Benvenuto, Ospite. Settembre 20, 2019, 10:07pm Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    ALTRI SETTORI    Lavori pubblici  ›  Codice Appalti D. Lgs. 163/2006 Moderatori: cecilia
Utenti presenti
No Members e 1 Ospiti

Codice Appalti D. Lgs. 163/2006  (attualmente 1,917 viste) Print
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
Margherita Russo
Marzo 13, 2012, 5:24pm Report to Moderator
Restauratrice
Nuovo utente
Posts: 4
Sto studiando il D. Lgs. 163/2006, meglio conosciuto come CODICE APPALTI (qui reperito con tutte le successive modifiche: http://avvrenatodisa.files.wordpress.com/2011/02/codice-degli-appalti.pdf)

Per quel che riguarda i lavori pubblici sui BBCC (cat. OS2, OG2, OS25) ci si deve riferire al Capo II - Artt. 197-205.

In particolare l'art. 201 disciplina gli specifici requisiti di qualificazione dei soggetti esecutori dei lavori: articolo che rimanda all'Art. 5, D. Lgs. 30/2004 http://www.ambientediritto.it/Legislazione/beni%20culturali/2004/dlgs%202004%20n.30.htm, che a sua volta deve riferirsi al D.Pr. 34/2000 (Titolo III) http://www.appalti.provincia.t.....34-00.1133282909.pdf.

E' solo lì che si elencano davvero e per esteso i requisiti dei soggetti appaltatori, tra cui:
- l'obbligo di ricevere attestazione SOA
- possedere requisiti di ordine generale e di ordine speciale, oltre ad
- una direzione tecnica (per lavori di importo >150.000€ è sufficiente che il titolare dell'impresa abbia realizzato lavori analoghi e di importo pari nel quinquennio 1995-2000 e possedere certificati di buon esito).

E' corretto riferirsi Art. 5, D. Lgs. 30/2004 e di conseguenza al D.Pr. 34/2000 per conoscere i requisiti dei soggetti appaltanti lavori pubblici su BBCC?[/size]
Inoltre, all'art. 201 del D. Lgs. 163/2006 si dice che il regolamento D.Lgs. 30/2004 (Art. 5, comma 2) disciplina:
b) la definizione di nuove categorie di qualificazione che tengano conto della specificità dei settori nei quali si suddividono gli interventi dei predetti lavori
categorie che dovevano essere definite in una modifica del D. PR. 34/2000, mediante ulteriore provvedimento attuativo, entro 180 giorni dalla sua pubblicazione (cioè entro il 25 luglio 2000). Il provvedimento è mai stato pubblicato? Quali sono queste nuove categorie?

Infine, [size=14]quali sono le figure a cui possono essere affidati i lavori (pubblici appalti) < 150.000€?
Il restauratore, quale viene inteso dalle disposizioni transitorie dell'Art. 182 del Codice dei beni culturali e del paesaggio D.L 42/2004? Oppure la Direzione Tecnica - Direttore di Cantiere di cui all'Art. 26 del D. Pr. 34/2000?

Per gli appalti invece >150.000€ qual è la figura che può essere affidataria del lavoro? Sempre quell'impresa di cui all'Art. 28, comma 2 del D. Pr. 34/2000?
ossia:
comma 2. Per i lavori sui beni immobili soggetti alle disposizioni in materia di beni culturali e ambientali, per gli scavi
archeologici e per quelli agricolo-forestali, le imprese devono aver realizzato nel quinquennio antecedente la data
di pubblicazione del bando lavori analoghi per importo pari a quello dei lavori che si intendono eseguire, e
presentare l'attestato di buon esito degli stessi rilasciato dalle autorità eventualmente preposte alla tutela dei beni
cui si riferiscono i lavori eseguiti.


Grazie a coloro che potranno rispondermi!


Margherita Russo
Registrato Offline
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
Print

Forum Restauro e Conservazione    ALTRI SETTORI    Lavori pubblici  ›  Codice Appalti D. Lgs. 163/2006

Valutazione del tema
Non esiste attualmente alcuna valutazione
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE