluccio! come se non bastasse la preparazione è a bolo e quindi sensibilissima all'umidità. non voglio infierire ulteriormente per cui voglio evitare sistemi a base acquosa anche per le stuccature. ho già fatto il consolidamento di supporto e strati pittorici ma.............meglio non rischiare!
ciao Lucia Laita.
Registrato Offline
Replica: 2 - 9
cinnabarin
Gennaio 20, 2012, 4:26pm Report to Moderator
restauratore - consiglio direttivo Cesmar 7
Posts: 805
Location: Milano-Varese
con cosa hai fatto il consolidamento? foderato o no ? e se si come?

Io ci ho lavorato sulla crocifissione di Dro quindi posso dirti che il primo aspetto era il fatto che stuccature di quelle dimensioni (1 metro e passa per alcune ) avrebbero creato delle superfici non piane asciugando, perchè il dipinto non è  stato foderato e nemmeno smontato da telaio, inoltre erano sopra ad inserti e suture. Si ricercava un elasticità maggiore delle stuccature a gesso e colla. Credo che ci sia qualcosa di pubblicato anche da Roche in proposito, e mi pare d aver sentito di un libro in spagnolo sulla stucatura prova a vedere negli atti dell'ultimo congresso cesmar7.

Il problema principale della formulazione di uno stucco è azzeccare la corretta proporzione tra legante e carica, per ottenere una buona adesione e coesione. Il klugel  è l'uno dei pochi materiali  che và in alcool, se no Tylose (acqua) acquazol (acqua o alcool) , hai la strada dell'alcool polivinilico (polifille modostuc etc) o dei PVA in soluzione, oppure B-72 in aromatico o butil acetato. Insomma le possibilità ci sono.
Ricette prese dalla bibliografia internazionale per dipint sensibili all'umidità sono a base di B72, le ho provate, non sono male,se vuoi cerco e linko l'articolo.

Il ragionamento di base era che comunque molto spesso anche le stuccature a gesso e colla manifestano vita molto breve, non parliamo di quelle a modostuc.

La cosa ideale sarebbe faro un giro a DRO e vedere quelle stuccature come sono messe!


roberto bestetti
Registrato Offline
Replica: 3 - 9
lucialaita
Gennaio 20, 2012, 7:47pm Report to Moderator
Utente recente
Posts: 10
a dire il vero ho degli amici da quelle parti ed avevo pensato anch'io di farmi un giretto a Dro.
comunque il dipinto non è foderato in quanto l'esame del DP era soddisfacente. ho fatto preconsolidamento ed abbassamento scaglie con klucel g e consolidamento del supporto tessile  con Plexisol P 550 in WS.
il dipinto è di grandi dimensioni ed ho dovutao lavorare inloco per diverso tempo.
durante la pulitura ho dovuto effetuare altri cinsilidamenti e fissaggi locali con altro Plexisol. il problema maggiore erano i micro sollevamenti diffusi a tutta la superficie. per la planarietà ho usato il tensionamento ad elastici con ottimi risultati.
ora il dipinto stà decisamente meglio. il problema sarà stuccare una miriade di micro lacune disseminate su pellicole pittoriche che è comunque meglio non stuzzicare...............lo ho consolidato ma non "mummificato"!
pensavo che le stuccature a Klucel mi consentissero una buona leggerezza, lavorabilità sia da umide che da secce, elasticità ed essendo in alcool asciugano velocemente senza inumidire troppo i bordi della lacuna.
altra alternativa considerata è la ceraresina..................stò valutando.
per quanto riguarda altri stucchi (modostuc, paraloid ed altri sintetici) li ho scartati per vari motivi che richiederebbero molto tempo per elencare.

visto che hai lavorato sulla crocefissione di Dro potresti spiegarmi meglio come avete affrontato la verniciatura? dalla relazione CEsmar non è molto chiaro. avete usato sempre vernice spry della W&N? le basi a tempera le avete date direttamente sulle stuccature o avete messo un film di vernice intermedia? dalle prove che stò facendo mi risulta ache la tempera strappi lo stucco a Klucel se non protetto.

ciao Lucia L.M.
Registrato Offline
Replica: 4 - 9
cinnabarin
Gennaio 20, 2012, 10:54pm Report to Moderator
restauratore - consiglio direttivo Cesmar 7
Posts: 805
Location: Milano-Varese
sulla verniciatura a Dro non sò, io ho fatto fino a un certo punto lo strutturale, per cui su quello posso risponderti, sul resto non tanto, ma se ci vai e mi scatti una foto te ne sarei grata. Dovrai accordarti per vedere il dipinto... la chiesa non credi sia sempre aperta.

Se sono piccole le stuccature a klucel le puoi anche provare. io la cera resina per le stuccature non è che la ami moltissimo, mi sembra sempre un lavoro poco pulito.

Sono curioso di sapere perchè hai scartato le stuccature a Paraloid b-72 e modostuc?









roberto bestetti
Registrato Offline
Replica: 5 - 9
cinnabarin
Gennaio 20, 2012, 10:55pm Report to Moderator
restauratore - consiglio direttivo Cesmar 7
Posts: 805
Location: Milano-Varese
P.S ho il gran sospetto che il legante delle tempere sia alcool polivinilico....e siccome è un metodo di ritocco che trovo controproducente , non lo uso mai.
Comunque potrebbe strappare perchè il legante della tempera è più forte del klucel che diciamocelo è un pò debolino.
ciao

rb


roberto bestetti
Registrato Offline
Replica: 6 - 9
lucialaita
Gennaio 21, 2012, 7:04pm Report to Moderator
Utente recente
Posts: 10
ho scartato il modostuc per il suo ph e perchè è pur sempre acquoso e poi ha una consistenza sbrodolosa che non mi piace. il paraloid sinceramente non lo ho preso neanche in considerazione per la sua rigidità. la ceraresina se usata per stuccature piccole da ottimi risultati..........molto dipende poi dal medium del ritocco per ottenere l'effetto desiderato. ciao Lucia.
ps per la foto.............visto che sono anni che devo andare .........spero tu non abbia fretta.
Registrato Offline
Replica: 7 - 9
cinnabarin
Gennaio 21, 2012, 9:16pm Report to Moderator
restauratore - consiglio direttivo Cesmar 7
Posts: 805
Location: Milano-Varese
Guarda che c'è bibliografia riguardo al B-72 come stuccatura di dipinti sensibili all'acqua, almeno 1 volta da provare.  
La cosa migliore è prendere una tela e stenderci i vari tipi di stucco, diverse strisce separate una dall'altra ad asciugatura completata ( meglio se qualche mese) passando un man dietro capisci subito cosa è rigido e cosa no. Poi c'è un altra considerazione da fare sugli stucchi che è la porosità, questa inevitabilemente si imrpegnerà dei materiali usati nel ritocco, e soprattutto nella verniciatura, a meno che non sia correttamente isolata. Se c'è un aspetto che ha ancora molti lati oscuro (più di altri amio parere) è proprio questo, facci sapere come procedi.

http://cool.conservation-us.org/jaic/articles/jaic25-02-004.html

http://cool.conservation-us.org/coolaic/sg/wag/1998/WAG_98_wilson.pdf

il pH del modostuc mi giunge nuovo, non ne ho altrimenti sarei corso a misurarlo, mi hai incuriosito?????


per le foto attenderò...

ciao


roberto bestetti
Registrato Offline
Replica: 8 - 9
lucialaita
Gennaio 23, 2012, 3:05pm Report to Moderator
Utente recente
Posts: 10
le prove di cui parli le stò facendo. oltre a provare gli stucchi su una tela simile alla mia (trama larghissima) faccio poi anche delle prove di verniciatura e ritocco............"per vedere l'effetto che fa" ( per citare iannaci). devo dire che il modostuc è il peggiore!!! ma mi stò sbizzarrendo! ho dovuto fare i salti mortali per pulitrlo questo dipinto evitando l'acqua come la peste............non posso ora usare stucchi acquosi............oltre ad essere un problema di principio avrei seri problemi a rifinire le stuccature che sono piccole e a milioni di milioni!
grazie per la bibliografia. vado subito a vedere.
ciao Lucia.
Registrato Offline
Replica: 9 - 9
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
Print


Valutazione del tema
Non esiste attualmente alcuna valutazione
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE