Benvenuto, Ospite. Gennaio 19, 2019, 5:03am Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    RESTAURO DIPINTI    Ritocco pittorico e tecniche artistiche  ›  verniciatura interinale Moderatori: cinnabarin
Utenti presenti
No Members e 2 Ospiti

verniciatura interinale  (attualmente 9,902 viste) Print
3 Pagine « 1 2 3 Tutti Raccommanda Thread
Alessandra Coppola
Maggio 24, 2012, 9:22pm Report to Moderator
studente restauro
Utente Attivo
Posts: 34
Location: Lecce
chapeau!
ciao Giovanni


Alessandra Coppola
Registrato Offline
Replica: 30 - 40
ValentinaM
Maggio 25, 2012, 7:41pm Report to Moderator
Restauratrice
Utente anziano
Posts: 54
Location: Teramo
Ciao a tutti,
rispondo a Giovanni (anche se ha già risposto il Bestetti). I colori siffatti li conservo come pasticche direttamente sulla tavolozza. Poi con il solvente le risciogli, come gli acquerelli. L'unica accortezza, dato che queste pasticche durano a vita, devi stare attento a tenerle ben puite (soprattutto il bianco, che si sporca sempre), altrimenti fai un pastrocchio, devi cercare il + possibile di tenere i colori puri. Per alcuni questa cosa è allucinante, io mi sono abituata e insomma basta starci un po' attenti, del resto se facciamo questo mestiere è anche per una spiccata tendenza alla precisione no?

Non da ultimo, VI PREGO non utilizzate lo xilene come solvente. Io non l'ho mai usato, mi dicono tutti che è insuperabile, ma è tossico all'ennesima potenza! io uso Alcool isopropilico con piccole aggiunte di Etil lattato per rallentare l'evaporazione in estate, mentre in inverno lo uso puro. Anche questa cosa x alcuni colleghi è allucinante, ma vi garantisco che è solo questione di abitudine, ci si abitua a tutto, soprattutto se è in gioco la nostra salute. Io sarà che ho iniziato così, quindi mi sono abituata x forza e insomma non mi pare difficile...

Vorrei chiedere al Bestetti: tempo fa provai a fare dei colori col Paraloid B72, ma uscivano strani, la resina tendeva a vetrificare e non era morbida e appiccicosa come le naturali, e la pasticca veniva male. pensi che con il B71 vengano meglio? Hai provato? Mi scoccia usare le naturali (anche se la vernice è davvero minima), ma se si potesse investire in qualcosa di meno "ingiallente" preferirei. Con il Laropal 81 hai provato?


Valentina Muzii
Registrato Offline
Replica: 31 - 40
Alessandra Coppola
Maggio 25, 2012, 9:17pm Report to Moderator
studente restauro
Utente Attivo
Posts: 34
Location: Lecce
ciao, chi glielo dice di leggere i posts precedenti?
dai scherzo, ma leggendo tutti i posts relativi a questo argomento potresti trovare alcune delle info che stai cercando  
ciao ale


Alessandra Coppola
Registrato Offline
Replica: 32 - 40
cinnabarin
Maggio 25, 2012, 9:22pm Report to Moderator
restauratore - consiglio direttivo Cesmar 7
Posts: 805
Location: Milano-Varese
io mi trovo bene con entrambi, sia B-72 che Laropal, forse dipende anche da come li impasti.

B-71 non l'ho mai sentito nominare.

XIlene SOLO reagente per analisi, si parla di tossicità: 100 ppm, non poi così male, da prestarci attenzione e da usare le dovute cautele e i dovuti dispositivi, ma in pulitura son convinto che gira di peggio, e poi è solo per farci la vernice a base di Laropal, non per ritoccare (se pensi che in moltissimi ritoccano a diluente nitro, fanno forse un miglioramento di qualità) . Pensa anche a quanto aromatico c'è nel BEVA ....nei Gamblin c'è lo shellsol a-100 che non è che sia una benedizione. Ovviamente se poi si riesce con alcuni escamotage (butil acetato per es)  ad evitarlo meglio, ma sappiamo che si rischia di alzare la polarita, cosa abbastanza sgradita. Un buon modo è quello suggerito da Alessandra di mescolare xilene e butil acetato. Non troppo polare nè troppo butil acetato, (proverò)

Quando i  colori si sporcano, li pulisco con alcool e un piccolo pennello piatto, lavando bene il pennello tra un colore e l'altro, poi come dici tu dipende dal modo di ritoccare, se fai la selezione riesce bene, se lavori tanto di imapsti in tavolozza è più difficile.Oppure a color secchi gratti con il bisturi. Il B-72, è considerata una resina a basso ingiallimento,  almento nella bibliografia anglosassone, sicuramente non paragonabile all'ingiallimento delle naturali. Allo stato attuale  direi di tenerla come seconda ipotesi rispetto alla Laropal.....


roberto bestetti
Registrato Offline
Replica: 33 - 40
giocastellana
Maggio 26, 2012, 8:28am Report to Moderator
Utente anziano
Posts: 56
Grazie a tutti/e per i consigli e per aver riportato le proprie esperienze sia sulle vernici che sui colori.
Quello del tener pulite le pastiglie è comune a tutti i colori, anche con gli acquarelli bisogna aver cura di tener pulite la pastiglie,
io uso un pennello per ogni colore (circa) per prelevare e sciogliere e poi le mescole le faccio sulla tavolozza con altro pennello, (follia? mha ...meglio che stare ogni volta a pulire e ripulire ).
A Roberto vorrei chiedere ...quando si parla di giusta polarità...............quale sarebbe quella ottimale per una Laropal A 81?
Lo chiedo perchè viste le diverse miscele di solvente usate ne deduco che aldilà della scelta dei solventi
quello che bisogna tener presente è la giusta polarità  

ancora grazieee
gc


giovanni castellana
Registrato Offline
Replica: 34 - 40
cinnabarin
Maggio 26, 2012, 9:51am Report to Moderator
restauratore - consiglio direttivo Cesmar 7
Posts: 805
Location: Milano-Varese
si la polarità, in genere si riferisce al percolo di estrazione di materiali dall'olio, quindi non è tanto la polarità "giusta per la laropal" quanto il fatto che più si alza la polarità , più il rischio di sciogliere qualcosa applicando la vernice. In questo senso , purtroppo la polarità minore, è quella che si ottiene con gli aromatici. Pensa anche ad arte moderna e contemporanea dove (semmai occorresse verniciare) la bassa polarità è fondamentale, oppure certe opere del XIX sec molto sensibili ai solventi... purtroppo essendo ampia la casistica non esiste una polarità ideale, ma vale lo stesso principio che guida la pulitura con i tests di solubilità, più bassa possibile.


roberto bestetti
Registrato Offline
Replica: 35 - 40
ValentinaM
Maggio 26, 2012, 10:06am Report to Moderator
Restauratrice
Utente anziano
Posts: 54
Location: Teramo
scusa roberto! neanch'io avevo mai sentito nominare il paraloid B71, ma forse per una svista l'hai citato tu in un post precedente. credevo appunto fosse qualcosa di nuovo che io non conoscevo. forse ti sei sbagliato a scrivere al posto del 72. proverò con il laropal.


Valentina Muzii
Registrato Offline
Replica: 36 - 40
cinnabarin
Maggio 26, 2012, 12:32pm Report to Moderator
restauratore - consiglio direttivo Cesmar 7
Posts: 805
Location: Milano-Varese
certamente un errore di battitura, dimmi dove che correggo!


roberto bestetti
Registrato Offline
Replica: 37 - 40
ValentinaM
Maggio 28, 2012, 1:13pm Report to Moderator
Restauratrice
Utente anziano
Posts: 54
Location: Teramo
figurati non c'è nessun problema! cmq sta nel post del 23 maggio alle 8 di mattina.
proverò con il laropal appena mi finisce un colore! grazie.


Valentina Muzii
Registrato Offline
Replica: 38 - 40
cinnabarin
Maggio 28, 2012, 6:04pm Report to Moderator
restauratore - consiglio direttivo Cesmar 7
Posts: 805
Location: Milano-Varese
Ok, grazie

Mi raccomando di non mescolare i colori a Laropal (o altre resine) con i colori a base di mastice.... (sono certo che già lo sapete, ma ricordarlo , soprattutto nell'ottica di chi legge il forum, non credo faccia male)


roberto bestetti
Registrato Offline
Replica: 39 - 40
alessandro macuz
Maggio 29, 2012, 8:31pm Report to Moderator
lucidatura arredi lignei
Utente anziano
Posts: 211
Location: venezia
Grazie ottimo thread! me lo segno


Alessandro Macuz
Registrato Offline
Replica: 40 - 40
3 Pagine « 1 2 3 Tutti Raccommanda Thread
Print


Valutazione del tema
Non esiste attualmente alcuna valutazione
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE